Politica “in piazza” o “ di piazza”?

 

                                   

 

                                   

Poco importa ormai, perché il potere magico delle parole (e delle immagini) ammalia, seduce, trascina, e oggi è “la piazza - leggi volentieri “la pancia del Paese, quella che più fa male e peggio pensa - il vero governo demagogico italiano: si intimidisce già solo minacciando di scendere in piazza”.

 

 

Attore, predicatore o politico, esercitano tutti il medesimo “potere magico” sul pubblico - spettatori, fedeli o elettori - facendo forza sulla totale irrazionalità delle semplificazioni estreme, sulla capacità di persuasione della giustizia di cause false, sull’inculcamento di convinzioni che fanno appello a quanto di meno apprezzabile ci sia nella natura umana, sullo stato quasi ipnotico in cui viene ridotta la gente dal terrorismo mediatico 24-7 della società dell’apparenza e delle balle.

 

Si  direbbe ipso facto “bugiardi, imbroglioni e truffatori”, ma... non è proprio questo lo scopo di ogni filosofia, religione e politica - lasciarci volentieri illudere di “una realtà migliore” tutti ben sapendola mai intesa e che mai verrà?

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

Dall’agorà greca al forum romano e l’Italia delle piazze

 

                                   

La politica, dal Greco πόλις, polis, città, comunità di cittadini, è tanto “amministrazione del bene comune per il bene di tutti” quanto “arte di governare”, confronto di idee, che può sfociare sia in decisioni collettive sovrane che potere, monopolio “legittimato” dell'uso della forza e non solo fisica.

 

“Fare politica” non significa necessariamente “governare” né automaticamente fare “buona” politica: occuparsi del bene pubblico è anche prendere una cartaccia per strada e gettarla in un cestino, come pure protestare - meglio ancora se non pagati - contro chi, per l’occasione e per nostra scelta, ci malgoverna.

 

La piazza, dal Greco πλάιτείά, plateia, e dal Latino platèa, è lo spazio pubblico con ambizione di rappresentare potere e politica, così come esercitate dal popolo, prerogativa di “cittadinanza”, e allo stesso tempo luogo di commercio, scambi, puliti o sporchi, anche di idee ed argomenti, funzioni religiose, intrattenimento pubblico, feste, giochi e teatro.

 

Evoluzione degli arcaici spiazzi di culti minoici, dai Greci dall'Età di Pericle (V sec aC) elevata ad agorà, centro della Città-Stato, dal Greco άγορά, da άγείρω, raccolgo, nell'antica Roma si trasforma in Forum, forte simbolo di presenza della cultura latina anche nei più lontani angoli dell’Impero, non a caso definita nella Città Ideale di Vitruvio “imago Urbis”, immagine di Roma.

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

L'Italia è uno dei Paesi al mondo che conta il maggior numero di “piazze identitarie”: Piazza Duomo a Milano, Piazza San Marco a Venezia, Prato della Valle a Padova, Piazza della Signoria a Firenze, Campo dei Miracoli a Pisa, Piazza del Campo a Siena, Piazza San Pietro a Roma, Piazza Carlo III a Caserta, Piazza del Plebiscito a Napoli...