(Abbi pazienza ed aspetta il caricamento del video:

dipende anche dalla qualità della tua connessione...)

       

 

                                   

 

 

"Quannu moru, faciti ca nun moru!"

 

Rielaborazione degli IPERcusSONICI di "Quann'iu moru"

con la partecipazione di Lucia Sardo e la voce di Rosa Balistreri

   

 

                                   

 

                                   

“Quannu moru, faciti ca nun moru...”

Quando muoio, fate non muoia!

 

                                   

 

                                   

Il testo

 

                                   

La ricostruzione del percorso artistico di Rosa Balistreri riserva ancora oggi sorprese, a formare un quadro soprattutto umano che si fa sempre più ricco e interessante.


Ad esempio il periodo verso la fine degli Anni Settanta, quasi sempre fatti finora noti ai pochi che li hanno vissuti, direttamente o da vicino, quasi privati, ma che ora acquistano anche grande valore artistico, in quanto consentono di fare luce su una parte fondamentale del repertorio di Rosa, quella più autobiografica.

 

Il repertorio di quegli anni nasce ad esempio dall’incontro con Lillo Catania, allora giovane laureando in ingegneria, la cui intensa passione per scrivere e cantare lo porterà ad una ricca collaborazione con Rosa.

 

Lillo e Rosa si incontrano la prima volta casualmente, entrambi dell’agrigentino lo fanno a Palermo, e abitando lì nello stesso condominio si incontreranno quasi giornalmente  per quattro lunghi anni.

 

Pezzi di vita che Rosa racconterà a Lillo diventeranno per mano di questi liriche e melodie sincere e struggenti, gran parte delle quali, purtroppo, allora non pubblicate ma comunque e fortunatamente cantate in concerti o a casa di amici.

 

All’appassionata collaborazione tra i due artisti appartiene il vero gioiello “Quann'iu moru”, senza dubbio uno dei brani che più rappresenta Rosa, conosciuto anche a livello internazionale, universalmente considerato il suo testamento politico-artistico.
 

Lillo, oggi docente con la forte passione di sempre per musica, narrazione e poesia, è ancora e di nuovo attuale come autore di testi in dialetto siciliano e in Italiano, solo alcuni musicati.

 

E le splendide canzoni  sue e di Rosa vengono oggi riscoperte ed di nuovo apprezzate da nuove generazioni di pubblico e di artisti.

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

Quann'iu moru

 

Quand'io muoio

 

 

   

 

   

Quann’iu moru,
faciti ca nun moru...
Quann’iu moru,
faciti ca nun moru!

 

 

 

Quand'io muoio,

fate che non muoia...

Quand'io muoio,

non lasciatemi morire!

 

 

   

 

   

Quann'iu moru,

nun mi diciti missa,
V’arricordati?
Sugnu vostra amica.

 

 

Quand'io muoio,

non fatermi dir messa,
Vi ricordate?

Sono la vostra amica.

 

   

 

   

Quann’iu moru,
purtatimillu un ciuri,
un ciuri ranni e russu,
comu lu sangu sparsu.

 

 

 

Quand'io muoio,

portatemelo un fiore,
un fiore grande e rosso,

come il sangue sparso.

 

 

   

 

   

Quann’iu moru,
cantati li me canti,
un li scurdati,
cantatili pi’ l’antri.

 

 

Quand'io muoio,

cantate le mie canzoni,

non le dimenticate,

cantatele per gli altri.

 

   

 

   

Quann’iu moru,
pinzatimi ogni tantu,
ca pi sta terra ncruci,
murivu senza vuci.

 

 

 

Quand'io muoio,

pensatemi ogni tanto,

che per questa terra in croce,

sono morta senza voce.

 

 

   

 

   

Quann’iu moru,
faciti ca nun moru,
diciti a tutti,
chiddu ca vi dissi:

 

 

Quand'io muoio,

fate che non muoia,

ditelo a tutti,

quello che vi ho detto:
 

   

 

   

“Quann’iu moru,
‘un vi sintiti suli,
ca suli nun vi lassu,
mancu d'intra lu fossu!”

 

 

 

“Quand'io muoio,

non vi sentite soli,
perché soli non vi lascio,

neanche da dentro la fossa!”

 

 

   

 

   

Quannu sintiti
sunari 'na chitarra,
'na vuci forti,
la mia ca vi canta,

 

 

Quando sentirete

suonare la chitarra,

una voce forte,

è la mia che vi canta,

 

   

 

   

vi parla e dici
ca sugnu tra l'amici,
cumpagni 'ni la vita,
cumpagni 'ni la morti.

 

 

 

vi parla e dice

che sono ancora tra gli amici,

compagni nella vita,

compagni nella morte.

 

 

   

 

   

Quann'iu moru,

pinzatimi ogni tantu,
ca pi sta terra 'n cruci,

murivu senza vuci,
 

 

Quando io muoio,

pensatemi ogni tanto,
che per questa terra in croce,

sono morta senza voce,
 

   

 

   

ca pi sta terra 'n cruci,

iu moru senza vuci.

 

che per questa terra in croce,

io muoio senza voce.