Una famiglia di emigranti italiani verso l'America un secolo fa, ancora altri "sporchi, ladri, stupratori" agli occhi degli Americani dell'epoca: farebbe bene ai tanti che vogliono chiudere i porti in faccia ai migranti di oggi studiare la nostra storia, recuperare questa memoria perduta, tutti quelli che non sanno, tutti quelli che fingono di non sapere, tutti quelli che troppo facilmente dimenticano chi siamo e da dove veniamo, per ritrovare il proprio senso di umanità nel soccorso e nell'ospitalità.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il sogno

 

                                   

The dream

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per chi mai l'avesse dimenticato...

 

Il “sogno europeo” degli Africani e degli Asiatici di oggi
è stato il “sogno americano” degli Italiani di ieri.

 

Siamo noi stessi infatti un popolo di emigranti,
noi più di tutte le altre Nazioni Europee.

 

 

Specialmente a partire dagli ultimi due secoli l'Italia vive scottante sulla propria pelle il fenomeno dell'emigrazione e a iniziare proprio dal Nord - soprattutto Piemonte, Veneto e Friuli, che inizialmente ne costituiscono il 50% - poi, dopo il 1880, anche il Sud - con 3 milioni solo da Calabria, Campania, Puglia e Sicilia - e il resto d'Italia, interessando in totale l'equivalente dell'intera popolazione italiana censita all'unificazione d'Italia - 23 milioni!

 

I nostri si trasferiranno continuamente in cerca di fortuna praticamente in quasi tutti gli Stati Occidentali e nel Nord Africa, ma il grande esodo italiano avviene in una prima lunga ondata tra la fine del XIX secolo e gli Anni Trenta del XX con preponderante flusso verso le Americhe (in America del Sud verso Argentina e Brasile, in Nord America verso gli Stati Uniti), seguita nel Secondo Dopoguerra a partire dagli Anni Cinquanta da una nuova ondata di emigrazione europea (Belgio, Francia, Germania e Svizzera) e verso l'Australia, ancora più lunga e non ancora terminata, anzi...

Verso l'
Africa raggiunge il suo picco con la creazione delle Colonie di Libia ed Eritrea, ma consistente anche verso Egitto, Tunisia, Marocco e, da ultimo, Unione Sudafricana.

 

 

“The Dream” dei nostri connazionali - nudo e crudo - anche quello spesso finito in sogni infranti da sfruttamento e rinnovata povertà!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il sogno americano degli Italiani

 The American Dream

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

La New York Italiana di inizio Novecento in una strada di Little Italy, "Piccola Italia", nella parte meridionale di Manhattan, il più famoso dei "ghetti" italiani negli Stati Uniti d'America, sotto vista dai cortili - c'è molto Sud e molta Napoli in questo marasma di bucati di famiglie evidentemente numerose

   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Dopo le malsopportate pene di una lunga traversata oceanica, finalmente lo sbarco in America - per molti solo l'inizio di un nuovo calvario...: la registrazione anagrafica, sotto, con regolari storpiamenti di nomi e cognomi, quindi l'obbligatorio anche se superficiale controllo medico-sanitario a Ellis Island, un po' come alla fiera del bestiame, prima di essere lasciati entrare nel nuovo Paese  

   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Da ora tocca reinventarsi una vita - e torna utile l'arte di arrangiarsi con quel poco che si ha, quel poco che si sa fare e quel poco - ancora meno - che viene concesso di fare, magari cercando di sfruttare la nostalgia per la propria terra e gli affetti lasciati che mangia chi più chi meno tutti da dentro, andando a ricreare un'atmosfera amica "di casa" con una vecchia pianola a rullo, sotto, o un aorganetto da strada - rischiando così di diventare agli occhi degli altri (ironicamente qui chi da tanto chi da poco anche loro tutti immigrati!) dei "pittoreschi piagnoni" e di finire come curiosità folkloristica su una cartolina per turisti... 

   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Poi c'è il lavoro duro e monotono nelle fabbriche, specialmente quello schiavizzante e sottoretribuito delle donne e il loro organizzarsi nel privato, dandosi reciproco sostegno per far sopravvivere le famiglie, sotto - nasce da questo fenomeno infame, mai ad oggi debellato, tra l'altro la "festa" dell'8 marzo!

   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

E c'è lo sfruttamento selvaggio dei minori, se possibile ancora più abietto (che ancora oggi ne coinvolge nel mondo oltre 150 milioni!), bambini, cui si toglie il diritto al gioco, alla scuola e quel poco di spensieratezza proprio della loro età, per metterli come piccoli animali da soma a sfinirsi ed ammalarsi per quattro soldi in ambienti malsani e pericolosi dall'alba al tramonto o ridurli fino ad espedienti estremi di pura sopravvivenza, come le tre spaesate e sporche contadinelle sotto - oltre un secolo prima nostrane proto-"vuo'cumprà" - cercando di vendere tipiche ceste fatte con le proprie mani, nel cuore di New York a frettolose dame "benestanti" fino a sera...

