Il possente fusto del cerro, Quercus cerris L., albero delle Fagaceae, tronco con corteccia grigio-brunastra a profonde solcature, chioma fino a 30 metri e oltre.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Antichi mestieri

 

                                   

Il “ciarlatano”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Tanto tempo fa

in quel della Tuscia Ducale...”

 

                                   

 

                                   

Cerreto di Spoleto è oggi un piccolissimo Comune in Provincia di Perugia, un migliaio di abitanti in tutto.

Sul colle di S. Sebastiano il
castello medievale domina il panorama, strategicamente eretto, su fondamenta ancora di molto più antiche, proprio al confluire delle strette valli del Nera e del Vigi.


Molto probabilmente sono i
Franchi di Carlo Magno a fondarlo, ben mille e duecento anni fa, per contrastare l'importante Gastaldato longobardo di Ponte.

Il suo
nome deriva dalla ricca presenza nell'area del cerro o Quercus Cerris, una pianta possente, tronco dalla corteccia tipicamente grigio-brunastra con profonde solcature rossicce, la cui chioma può raggiungere un'altezza fino trenta metri e oltre: intere foreste ne sono completamente sparite...

 

                                   

 

                                   

“Cento scudi sott’a ‘n cierro

Nantr’e ccento ci mettierro

 

Quanno gnerro a pija’

‘N ci trovarro ppiù:

 

Je scapparro l’occhi!”

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

Nascosero cento scudi

[moneta in uso fino all'Ottocento]

sotto un cerro,

poi ce ne misero altri cento.

 

Ma quando andarono a riprenderli,

   non ce li trovarono più...

 

Gli uscirono gli occhi fuori dalle orbite

(dall'incredulità)!

 

                                   

 

                                   

Nel XII secolo Cerreto si libera alla fine dal gastaldato eleggendosi libero Comune sotto la protezione della Chiesa, suo avamposto prezioso per il controllo del territorio tra i Comuni di Spoleto, Cascia, Norcia e il Ducato di Camerino.

Ha così inizio
un'epoca di splendore...


Ma non è questo che lo rende famoso: molti forse non sanno come sia proprio Cerreto a (ri)modellare
uno dei mestieri di maggior successo di sempre in assoluto, di sicuro in Italia (!), ancora oggi gelosamente custodito e tramandato, la cui funzione rimane determinante nello sviluppo - o, meglio, nel mancato tale - della nostra società.

Il
“ciarlatano”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

 

Le foglie del cerro sono alterne obovato-oblunghe in paia di lobi ineguali a picciolo corto e tardivamente caduche.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Ciarlatano”

perché da “Cerretano” a “truffatore”

 

                                   

 

                                   

Nel Medioevo da Cerreto di Spoleto vengono infatti i primi venditori ambulanti, per estensione in seguito generalmente chiamati come intera categoria - provenienza geografica a parte - appunto “cerretani”, anche in senso progressivamente spregiativo.

La
caratteristica di spicco di questi venditori è la loro “parlantina”, il modo persuasivo di presentare la merce, per cui l'appellativo “cerretano” viene presto incrociato con il verbo “ciarlare”, cioè chiacchierare.

 

 

Una volta venduto i “ciarlatani” se ne andranno, proseguendo verso altri villaggi e altri mercati, quindi, qualora qualcosa non soddisfi, se gli oggetti, gli arnesi o i tessuti risultino cioè di scarsa qualità, o gli unguenti privi degli effetti miracolosi tanto pubblicizzati, per i poveri acquirenti non c'è possibilità alcuna di lamentarsi, di restituirli, cambiarli o farsi rimborsare il denaro.

Da cui nei termini
“ciarlatano”, “imbonitore” o anche “magliaro” dal XV secolo circa si ritrova l'aggiunto significato di “persona di scarsa credibilità”, ciarlatano come ciurmatore, gabbamondo, imbroglione, mistificatore, truffatore, chi si spacci o spacci qualcosa per quello che non è.

 

 

Con il tempo la categoria degli “ambulanti” si allarga e sulle piazze dei borghi c'è chi intrattiene - prestigiatori e giocolieri, chi cava i denti, chi vende intrugli decantandoli come rimedi miracolosi alla maggior parte dei comuni malanni, chi predica dannazione e salvezza...

“Specializzazione” a parte,
comune per tutti è comunque la capacità di attirare la gente, per lo più sprovveduti analfabeti, incantandola con una grande abbondanza di chiacchiere.

 

 

Da ora in poi “ciarlatano” significherà chiunque cerchi il proprio guadagno dandola ad intendere, un impostore, in particolare riferito a professionisti da strapazzo, “azzeccagarbugli”, i sedicenti avvocati, e, soprattutto, “guaritori”, i falsi medici, ed una vasta gamma di “predicatori”, tutti accomunati da scarsa capacità e, di solito, ancor minore serietà.

 

Alla fine il ciarlatano diventa una vera e propria “arte” o professione, sia che si tratti di esercitare pratiche da guaritore o ci si approfitti in altro modo della buona fede delle persone, ottenendo denaro, vantaggi e privilegi sociali grazie a false promesse e messe in scena d'effetto.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

 

I frutti del cerro sono ghiande con "cappuccio" parzialmente ricoperto di peluria giallino chiaro, attraverso le quali, quando mature di due anni, si propaga.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

   

 

 

Da “Cerretano” a “ciarlatano” il significato generico è quindi senz'altro peggiorativo, con inoltre una quantità di derivati, come:

 

“cerretanesco”

da cerretano, ciarlatanesco, (cerretano) “magnificatore”, esaltatore, decantatore

 

“ciarlatore”

chi ciarli molto, chiacchieri vanamente, pettegolezzi, sparli di cose che mal conosce o quando converrebbe piuttosto tacere

 

“ciarlata”

un lungo e insulso chiacchiericcio, discorso vano e pettegolo

 

“ciarla”

una notizia falsa, diceria messa in giro, con o senza malignità, chiacchiera inutile, anche senza senso spregiativo

 

“ciarlone”

chi ciarli o abbia il vizio di ciarlare, usi o abusi la propria parlantina e loquacità abilmente pel darla ad intendere o imbrogliare

 

“ciarliero” o “ciarliere”

chi ciarli troppo, non sappia tenere un segreto, pettegolo

 

“ciarlerìa”

un discorso insulso, ciarla prolungata

 

“ciarlottìo”

parlottìo, chiacchierare sommesso o sussurrìo tipico del pettegolezzo, contrario di battolare, ovvero ciarlare, cianciare rumorosamente, simile a

 

“ciabare”

ciarlare cioè volutamente a voce alta e con marcata presunzione e

 

“sciarada”

dal Francese charade, a sua volta dal Provenzale charrado, derivato di charrá, chiacchierare, ciarlare da cui charlatan...

 

 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

 

Cerreto di Spoleto, il ritorno alle origini" con il "Festival del Ciarlatano cerretano - .


Prende il via il 22 giugno l2013 a prima edizione con spettacoli e performance teatrali, incontri di studio, fiere e mostre di erbe officinali, per tracciare la storia e la memoria e far rivivere un personaggio singolare, le cui origini si perdono nel tempo, ma che nel Medioevo hanno creato le fondamenta per una “professione” destinata ad arrivare fino ai nostri giorni.