Pagina dalle "Novae Constitutiones", ovvero De confectionibus et

simplicitibus medicinis, manoscritto di un codice descrittivo-procedurale

napoletano in Latino del 1330, oggi conservato presso la Biblioteca

Apostolica Vaticana della Città del Vaticano

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Approfondimento

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Evoluzione

 

                                   

della farmacologia

 

                                   

 

                                   

L'antico Occidente

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le prime notizie storiche sulle piante medicinali

risalgono al V sec aC, in Erodoto, che nelle “Storie”

riporta delle colture di ricino, mentre Ippocrate illustra

le procedure per estrarre l'olio, come proseguirà

Teofrasto nel secolo successivo.

 

Ippocrate viene universalmente riconosciuto come il

“padre della medicina” occidentale, in quanto in

un'appendice terapeutica alla sua opera clinica, pur

senza una trattazione organica e sistematica né

farmacognostica, farmacoterapeutica o tossicologica,

descrive circa 250 medicamenti.

 

 

Della medesima epoca l'inizio di una prima, rudimentale

sperimentazione scientifica dei tossici e dei

medicamenti allo scopo di precisarne le azioni ed

aumentarne così le possibilità d'utilizzo, accrescendone

la conoscenza anche con dei tentativi di ordinamento

sistematico.

 

Teofrasto di Efeso nei 15 volumi del “De historia

plantarum” descrive poi centinaia di piante e droghe,

come oppio, belladonna, aloe, scilla, felce maschio ecc,

molte delle quali ancora largamente sconosciute

all'epoca: questo lo rende il primo maestro della

botanica descrittiva.

 

 

I medici greci non si limitano all'uso di sostanze

“semplici o simplicia, ma ne utilizzano anche di

“composte o compositae, alcune delle quali alquanto

complesse, come nel caso dei cosiddetti “antidoti”.

 

È Mitridate che, temendo di venire avvelenato, si

prepara l'antidoto medicinale in seguito appunto

denominato mitridaticum, poi ulteriormente modificato

da Andromaco, medico personale di Nerone, col nome di

triaca o teriaca, miscela di ben 64 sostanze con

l'aggiunta di carne di vipera, considerata il toccasana

del tempo ed usata ininterrottamente fino al XIX sec

come tonico, stomachico e sedativo, in una miriade di

ricette “segrete” alcune delle quali con più di 100

sostanze secondo il principio che il più fa meglio del

meno.

 

 

Durante il lungo periodo dell'Impero Romano nel I sec

dC eccelle Pedanio Dioscoride di Anazarbo, considerato

a sua volta padre della farmacologia e della botanica

medica, con il suo “De materia medica”, trattato in 6

libri di cui l'ultimo dedicato proprio a veleni ed antidoti.

 

L'opera descrive circa 600 piante officinali e farmaci di

natura animale e minerale, come caolino e mercurio, in

pratica tutte le droghe medicinali allora conosciute e gli

effetti loro attribuiti, non più sistematizzando il

materiale in ordine alfabetico né in appendice a

malattie, testo di farmacognosia per eccellenza per tutto

il Medio Evo fino al Rinascimento.

 

 

Da menzionare anche Aulo Cornelio Celso, il “Cicerone

dei medici”, l'“Ippocrate romano”, autore della vasta

opera enciclopedica De medicina o “De re medica”, in

cui ordina i medicamenti secondo l'effetto curativo,

fornendo anche istruzioni su come applicare impacchi,

unguenti ed estratti di piante.

 

Della sua “De artibus” ci è pervenuto il solo libro De

medicina.

 

 

Altro enciclopedista latino dello stesso secolo è poi

Plinio, il naturalista, che dedica 8 dei 37 volumi della

sua Naturalis historia alle virtù terapeutiche delle

piante.

 

La sua opera è considerata più preziosa di quella di

Celso, perché ricca di tali informazioni storiche da dare

una visione più onnicomprensiva del sapere scientifico

del tempo, anche se, a dire il vero, alla quantità delle

notizie non sempre corrisponde un qualitativo

approfondimento critico, lasciando al contrario ampio

spazio a fantasie e superstizioni, anche in questo

comunque fedele specchio dell'epoca.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

La tradizionale Farmacia delle Erbe dell'antico Monastero di San Biagio,

in Umbria, precisamente a Nocera Umbra, a pochi chilometri da Assisi,

ancora oggi attivo come sede di un centro anti-stress e "percorsi

detossinanti".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da Galeno

 

                                   

agli Arabi

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ma il più famoso farmacista dell'antichità occidentale è

senz'altro Claudio Galeno, medico dei gladiatori a

Pergamo, Asia Minore, nel II sec dC, che, grazie al suo

“Methodus medendi”, un'opera di farmacoterapia in cui

esamina la capacità curativa dei medicamenti nella loro,

classificandoli in ordine alfabetico, viene a pieno diritto

considerato padre della farmacia, con tanto di scuola di

ricettistica medica secondo precisi format alcuni dei

quali ancora in uso ad oggi.

