La “manipolazione”

 

                                   

delle nostre idee

 

                                   

 

                                   

Dal lavaggio del cervello

 

                                   

alla morte della coscienza

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Siamo tutti

manipolati, manipolatori e manipolabili

 

                                   

 

                                   

Chiunque voglia comunicare qualcosa, nel creare e trasmettere messaggi deve necessariamente “(ri)-maneggiare” (manipolazione volontaria) una realtà “percepita” (di per sé quindi già involontariamente manipolata).

 

Segni organizzati per “tradurre” la percezione e renderla comprensibile all'altro, al meglio della capacità espressiva e nel modo in cui si intende farlo, per cui, in tal senso, comunicare è sempre un atto di manipolazione.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Persone comuni

 

                                   

 

                                   

Nei nostri rapporti sociali cerchiamo tutti, più o meno consapevolmente, di “gestire”, se non proprio “controllare”, l’immagine che diamo di noi agli altri, mostrandoci per come vorremmo essere o crediamo che ci vogliano.

 

Esempio di quotidiana “manipolazione” nell'interagire - certo, per lo più innocente, ma comunque a nostro vantaggio - , socialmente scontata ed accettata anche se allo scopo di “mentire”, nascondendo il peggio di noi.

 

 

Questo tipo di manipolazione è tipico delle persone comuni, prive di potere, molto spesso il loro unico modo con cui poter ottenere dagli altri qualcosa che necessitino avere, vogliano avere, ambiscano avere.

 

Quando una manipolazione tira l'altra per dare la migliore impressione di sé a livello individuale, può purtoppo diventare fatto sempre più grave, fino a ed oltre il limite del lecito, da “emotiva” a “mentale” ad “affettiva”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Persone con potere

ed organizzazioni

 

                                   

 

                                   

Anche le persone importanti, che hanno potere, usano la manipolazione ma per “dominare” gli altri, affinché, anche se “dominati”, continuino a credere di non esserlo, di illudersi ancora liberi e indipendenti. 

 

I potenti in forma organizzata poi - lo Stato, la Chiesa, i partiti politici,  le società commerciali, le associazioni a delinquere - nei loro “sottoposti” vogliono inoltre ottenere e mantenere una “garanzia di sottomissione”.

 

 

Illusorio controllo su se stessi, ciò che pensano e fanno, e “senso di responsabilità” producono ottimi subalterni, fedeli schiavi ed affiliati, disposti a farsi strumentalizzare e, sfruttare.

 

Osservanti scrupolosi di norme e valori dei dominanti, i dominati rendono il potere di chi li domina indiscusso una volta “legittimato”, automantenuto dagli stessi dominati, grazie all'“interiorizzazione” di tali valori.