L'incredibile realismo della scultura ridipinta dell'Arciere Trojano, detto "Paris" o Paride, proveniente da un fregio frontonale del Tempio di Aphaia - la dea "non oscura" - sull'Isola greca di Egina, il cui originale è databile al V sec aC.

   

 

                                   

 

                                   

“Bugie bianche”

La denuncia di una delle più grandi bufale

della storia dell'arte

 

                                   

 

                                   

Fa tappa al “Medelhavsmuseet” - il Museo del Mediterraneo di Stoccolma - dal 9 ottobre 2010 al 30 gennaio 2011 una mostra a dir poco affascinante: è stata già ospitata fra gli altri dal Pergamonmuseum di Berlino e dal J. Paul Getty Museum di Los Angeles ed è per la prima volta in Svezia.

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

 

L'originale dell'Arciere Trojano, insieme ad altre figure appartenenti ai due frontoni est ed ovest del Tempio di Aphaia ritrovato nel 1811 e in pratica trafugato e spedito via mare già due anni dopo al futuro Re Luigi I di Bavaria per la sua Glyptothek.

 

Scavi sistematici del sito vengono condotti solo agli inizi del XX secolo e tra il 1966 e il 1988: restituscono i resti del primo tempio.

   

 

                                   

 

                                   

È come “riscoprire” l'antichità o scoprire “un'altra Antichità” Classica, togliersi dagli occhi la cataratta dell'indottrinamento scolastico di un falso “classicismo”, inventato e filtrato a posteriori dall'interpretazione irrimediabilmente deformante dei Rinascimentali prima e dei Neo-classicisti poi ed altri a seguire, ma questi con ben altri fini, non sempre lodevoli, fino alle aberrazioni dell'estetismo nazista del “superuomo”, passando attraverso le velleitarie riproposte “imperiali”(ste) del Fascismo.
 

Definire il “bianco” dell'Antichità Classica è equiparabile al definire “cultura di morte” o focalizzata sulla morte la Civiltà Etrusca - ed, attenzione, è stato fatto e lo si fa tutt'oggi! - solo perché quello che si è conservato numeroso arrivando quasi intatto fino a noi sono le loro Necropoli o “città dei morti”…

 

Questo il ragionamento, diciamo, “logico”.

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

 

 

   

 

                                   

 

 

In alto lo schema completo del frontrale Ovest con le posture dei personaggi adattate, da quella perfettamente eretta dell'Atena centrale e poi, gradatamente con l'assottigliarsi del fregio sempre più basse ai lati, i due arcieri simmetricamente piazzati a sinistra e destra, a metà fra asse centrale e ciasuna estremità, spalle ad Atena e freccia in scocca rivolti verso l'esterno, fino a quelle dei guerrieri morenti delle due estremità.

 

Sopra a sinistra, la bellissima figura dell'Arciere Troiano che, angolata fotograficamente  in prospettiva, acquista uteriori qualità di estremo realismo.

 

A destra l'Arciere Troiano ripreso frontalmente: statue greche classiche così non le abbiamo mai viste prima, o, meglio, non ce le hanno mai lasciate vedere - in effetti tutto quanto della scultura classica antica abbiamo visto finora sono delle autentiche falsificazioni...

 

Ancora sotto a destra l'Arciere Troiano nella ricostruzione di più ampi contesti parziale e totale architettonico e figurativo della decorazione del frontone.

   

 

                                   

 

                                   

Una opportunità unica di poter finalmente vedere il mondo antico delle grandi Culture Mediterranee - finora presentatoci in un bianco e nero muto - non solo “a colori” ma in 3-D, quale è realmente stato, con occhi tutti nuovi, con emozioni tutte da scoprire.

 

La mostra inebria di sensazioni cromatiche, colori forti, accoppiamenti ardui, riconstruite policromie che accecano il visitatore di blù profondo, rosso acceso, verde intenso, gialli da capogiro, ori a go-go...

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

L'Arciere Trojano artificiosamente "isolato e pulito" dalle figure circostanti nel parziale contesto del fregio a fini didattici ed espositivi.