"Squadra e compasso", emblema della Massoneria dal XVII sec codificato

dal XVIII sec, insieme con il Libro della Legge Sacra, le "grandi luci" della

Libera Muratorìa, due utensili dei muratori - la squadra a rappresentare la

materia, la realtà oggettiva, e il compasso la mente e lo spirito,

l'astrazione, il giudizio soggettivo - perché è partendo dalla Legge che il

Massone inizia a costruire...

 

La Loggia Massonica "Propaganda Due" rinnega documentatamente tutto

questo quale organizzazione di carattere criminale ed eversivo al centro

dei principali scandali della storia italiana di trent'anni:

 

- strage del treno Italicus

- strage di Bologna

- strage di Ustica

- strage di Piazza Fontana

- strage del Rapido 904

- omicidio Calvi

- omicidio Pecorelli

- omicidio Olof Palme

- omicidio Semerari

- colpo di stato militare in Argentina

- tentativo di colpo di stato di Junio Valerio Borghese

- tentativo di colpo di stato dell'organizzazione segreta italiana di stampo

neofascista "Rosa dei Venti"

- caso dei dossier illegali del SIFAR

- operazione "Minareto"

- falso rapimento Sindona

- tentativo di depistamento durante il rapimento Moro

- rapimento Bulgari

- rapimento Ortolani

- rapimento Amedeo

- rapimento Danesi

- rapimento Amati

- rapporti con la banda della Magliana

- rapporti con la banda dei Marsigliesi

- inchiesta sul traffico di armi e droga del giudice Carlo Palermo

- riciclaggio narcodollari (caso Locascio)

- caso Cavalieri del Lavoro di Catania

- fuga di Herbert Kappler

- crack Sindona

- crack Banco Ambrosiano

- crack Finabank

- scandali finanziari legati alla Banca Vaticana IOR - Istituto per le Opere

di Religione (!?)

- caso Rizzoli-Corriere della Sera

- caso SIPRA-Rizzoli

- scandalo dei Petroli

- caso M. Fo. Biali

- caso Eni-Petronim

- caso Kollbrunner

- cospirazione politica e truffa di Antonio Viezzer

- cospirazione politica di Raffaele Giudice

- cospirazione politica di Pietro Musumeci

- cospirazione politica e falsificazione documenti di Antonio La Bruna

- finanziamenti FIAT alla massoneria

- "Tangentopoli"...

 

Con una lista di 963 "affiliati" resa pubblica, molte le personalità di

altissimo rilievo politico, giudiziario, storico, economico e culturale:

 

- 59 parlamentari

- 2 ministri

- un segretario di partito

- 12 generali dei Carabinieri

- 5 generali della Guardia di Finanza

- 22 generali dell'Esercito Italiano

- 4 generali dell'Aeronautica Militare

- 8 ammiragli della Marina Militare

- ma in tutto ben 119 alti ufficiali (50 dell'Esercito, 37

della Guardia di Finanza, 32 dei Carabinieri)

- 22 dirigenti di Polizia

- un giudice costituzionale

- magistrati

- funzionari pubblici

- direttori e funzionari dei vari servizi segreti

- docenti universitari

- 8 direttori di giornali

- 4 editori

- 22 giornalisti

- 128 dirigenti di aziende pubbliche

- diplomatici

- imprenditori...

 

Secondo l'Articolo 1 della "Legge Anselmi" sulla Loggia P2 definita così:

 

"Si considerano associazioni segrete, come tali vietate dall'Articolo 18

della Costituzione, quelle che, anche all'interno di associazioni palesi,

occultando la loro esistenza ovvero tenendo segrete congiuntamente

finalità e attività sociali ovvero rendendo sconosciuti, in tutto od in parte

ed anche reciprocamente, i soci, svolgono attività diretta ad interferire

sull'esercizio delle funzioni di organi costituzionali, di amministrazioni

pubbliche, anche ad ordinamento autonomo, di enti pubblici anche

economici, nonché di servizi pubblici essenziali di interesse nazionale".

 

Eppure...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Italia nostra

 

                                   

Tana liberi tutti!”

