Durante Alaghieri detto "Dante"

a 700 anni dalla sua morte in esilio a Ravenna

la notte tra il 13 e il 14 settembre 1321

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Le genti del bel paese

 

                                   

là dove 'l sì suona”

 

                                   

 

                                   

 

     

La Divina Commedia

Inferno XXXIII, vv. 79-80

       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il patrimonio della nostra lingua

 

                                   

 

                                   

“Dove il ‘dolce’ sì suona” non è quindi del “sommo”... anche se l'Italiano viene ormai comunemente definito come la “lingua del dolce sì”.

 

Niente di dolce infatti nel contesto della citazione, estrapolata dall'ingresso nel Secondo Girone del Settimo Cerchio, la selva dei suicidi, di fatto una terribile maledizione:

 

                                   

 

                                   

“Ahi Pisa, vituperio de le genti

del bel paese là dove 'l sì suona,

poi che i vicini a te punir son lenti,

 

muovasi la Capraia e la Gorgona,

e faccian siepe ad Arno in su la foce,

sì ch'elli annieghi in te ogne persona!”

 

                                   

 

                                   

Dante, La Divina Commedia, Inferno XXXIII

 

                                   

 

                                   

Nella tradizione letteraria del Duecento - vedi il “De vulgari eloquentia”, “L'eloquenza della lingua volgare”, trattato in Latino dello stesso Dante - si distinguono essenzialmente tre lingue.

 

Il Francese, nelle due sfumature della “Lenga D'òc” (dal Latino hoc [est]), la occitano-romanza della Francia Meridionale, e la “Langue D'oïl” (dal Latino ille [est]), il Francese antico dell'odierna Francia Settentrionale, parte del Belgio e Svizzera, e poi l'Italiano, appunto la “Lingua del Sì” (dal Latino sic [est]), denominate così proprio dal modo di pronunciare la parola “sì” nelle rispettive lingue (l'Italiano probabilmente la più aggraziata, da cui in seguito quel “dolce”).

 

 

L’Italiano è una lingua fonetica  rispetto all’Inglese o al Francese , ma non perfettamente, dato che uno straniero non può sempre sapere esattamente come leggere la parola scritta, dal momento che la posizione della sillaba tonica nelle parole proparossitone o sdrucciole, la terzultima, non è accentata - come in “fonetica”.


Lo Spagnolo, a differenza dell’Italiano, è una lingua perfettamente fonetica, dato che la posizione della tonica, se irregolare, è sempre indicata con accento grafico - come “fonética”.

 


Inoltre
l’Italiano standard ha sette vocali nel parlato, con due “e” e due “o”, chiuse o aperte, un'opposizione non rilevabile nello scritto, così il valore fonetico delle“e” e “o” va imparato per ogni parola.

 

Soltanto pochi parlanti l’Italiano come lingua straniera riescono in questa ardua impresa, anche se ci sono molte differenze regionali nella distribuzione di vocali chiuse e aperte, c’è una sola versione “corretta” in ogni posto, insomma, benché fonetica relativa , la lingua italiana non si può leggere correttamente con le sole informazioni rilevabili dallo scritto.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'evoluzione della lingua italiana

 

                                   

 

                                   

La lingua è viva e cambia senza sosta, si evolve perché si adatta all'ambiente, cioè alla società umana, e il mutamento linguistico in molto ricorda l'evoluzione biologica.

 

Così anche l'Italiano dal Duecento ai nostri giorni subisce naturali cambiamenti, non solo la lingua ma anche l’uso che le persone ne fanno.

 

 

Nel Duecento la lingua ufficiale e della cultura era ancora il Latino, ma dal Trecento comincia a prevalere il “volgare” fiorentino, lingua d’origine di Dante, Petrarca e Boccaccio.

 

Poi, con l’“Umanesimo”, nella prima metà del Quattrocento il volgare subirà una grave crisi, riprendendo però nuovo vigore nella seconda metà del secolo.

 

 

Il volgare torna a essere la lingua della letteratura con Leon Battista Alberti, Lorenzo il Magnifico, Angelo Poliziano, Matteo Maria Boiardo, Luigi Pulci e Leonardo da Vinci.


E sempre nel Quattrocento il tedesco Johannes Gutenberg regala all'Occidente la
stampa a caratteri mobili, una vera rivoluzione nella comunicazione "di massa".

 


Durante il
Cinquecento, sul piano culturale, l’Italia raggiunge il suo massimo splendore, il cosiddetto “Rinascimento”, ed è ora che il volgare acquista crescente prestigio.
 

Il dibattito su quale volgare usare porta a scegliere il Fiorentino per l'intera penisola, con Ludovico Ariosto, Torquato Tasso, Niccolò Machiavelli e Francesco Guicciardini.
 

 

Con il Seicento del “Barocco” esploderà fino all’eccesso il desiderio di nuovo, stupefacente, stravagante, il gusto per la forma, lo spettacolo, l’ornamento che stupisce e meraviglia.


Proprio nel
1612 l’Accademia della Crusca pubblicherà il primo grande “Vocabolario della lingua italiana” e di fatto l’Italiano si consolida come la lingua parlata in tutto lo stivale. 

 


Segue l’“Illuminismo” del
Settecento e gli Italiani usano ormai sia il Latino che l’Italiano/Fiorentino, il Francese e, per la prima volta, un gran numero di “dialetti”.


