Il lungomare di Trogir, la "Riva", che a Sud da accesso alla Centro Storico della

cittadina dalla Porta Marittima, incastonata in quel poco che resta delle antiche

mura perimetrali.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Vivere bene

 

                                   

 

                                   

“Si tibi deficiant medici,

medici tibi fiant haec tria:

 

mens laeta

requies

moderata diaeta

 

 

“Se non hai medici [cui rivolgerti],

ti siano medici queste tre regole [di vita]:

 

animo sereno

quiete ristoratrice

dieta moderata

 

Dal "Regimen Sanitatis Salernitanum", "Le regole d'oro per una buona salute

raccomandate dalla Scuola Medica Salernitana"

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

"Citą De Trau De Dalmacia", tipica carta prospettica veneziana del 1573 a

riprodurre molto dettagliatamente, a destra/Est la Baia di Spalato, sopra/Nord la

Costa Dalmata con le sue catene montuose che la separano dalla Bosna i

Herzegovina, e, al centro, l'isolotto fortificato della Cittą di Trał/Trogir , la greca

"Isola delle Capre", con, in primo piano, l'Isola di Bua o "delle Vacche", oggi in

Croato chiamata Čiovo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ricerche storiche

 

                                   

sull'antica farmacia di Trał

 

                                   

 

                                   

I primi documenti storici in grado di confermare la presenza

di una per il tempo modernissima attivitą di farmacia nella Cittą

di Trał datano alla seconda metą del 1271.

 

Questo per quanto riguarda la sua “presenza attiva”, perché

circa la sua “apertura” č dato ragionevolmente a dedurre che

risalga ad anni ancora precedenti.

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

Sigillo della Cittą di Trał risalente al XIV secolo, con la rappresentazione di Sveti

Ivan Trogirski, ovvero San Giovanni da Trał. 

 

Gią eremita del monastero benedettino camaldolese di Ossero/Osor, sull'isola di

Cherso/Cres, nell'Arcipelago del Quarnero/Kvarner vicino ad Istria.

 

Vescovo e Patrono della Comunitą per averla difesa con successo dal Re d'Ungheria

Colomanno nel 1105, tal Giovanni "Ursino"  sembrerebbe appartenere al grande

casato degli "Orsini".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli atti di vendita della farmacia 

datati A.D. 1271

 

                                   

 

                                   

Per comprendere appieno la dimensione di cosa esattamente

questa data implichi, si tenga conto del contesto geo-sociale e

storico-temporale in cui di fatto la prima farmacia in Europa

apre per certo nell'Italia Meridionale e proprio a metą del

XIII sec!

 

Non a caso sono gli anni in cui in Occidente si da inizio alla

definitiva separazione fra assistenza medica e

farmacologia, ad opera dell'illuminato normanno l'Imperatore

Federico II, Re di Sicilia, e ciņ avviene in contemporanea

anche a Trał, gią allora riguardevole centro culturale.

 

 

Pił esattamente il 1° settembre 1271 in un primo atto

notarile tuttora conservato si legge:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

       

 

         

3.

   

 

                                   

 

 

1./9.1271.

 

 

C.  Die dicto, ante stacionem

Muccii Specialis,

praesentibus  Damiano domini

comitis Marini et Gregorio domini

Luce Mathei procuratore [...] na

clerico, testibus et Nicola Jacobi

examinatore [...]

 

   

 

                                   

"... davanti alla farmacia dello Speziale Muccio..."

 

Il primo riferimento in assoluto ad una farmacia in quel di Trał in un atto notarile in

Latino datato in calce al 1° settembre 1271, citando anche il nome del farmacista o

"speziale", tale Muccio, come riportata nel suol lavoro dallo storico croato don Miho

Barada.

 

Miho Barada nasce nel 1889 a Seget, villaggio di pescatori alla periferia di Trogir,

discendente di un'antica famiglia locale, i Giljanović, e in quei luoghi poi parroco:

laurea alla Facoltą di Filosofia di Zagabria, dottorato a Roma nel 1930, professore

di Storia della Chiesa presso la Facoltą Teologica Cattolica sempre a Zagabria,

redattore della rivista "Croazia Sacra", esperto di storia medievale croata ed

appassionato studioso di storia locale dei suoi tratti.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

La pagina originale di un secondo atto notarile, questo datato

29 ottobre 1271, riguardante l'atto di compravendita della

farmacia di Trał.

 

Il paragrafo evidenziato in rosso č quello specifico da cui riportato

quanto di seguito.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Poi il 29 ottobre successivo, nel medesimo Anno Domini

1271, si ritrova ancora la farmacia per la prima volta citata

ufficialmente, insieme ai nomi di due speziali, il venditore

“Muccio il farmacista”, di cui sopra al primo atto di acquisto,

e in nuovo acquirente acquirente, certo “Maestro Rolandino

Capponi farmacista”, in un secondo atto notarile, in cui si

dice:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

       

 

         

82.

   

 

                                   

29./10.1271.

 

C. [...] Muccius Specialis, filius

condam Leonardi de Malamauca

de Veneciis, vere fuit confessus

et manifestus, quod de denariis

qui pervenerunt ad rebus [...]

rebus et mercatariis stacionis

Magistri Rolandini Capponi

Specialis, ab ipso Muccio venditis

[...]

   

 

                                   

"... Muccio figlio di Leonardo da Malamocco di Venezia, confermato

pubblicamente di aver ricevuto [parziale] pagamento per la farmacia di

Trał, da lui stesso gią venduta al maestro Rolandino Capponi farmacista

completa di arredi e merci..."

 

Il passaggio saliente dall'atto, evidentemente redatto al fine di stabilire legalmente

le modalitą di saldo dell'acquisto, anch'esso a suo tempo pubblicato da don Miho

Barada e che ora fa parte di una collezione privata a Trogir.

 

La data di questo, il pił antico documento storico riguardante una farmacia in

Croazia, verrą di conseguenza considerata l'origine della tradizione farmaceutica

della cittą e celebrata annualmente a livello nazionale come "Giornata della

farmacologia".