 

Nel suo “De simplicium medicamentorum

temperamentis et facultatibus”, opera in 11 volumi,

elenca poi 473 droghe vegetali, dando corpo a concetti

fondamentali, quali medicamenti “semplici” e

“composti”, come trasformare i primi nei secondi in

preparazioni farmaceutiche o “formulazioni” idonee alla

loro somministrazione, per cui “galenica” viene ancora

oggi denominata qualsivoglia preparazione

farmaceutica codificata in un testo ufficiale.

 

 

A seguito delle invasioni barbariche, con il conseguente

collasso dell'organizzazione socio-culturale dell'Impero

Romano, per tutto il Medio Evo l'evoluzione del sapere

medico ristagna o addirittura regredisce.

 

Quanto fino ad allora acquisito sulle proprietà

medicamentose o tossiche delle droghe viene anch'esso

trasmesso nel contesto del patrimonio intellettuale e

scientifico “classico”.

 

 

Questo trasferimento teorico e di know-how avviene da

un lato nei monasteri, attraverso la ricerca, la copiatura,

la traduzione ed il commento di antichi manoscritti ad

opera dei cosiddetti Padri della Chiesa - vedi ad

esempio i Codici di Montecassino, la Scuola di Tours, il

Chiostro di S. Gallo e quello di Bobbio vicino a Pavia,

Benedetto Crupo nel Settecento, Macer Floridus

nell'Ottocento...

 

I monaci inoltre, nella imposta economia di

sopravvivenza e autosufficienza, prendono a coltivare

nell'hortus conclusus dei chiostri anche piante officinali,

una pratica già propria degli antichi Romani nei giardini

delle ville e rilanciata in tutta Europa da Carlo Magno

con l'Editto “Capitulare de villis et curtis imperialibus”

dell'812.

 

 

Dall'altro lato ci sono le famose Scuola Araba, dei nuovi

padroni del Mediterraneo, e, in parallelo e a seguire,

Scuola Salernitana, legata ai loro successori, i

Normanni.

 

Gli Arabi, abili guerrieri dagli inizi, si dimostreranno

anche saggi conquistatori ed amministratori dell'eredità

culturale greco-romana, inclusa quella medica,

fondendola sapientemente con l'indiana ed

arricchendola abbondantemente di proprio.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La medicina cinese classica viene oggi considerata dall'Occidente come

"non convenzionale", ma allo stesso tempo si ha ragione di ritenerla il più

antico sistema medico conosciuto al mondo, con una farmacologia che

segue di per se i medesimi principi della nostra dietetica, utilizzando tutto

ciò che esiste nei tre i regni della natura - l'animale, il vegetale e il

minerale - sfruttando però preponderatamente la potenza energetica delle

droghe e dei farmaci (questi sotto forma di decotti, estratti, polveri,

compresse, capsule, creme e sciroppi), tanto da poter risultare tossica o

addirittura mortale per un occidentale che non vi sia abituato.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'antico Oriente

 

                                   

 

                                   

 

                                   

È degli inizi del II sec dC in India il testo di medicina

“Charakia samhita”, con oltre 500 droghe vegetali,

animali e minerali e relative prescrizioni.

 

Nella seconda metà del secolo poi in Cina le opere di

Chang Chung-Ching, di T'sang Kung e di Hua T'o, con

precise annotazioni relative a diverse droghe

medicinali, alcune delle quali usate anche a scopo

anestetico.

 

 

Attraverso la colonizzazione della Spagna e della Sicilia

gli Arabi introdurranno in Europa, oltre ad innovative

conoscenze filosofiche, umanistiche e scientifico-

matematiche, come la loro “algebra”, الجبر, al-ğabr o al-

djebr, ri-unione”, “connessione”, “completamento”, le

cifre da 0 a 9, studi e traduzioni di testi greci e latini,

oltre che invenzioni epocali come la carta, la stampa e la

polvere da sparo tutte dal lontano Oriente.

 

Notevoli i loro progressi di avanguardia nei campi

dell'arte, dell'architettura, dell'urbanistica,

dell'astronomia, dell'astrologia e della metallurgia, le

cui nozioni verranno attentamente documentate e

tramandate in trattati sempre più avanzati ed oggetto

di continui aggiornamenti, come il Libro degli

Alchimisti.

 

 

E fra tutto ciò anche notevoli progressi in agricoltura -

la “noria” faciliterà l’irrigazione dei campi e la

coltivazione di piante eduli fino ad allora sconosciute,

come la melanzana, il carciofo, l’asparago, il riso, il

limone, l'arancio e la canna da zucchero - e altrettanto

notevoli progressi in medicina con nuove droghe

vegetali, quali cannella, noce d'areca, moscata e

vomica, senna, tamarindo, canfora e manna per

nominarne alcune.

 

Insieme a studio e sperimentazione di nuovi medicinali a

base di erbe, nuove cure di malattie, alternative e

progredite, grazie anche a nuove forme farmaceutiche,

come sciroppi e tinture, frutto di preparazioni molto più

complesse, tanto da richiedere locali adatti alla preparazione,

le “farmacie”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La “cultura” araba non ha quindi nulla da invidiare a

quella latina e la stessa “lingua” araba viene

considerata nel Medioevo lo strumento della

comunicazione scientifica internazionale (come oggi

l'Inglese), utilizzata da Musulmani, Cristiani ed Ebrei.