Nella
prima metà dell’Ottocento l’Italiano/Fiorentino è diffuso solo fra le classi colte, per il semplice fatto che l'ottanta per cento della popolazione è analfabeta.

 


Sempre nell’Ottocento si diffonde però la nuova corrente culturale del “Romanticismo” e lo scrittore
Alessandro Manzoni  con la sua opera avvicina la lingua scritta alla quella parlata.


Nel
Novecento flussi migratori intern, urbanismo, istruzione e mezzi di comunicazione di massa contribuirono al consolidamento di una lingua unitaria, sia parlata che scritta.

 


Oggi l’Italiano è una lingua in evoluzione, una rapida e profonda trasformazione in cui vengono introdotti molti neologismi, ovvero parole nuove, ma anche altro assolutamente non necessario.


Troppi e
alla moda i “prestiti linguistici” da altre culture, Inglese in testa, “integrati” in nuove parole italiane, ma moltissimi “non integrati”, cioè parole straniere adottate nella nostra lingua.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Italiano da qui al futuro

 

                                   

 

                                   

Una lingua per secoli chiusa nei libri, immutabile, si è diffusa tra i parlanti fino a diventare la loro lingua comune e oggi la stanno adattando alle diverse esigenze comunicative.

 

Nell’evoluzione della lingua soprattutto i giovani sperimentano propri canali espressivi, a creare un nuovo linguaggio tutto loro, colloquiale, vivace, ribelle, burlesco, derisorio.

 

L’italiano di tradizione letteraria è a lungo parlato da poche persone colte, mentre la maggioranza della popolazione rimane prevalentemente analfabeta e si esprime in dialetto.

 

Questo fino al Secondo Dopoguerra, quando mezzi di comunicazione di massa e progresso economico-scientifico, fanno muovere le persone in grandi numeri nella penisola.

 

 

Una lingua prima elitaria, a partire dagli Anni Settanta del Novecento, entra nelle case via stampa, radio e televisione diventando di uso quotidiano per sempre più persone.

 

Sempre negli Anni Settanta le reti commerciali ridimensioneranno la funzione pedagogica della televisione che vi andrà persa, ma favoriranno espressioni più colloquiali e pronunce regionali.

 

 

Quindi la lingua italiana si trasforma sì discostandosi dallo standard insegnato d'obbligo nelle scuole, al tempo stesso diventando la lingua parlata di quasi tutta la popolazione.

 

Non solo modi e tempi verbali non sempre corretti, ma anche rapidità, concisione ed efficacia del linguaggio giornalistico, con periodi snelli, poche subordinate, punti invece di punti e virgola.

 

 

Grammatica e sintattica a parte, il lessico si riempie velocemente e trabocca di neologismi e termini tecnici, “forestierismi” tipici di linguaggi settoriali, tra i vocaboli stranieri soprattutto gli inglesi.

 

Sempre più numerose abbreviazioni - come "moto", "bici", "auto", ma anche una inutile flora di acronimi, sia nell’italiano scritto che parlato, se scritti con la sola iniziale maiuscola.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Italiano neostandard

 

                                   

 

                                   

Diventato l'Italiano di uso comune, i parlanti iniziano a discostarsi dalla norma linguistica a tutti i livelli - fonologia, morfologia, sintassi, lessico e testualità, creandone un nuovo standard:

 

- uso dell’imperfetto di cortesia, “volevo chiederle...”

- utilizzo di “lui”, “lei”, “loro” come pronomi soggetto, invece di “egli”, “ella”, “esso”, “essa”, “essi”

- prevalenza di “perché”, a discapito di “poiché”, “per il fatto che”, “cosicché”

- uso polivalente della congiunzione “che”,  “corro che è tardi”, invece di “corro dato che è tardi”

- nella morfologia verbale disuso del passato remoto sostituito dal passato prossimo - “un anno fa ho detto” invece di “un anno fa dissi” - e del futuro sostituito dal presente - “sabato vado da...” invece di “sabato andrò da...”

- i modi congiuntivo e condizionale spesso sostituiti dall’indicativo, “se lo sapevo non lo facevo” invece di “se l’avessi saputo non l’avrei fatto”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Italiano “digitato”

 

                                   

 

                                   

L’Italiano sia scritto che parlato sta inoltre trasformandosi rapidamente anche per impatto dei “nuovi media”, i cosiddetti “social network” o “reti sociali” su Internet e Web.

 

Con le “reti sociali” aumenta vertiginosamente il numero di fruitori telematici ed informatici da cui rapidissime ulteriori trasformazioni, una vera “trasfigurazione” della lingua scritta.

 

 

In un'Italia in cui si legge poco ma si scrive molto, nasce così l’Italiano “digitato” con alla base l’Italiano neostandard e conversazioni digitate dalle espressioni tipiche del parlato.

 

Questo Italiano scritto o “e-Italiano” quotidianamente usato su mail, chat e social network, sì informale ed immediato, ma anche troppo spesso frammentato, incompleto e approssimativo.

 

 

Uno stile misto di scritto e parlato quale prima varietà di Italiano scritto “informale”, purtroppo con grande probabilità destinata a diventare la lingua del futuro...

 

“Purtroppo” perché la nostra lingua è troppo preziosa, così complessa, ricca di sfumature e capace di dar forma a qualsiasi tipo di narrazione, per mutilarla, appiattirla ed ucciderla.