 

                                   

 

                                   

Il cosiddetto

 

                                   

“Piano di Rinascita

 

                                   

Democratica”

 

                                   

della Loggia Massonica

 

                                   

“Propaganda Due”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il cosiddetto “Piano di Rinascita Democratica” - o

“Programma di Rinascita Nazionale” o semplicemente

“Il Piano” - viene trovato nel luglio 1982 durante un

controllo di sicurezza all'Aeroporto romano di Fiumicino.

 

Era maldestramente nascosto nel “doppiofondo” di una

valigia appartenente a Maria Grazia Gelli, figlia del

“Gran Maestro” - già “Ispettore Nazionale

Organizzazione Fascio Combattimento Estero” - Licio

Gelli e sequestrato insieme ad un memorandum sulla

situazione politica in Italia.

 

 

Viene successivamente “pubblicato” nella esatta forma

qui di seguito riportata negli “Atti della Commissione

Parlamentare d'Inchiesta sulla Loggia Massonica P2

- IX Legislatura, Allegati alla “relazione” serie II.

 

Questa è la documentazione raccolta dalla Commissione

“Volume terzo Documenti citati nelle relazioni Tomo

VII-bis, Doc. XXIII n. 2-quater/3/VII-bis, pp. 611-

625”.

 

 

Il “Piano si presenta con evidenza quale parte

“essenziale del programma della “P2”, la Loggia

Massonica “Propaganda Due”.

 

Descrive in sufficiente “dettaglio una strategia di

completa “penetrazione” degli apparati democratici

italiani, allo scopo di “assimilarli in un nuovo sistema

di “autoritarismo legale”, sviluppato partendo dal

sistematico e progressivo “controllo” dell'informazione,

sia “di Stato che “di massa.

 

 

Questo “piano di golpe soft formula un chiaro

obiettivo “centrale” nel programmare “azioni di

Governo, “comportamento politico ed economico,

“riforme legislative in un succedersi che si spinge fino

a modificare la stessa Costituzione della Repubblica

Italiana.

 

Tutto ciò al fine di

 

                                   

 

                                   

…rivitalizzare

 il sistema

 

attraverso la sollecitazione

di tutti gli istituti

 

che la Costituzione

prevede e disciplina

 

dagli organi dello Stato

ai partiti politici

  

alla stampa

ai sindacati

 

ai cittadini elettori…”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lo scioglimento a fine 1981 della P2 da parte del Parlamento con una legge

solo un atto formale, in realtà ne sopravvive il suo sistema di relazioni

politiche, finanziarie e criminali.

 

Lo stesso “gran fascista” Licio Gelli, nonostante una condanna a 12 anni di

carcere (ma solo per bancarotta fraudolenta del Banco Ambrosiano!),

rimarrà in pratica a piede libero fino alla morte nel 2015.

 

 

Resterà in detenzione “domiciliare” nella sua Villa Wanda di Arezzo, non

più "Venerabile maestro" della Loggia P2, ma "Commendatore" o "Conte",

titolo nobiliare conferitogli nel 1980 da Umberto II Savoia ultimo Re

d'Italia in esilio, con a disposizione un'enorme patrimonio per continuare a

tessere i suoi intrighi.

 

Addirittura "intervistato", "pubblicizzato" e "miticizzato" con la complicità

dei mass media anche pubblici, presenta libri con aria sorniona:

 

"La P2? La rifarei tranquillamente.

Ma non ce ne sarebbe neanche bisogno!"

 

Missione compiuta!

 

"Il mio piano rinascita ha trionfato... Berlusconi se n'è letteralmente

abbeverato, la giustizia e le carriere separate dei giudici, le tv, i club

rotariani in politica...

Già, proprio come Forza Italia.

 

Apprezzo che non abbia mai rinnegato la sua iscrizione alla P2, e del resto

come poteva?