 

Lo specifico sapere medico viene trasferito e divulgato

in apposite scuole, la più antica delle quali l'Università

Medica di Bagdad del IX sec, seguita 3-4 secoli più tardi

da ben 17 Università Mediche in Spagna e una in

Francia.

 

 

Tra i medici arabi, fino ad allora più esatti ed oggettivi

di quelli europei nel descrivere droghe e piante

medicinali rare.

 

Da ricordare Isacco “Giudeo” o Isacco Israeli o Abu

Jakub Ishak ben Soleiman el-Israili filosofo e medico

ebreo egiziano, tra i più notevoli rappresentanti della

Scuola Medica Araba, autore di opere di grande

diffusione in tutta Europa fino al Rinascimento, come il

suo libro “Sulle febbri” e quello “De particularibus

diaetis” (pubblicato a Padova nel 1487), “Averroè”

nell'Europa medievale ma ʾAbū al-Walīd Muhammad ibn

ʾAhmad ibn Rušd, أبو الوليد محمد ابن احمد ابن رشد‎, latinizzato

come Aven Roshd poi Averrhoës o Averroës, precursore

di Avicenna), “Avicenna” o Ibn Sīnā, alias Abū ʿAlī al-

Husayn ibn ʿAbd Allāh ibn Sīnā o Pur-Sina noto in

Occidente come “Avicenna”, in Persiano ابن سينا‎, intorno

all'anno Mille attivo medico, filosofo, matematico, logico

e fisico, Mesuè il Giovane, un furbo medico italiano

cristiano giacobita della Chiesa monofisita di Siria, che

prende il nome Mesuè pubblicando un “Antidotarium”,

Serapione, “il Vecchio o Yahyā ibn Sarafyūn siro del IX

sec noto nell'Europa latina come Johannes Serapion, e

“il Giovane” o Ibn Sarabi arabo del XII sec, come

tantissimi altri tra cui Jrm Batuta, Ibn Abi Usaybi'a, Abu

al-Salt, Zuhr ibn Abi Marwan Abu l-Ala, Ali ibn Ridwan,

Abu al-Qasim al-Zahrawi, Ibn al-Dhahabi, Ibn Hasan al-

Kattani, Al-Kirmani, Abu l-Faraj al-Tayyib, Alhazen, Ibn

al-Baytar, Ibn al-Jazzar, Ibn al-Khatib, Ibn al-Nafīs, Ibn

Butlan, Ibn Hubal, Yoná Ibn Yanáh, Ibn al-Quff, Ahmad

ibn Yusuf, Ibn Zuhr, Muhammad ibn Abdun al-Jabali,

Al-Dakhwar, Al-Harith ibn Kalada, Hayat Sindi,ʿAli ibn

Isa...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

A sinistra, vasetto contenitore da farmacia in maiolica spagnola per alghe

di tipo Alsidium Helminthochorton, detta anche "Corallina di Corsica", con

nota azione antelmintica, capace cioè di uccidere o espellere i vermi

parassiti intestinali o elminti in caso di verminosi.

 

A destra, vaso contenitore a brocca con becchetto per versare in maiolica

italiana  proveniente da Urbino del 1550 circa, per medicamenti di tipo

sciropposo o appiccicoso, detti in Arabo Loch, in Greco Eclicmata e in

Latino Linctus, per applicazioni lenitive sulla mucosa della gola in caso di

laringite, cordite o faringite o tossi violente, tra cui Loch De Pino, Loch De

Succo Caulium, Loch De Praffio, Loch De Scilla, o, come qui nello specifico,

A[qua] D[e] Farfara.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I farmaci

 

                                   

 

                                   

Il termine “farmaco”, dal Greco antico φάρμακον,

significa originariamente “veleno”, nel senso letterale

della parola, quale “sostanza in grado di compromettere

con effetto generale o selettivo, immediato o ritardato,

reversibile o non, fino alla morte dell’organismo

colpito”, e solo in seguito, idoneamente scelto e dosato,

con la moderna accezione positiva di “medicamento” o

“medicina”, nel senso di “veleno che scaccia veleno”.

 

Il latino venēnum invece riferirebbe etimologicamente a

Venus, la dea Venere del Pantheon romano, quindi con

lo specifico senso di piuttosto “filtro amoroso”, “pozione

magica”.

 

 

Le cosiddette “droghe” invece - siano esse vegetali,

animali o minerali - sono sostanze dotate di proprietà

farmacologiche.

 

Le più antiche, quelle vegetali, sono parti di piante non

affatto “trattate”, ma soltanto sapientemente preparate

e conservate per essere utilizzate tali e quali a fini

terapeutici.

 

 

Le cosiddette “piante officinali” o medicamentose - dal

Greco antico ìατρóς, iatrós, “medico” - o terapeutiche

risultano curative grazie a sostanze come oli, resine,

latici, contenute nelle loro foglie, radici, fiori, semi o

quant'altro).

 

La conoscenza e l’uso di tali piante “medicinali”, una

volta chiamate anche semplici, sono antichissimi,

certamente tra i primi e per molti secoli, anzi millenni,

unici rimedi contro disturbi e malattie.

 

 

Alcune di queste piante - digitale, salice, pervinca ecc. -

forniscono ancora oggi i “principi attivi” largamente

usati dall'industria farmaceutica, rispettivamente per

cardiotonici, aspirina, antitumorali ecc.

