“Bugie bianche”

La denuncia di una delle più grandi bufale

della storia dell'arte

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

 

Sopra la ricostruzione cromatica di un leone di 2.500 anni fa proveniente da Loutraki, località a 4 km N-E di Corinto: l'area di Loutraki-Perachora è famosa nel mondo tra l'altro per l'Heraion di Perachora, il santuario dedicato alla dea Hera, un sito archeologico di grandissima importanza posizionato all'estremità della penisola.

 

A Stoccolma lungo l'asse pedonale di Drottninggatan sono stati piazzati dei leoni di pietrisco e cemento per ostacolare l'ingresso delle auto agli incroci con strade trafficate: un visitatore dall'antica Grecia sobbalzerebbe di incredula meraviglia per come in una città acculturata come questa possano mai venire esposte delle opre d'arte non terminate...

 

L'originale del leone viene conservato - impeccabilmente biancastro come quelli di Drottninggatan - alla Gliptoteca di Copenhagen.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le sculture dell'antichità classica

tutt'altro che bianche!

 

                                   

 

                                   

Ci hanno semplicemente e sfacciatamente nascosto il colore dell'antichità - e non è cosa da poco: quali menzogne volute e - soprattutto - che incredibile indottrinamento!

 

                                   

 

                                   

Ci si sente davvero presi per i fondelli,

e, come se non bastasse,

permanentemente deformati

- for ever.

 

                                   

 

                                   

Come studiando il Latino ci hanno torturato per anni col De Bello Gallico di un Cesare che si fa “bello e bravo” combattendo a suo dire degli incapaci e barbari Galli (bella impresa allora!...), mentre dell'erotismo e della voglia di vivere dell'umanità di tutti i tempi e di tutte le geografie neppure il minimo profumo - fosse pure da lontano.


L'erotismo e la bellezza ridotti ad “estetismo classico”: vuoi mettere l'“Inno ad Afrodite” di una Saffo, il Kāma Sūtra di un Vatsyayana, i racconti di Kitāb alf layla wa-layla o Hezār-o yek šab - “Le mille e una notte” per capirci, Ovidio e la sua Ars amandi, Catullo e le Poesie per Lesbia, Petronio col suo Satyricon

 

 

Avremmo saputo apprezzare più profondamente le passioni vissute di d'Annunzio, quelle represse e sublimate del Pascoli, avremmo letto e riletto le bellezze della Bibbia in un “Cantico dei Cantici”, avremmo saputo soffrire le fantasie autoerotiche e sessuali per l'incontro col suo divino di una Teresa Sánchez de Cepeda Ávila y Ahumada, in arte “Teresa di Gesù”, o ci saremmo persi nel misticismo di una semianalfabeta come Caterina da Siena che scrive altissima poesia nelle sue “Orazioni allo Spirito Santo” del suo Dio Unico e Trino…
 

Ed oggi eccoci affogati da pornografia di tutti i possibili e gli impensabili tipi, ci troviamo a dover saltare da un vissuto emotivo negatoci ad una sessualità esasperata e totalmente svuotata di sentimenti, a volte anche di semplici sensazioni.

 

 

Herbert Marcuse scrive in “Eros e civiltà”:

 

                                   

 

                                   

“La differenza

tra erotismo e pornografia

è la differenza tra il sesso celebrativo

e quello masturbatorio”

 

                                   

 

                                   

in altre parole ci hanno forgiato in generazioni di “pipparoli”!

 

 

Tragico per molti, perché la mentalità del pipparolo, nella sua concezione puberale e manuale del sesso, cioè la scoperta del proprio sesso, dovrebbe poi portare alla normale evoluzione della scoperta dell'altro sesso: solo che questa “fase di passaggio” per alcuni praticamente non passa mai.
 

Una mentalità chiusa ed egoistica, che libera dall'incomodo delle relazioni, un po' "alla prete cattolico", amo tutti e nessuno, un rimanere bambini per sempre e - soprattutto - non permettersi di diventare mai adulti.

 

 

Così davanti a lunghe file di statue tutte bianche, totalmente svuotate di linfa vitale, ci hanno inculcato che quelli erano gli “ideali” classici dell'antichità, e questo “ideali” e questo “classici” la diceva tutta, induceva al rispettoso silenzio della non contraddizione e alla sottomissione mentale, non importa il ribollire furioso del giovane sangue dentro.

 

I bianchi marmi delle statue dell'antichità sono stati a lungo - e tuttora lo sono per molti - addirittura la colonna portante di una intera identità (ovviamente falsa!) culturale occidentale.

 

 

Il sogno-mito del bianco come approccio sociale e culturale peculiare all'arte in se stessa, qualcosa di innalzato al di sopra della quotidianità della vita, qualcosa di sacro e distaccato, oggetto costruito dall'uomo per essere contemplato con ammirazione piuttosto che vissuto con passione.