Ma anche la bicamerale di sinistra dell'88 ne aveva fatta sua una parte,

sposando il riferimento al presidenzialismo...".

c

                                   

c

                                   

c

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Piano

a grandi linee

 

                                   

 

                                   

Lasciato smorzare lo scandalo della scoperta della P2

senza di fatto altro che plateali giochi di corte, atto di

estrema piattitudine politica, etica e morale da parte

delle classi dirigenti italiane in ogni ambito della società

ed in modo particolare dei Governi a succedersi, il Piano

di Rinascita Democratica “sopravvive”.

 

Non solo, ma inizia a trovare puntuale, palese

attuazione nel corso degli anni nell'evoluzione o

“involuzione”, che dir si voglia, della vita politica del

Paese: a livello istituzionale, economico, imprenditoriale

e - soprattutto e senza possibilità di paragoni con alcun

altro Paese “democratico” al mondo - mediatico.

 

 

Due blocchi, due “partiti” - bipolarismo ovvero

“bipartitismo”.

 

Si “semplifica” la scena politica al fine di un migliore

“controllo”: Partito Socialista Italiano, Partito Socialista

Democratico Italiano, Partito Repubblicano Italiano,

Liberali di sinistra e Democratici Cristiani progressisti

accorpati da una parte e Democratici Cristiani

conservatori, Liberali e Democratici della Destra

Nazionale dall'altra…

 

 

La proiezione futura porterà rispettivamente al Partito

Democratico da una parte e dall'altra il Popolo della (o

“delle”) Libertà, il cui leader Silvio Berlusconi risulta

documentatamente iscritto alla P2, con il numero 625, e

piduisti in entrambe le formazioni.

 

Interessante notare come l'avvio del “cambiamento” o

“rinnovamento” o come lo si voglia chiamare sia stato

dato dagli “oppositori” di Berlusconi - tutt'un gioco?

 

                                   

 

                                   

c

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Libera” informazione pressoché “azzerata” - “scalata”

ai mass media.

 

“Acquisizione” - e, quindi, controllo - dei maggiori

quotidiani, “liberalizzazione” - e, quindi, controllo -

delle emittenti televisive, con quelle private che

dilagano nel Paese passando da regionali a nazionali e

quelle pubbliche sistematicamente “smembrate” e

“ricomposte” a proprio tornaconto.

 

Di conseguenza la “formazione” di una qualsivoglia

“opinione pubblica” viaggerà da ora in poi e chissà per

quanto su monorotaia

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Il testo “integrale”

del Piano

 

                                   

 

                                   

Trascrizione ufficiale della Commissione Parlamentare

d'Inchiesta sulla Loggia Massonica P2, i testi evidenziati

nel documento originale attraverso sottolineatura qui

riportati in rosso.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

P R E M E S S A

 

 

1. L'aggettivo democratico sta a significare

che sono esclusi dal presente piano ogni

movente od intenzione anche occulta di

rovesciamento del sistema.

 

2. Il piano tende invece a rivitalizzare il

sistema attraverso la sollecitazione di tutti

gli istituti che la Costituzione prevede e

disciplina, dagli organi dello Stato ai

partiti politici, alla stampa, ai sindacati, ai

cittadini elettori.

 

3. Il piano si articola in una sommaria

indicazione di obiettivi, nella elaborazione

di procedimenti - anche alternativi - di

attuazione ed infine nella elencazione di

programmi a breve, medio e lungo

termine.

 

4. Va anche rilevato, per chiarezza, che i

programmi a medio e lungo termine

prevedono alcuni ritocchi alla Costituzione

- successivi al restauro del libero gioco

delle istituzioni fondamentali - che, senza

intaccarne l'armonico disegno originario,

le consentano di funzionare per garantire

alla nazione ed ai suoi cittadini libertà e

progresso civile in un contesto interno e

internazionale ormai molto diverso da

quello del 1946.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

O B I E T T I V I

 

 

1. Nell'ordine vanno indicati:

 

a. i partiti politici democratici, dal PSI al

PRI, dal PSDI alla DC ed al PLI (con

riserva di verificare la Destra

Nazionale);

 

b. la stampa, escludendo ogni operazione

editoriale, che va sollecitata al livello di

giornalisti attraverso una selezione che

tocchi soprattutto: Corriere della Sera,

Giorno, Giornale, Stampa, Resto del

Carlino, Messaggero, Tempo, Roma,

Mattino, Gazzetta del Mezzogiorno,

Giornale di Sicilia per i quotidiani; e,

per i periodici: Europeo, Espresso,

Panorama, Epoca, Oggi, Gente, Famiglia

Cristiana.