 

Questi principi altro non sono che composti chimici

contenuti nelle piante che hanno la capacità di agire

sull’organismo vivente animale, quali alcaloidi,

glucosidi, saponine, gomme, essenze, spesso

localizzabili in abbondanza in parti sopecifiche delle

piante.

 

 

Per questo motivo di alcune specie vegetali si usa tutta

la pianta, di altre il solo legno o la corteccia, la radice, il

bulbo, le foglie, i semi e la parte impiegata ovvero il

prodotto ottenuto prendono il nome di “droga

officinale”, vedi ad esempio l’oppio del papavero.

 

Molte delle piante officinali sono velenose, da cui

appunto il nome di farmaco, e la quantità dei loro

principi attivi risente sensibilmente sia del clima che del

terreno, senza dubbio più aromatiche nelle zone

climatiche temperate calde.

 

 

Importante è anche quando la raccolta delle piante

viene effettuata, il cosiddetto “tempo balsamico”,

quando cioè le loro parti sono più ricche di sostanze

utili, di regola in coincidenza della fioritura.

 

Quasi tutte le droghe vanno conservate, il più

comunemente disseccandole, nelle procedure artigianali

di produzione, ovvero liofilizzandole”, in quelle

industriali.

 

 

Moltissime delle piante officinali, tra cui le Asteracee,

come arnica, assenzio e camomilla, le Apiacee, come

anice e prezzemolo, le Lamiacee, come lavanda, menta,

salvia e timo, sono o sono state spontanee in natura ma

molte vengono oggi coltivate e le più aromatiche fra loro

utilizzate anche in gastronomia, enologia, pasticceria e

profumeria.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Droghe” e “farmaci”

Una nota distintiva

 

                                   

 

                                   

Il linguaggio cambia con la società che si evolve nei suoi

fenomeni di massa, per cui...

 

                                   

 

                                   

Oggi

nel comune linguaggio moderno

si definisce

 

droga

 

“una sostanza naturale o di sintesi

capace di modificare temporaneamente lo

stato psichico dell'individuo che è alla

ricerca di una condizione patologica del

piacere”.

 

                                   

 

                                   

Pertanto sono “droghe” tutte e solo quelle sostanze

capaci di provocare effetti stupefacenti o allucinogeni -

oppio, hashish, marihuana, peyote, morfina, cocaina,

eroina, mescalina, LSD, amfetamina, barbiturici e così

via - e “drogato” chiunque usi o sia sotto l'effetto di

sostanze voluttuarie.

 

 

Ma “droghe venivano e vengono ancora considerati e

chiamati anche alcuni alimenti, come il comunissimo

aglio, e spezie, quali ad esempio noce moscata, chiodi di

garofano, zafferano, cannella e molte molte altre,

utilizzate in cucina per rendere i cibi più appetibili e/o

digeribili.

 

                                   

 

                                   

In “farmacognosia

s'intende specificamente con

 

droga

 

“un corpo vegetale, animale o minerale

ovvero una parte di questo che contiene,

assieme ad altri componenti inattivi o di

scarso interesse farmacologico, una o più

sostanze farmacologicamente attive dette

principi attivi della droga.

 

                                   

 

                                   

La farmacognosia è il settore della farmacologia

dedicato al riconoscimento, lo studio e la descrizione

delle sostanze medicinali, in particolare quelle vegetali.

 

Ne consegue che più propriamente “droga sia quindi

sinonimo di “medicamento semplice” naturale, tanto

che nel Medio Evo tali droghe vengono appunto

chiamate “semplici” e “semplicista” chi prepara,

conserva e vende droghe vegetali a scopi medicinali.

 

                                   

 

                                   

Parimenti

si indica piuttosto con

 

farmaco

 

“un prodotto chimico complesso derivato,

sempre con proprietà farmacologiche,

capaci cioè di provocare una variazione

funzionale.

 

                                   

 

                                   

“Farmaci sarebbero quindi, ad esempio, fra molti altri

elementi, lo zolfo e l'arsenico.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

L'Imperatore Federico II, 1194-1250, effigiato a mo' di

condottiero antico-romano vittorioso, con la corona di

alloro, su un "augustale" d'oro da lui coniato in qualità di

Re di Sicilia.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il farmacista

 

                                   

 

                                   

Il “farmacista” diventerà la figura professionale

sanitaria dello specialista del farmaco, in grado di

preparare, fabbricare e controllare i medicinali, la loro

corretta dispensazione con la giusta posologia, per la

loro idoneità terapeutica ed effetti collaterali.

 

La sua specifica competenza scientifica lo autorizzerà a

consigliare farmaci e a svolgere funzioni

epidemiologiche, preventive e di educazione sanitaria

presso la popolazione.

 

 

I più antichi farmacisti o “somministratori di veleni” in

Occidente sono nell’Antica Grecia nella classe dei

cosiddetti ριξοτομοι, rhizotomoi, “tagliatori di radici”,

esperti nel raccogliere e preparare radici di piante

medicamentose.

 

Propriamente “tagliatori”, quindi di fatto “raccoglitori”

di radici, vale a dire conoscitori, raccoglitori, preparatori

e venditori di droghe medicinali.

