L'epigrafe sulla tomba di Curzio Malaparte: "Io son di Prato, m’accontento d’esser di Prato, e se non fossi nato pratese vorrei non esser venuto al mondo", da "Maledetti Toscani".

 

E ancora: "E vorrei avere la tomba lassù, in vetta, per poter sollevare il capo ogni tanto e sputar nella fredda gora del tramontano" - in cima allo Spazzavento.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Orgoglioso

di essere Italiano

 

                                   

 

                                   

“Io sono orgoglioso di essere Italiano,

ma mi vergogno d'essere un Cittadino

dello Stato Italiano.

 

                                   

 

                                   

A tutti coloro che bestemmiano l'Italia

per le sue leggi antiquate, per la sua magistratura, la sua burocrazia borbonica, la sua cattiva amministrazione, per gli scandali, per lo sperpero del pubblico denaro, per i soprusi, le prepotenze, gli abusi di autorità, per il concetto poliziesco con cui s'interpreta la giustizia, la libertà, la democrazia, per le condizioni di vera e propria servitù in cui il Cittadino è tenuto dallo Stato,


io vorrei rispondere che l'Italia non c'entra.

 

                                   

 

                                   

Tutti i mali della vita italiana

nascono non già dal Popolo ma

dallo Stato.

 

                                   

 

                                   

Poichè non è vero che ogni Popolo ha lo Stato che si merita;

è infatti lo Stato che fa il Popolo e non il Popolo che fa lo Stato...


A uno Stato che sperpera i denari del Popolo corrisponde un Popolo che cerca di eludere il fisco.

A uno Stato che avvilisce e impaurisce i Cittadini, corrispondono cattivi Cittadini...”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da “Battibecchi”