Premio Nobel

 

                                   

per la Fisica 2013

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Componente fondamentale 

del “Modello Standard”

 

Il modello prevede l'esistenza

di tutti gli “ingredienti” fondamentali

dell'Universo così come lo conosciamo

 

                                   

 

                                   

L’8 ottobre 2013 a Stoccolma viene annunciato il Premio Nobel per la Fisica dell’anno, assegnato al britannico Peter Higgs dell'Università di Edimburgo, ottantaquattrenne, e al belga François Englert dell'Università di Bruxelles, ottantunenne, considerati i padri del cosiddetto “bosone di Higgs” - “la particella mancante” subdolamente ribattezzata “la particella di Dio”.

La motivazione della Reale Accademia Svedese delle Scienze spiega che i due scienziati ricevono il premio per:

 

                                   

 

                                   

“la scoperta teorica

di un meccanismo che contribuisce alla comprensione

dell'origine della massa di particelle subatomiche

e che, recentemente, è stata confermata

dalla scoperta della particella [il bosone di Higgs],

così come era stata prevista nello studio teorico,

scoperta realizzata dagli esperimenti ATLAS e CMS,

esperimenti del Large Hadron Collider

del CERN di Ginevra”.

 

                                   

 

                                   

L’“LHC” è il più grande e potente acceleratore di particelle al mondo, in un tunnel di quasi 30 km al confine franco-tedesco, un laboratorio da tre miliardi di euro.

Due fasci di protoni sparati gli uni contro gli altri vi si scontrano creando milioni di particelle al secondo, condizioni simili a quelle dell’infinitesimale frazione di secondo a seguire il Big Bang, migliaia di miliardi di collisioni di cui solo minima parte quelle “giuste”.


La
probabilità che le conclusioni dell’analisi dei dati raccolti dall'acceleratore durante il test siano il risultato di un caso statistico è inferiore a uno su un milione.

 

                                   

 

                                   

Quindi la particella esiste!