Imperium Romanorum, Pars Occidentalis et Pars Orientalis

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Paganesimo”

 

                                   

“radici giudaico-cristiane”

 

                                   

“neo-paganesimo”

 

                                   

...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Cuius regio eius religio”

Di chi è il regno, di lui sia la religione

Ai sudditi la religione del potere

 

                                   

 

                                   

Secondo lo slogan politico di alcuni nemici del multiculturalismo l'Europa, come fatto geografico ed economico, nel suo progetto di unificazione in comunità di Stati autonomi dovrebbe guardare al futuro marcando il suo storico sviluppo politico-culturale.

 

Quindi l’Europa dovrebbe essere vista come un fenomeno unitario tanto nella sua geografia, dall’Atlantico agli Urali, quanto nella sua storia, una sola civiltà da oltre un millennio, con radici profonde nel Medio Evo, stabile tronco nell’Età Moderna e fronde rinverdite in quella Contemporanea.

 

 

Queste “radici” equivarrebbero quindi alla visione religiosa ebraico-cristiana che con ogni mezzo dominerà nel continente a partire dal dal V sec, escludendo sia la cultura sia greca e romana nella sua Pars Occidentalis che quella germanica e slava nella sua Pars Orientalis, per non parlare della cultura araba in Spagna (e Francia) ed in Sicilia o di quella turco-ottomana nei Balcani...

 

Una palese impostazione “ideologica”, non storica, formulata ad hoc per essere semplicisticamente efficace come parola d’ordine propagandistica, purtroppo completamente vuota di significato nei suoi falsi concettuali, anzi una vera contraffazione in malafede basata su tre tesi parimente tarocche:

 

- perché l’Europa non costituisce nei suoi ultimi quindici secoli di storia un’area culturale unitaria né nello spazio né nel tempo

- perché l’Europa in quel periodo non si sviluppa linearmente, con un passato che influenza il presente e continuerà ad influenzare il futuro

- perché la Religione Cristiana, con sue radici nell’Ebraismo, non rappresenta affatto il nucleo originario di tutte le espressioni culturali manifestatesi in Europa, che vi si manifestano o vi si manifestaranno.

 

                                   

 

                                   

“L'umanità non ha radici

ma piedi e gambe che usa da sempre

per andare altrove