 

Un'arte che serve a sbiancare, a sbiadire, a svenare, a rendere meno fastidioso, meno disgustoso anche l'orrore della nefandezze umane e delle crudeltà divine racchiuse nel destino, a farci vivere tutto come se fosse meno brutale, meno provocativo, più “accettabile” e senza costringerci a scomode prese di posizione.

 

                                   

 

                                   

Il “bianco puro dei marmi”

era la “prova evidente”

della superiorità culturale estetica dell'Occidente,

qualcosa su cui addirittura costruire

ideologie strane…

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quel fantastico mondo...

 

                                   

 

                                   

 

       

 

                                   

 

 

A sinistra, l'Athena dal Tempio di Aphaia sull'Isola di Egina nel Golfo di Saronicco - la raffinata ricchezza formale dei disegni e quella cromatica così sgargiante degli antichi tessuti greci riappare qui in tutta la sua bellezza, e tornano alla mente le stoffe di Missoni...

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il mito del marmo bianco delle sculture dell'Antichità Classica è nei fatti una evidente menzogna!

 

                                   

 

                                   

Molti credono ancora

che l'antichità classica fosse

un paradiso innevato

 

fatto di

facciate bianche e statue candide,

di una bellezza d'altri mondi

 

superiore, distaccata,

innalzata nella sua freddezza

dal terreno e l'umano...

 

Beh, niente di più falso!

 

                                   

 

                                   

Roba da Hollywood, falsa come nel film “Il Gladiatore”, in cui Russell Crowe nel ruolo del Generale Maximus si muove tra perfette ed infinite file di colonne bianche nell'antica Roma.


Solo che di
geometricamente perfetto e “bianco” c'era ben poco nell'Antichitá Classica - molto poco: questa immagine è semplicemente frutto della nostra fantasia.
 


Un Greco o un Romano non si sarebbe ro mai sentiti “a casa” in un ambiente del genere, perché per loro degli edifici bianchi e delle statue completamente “nude” sarebbero stati mezzi fatti e mezzi da fare.

 

                                   

 

                                   

Il mondo antico greco e romano

era un'esplosione esagerata di colori,

esuberanti...

 

                                   

 

                                   

Le sculture venivano dipinte perché assomigliassero al verosimile a delle persone in carne ed ossa, anche gli dei, e gli edifici venivano ricoperti di colori saturi o sovrasaturi, densi come non mai.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

       

 

                                   

 

 

L'Athena di Aphaia, a sinistra come oggi esposta al pubblico e, a destra, nella parziale ricostruzione cromatica scientificamente fedele all'originale.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

       

 

                                   

 

 

La testa del guerriero di Afaia, a sinistra come oggi esposta al pubblico e, a destra, nella ricostruzione cromatica fedele all'originale. 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La policromia delle statue dell'Antichità Classica non è affatto una scoperta dei nostri giorni, ma è risaputa tra uomini di scienza, critici d'arte ed archeologi, perché generazioni di ricercatori lo hanno dimostrato in una miriade di casi: già a partire dal 1700 si capisce che le sculture classiche siano state originariamente verniciate. 

 

Nel 1800 se ne discute e se ne dibatte spesso tra artisti ed esperti d'arte, ma con l'avvento del Modernismo, che in pratica rompe del tutto con i modelli artistici dell'antichità, quel dibattito diventa rapidamente "fuori moda", perde rilevanza e muore.

 

 

Ed è proprio a causa dell'interruzione di quegli studi e quelle discussioni che il mito del “bianco assoluto” nelle sculture antiche può continuare indisturbato a radicarsi ulteriormente.

 

Ormai si è andato formando un “gusto” culturale diffuso a livello continentale: tutti pensano che il bianco sia più bello, il bianco piace e vi ci si identifica.

 

 

La nascita del Neoclassicismo non avviene per caso, non a caso nascono i primi musei pubblici, non a caso correnti filosofiche e tendenze tradizionaliste nella Storia dell'Arte lavorano per propinarci questa idealizzata quanto falsa immagine dell'antico.

 

Perché, "stranamente" - oppure affatto, a molti poteri “forti” sta bene così: meglio che nell'immaginario collettivo si continui ad coltivare un'immagine “marmorea” dell'antichità, anzi un'immagine “eroica e distaccata”, che faccia da modello alla "moderna" società!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Una delle prove più eclatanti del colore coprente sulle sculture classiche - non una teoria, ma una tecnica comunemente adottata e scientificamente provata e documentata - questo labbro inferiore, sulla cui superficie danneggiata il pigmento della colorazione originaria è penetrato così profondamente da cristallizzarsi nel marmo e neppure l'effetto degli agenti atmosferici nei millenni né i successivi ripetuti scorticamenti e lavaggi sono riusciti a cancellare.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La mostra di Stoccolma offre ben due riconstruzioni cromatiche della celebre Kore col Peplos proveniente dall'Acropoli di Atene: su una l'abito esteno è giallo ocra, sullo sfondo rosso intenso dello strato interno, decorato con figure di animali e cavalieri.