 

 

Non di rado sono principalmente dei dotti scrittori ad

occuparsi di piante medicinali e, tra questi, Dioscoride è

considerato uno dei primi e più grandi maestri

dell'intero mondo greco-romano.

 

Contrapposta alla classe dei tagliatori, quella dei

φαρμαχπυλαι, girovaghi, che nelle piazze vendono le

loro medicine, un po' come i molto più recenti

“ciarlatani” (ma quelli seri...).

 

 

La figura professionale del farmacista vanta origini

altrettanto o addirittura più antiche in Oriente, fra cui il

classico “curatore” giapponese è quella più

paragonabile ad un moderno farmacista.

 

Ciò spiegabile naturalmente col fatto che l'Oriente abbia

terre così fertili, ricche di piante profumate, piante

aromatiche, succhi e resine salutari, come pure

antichissime tradizioni di utilizzo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sotto a sinistra, il cosiddetto "bastone di Asclepio", il dio della salute

nell'antico pantheon greco, l'Esculapio dei Romani, istruito nell'arte

medica dal centauro Chirone.

 

Antico simbolo associato alle arti sanitarie, il quale raffigura un serpente,

che, cambiando la pelle, sta per rinascita e fertilità, nel racconto di Adamo

ed Eva della Genesi anche associato alla Conoscenza del bene e del male,

ma qui attorcigliato intorno ad un bastone o verga, il più primordiale e

semplice degli strumenti.

 

(Da non confondere con il "caduceo" a due serpenti del dio Ermes, sotto a

destra!)

 

                                   

 

 

                                   

Sopra a destra, elegantissima spilla inglese da farmacista in oro

incastonata di diamanti, raffinato gioiello di Epoca Vittoriana, che riprende

la simbologia del cosiddetto "caducèo", in Greco antico κηρύκειον,

kērukeion, "la verga dell'araldo", ricorrente nella mitologia greco-egizia

come attributo di Hermes, dio della Parola e della Comunicazione,

messaggero degli dei, il Mercurio romano, e proprio per questo poi assurto

ad emblema dell'inviolabilità dell'ambasciatore.

 

Il dio mostra il caduceo per risolvere le dispute, come manifestazione

fisica dell'"Equilibrio immanente in natura" in tutte le cose e che dagli

esseri umani deve essere messo in tutte le loro azioni.

 

Infatti sul bastone sacro, simbolo di pace e prosperità, si attorcigliano due

esemplari di Zamenis Longissimus, un sepente detto anche "Colubro di

Esculapio", rappresentazione fisica del Bene e del Male, bilanciati

simmetricamente dalla bacchetta del dio a controllarne l'equilibrio, quindi

anche simbolo del potere di conciliare gli opposti, ripreso dall'alchemia

come segno di sintesi di due sostanze tra loro repellenti, come zolfo e

mercurio.

 

Il simbolo si rifà anche al leggendario "Ermete Trismegisto", "Erme-te"

dalla fusione di Hermes con Thot, dio egizio dei numeri, e "Trismegisto",

ovvero tre volte grandissimo, figura pre-classica e mitico fondatore della

filosofia ermetica, nei cui Corpus hermeticum il dio greco della salute

Asclepio descrive l'arte della telestiké, l'arte di richiamare o imprigionare

cioè angeli e demoni nelle statue "con l'aiuto di erbe, gemme e profumi".

 

La magia si evolverà nella medicina e l'alchemia genererà la chimica, frutti

entrambi della ragione, della conoscenza e dell'esperienza umana, da cui

le ali, simbolo dell'Hermes anche dio del Commercio e, quindi

dell'Intelligenza e dell'Astuzia, che entrano così anch'esse nel simbolismo

della "farmacopea", la guarigione fisica.

 

Nel simbolo caduceo della farmacia, i due serpenti vanno a rappresentare

nello specifico uno la dose terapeutica, il veleno curativo e vitale per il

paziente, cioè il farmaco, mentre l'altro la sua dose tossica, cioè il veleno

dannoso e perfino mortale, che il farmacista-speziale sa tenere separati

con il bastone grazie alla sua conoscenza, simboleggiata dalle ali, del

giusto dosaggio, perché, come Paracelso insegna, "tutto è veleno e nulla

esiste di non velenoso - è solo la dose che ne tiene l'effetto sotto

controllo!".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ora nell'Antica Grecia i rhizotomoi non solo ricercano

erbe e radici, ma di fatto curano con esse i pazienti,

esercitando un tutt'uno di doppia professione in qualità

di medico e di farmacista, uno stato di fatto che

resisterà in Europa almeno fino al XII sec.

 

Sarà in Italia che la figura del farmacista, chiamato

“speziale”, inizierà ad affermarsi come figura

professionale indipendente a partire dal XIII sec, un

vero professionista, autonomo ed altamente

riconosciuto.

 

 

Questo radicale cambiamento dovuto soprattutto alla

volontà riformista di Federico II di Svevia, Imperatore e

Sovrano colto ed illuminato del Regno di Sicilia,

fondatore dell'Università di Napoli, la quale ancora oggi

porta il suo nome.