 

La RAI-TV non va dimenticata;

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

c. i sindacati, sia confederali CISL e UIL,

sia autonomi, nella ricerca di un punto

di leva per ricondurli alla loro naturale

funzione anche al prezzo di una

scissione e successiva costituzione di

una libera associazione dei lavoratori;

 

d. il Governo, che va ristrutturato nella

organizzazione ministeriale e nella

qualità degli uomini da preporre ai

singoli dicasteri;

 

e. la magistratura, che deve essere

ricondotta alla funzione di garante della

corretta escrupolosa applicazione delle

leggi;

 

f.  il Parlamento, la cui efficienza è

subordinata al successo dell'operazione

sui partiti politici, la stampa ed i

sindacati.

 

 

2. Partiti politici, stampa e sindacati

costituiscono oggetto di sollecitazioni

possibili sul piano della manovra di tipo

economico-finanziario.

 

La disponibiltà di cifre non superiori a 30

o 40 miliardi sembra sufficiente a

permettere ad uomini di buona fede e ben

selezionati di conquistare le posizioni

chiave necessarie al loro controllo.

 

Governo, Magistratura e Parlamento

rappresentano invece obiettivi successivi,

accedibili soltanto dopo il buon esito della

prima operazione, anche se le due fasi

sono necessariamente destinate a subire

intersezioni e interferenze reciproche,

come si vedrà in dettaglio in sede di

elaborazione dei procedimenti.

 

 

3. Primario obiettivo e indispensabile

presupposto dell'operazione è la

costituzione di un club (di natura

rotariana per l'etereogenità dei

componenti) ove siano rappresentati, ai

migliori livelli, operatori, imprenditoriali e

finanziari, esponenti delle professioni

liberali, pubblici amministratori e

magistrati nonché pochissimi e selezionati

uomini politici, che non superi il numero di

30 o 40 unità.

 

Gli uomini che ne fanno parte debbono

essere omogenei per modo di sentire,

disinteresse, onestà e rigore morale, tali

cioè da costituire un vero e proprio

comitato di garanti rispetto ai politici che

si assumeranno l'onere dell'attuazione del

piano e nei confronti delle forze amiche

nazionali e straniere che lo vorranno

appoggiare.

 

Importante è stabilire subito un

collegamento valido con la massoneria

internazionale.”

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

P R O C E D I M E N T I

 

 

1. Nei confronti del mondo politico occorre:

 

a. selezionare gli uomini - anzitutto - ai

quali può essere affidato il compito di

promuovere la rivitalizzazione di

ciascuna rispettiva parte politica (Per il

PSI, ad esempio, Mancini, Mariani e

Craxi; per il PRI: Visentini e Bandiera;

per il PSDI: Orlandi e Amadei; per la

DC: Andreotti, Piccoli, Forlani, Gullotti e

Bisaglia; per il PLI: Cottone e Quilleri;

per la Destra Nazionale

(eventualmente): Covelli);

 

b. in secondo luogo valutare se le attuali

formazioni politiche sono in grado di

avere ancora la necessaria credibilità

esterna per ridiventare validi strumenti

di azione politica;

 

c. in caso di risposta affermativa, affidare

ai prescelti gli strumenti finanziari

sufficienti - con i dovuti controlli - a

permettere loro di acquisire il

predominio nei rispettivi partiti;

 

d. in caso di risposta negativa usare gli

strumenti finanziari stessi per

l'immediata nascita di due movimenti:

l'uno, sulla sinistra (a cavallo fra PSI-

PSDI-PRI-Liberali di sinistra e DC di

sinistra), e l'altra sulla destra (a cavallo

fra DC conservatori, liberali e

democratici della Destra Nazionale).