   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Così, in un susseguirsi di mai perse speranze per lo più soffocate da una assillante quotidianità senza sbocco, le nuove generazioni di migrati si adattano all'in fondo "meno peggio" - proprio loro, che nell'immaginario collettivo degli ancora più poveri, decimati e affamati parenti, amici e conoscenti rimasti nei rispettivi paesini d'origine, per generazioni a venire rimarranno comunque i "nuovi ricchi d'America"!

 

Certo, alla fine, uno su milioni ce la fa, sotto, e diventa l'icona del sogno ancora "a portata di mano", quello che con tanti sacrifici e un po' di fortuna può sempre avverarsi, da un momento all'altro - anche se incomparabilmente spesso mai...

 

Ma non tutti accettano la delusione e la sconfitta, c'è chi nonostante tutto vuole provarci "a modo suo" (se non in un modo nell'altro!), magari prendendo le solite scorciatoie e finendo spesso male.

 

Si viene così a creare la finora inedita, molto più universale icona dell'Italiano "mafioso", un marchio pregiudiziale che ancora oggi continua a perseguitarci ovunque nel mondo, spesso tollerato perché buttato lì con levigati toni "scherzosi", malcamuffato in battute pur sempre di dubbio gusto ("Oh, you are Italian: spagedi, mandulin, maffia - capesce? Ah, ah, ah..." - beh, dopo un secolo ormai un monotono mantra tipo rituale mungitura di palle!)

   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un sogno che non muore mai

(ma per cui spesso si muore!)

 

                                   

 

                                   

Da noi - a parte il Ventennio Fascista - non stiamo  parlando di chi fugga per la vita da guerre e persecuzioni: quelli si chiamano “rifugiati” umanitari o politici!

 

Perché il diritto di “asilo”, dal Greco antico άσυλον, fa parte della nostra cultura fin dall'antichità come “consuetudine di ospitalità”, già praticato da Egiziani, Greci, Romani ed Ebrei, poi tradizione occidentale come diritto umano di protezione e immunità (nella Roma antica “Asylum la depressione tra Arx e Capitolium legata alla leggenda di Romolo, per cui a chiunque lo avesse raggiunto la nuova città avrebbe garantito accoglienza e protezione, cioè dato “asilo”, un diritto esteso addirittura agli schiavi!).

 

 

La Convenzione Europea per la Salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà Fondamentali - CEDU - è stata firmata a Roma il 4 novembre 1950 ed è entrata in vigore il 3 settembre 1953, il Diritto d'Asilo nell'Unione Europea si rifà al Regolamento Dublino II (Regolamento CE n. 343/2003), a sostituire la precedente del 1990, la Normativa ONU consiste poi nell'Articolo 14 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo.
 

No, stiamo parlando di emigrazione... “volontaria”!

 

 

Comunque anche la grande emigrazione estera italiana ha sempre come cause la stessa diffusa povertà di intere macroaree, la stessa acuta mancanza di lavoro, la tanta voglia di riscatto da parte di chi sia stato troppo a lungo ignorato, umiliato o emarginato in Patria, la stessa speranza di un futuro migliore per i propri figli.

 

Per non parlare dell'altro scandaloso fenomeno dell'emigrazione cosiddetta “interna” già dalla seconda metà dell'Ottocento e primi del Novecento (soprattutto dagli “irredenti” Trentino-Alto Adige e Venezia Giulia), poi durante il Secondo Dopoguerra, Anni Cinquanta e Sessanta, quella dalle campagne alle città e quella altrettanto epocale dal Sud al Nord, verso le città industriali.

 

 

Solo in Stati Uniti d'America, Brasile e Argentina vivono attualmente circa 80 milioni di oriundi italiani, molti di più degli Italiani in Italia (nel piccolo Uruguay addirittura ben oltre il 40% della popolazione è di discendenza italiana).

Per non finire a riparlare di quella
mezza Nord Italia che è e rimane notoriamente “terrona”!...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Una volta i corpi allineati a terra dei migranti annegati erano anche di Italiani, come nel 1906 al naufragio del piroscafo "Sirio" che, salpato da Genova il 2 agosto per il Brasile, Uruguay e Argentina, solo due giorni dopo, navigando a tutta forza di fronte a del Capo Palos a Cartagena, sulla costa mediterranea della Spagna, si incaglia, sbalzando violentemente con la prua e inabissandosi a poppa: nel panico generale saranno oltre 500 le vittime.

 

Oggi decine di migliaia di nuovi migranti muoiono ancora tentando di raggiungere clandestinamente l'Unione Europea, soprattutto vittime di naufragi nell'intero Mediterraneo, da Est ad Ovest: nel drammatico 3 ottobre 2013, al largo di Lampedusa, perdono la vita 368 delle circa 500 persone stipate su quel maledetto barcone, molte delle quali, come racconteranno i testimoni, bambini vestiti a festa, la festa per una nuova vita, lontano da guerre, persecuzioni, fame e povertà...

   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Nella speranza di una qualche

  spontanea e salutare riflessione...”