"Quannu moru, faciti ca nun moru!"

 

Rielaborazione degli IPERcusSONICI di "Quann'iu moru"

con la partecipazione di Lucia Sardo e la voce di Rosa Balistreri

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Quannu moru,

 

                                   

faciti ca nun moru...”

 

                                   

 

                                   

“Quando morirò,

 

                                   

    fate non muoia!...”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il testo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La ricostruzione del percorso artistico di Rosa Balistreri

riserva ancora oggi sorprese, a formare un quadro

soprattutto umano che si fa sempre più ricco e

interessante.

 

Ad esempio il periodo verso la fine degli Anni Settanta,

quasi sempre fatti finora noti ai pochi che li hanno

vissuti, direttamente o da vicino, quasi privati, ma che

ora acquistano anche grande valore artistico, in quanto

consentono di fare luce su una parte fondamentale del

repertorio di Rosa, quella più autobiografica.

 

 

Il repertorio di quegli anni nasce ad esempio

dall’incontro con Lillo Catania, allora giovane laureando

in ingegneria, la cui intensa passione per scrivere e

cantare lo porterà ad una ricca collaborazione con Rosa.

 

Lillo e Rosa si incontrano la prima volta casualmente,

entrambi dell’agrigentino lo fanno a Palermo, e abitando

lì nello stesso condominio si incontreranno quasi

giornalmente  per quattro lunghi anni.

 

 

Pezzi di vita che Rosa racconterà a Lillo diventeranno

per mano di questi liriche e melodie sincere e

struggenti, gran parte delle quali, purtroppo, allora non

pubblicate ma comunque e fortunatamente cantate in

concerti o a casa di amici.

 

All’appassionata collaborazione tra i due artisti

appartiene il vero gioiello “Quann'iu moru”, senza

dubbio uno dei brani che più rappresenta Rosa,

conosciuto anche a livello internazionale,

universalmente considerato il suo testamento politico-

artistico.

 

 

Lillo, oggi docente con la forte passione di sempre per

musica, narrazione e poesia, è ancora e di nuovo attuale

come autore di testi in dialetto siciliano e in Italiano,

solo alcuni musicati.

 

E le splendide canzoni  sue e di Rosa vengono oggi

riscoperte ed di nuovo apprezzate da nuove generazioni

di pubblico e di artisti.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

 

Quann'iu moru

   

 

                                   

 

 

Quando morirò

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Quann’iu moru,

faciti ca nun moru...

Quann’iu moru,

faciti ca nun moru!

 

Quand'io muoio,

fate che non muoia...

Quand'io muoio,

non lasciatemi morire!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Quann'iu moru,

 

nun mi diciti missa,
 

V’arricordati?
 

Sugnu vostra amica.

 

Quand'io muoio,

 

non fatermi dir messa,
 

Vi ricordate?

 

Sono la vostra amica.

 

                                   

 

                                   

 

 

Quann’iu moru,

purtatimillu un ciuri,

un ciuri ranni e russu,

comu lu sangu

[sparsu.

 

Quand'io muoio,

portatemelo un fiore,

un fiore grande e rosso,

come il sangue sparso.

 

                                   

 

                                   

 

 

Quann’iu moru,

cantati li me canti,

un li scurdati,

cantatili pi’ l’antri.

 

Quand'io muoio,

cantate le mie canzoni,

non le dimenticate,

cantatele per gli altri.

 

                                   

 

                                   

 

 

Quann’iu moru,

pinzatimi ogni tantu,

ca pi sta terra

['n cruci,

murivu senza vuci.

 

Quand'io muoio,

pensatemi ogni tanto,

che per questa terra

[in croce,

sono morta senza voce.

 

                                   

 

                                   

 

 

Quann’iu moru,

faciti ca nun moru,

diciti a tutti,

chiddu ca vi dissi:

 

Quand'io muoio,

fate che non muoia,

ditelo a tutti,

quello che vi ho detto:

 

                                   

 

                                   

 

 

“Quann’iu moru,

‘un vi sintiti suli,

ca suli nun vi lassu,

 

mancu d'intra

[lu fossu!”

 

“Quand'io muoio,

non vi sentite soli,

perché soli non

[vi lascio,

neanche da dentro

[la fossa!”

 

                                   

 

                                   

 

 

Quannu sintiti

sunari 'na chitarra,

'na vuci forti,

la mia ca vi canta,

 

Quando sentirete

suonare la chitarra,

una voce forte,

è la mia che vi canta,

 

                                   

 

                                   

 

 

vi parla e dici

ca sugnu tra l'amici,

 

cumpagni 'ni la vita,

cumpagni 'ni la morti.

 

vi parla e dice

che sono ancora tra

[gli amici,

compagni nella vita,

compagni nella morte.

 

                                   

 

                                   

 

 

Quann'iu moru,

pinzatimi ogni tantu,

ca pi sta terra

['n cruci,

murivu senza vuci,

 

Quando io muoio,

pensatemi ogni tanto,

che per questa terra

[in croce,

sono morta senza voce,

 

                                   

 

                                   

 

 

ca pi sta terra

['n cruci,

iu moru senza vuci.

 

che per questa terra in

[croce,

io muoio senza voce.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Il video

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il video “Quannu moru, faciti ca nun moru!” è dedicato

a tutti quelli che continuano a vivere lottando contro

tutte le mafie!

 

Con la partecipazione dell'attrice cinematografica e

teatrale Aurora “Lucia” Sardo e con l'inserimento della

voce originale dell'indimenticabile cantante e

cantastorie siciliana Rosa Balistreri, per gentile

concessione di “Cielo Zero - Teatro del Sole”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

Aurora "Lucia" Sardo

 

Rosa Balistreri

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli “IPERcusSONICI”, band catanese, il 23 maggio 2012

da vita ad un vero e proprio flash mob nelle vie del

centro della propria città, come contributo artistico e

civico alle commemorazioni per il Ventennale delle

stragi mafiose di Capaci e Via D'Amelio, appunto

rispettivamente del 23 maggio e 19 luglio 1992.

 

Nei due attentati vengono assassinati i magistrati

anti-mafia siciliani Giovanni Falcone (insieme a sua

moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato),

Paolo Borsellino e le rispettive scorte, gli agenti Vito

Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro del giudice

Falcone e gli agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi,

Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina

del giudice Borsellino.

 

 

Nel video membri della band e partecipanti indossano le

maschere di questi ed altri eroi di lotta resistente, come

appunto quella di Rosa Balistreri e di:

 

 

Giuseppe “Peppino” Impastato

 

giornalista, attivista e poeta, nato in una famiglia

mafiosa e dalla mafia assassinato in un attentato del 9

maggio 1978 (misfatto mediaticamente quasi oscurato

dall'assassinio, a poche ore di distanza, del Presidente

della Democrazia Cristiana Aldo Moro)

 

 

Felicia Bartolotta

 

madre di Giuseppe Impastato, che, insieme al fratello

di Peppino, Giovanni, contribuisce a provare la matrice

mafiosa dell'assassinio e rompe poi pubblicamente con

la parentela mafiosa

 

 

Rita Atria

 

figlia e sorella di mafiosi poi testimone di giustizia

contro la Mafia, suicida il 26 luglio 1992, una settimana

dopo la strage di Via D'Amelio, proprio per

l'insostituibile fiducia in Borsellino

 

 

Pio La Torre

 

politico e sindacalista comunista, per il suo impegno

contro Cosa Nostra assassinato il 30 aprile 1982, sua

infatti la proposta della futura Legge 13 settembre

1982, n. 646, cosiddetta Legge "Rognoni-La Torre", che

con l'Art. “416-bis” introduce nel Codice Penale il reato

di “associazione di tipo mafioso”, punito con carcere

duro e confisca dei patrimoni di provenienza illecita

 

 

 

Libero Grassi 

 

l'imprenditore assassinato da Cosa Nostra il 29 agosto

1991, per la sua ribellione al giogo del “pizzo”, dopo la

sua morte divenuto simbolo della lotta alla criminalità,

ma in vita lasciato solo nella sua lotta, abbandonato

perfino da colleghi e associazioni di categoria

 

 

Giuseppe “Pippo” Fava

 

scrittore, giornalista, drammaturgo, saggista e

sceneggiatore, assassinato dalla Mafia il 5 gennaio

1984, secondo intellettuale, dopo Impastato, ad essere

ucciso da Cosa Nostra, fondatore de “I Siciliani”,

giornale antimafia

 

 

Placido Rizzotto

 

partigiano, politico del Partito Socialista Italiano e

sindacalista della CGIL, rapito e assassinato da Cosa

Nostra il 10 marzo1948 per il suo impegno a favore del

movimento contadino per l'occupazione delle terre, i

suoi resti ritrovati solo nel 2009 ed autenticati proprio a

marzo del 2012, solo un paio mesi prima del flash mob

 

 

e tanti ancora...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Un omaggio musicale

 

 

a tutti quelli

che hanno dedicato

e dedicano la vita

 

per la costruzione di una Sicilia

e di un'Italia diversa

libera e umana

 

 

perché le loro idee

e i loro messaggi

di speranza e di lotta

 

continuino a vivere

insieme a tutti noi e i nostri figli

con gioia e determinazione!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nel video il famoso testo-testamento politico e artistico

di Rosa viene, come facilmente confrontabile, del tutto

reinterpretato in chiave gioiosa e solare, un canto e un

ritmo dunque molto liberamente ispirati a “Quann'iu

moru”, il cui testo e musica originali di Rosa Balistreri e

Lillo Catania vengono rielaborati dagli

“IPERcusSONICI”.

 

Diretto da Filippo Arlotta per la giovane casa di

produzione Faeria , il video è inoltre arricchito, come

visto, dalla partecipazione speciale dell'attrice Lucia

Sardo, già interprete della madre di Peppino Impastato

nel celebre film “I cento passi”, dei membri della

famiglia di “pupari” catanesi dei Fratelli Napoli, di Jali

Dioubate, musicista di “Afro-Sicilian Connection”,

originario del Casamance, nel Sud del Senegal, e di tanti

amici e sostenitori che partecipano al flash mob.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il gruppo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli “IPERcusSONICI” sono un vivace e creativo

quintetto, che una ragazza e quattro ragazzi formano a

Catania nel 2002:

 

                                   

 

                                   

Alice Ferrara

voce principale

e percussioni

 

                                   

Carlo Condarelli

tamburi bassi, jembe, balafon

e voce

 

                                   

Luca Recupero

marranzanu, tamburelli, live electronics

e voce

 

                                   

Marcello Ballardini

didjeridoo

 

                                   

Michele Musarra

basso elettrico

e fonico.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il gruppo ha un originale stile che riesce a fondere la

tradizione musicale popolare siciliana, con musiche,

ritmi, strumenti e sonorità africane, oltre che influenze

arabe (in effetti la vera identità storica della Sicilia!),

con tipicità metropolitane quali rock, reggae e blues.

 

Tra i loro strumenti, infatti, il didjeridoo, antico

strumento a fiato degli aborigeni australiani,

marranzani o cosiddetti “scacciapensieri” tradizionali

ed elettrificati, armoniche a bocca, il balafon, strumento

ligneo dell'Africa Occidentale simile allo xilofono, e

grandi tamburelli siciliani.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Grazie, ragazzi!