“Imparare

 

                                   

è un'esperienza

 

                                   

 

                                   

Tutto il resto è solo

 

                                   

informazione”

 

                                   

 

                                   

 

         

Albert Eistein

           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La parola “informazione”

 

                                   

 

                                   

Dal Latino informatio, “nozione”, “idea”, “rappresentazione”, oggi una delle parole più usate,  spesso senza troppa cautela o considerazione, a volte senza neppure troppa coscienza del suo molteplice significato.

 

Politici, mass media e molti di noi per descrivere la nostra epoca ed il mondo in cui viviamo usano volentieri espressioni non molto accurate, come “età dell'informazione” e “società dell'informazione”, in Inglese Information Age rispettivamente Information Society, oppure  “età della conoscenza” e “società della conoscenza”, Knowledge Age e Knowledge Society.

 

 

Si parla di “scienza dell'informazione” o Information Science, e addirittura di rivoluzione dell'informazione o Information Revolution...

 

Eppure bene dice Papa Francesco:

 

                                   

 

                                   

“Stranamente, non abbiamo mai avuto

più informazioni di adesso, ma continuiamo

a non sapere che cosa succede.”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il concetto di “informazione”

 

                                   

 

                                   

Ed essendo il termine “informazione uno dei più usati ed abusati oggi, sta diventando una di quelle cosiddette “verità di base”, non provabili né negabili, da cui poi partono tutti i nostri castelli di strutture più o meno razionali, più o meno emotive, su cui si costruiscono enormi imperi di “aria fritta”.

 

Come concetto “informazione” è portatore di una molteplicità di significati, a seconda di chi lo usi, perché ed in quale contesto - quotidiano, sociale o tecnologico.

 

 

Può voler esprimere una “regola”, una “comunicazione”, un semplice “messaggio”, un meccanismo di “controllo”, addirittura dei nudi “dati”, un “prestampato” da compilare, un'“istruzione” da eseguire, qualsiasi “stimolo mentale”, oppure la “percezione” o “rappresentazione” di qualcosa, il “significato” di qualcosa, una “matrice” da cui e con cui riprodurre, un “modello” o uno “schema” e molto, molto altro ancora...

 

Solo che la questione è decisamente un'altra: a parte la “quantità” di informazione di cui si dispone, la domanda più rilevante da porsi sarebbe piuttosto quale sia la sua “qualità”.

 

 

L'informazione è anche definibile come la “diversità percettibile” tra due o più elementi e questo può forse aiutarci a creare un po' più di chiarezza nel concetto - ecco tre esempi ed una variante con l'aiuto di una scala di grigi:

 

                                   

 

                                   

       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- di seguito, due quadrati “neri” (un'affermazione probabile, vera o falsa che sia, non provabile, ma neppure confutabile - ma sì, ci sono davvero due quadrati incollati dello stesso colore nero dello sfondo...)

 

                                   

 

                                   

 

         

 

           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- qui sotto invece un quadrato “grigio medio” ed uno “grigio scuro” (un'“informazione” migliore della prima, anche se relativa, dato che “credo” di distinguere molto bene quale sia il quadrato “più chiaro” - a sinistra - e quale lo “più scuro” - a destra)

 

                                   

 

                                   

 

         

 

           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- ma se sostituissi solo uno dei quadrati, il “grigio medio” a sinistra, con uno “ancora più scuro”, il quadrato a destra, che prima consideravo “scuro”, lo percepirei ora come “più chiaro” (quindi neppure questa un'informazione troppo sicura...)

 

                                   

 

                                   

 

         

 

           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- infine un quadrato “nero” ed uno “bianco” (massimo contrasto, quindi massima chiarezza, e due valori assoluti, in quanto non esiste un bianco “più bianco” o un nero “più nero”, qualunque cosa ne dicano certe pubblicità).

 

                                   

 

                                   

 

         

 

           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

E tutto nel piccolo esperimento sopra lo facciamo attraverso l'uso di e grazie a la nostra “intelligenza”, cioè la nostra “capacità di distinguere” presente nella nostra mente e, prima ancora, in tutti nostri sensi.