 

Federico II eredita, assimila e promuove convintamente

la cultura araba, all'epoca senza dubbio più libera e

creativa e di molto superiore a quella europea in molti

ambiti, stimolando i suoi studiosi a dedicarsi a

matematica, scienze naturali e alchimia.

 

 

Sue le epocali riforme che separeranno e

regolamenteranno anche l'esercizio della professione

medica e quella dello speziale, definendone e

limitandone i reciproci rapporti, con  addirittura il

perentorio divieto di qualsivoglia forma di comune

associazione o arte.

 

Con la Scuola Medica Salernitana di Federico II come

modello, la più antica ed autorevole in Europa,

cronologicamente seconda soltanto alla Scuola Araba,

seguiranno presto altre scuole in Italia - in Toscana a

Firenze e Siena, in Veneto a Padova e Venezia, nel Lazio

a Roma, in Liguria Genova - come pure in tutta Europa.

 

 

Verranno costestualmente fissati i principi fondamentali

a regolamentazione della professione nei cosiddetti

“Statuti delle Arti degli Speziali”, che già poco più di un

secolo dopo, nel 1400, porteranno la “Corporazione

degli Speziali” ad essere considerata fra le più

prestigiose, una fra le più importanti ed ambite nella

società dell'epoca, compresa in quel di Firenze tra le

sette cosiddette “Arti Maggiori”.

 

A partire dalla seconda metà del Settecento la chimica

inizierà ad influenzare la terapia e nasceranno così sia i

primi trattati di farmacia che le prime “farmacopee”,

manuali sull'arte di preparare i farmaci, libri e

documenti inizialmente e per lungo tempo tutti in

Latino, infine la stessa nomenclatura alchimistica verrà

progressivamente sostituita da quella chimica.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Andrea Pisano, circa 1334, l'interno di una farmacia

dell'epoca in un bassorilievo, realizzato secondo i disegni di

Giotto, raffigurante lo speziale seduto, a destra, con un

classico vasetto in ceramica contenente degli estratti di cui

controlla il nome, con vicino a se probabilmente un

assistente o un medico con in mano un altro contenitore, e

di fronte alcune giovani clienti sulla sinistra nell'atto di dar

mano alle loro borse per pagare al farmacista il prezzo

richiesto per la droga.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La farmacia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il farmacista esercita la professione in “farmacia”

(branca della biologia e della medicina - scienza,

tecnica, preparazione e distribuzione - oggi

“farmacologia”), sia essa comunitaria od ospedaliera,

nell'industria farmaceutica, cosmetica e nutraceutica.

 

Nel nostro linguaggio comune il termine è decaduto

però a indicare piuttosto un luogo, il locale commerciale

in cui i farmaci vengono veduti.

 

 

È nell'antica Roma che nascono le prime vere e proprie

farmacie commerciali o Tabernae medicinae, nelle quali

il “pharmacotriba” non esercita più la medicina, ma si

limita a preparare e vendere rimedi medicamentosi,

all'occasione anche realizzando quei medicamenti

composti prescritti da un medico.

 

Dopo la stagnazione, se non la regressione, medievale,

va alla Scuola Medica Salernitana, la più antica in Italia,

il grande merito di riuscire ad assimilare la medicina

greco-romana e quella araba, senza lasciarsi

soppraffare dal loro misticismo, empirismo o

alchimismo.

 

 

La preesistente “Accademia di Medici” di Salerno del IX

sec si trasforma prima in “Scuola per Medici” verso il

1050 e poi, con un grande balzo in avanti ad opera di

Federico II, in “Università per medici e farmacisti” nel

1231, facendo meritare alla città, centro di eccellenza di

cultura e di erudizione scientifica dell'epoca, il titolo di

“Civitas hippocratica”.

 

Tra le opere importanti della Scuola Salernitana il

“Regimen sanitatis”, l'“Antidotarium” di Nicolao

Preposito, il “Liber de semplici medicina” di Matteo

Plateario, completa descrizione di tutte le droghe usate

dalla Scuola, e l'“Alphida”, un vocabolario di droghe e

malattie.

 

E nel contesto nasce sia la figura del “Lettore dei

semplici”, un elencatore ed illustratore” dei

medicamenti naturali, per lo più vegetali, che la prima

cattedra in “Lectura simplicium”, in pratica il primo

insegnamento ufficiale, se pur sostanzialmente

botanico, di Farmacologia e Farmacognosia in

Occidente.

 

 

Fino ad ora tutte le arti sanitarie vengono esercitate dal

medico, dato che le leggi in materia non distinguono fra

medico e farmacista o “speziale”.

 

È l'esplosivo commercio di droghe e spezie operato dalle

Repubbliche Marinare ad arricchirne enormemente il

numero, anche di quelle usate in medicina, per cui il

medico non riesce più da solo a conoscerle, riconoscerle,

acquistarle ed utilizzarle tutte.

 

 

Oltre a questo gli stessi procedimenti estrattivi sempre

più complessi e le preparazioni con procedure sempre

piu elaborate spingono la materia ven oltre i limiti della

pura competenza del medico praticante, fino ad arrivare

a richiedere degli specialisti di settore al servizio del

medico, dei “preparatori” specializzati.