 

Tali movimenti dovrebbero essere

fondati da altrettanti clubs promotori

composti da uomini politici ed

esponenti della società civile in

proporzione reciproca da 1 a 3 ove i

primi rappresentino l'anello di

congiunzione con le attuali parti ed i

secondi quello di collegamento con il

mondo reale.

 

Tutti i promotori debbono essere

inattaccabili per rigore morale,

capacità, onestà e tendenzialmente

disponibili per un'azione poltica

pragmatistica, con rinuncia alle

consuete e fruste chiavi ideologiche.

 

Altrimenti il rigetto da parte della

pubblica opinione è da ritenere

inevitabile.

 

 

2. Nei confronti della stampa (o, meglio, dei

giornalisti) l'impiego degli strumenti

finanziari non può, in questa fase, essere

previsto nominatim.

 

Occorrerà redigere un elenco di almeno 2

o 3 elementi per ciascun quotidiano o

periodico in modo tale che nessuno sappia

dell'altro.

 

L'azione dovrà essere condotta a macchia

d'olio, o, meglio, a catena, da non più di 3

o 4 elementi che conoscono l'ambiente.

 

Ai giornalisti acquisti dovrà essere

affidato il compito di "simpatizzare" per

gli esponenti politici come sopra prescelti

in entrambe le ipotesi alternative 1c e 1d.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

In un secondo tempo occorrerà:

 

a. acquisire alcuni settimanali di battaglia;

 

b. coordinare tutta la stampa provinciale e

locale attraverso una agenzia

centralizzata;

 

c. coordinare molte TV via cavo con

l'agenzia per la stampa locale;

 

d. dissolvere la RAI-TV in nome della

libertà di antenna ex art. 21 Costit.

 

 

3. Per quanto concerne i sindacati la scelta

prioritaria è fra la sollecitazione alla

rottura, seguendo cioè le linee già

esistenti dei gruppi minoritari della CISL e

maggioritari dell'UIL, per poi agevolare la

fusione con gli autonomi in una libera

confederazione, oppure, senza toccare gli

autonomi, acquisire con strumenti

finanziari di pari entità i più disponibili fra

gli attuali confederali allo scopo di

rovesciare i rapporti di forza all'interno

dell'attuale trimurti.

 

Gli scopi reali da ottenere sono:

 

a. restaurazione della libertà individuale

nelle fabbriche e aziende in genere per

consentire l'elezione dei consigli di

fabbrica con effettive garanzie di

segretezza del voto;

 

b. ripristinare per tale via il ruolo effettivo

del sindacato di collaboratore del

fenomeno produttivo in luogo di quello

illegittimamente assunto di

interlocutore in vista di decisioni

politiche aziendali e governative.

 

Sotto tale profilo, la via della scissione e

della successiva integrazione con gli

autonomi sembra preferibile anche ai fini

dell'incidenza positiva sulla pubblica

opinione di un fenomeno clamoroso come

la costituzione di un vero sindacato che

agiti la bandiera della libertà di lavoro e

della tutela economica dei lavoratori.

 

Anche in termini di costo è da prevedere

un impiego di strumenti finanziari di

entità inferiori all'altra ipotesi.

 

 

4. Governo, Magistratura e Parlamento 

 

È evidente che si tratta di obiettivi nei

confronti dei quali i procedimenti

divengono alternativi in varia misura a

seconda delle circostanze.

 

È comunque intuitivo che, ove non si

verifichi la favorevole circostanza di cui in

prosieguo, i tempi brevi sono - salvo che

per la

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Magistratura - da escludere essendo i

procedimenti subordinati allo sviluppo di

quelli relativi ai partiti, alla stampa ed ai

sindacati, con la riserva di una più rapida

azione nei confronti del Parlamento ai cui

componenti è facile estendere lo stesso

modus operandi già previsto per i partiti

politici.

 

Per la Magistratura è da rilevare che

esiste già una forza interna (la corrente di

magistratura indipendente della Ass. Naz.

Mag.) che raggruppa oltre il 40% dei

magistrati italiani su posizioni moderate.

