“Quannu moru,

faciti ca nun moru...”

 

                                   

Quando muoio,

fate non muoia!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il video ed il gruppo

 

                                   

 

                                   

Il video “Quannu moru, faciti ca nun moru!” è dedicato a tutti quelli che continuano a vivere lottando contro tutte le mafie!

 

Con la partecipazione dell'attrice cinematografica e teatrale Aurora “Lucia” Sardo e con l'inserimento della voce originale dell'indimenticabile cantante e cantastorie siciliana Rosa Balistreri, per gentile concessione di Cielo Zero - Teatro del Sole.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

       

 

                                   

 

 

Aurora "Lucia" Sardo

 

Rosa Balistreri

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli “IPERcusSONICI”, band catanese che il 23 maggio 2012 da vita ad un vero e proprio flash mob nelle vie del centro della propria città, come contributo artistico e civico alle commemorazioni per il Ventennale delle stragi mafiose di Capaci e Via D'Amelio, in cui vengono assassinati i magistrati anti-mafia siciliani Giovanni Falcone (insieme a sua moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato), Paolo Borsellino e le rispettive scorte, gli agenti Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro del giudice Falcone e gli agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina del giudice Borsellino.

 

Nel video membri della band e partecipanti indossano le maschere di questi ed altri eroi di lotta resistente, come appunto quella di Rosa Balistreri, di Giuseppe “Peppino” Impastato, giornalista, attivista e poeta, nato in una famiglia mafiosa e dalla mafia assassinato in un attentato del 1978 (misfatto mediaticamente quasi oscurato dall'assassinio a poche ore di distanza del Presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro), della madre di Impastato, Felicia Bartolotta, che, insieme al fratello di Peppino, Giovanni, contribuisce a provare la matrice mafiosa dell'assassinio e rompe poi pubblicamente con la parentela mafiosa, di Rita Atria, figlia e sorella di mafiosi poi testimone di giustizia contro la Mafia, suicida una settimana dopo la strage di Via D'Amelio proprio per l'insostituibile fiducia in Borsellino, di Pio La Torre, politico e sindacalista comunista assassinato nel 1982, l'imprenditore Libero Grassi, assassinato da Cosa Nostra per la sua ribellione al giogo del “pizzo”, lasciato solo nella sua lotta perfino dai colleghi e dalle stesse associazioni di categoria, Giuseppe “Pippo” Fava, scrittore, giornalista, drammaturgo, saggista e sceneggiatore, anche lui, dopo Impastato, intellettuale assassinato dalla Mafia, il sindacalista Placido Rizzotto, rapito e assassinato da Cosa Nostra nel 1948, i cui resti verranno ritrovati solo nel 2009 ed autenticati proprio a marzo del 2012, solo un paio mesi prima del flash mob, e tanti ancora.

 

                                   

 

                                   

Un omaggio musicale quindi

a tutti quelli che hanno dedicato e dedicano la vita

per la costruzione di una Sicilia e di un'Italia diversa,

libera e umana,

perché le loro idee e i loro messaggi

di speranza e di lotta

continuino a vivere insieme a tutti noi e i nostri figli,

con gioia e determinazione!

 

                                   

 

                                   

Nel video il famoso testo-testamento politico ed artistico di Rosa viene, come facilmente confrontabile, del tutto reinterpretato in chiave gioiosa e solare, un canto e un ritmo dunque molto liberamente ispirati a “Quann'iu moru”, il cui testo e musica originali di Rosa Balistreri e Lillo Catania vengono rielaborati dagli “IPERcusSONICI”.
 

Diretto da Filippo Arlotta per la giovane casa di produzione Faeria , il video è inoltre arricchito, come già visto, dalla partecipazione speciale dell'attrice Lucia Sardo, già interprete della madre di Peppino Impastato nel celebre film “I cento passi”, dei membri della famiglia di “pupari” catanesi dei Fratelli Napoli, di Jali Dioubate, musicista di “Afro-Sicilian Connection”, originario del Casamance, nel Sud del Senegal, e di tanti amici e sostenitori che partecipano al flash mob.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli “IPERcusSONICI” sono un vivace e creativo quintetto, che una ragazza e quattro ragazzi formano a Catania nel 2002:

 

                                   

 

                                   

Alice Ferrara

voce principale e percussioni

 

                                   

Carlo Condarelli

tamburi bassi, jembe, balafon e voce

 

                                   

Luca Recupero

marranzanu, tamburelli, live electronics e voce

 

                                   

Marcello Ballardini

didjeridoo

 

                                   

Michele Musarra

fonico e basso elettrico.

 

                                   

 

                                   

Il gruppo ha un'originale stile che riesce a fondere la tradizione musicale popolare siciliana, con musiche, ritmi, strumenti e sonorità africane oltre che influenze arabe (in effetti la vera identità storica della Sicilia!), con tipicità metropolitane quali rock, reggae e blues.

 

Tra i loro strumenti, infatti, il didjeridoo, antico strumento a fiato degli aborigeni australiani, marranzani o cosiddetti “scacciapensieri” tradizionali ed elettrificati, armoniche a bocca, il balafon, strumento ligneo dell'Africa Occidentale simile allo xilofono, e grandi tamburelli siciliani.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Grazie, ragazzi!