 

Proprio attraverso queste ricostruzioni cromatiche degli abiti raffinatissimi - spiega la ricercatrice Ulrika Koch-Brinkmann, moglie del Professor Vinzenz Brinkmann - gli esperti sono riusciti a stabilire con sicurezza che la statua non rappresenti una fanciulla qualsiasi, una kore, ma sia quella di una vera dea - Artemide o una “Atena assai antica” o Leto, amante di Zeus.

 

 

Nessuna mortale, anche se kore dopo la morte, avrebbe mai indossato un peplo din un disegno così elegantemente complesso e così lussuoso nella fattura, degno soltanto di una dea: la cosa era stata prima suggerita da prominenti studiosi - vedi ad esempio Humfry Payne e Paolo Enrico Arias ne “La scultura arcaica in marmo dell'Acropoli”, a pagina 55:

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

“… Si tratta di rappresentazioni di fanciulle

in certo caso eroizzate (come anche

l'iscrizione di Phrasikleia indica) e questa

sembra ormai che sia l'opinione più

accettabile.

 

Ma si può dire lo stesso delle korai

dell'Acropoli?

 

 

Da questo dubbio l'a[utrice]. è tratta a

considerare la kore col peplo non una

fanciulla qualsiasi, ma forse una dea non

tanto anonima, come si è finora considerata;

 

il suo costume indubbiamente unico nella

serie delle korai dell'Acropoli…” 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'analisi scientifica

delle superfici

 

                                   

 

                                   

Le evidenze della ricchezza cromatica aggiunta con pigmenti pittorici al marmo sono spesso tali che trasformano quella che prima era una teoria in pratica tecnica certa, documentabile e riproducibile.

 

È il caso di tracce ancora dopo millenni chiaramente visibili ad occhio nudo, come la testa d'uomo nell'immagine sopra, dove uno spacco rosso sanguigno su e nel labbro inferiore contrasta enormemente con il resto del viso appunto bianco marmo.

 

 

In molti altri casi per riscontrare e decifrare correttamente la natura del pigmento pittorico ormai quasi del tutto scomparso, si deve invece far ricorso a moderni strumenti tecnologici, fonti di luce estremamente angolate rispetto alla superficie del marmo o la fluorescenza a raggi ultravioletti o U.V..

 

Nelle seguenti foto alcuni esempi di fluorescenza U.V. (a destra, in bianco e nero): evidentissimi i “segni” lasciati dai pigmenti delle vernici sulla superficie e nell'immediata struttura cristallina del marmo.

 

 

“Raggi ultravioletti” vengono chiamate le radiazioni elettromagnetiche di lunghezza d'onda di circa100-400 millimicron: come per le radiazioni visibili, cioè quelle che comunemente denominiamo “luce”, un oggetto colpito dai raggi ultravioletti li riflette o assorbe in modo diverso a seconda dei materiali di cui è composta la sua superficie.

 

I raggi U.V. “riflessi” dalla superficie di un oggetto non sono naturalmente percepibili dall'occhio umano, ma possono essere semplicemente registrati fotograficamente usando una normale pellicola in bianco e nero e munendo l'obiettivo di un filtro che blocchi la luce visibile e lasci passare solo i raggi U.V. riflessi.

 

 

Una caratteristica dei raggi U.V. è quella di eccitare i materiali colpiti provocando un fenomeno detto appunto “fluorescenza ultravioletta”, sia percepibile ad occhio nudo, sia registrabile fotograficamente, con una pellicola questa volta a colori ed un filtro che in questo caso al contrario blocchi i raggi U.V. riflessi e lasci passare soltanto le radiazioni visibili.


Tra i
metodi di esame dei dipinti ad esempio, la fluorescenza U.V. è uno dei più apprezzati e diffusi per accertare lo stato di degrado di un opera e verifica l'eventuale esistenza ed estensione di parti aggiunte successivamente a quelle originali del tessuto pittorico.

 

                                   

 

                                   

Nel caso del marmo delle statue classiche

ogni riflesso che vada a deviare dal bianco dominante,

svelerà non solo

la presenza di pigmento pittorico,

ma ne condurrà anche ad

una sua ridefinizione cromatica.

 

                                   

 

                                   

Le luminosità o fluorescenze osservabili su una superficie “illuminata” con una lampada U.V. saranno infatti fondamentalmente diverse in funzione non solo della composizione chimica delle sostanze che costituiscono la vernice o gli strati pittorici, se esistenti, ma anche in base al tempo che è trascorso da quando i materiali sono stati applicati - più antichi sono più sono fluorescenti.

 

Eccone alcuni esempi: