Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

L’“Unto” per eccellenza fra i tanti messia, di quello più raccontatoci colpisce il profilo umano - morale, sociale, politico, primo intellettuale del proletariato, la cui prassi religiosa non si riduce ad ipocrite parole che riempiano di vuoto liturgici riti fumosi cantati ad majorem gloriam meam, ma fatta di comunanza, una nuova religiosità dell’Umano, dall’Umano all’Umano per l’Umano, elevazione della sacralità dell'Umano a prediligere gli Ultimi fra gli Ultimi.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

Non è mai stato, non è né potrà mai essere il “cristo clericale”, putrido di lotte, intrighi, sopraffazioni e qualsivoglia nefandezza per la pura conquista e perenne mantenimento di potere e ricchezze, nelle - allo scopo e al momento - più accomodanti e subdole alleanze fra trono e altare e fra altare e capitale, debole, vigliacco e servile con i forti, arrogante, severo e spietato con i deboli, “cristo favola” di un dio alieno e alienante, vero oppio dei popoli.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

Piuttosto quello documentato nudo e crudo nel pur censurato, manipolato e rimanipolato Vangelo Giudeo-Cristiano del Nuovo Patto, davvero autenticato con testimonianze di sangue attraverso la storia da movimenti rivoluzionari, eretici, monastici, fino alla Teologia della Rivoluzione, sua la potente rabbia scagliata contro i farisei di ieri, di oggi e a venire, primi fra tutti quelli della mammasantissima casta dei privilegi con il loro “cristo paolino” da spupazzo. 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

Perché Lui - l’Atteso - non può essere che il Cattivo Maestro, senza dubbi o fraintendimenti schierato contro tutte le messianiche classiste di falsi sacer-doti - săcer “sacro”, *dhē- “fare” - maghi incantatori, celebratori di assopienti formule a fiaccare ed annientare, se mai possibile, la perenne vitalità del Sacro, la sua religiosità sfacciatamente partigiana dell’Umano, contro le chiese istituzionali, baluardo di ogni alleanza altare-potere, nemiche dell’Umano