Nostro figlio Alan - bambino di appena 3 anni, profugo, siriano - annegato davanti agli occhi di suo padre e del mondo insieme alla mamma e al fratellino, sulle coste turche, in un'alba di speranza del mese di settembre Anno Domini 2015, poi dal mare dolcemente adagiato a dormire su una spiaggia di conchiglie tutta per lui, restituito ai suoi sogni negati da un elemento della natura sì a volte crudele, ma evidentemente sempre più compassionevole di noi...

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il naufragio culturale

 

                                   

dell’Europa

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Piccoli resti di umanità 

 

                                   

 

                                   

Di seguito il toccante necrologio dedicato da un'anonimo lettore australiano ad Alan Kurdi sul Sydney Morning Herald:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

             

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

“KURDI,

ALAN

   

 

                                   

 

 

non meritavi di annegare

nel freddo dell'acqua e nel gelo

della nostra umana indifferenza.

 

 

Non eri un “Migrante”.

Non eri un “Profugo”.

 

Ma semplicemente un bambino di appena 3 anni che avrebbe voluto giocare in serenità, lontano dalle insidie della violenza e della guerra.

 

In Cielo, continueranno a prendersi cura di te coloro che ti hanno amato, che ti hanno baciato e che hanno per questo scelto di rischiare tutto nella speranza di farti raggiungere spiagge di salvezza. 

 

 

Riposa In Pace Alan Kurdi.

 

E possa Dio perdonarci

per averti abbandonato.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Oh sublime bellezza del creato!”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

La mattina di Ferragosto, mi sveglio colpito dal silenzio di un giorno di festa.

 

Tutto è fermo, l’Italia intera è ferma, e si prepara a vivere una giornata di riposo con la mente sgombra e leggera.

 

 

Mi sdraio in terrazza a leggere la fine del romanzo di Capuana, ‘Il marchese di Roccaverdina’.

 

La storia è appassionante, un gran melodrammone, che si snoda come un romanzo rosa, a dispetto del ‘verismo’ teorizzato a piene mani dall’amico fraterno di Giovanni Verga.

 

 

Il caldo è clemente, almeno dalle mie parte, e nel cielo sopra le montagne si vanno ammassando nuvole nere che minacciano un temporale.

 

Ma la Sicilia si sa, come diceva Sciascia, è un continente, e il sole deve splendere in tutta la sua pienezza, se tanta gente ha fatto tanta strada per godersi il mare.

 

 

Sono giunto nel punto più intenso del romanzo, quello in cui Capuana descrive la pazzia del marchese, quando mi arriva un SMS.

 

Me lo ha inviato Linda (che è una mia carissima amica, oltre ad occuparsi della produzione dei miei film).

 

 

‘Non ci puoi credere!

C’è uno sbarco sulla nostra spiaggia!

Piango!!!’

 

 

Portopalo, nella Provincia di Siracusa.

 

La spiaggia è quella di Morghella.

 

Mi metto in macchina e vado fino a lì, il lembo di terra più a sud d’Europa, il parallelo più a sud di Tunisi.

 

 

Lo spettacolo che si presenta ai miei occhi è di una struggente tristezza, è di una evocativa bellezza.

 

Mi fa pensare alle parole del grande Totò, marionetta gettata in una discarica, sul finire di uno dei più bei film di Pasolini: ‘Oh sublime bellezza del creato!’.

 

 

A un centinaio di metri dalla spiaggia, galleggia immobile nel riverbero del sole sulle onde, un barcone.

 

In realtà è un peschereccio, simile a quello dei nostri pescatori, solo più largo e tondo, con le scritte in arabo sulle pareti, i disegni di rose e fiori, e a prua l’occhio di Maometto, come una benedizione.

 

 

Sopra il peschereccio, sfidando ogni legge della fisica, sono ammassati più di un centinaio di uomini, donne e bambini.

 

Hanno la pelle scura, dicono di venire dalla Siria e fuggono dall’inferno della guerra.

 

 

La maggior parte di loro non sa nuotare.

 

Agitano le braccia per chiedere aiuto.

 

 

I bagnanti sono tutti raccolti sulla banchigia, i piedi a mollo e le mani sugli occhi per pararsi dal sole e poter vedere meglio.

 

C’è un silenzio irreale in quel lembo di mondo, carico d’attesa e di paura.

 

 

Poi anche il tempo si rabbuia, va via il sole e si leva il vento da ponente che agita il mare e fa alzare le onde.

 

Il barcone ondeggia e si arena con la prua in su.

 

 

Uno dei migranti cade (o si butta) in mare e agita le braccia tra le onde che sembrano volerselo inghiottire.

 

Nessuno sulla banchigia dice una parola o fa un gesto, e ‘la sublime bellezza del creato’ che è depositata nel fondo ogni cuore, si fa largo nella mente degli uomini e delle donne in costume da bagno che stanno a guardare come ipnotizzati, e li fa muovere.

 

 

Prima un vecchio, poi una ragazza, poi un’altra ragazza, poi un giovane, un padre posa sulla sabbia il figlioletto che tiene in braccio e s’avvia anche lui.

 

È un attimo.

 

 

Tutto avviene in silenzio, senza enfasi.

 

Si forma una catena umana che dalla spiaggia arriva fino al barcone.

 

 

I giovani, i vecchi, i padri e le madri di famiglia, si passano di mano in mano le povere creature, larve di bimbi che non hanno neanche la forza di piangere, e come fagotti vengono depositati sulla sabbia.

 

Poi aiutano a scendere le loro madri, che si precipitano a cercare i loro figli per stringerseli al petto.

 

 

E il miracolo si compie, senza ardore né retorica, con gesti semplici e naturalezza.

 

 

Non serve fare la cronaca di quello che è successo (chi vuole può collegarsi al sito Unità.it  e può ‘vedere’ foto e immagini riprese col telefonino da Linda).

 

Quello che mi preme dire è un’altra cosa: non c’è eroismo in tutto questo, non c’è retorica, non c’è buonismo e non ci sono scelte ideologiche.

 

 

C’è il cuore antico di un popolo che si risveglia, spinto dal vento che porta le parole di Papa Francesco pronunciate nel viaggio a Lampedusa, c’è soprattutto l’esempio di quest’uomo che viene ‘dalla fine del mondo’ che tocca nel profondo le coscienze di noi tutti e ci spinge verso luoghi di cui ci eravamo dimenticati l’esistenza.

 

 

E per finire mi si permetta di citare un altro uomo, che viene da ‘un altro tempo’, il nostro Presidente Giorgio Napolitano.

 

Il suo encomio per i bagnanti della spiaggia di Portopalo che hanno soccorso i migranti, le sue parole accorate e sincere, ci riconciliano e rafforzano in noi quella coscienza morale, quel senso da dare alle nostre vite troppo spesso smarrite nel turbinio di messaggi e di comportamenti idioti, nel cicaleccio inconcludente a cui ci ha ormai abituato una classe politica povera di idee e meschina nella difesa di interessi e corruzioni d’ogni genere.

 

 

Personalmente non conosco il nostro Presidente, ma ho conosciuto bene Pio la Torre, che era un suo amico carissimo, e questo mi basta per farmi ben sperare nel futuro.

 

 

Pasquale Scimeca, regista

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

     

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

(Abbi pazienza ed aspetta il caricamento dei video:

dipende anche dalla qualità della tua connessione...)