Celebrando al di là di

vuote pallose ed estranianti retoriche ufficiali

futuri anniversari di Liberazione dal Nazi-Fascismo

   e di americanizzazione dell'Italia...  

 

                                   

 

                                   

Quella di oggi decisamente non è

l'Italia sognata dai ®esistenti di centocinquant'anni fa

   né tantomeno di settant'anni fa...

 

                                   

Una democrazia popolare fondata su armoniosa convivenza tra valori, identità e diversità di ciascuno a garantire i diritti individuali, sociali e politici di tutti!

 

Aspirazioni condivise dalle tre famiglie culturali che hanno fatto grande la storia contemporanea del nostro Paese - la Liberale, la Cattolica e quella Operaia - nella loro comune guerra alla guerra e a ogni dittatura, una lotta d'ideali insieme sanguinosamente civile, patriottica e di classe.

 

Strada facendo ci siamo evidentemente persi: ci stanno e ci stiamo annullando!

 

Stiamo reimbarbarendo autoemarginandoci a colonia dei nuovi barbari, lentamente inghiottiti da un identitario “non più nulla di noi” senza ritorno, ubriacandoci di pensieri non nostri,  pappagallando da provincialotti suoni di parole senza neppure capirle e trascurando al massacro la nostra di lingua.

 

Stiamo reimbarbarendo lasciando atrofizzare rinnegato quel nostro ingegno italico creativo e innovatore, scimmiottando per pura “moda” superficiali stili di vita altrui e tradendo il nostro proprio radicato modus vivendi, assurdamente quello stesso da tutti gli altri sempre invidiatoci, una cultura unica, così riccamente umana, nostra sì da millenni...

 

                                   

 

                                   

Per questo chiamiamo tutti e ciascuno

a legittime, perché legittimate, armi di difesa

per una rinnovata e non-violenta

 

©ultura ®esistente”!

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

©ultura”

 

Orgogliosamente coscienti di chi veramente “noi” siamo - uno ad uno, tu ed io - individualmente, nelle rispettive aggregazioni e tutti insieme, “la società


Le nostre millenarie moderne e d'avanguardia conoscenze produttive e sociali, politiche e letterarie, filosofiche e scientifiche, artistiche e storiche, come il grande Popolo che siamo e veniamo riconosciuti da sempre


Nozioni, valori e modelli di vita e di costume da noi senza merito alcuno ereditati di generazione in generazione e da (ri)trasmettere “valorizzati”, vale a dire ad ogni passaggio di testimone arricchiti e migliorati di nostro

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

®esistente”

 

Semplicemente innanzitutto e sempre nel più profondo rispetto di noi stessi e dei “diversi da noi” e né più né meno tale pretendendolo da tutti gli altri


Contro le dilaganti devastazioni barbariche di dogmatismi, fondamentalismi, populismi, opportunismi, camaleontismi, indifferenza, discriminazioni, soprusi, oppressione, violenze, depredazioni, sfruttamenti, corruzione, capitalismi, consumismi tanto di natura quanto di umani


Quali che ne siano le matrici, con una nostra individuale e collettiva opposizione decisa e tenace alla (ri)conquista quotidiana della preziosità delle nostre non barattabili e non svendibili dignità, libertà e indipendenza

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

“Una Scelta ®esistenziale”

 

Dignità, libertà e indipendenza tutte insieme inseparabili col significato primo di “Scelta ®esistenziale”, perché da sempre ci insegnano insostituibilmente a pensare di nostro


Quando necessario, arrivando a ribellarci a muso duro contro qualsivoglia forma, nazionale o sovranazionale che sia, di “Stato-Apparato” arrogante, autoreferenziale, parassita ed oppressivo, tendente all'inumano o ancor peggio al disumano come pseudo-umano, “sempre più forte con i deboli, sempre più debole con i forti”