 

Tale necessità, sperimentata dagli Arabi molti secoli

prima, li porta a formare i primi farmacisti e realizzare

le prime farmacie per la preparazione e la vendita di

medicamenti già nell'VIII sec a Bagdad.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Una dettagliata pianta della Città di Traù datata 1755 (l'orientamento

ribaltato!), sopra il Sud, con la Marina di fronte all'Isola di Bua e, in alto a

destra, il Castello del Camerlengo, "A", sotto il Nord, con i bastioni

pentagonali di difesa, di cui oggi rimane solo la Torre San Marco, "B", lo

stretto ponte fortificato tra l'isola e la terra ferma, con la strada verso

Spalato, sull'antico tracciato di quella antico-romana già di connessione a

Salona, lungo una fascia costiera all'epoca dedicata esclusivamente a

produzione agricola.

 

Quasi al centro il quartiere marcato in rosso, contassegnato con il numero

9 in legenda, è l'"Ospitale Publico" con annessa farmacia.  

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Editto di Melfi

 

                                   

raggiunge Traù

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In Italia le prime farmacie private nascono e si

diffondono a cavallo del XII e XIII sec, dapprima presso

corti di Principi e chiostri di ricche Confraternite, poi

anche pubbliche, senza alcuna regolamentazione al

riguardo, ma semplicemente affidandosi nella

preparazione di farmaci ad “Antidotari” ed i

“Dispensari”.

 

Nel XIII sec però la svolta, quando Federico II

nell'Italia Meridionale drasticamente vieta al medico di

preparare medicamenti, fissando con l'“Editto di Melfi”

del 1240 i regolamenti per l'apertura di “farmacie” e

favorendo la diffusione dei primi “Codici, “Ricettari” e

“Farmacopee”.

 

 

Una decisione imperiale con dirette conseguenze

nell'intera Europa, dove nel XIII e XIV sec vengono

adottati a tappeto disposizioni legislative simili e statuti

speciali. 

 

Le norme da ora in poi riguarderanno sia la professione

del farmacista, che l'insegnamento delle piante

medicinali, come lo “Statuto dell'Arte degli Speziali” del

1258 a Venezia e 1300 a Firenze, con l'Arte degli

Speziali sempre più distinta da quella dei Medici, e

molte saranno le farmacie pubbliche che apriranno in

tutta Europa, nel 1241 a Napoli, nel 1264 a Trier/Treviri

e a Schweidnitz, nel 1267 a Munster, nel 1271 a

Trogir/Traù...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

Decorazione su maiolica mediterranea della simbologia

farmaceutica: il sepente, dalla notte dei tempi a

rappresentare la vita (per gli antichi Romani lo spirito

protettore degli antenati nei larari delle loro abitazioni, dal

Latino lar[es] "focolare", a sua volta dall'Etrusco lar,

"padre") ed il pestello del farmacista.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nel Rinascimento le piante medicinali resteranno,

sempre più numerose, il principale mezzo terapeutico

per la cura delle malattie, quindi diventerà essenziale

saperle riconoscere, conoscerne le proprietà

terapeutiche e le eventuali sofisticazioni e, con

l'invenzione della stampa a caratteri mobili, fiorirà tutta

una nuova letteratura di codici farmaceutici,

“Compendi”, “Dispensari” e “Antidotari”.

 

Tra questi di particolare importanza “Paragranum” e

“Paramirum” del medico svizzero Paracelso, il “Lutero

della medicina”, nel XV-XVI sec, il quale studierà e

diffonderà l'uso di medicamenti chimici o spagirici,

come zolfo, mercurio, piombo, arsenico, zinco e

antimonio, sostenendo che la droga non costituisce

un'entità terapeutica inscindibile e dimostrando che

agisce attraverso quella chiama una quinta essenza, il

cosiddetto principio attivo.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

Miniatura dall'Enciclopedia Medica del X-XI secolo detta "Codice di

Avicenna" - latinizzato dall'Arabo ابن سينا, Ibn-Sina, o ابوعلى سينا, Abu Ali Sina

- una combinazione di medicina galenica e araba, rappresenta un episodio

storico a conferma della presenza attiva ed il ruolo delle donne nella

Scuola Medica Salernitana.

 

La vita del Duca di Normandia Roberto II, figlio di Guglielmo il

Conquistatore, ferito da una freccia avvelenata in Terrasanta durante la

Prima Crociata, viene salvata dalla moglie Sibilla di Conversano a sacrificio

della propria, succhiandogli il sangue secondo gli insegnamenti dei medici

salernitani.

 

In basso a destra la sepoltura di Sibilla e in alto a sinistra il corteo di

ringraziamento di Roberto ai medici salernitani che incontra sulla porta

della città, alto rappresentante dei quali il medico donna in abito bianco,

cui stringe le mani al centro, affiancata da due colleghi in abiti marroni.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Scuola Medica

 

                                   

Salernitana

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La posizione geografica di Salerno riveste sicuramente

grande importanza nella nascita e crescita della Scuola, porto

centrale del Mediterraneo esposto a influssi sia arabi

nord-africani che greco-bizantini, riscopre opere classiche

a lungo dimenticate nei monasteri benedettini cittadini del

quartiere Plaium Montis e della vicina Badia di Cava.