 

È sufficiente stabilire un raccordo sul

piano morale e programmatico ed

elaborare una intesa diretta a concreti

aiuti materiali per poter contare su un

prezioso strumento già operativo

nell'interno del corpo anche ai fini di

taluni rapidi aggiustamenti legislativi che

riconducano la giustizia alla sua

tradizionale funzione di elemento di

equilibrio della società e non già di

eversione.

 

Qualora invece le circostanze

permettessero di contare sull'ascesa al

Governo di un uomo politico (o di una

équipe) già in sintonia con lo spirito del

club e con le sue idee di “ripresa

democratica”, è chiaro che i tempi dei

procedimenti riceverebbero una forte

accelerazione anche per la possibilità di

attuare subito il programma di emergenza

e quello a breve termine in modo

contestuale all'attuazione dei

procedimenti sopra descritti.

 

In termini di tempo ciò significherebbe la

possibilità di ridurre a 6 mesi ed anche

meno il tempo di intervento, qualora

sussista il presupposto della disponibilità

dei mezzi finanziari.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

P R O G R A M M I

 

 

Per programmi s'intende la scelta, in scala di

priorità, delle numerose operazioni da

compiere in forma di:

 

a. azioni di comportamento politico ed

economico;

 

b. atti amministrativi (di Governo);

 

c. atti legislativi;

 

necessari a ribaltare - in concomitanza con

quelle descritte in materia di procedimenti -

l'attuale tendenza al disfacimento delle

istituzioni e, con essa, alla disottemperanza

della Costituzione i cui organi non

funzionano più secondo gli schemi originali.

 

Si tratta, in sostanza di “registrare” - come

nella stampa in tricromia - le funzioni di

ciascuna istituzione e di ogni organo relativo

in modo che i rispettivi confini siano

esattamente delimitati e scompaiano le

attuali aree di sovrapposizione da cui

derivano confusione e indebolimento dello

Stato. 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

A titolo di esempio, si considerino due

fenomeni:

 

1. lo spostamento dei centri di potere reale

del Parlamento ai sindacati e dal Governo

ai padronati multinazionali con i

correlativi strumenti di azione finanziaria.

 

Sarebbero sufficienti una buona legge

sulla programmazione che rivitalizzi il

CNEL ed una nuova struttura dei Ministeri

accompagnate da norme amministrative

moderne per restituire ai naturali

detentori il potere oggi perduto;

 

2. l'involuzione subita dalla scuola negli

ultimi 10 anni quale risultante di una

giusta politica di ampliamento dell'area di

istruzione pubblica, non accompagnata

però dalla predisposizione di corpi docenti

adeguati e preparati nonché dalla

programmazione dei fabbisogni in tema

d'occupazione.

 

Ne è conseguenza una forte e pericolosa

disoccupazione intellettuale - con gravi

deficienze invece nei settori tecnici -

nonché la tendenza ad individuare nel

titolo di studio il diritto al posto di lavoro.

 

Discende ancora da tale stato di fatto la

spinta all'equalitarismo assolto (contro la

Costituzione che vuole tutelare il diritto

allo studio superiore per i più meritevoli)

e, con la delusione del non inserimento, il

rifugio nella apatia della droga oppure

nell'ideologia dell'eversione anche

armata.

 

Il rimedio consiste: nel chiudere il

rubinetto del preteso automatismo: titolo

di studio = posto di lavoro; nel

predisporre strutture docenti valide; nel

programmare, insieme al fenomeno

economico, anche il relativo fabbisogno

umano; ed infine nel restaurare il principio

meritocratico imposto dalla Costituzione.

 

Sotto molti profili, la definizione dei

programmi intersecherà temi e notazioni già

contenuti nel recente Messaggio del

Presidente della Repubblica - indubbiamente

notevole - quale diagnosi della situazione del

Paese, tenendo, però, ad indicare terapie più

che a formulare nuove analisi.

 

Detti programmi possono essere resi

esecutivi - occorrendo - con normativa

d'urgenza (decreti legge).