 

Alle pendici del Monte Bonadies la longobarda Noba Civitas

ospita monasteri e fabbriche benedettini sui

terrazzamenti giù verso il mare attraversati da flussi perenni

d'acqua ad irrigarne gli orti, e numerose sono le “spezierie”,

seguite dalle prime farmacie monastiche dette “armaria

pigmentariorum”, dove medici monaci conservano ed

essiccano estratti di piante officinali per curare i malati.

 

 

La fondazione della “Schola Salerni” risale senza dubbio

all'Alto Medioevo, a metà dell'VIII sec o quasi

sicuramente al IX sec, ma non esistono documenti che

possano comprovarne una data precisa, quindi tradizione e

leggenda suppliscono come solito a questo vuoto storico, con

il suo massimo splendore tra X e XIII sec.

 

Certo è che la Scuola è la prima e più importante

istituzione medica d'Europa nel Medioevo almeno a

partire dall'XI sec, da molti considerata la madre delle

università che poi fioriranno nel XII e XIII sec in tutto il

continente, precedente dunque a quelle di diritto a Bologna,

del 1088, di teologia e filosofia a Oxford, del 1096, e a Parigi,

del 1170, come pure delle consorelle di medicina a Montpellier,

del 1215, e a Padova, del 1222.

 

 

Lo stesso termine “università” nasce proprio con la Schola

dato che, oltre a medicina - con le donne ammesse sia come

insegnanti che come studenti - vi si tengono anche corsi di

filosofia, teologia e legge, un insegnamento “universale”

nei contenuti e nelle modalità.

 

Ne scriverà infatti Tommaso d'Aquino:

 

                                   

 

                                   

“Quattro sono

le città preminenti:

 

Parigi nelle scienze

Salerno nelle medicine

Bologna nelle leggi

Orleans nelle arti attoriali.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Pagina iniziale del manoscritto del compendio salernitano di medicina

Ephemerides-Medica conservato a Zagabria

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Scuola Salernitana introduce una evoluzione dei

modelli di insegnamento già adottati nelle scuole delle

cattedrali e, soprattutto centri di studio dei monasteri,

con “lectio” - “quaestio” - “disputatio” - “determinatio”,

cioè lettura o lezione (come apprendimento tramite

studio proprio ovvero attraverso insegnamento altrui),

impostazione dei quesiti ovvero individuazione dei

problemi, ragionamento con argomentazione sottoposta

a disputa interpretativa, sintesi finale.

 

Il tutto fondato su tradizione greco-latina almeno

arricchita, se non spesso completata, da nozioni di

culture medio-orientali, come l'araba e l'ebraica.

 

 

Pur partendo dalle basi teoriche del sistema degli

“umori” di Ippocrate e Galeno, per molti aspetti la

Scuola Salernitana fa la storia della medicina con un

epocale salto di qualità, introducendo un nuovo metodo

di lavoro, fondato essenzialmente su necessità di

pratica sperimentale, osservazione attenta e derivante

esperienza nell'assistere i malati, viatico al futuro

metodo empirico, e su questo proprio bagaglio

scientifico crea un'impostazione della profilassi, che di

fatto introduce alla moderna cultura della prevenzione.

 

 

Notevole anche la sua organizzazione per l'importanza

socio-culturale rappresentata dalla collaborazione di

medici sia di appartenenza monastica che laici e dal

riconosciuto ruolo istituzionale delle donne sia nella

pratica che nell'insegnamento dell'arte medica con una

ricca produzione di opere teoriche, numerosissime e

divenute famose appunto come “Mulieres Salernitanae”.

 

E all'esperienza maturata nella quotidiana attività

andranno inoltre ad aggiungersi nuovi saperi, frutto

dell'assidua ricerca e traduzione di testi soprattutto

arabi, a creare una ancor più vasta cultura fitoterapica e

farmacologica.

 

 

Il prestigioso primato dei medici di Salerno è

ampiamente testimoniato da manoscritti e cronache

d'epoca, i quali testimoniano come alla Scuola di Salerno

giungano da tutta Europa sia ammalati per essere

guariti che studenti per apprendere l'arte della

medicina.

 

L'indiscussa autorità della scuola verrà definitivamente

sancita nel 1231 dall'Imperatore Federico II nella sua

“Costituzione di Melfi” in cui si stabilisce come la

professione di medico possa esclusivamente essere

svolta da dottori in possesso di diploma rilasciato dalla

Scuola Medica Salernitana con tanto di sigillo del

Collegio dei Medici in ceralacca.

 

 

La scuola aprirà così anche sedi decentralizzate per

l'insegnamento e il relativo conferimento di lauree, si

formerà l'“Almo Collegio Salernitano”, Corpo

Accademico indipendente della Scuola e sindacato

professionale, solo dopo il cui rigoroso esame viene

concesso privilegio dottorale attestato da notaio,

mentre risale almeno già all'Anno 1000 il

giuramento medico a rappresentare la più alta

concezione morale della funzione, con obbligo di

soccorso gratuito ai poveri, una vita onesta e severità di

costumi.

 

Altrettanto per il conseguimento di licenza all'esercizio

di farmacia occorrono e si richiedono qualità morali

altissime, onestà e illibatezza di costumi.