In primo piano, in basso a sinistra, la terra ferma, divisa dall'Isolotto di Trogir, al

centro, dal Canale San Marco con l'omonima torre di difesa all'imboccatura Ovest,

l'unica rimasta, la Cattedrale di cui spicca il campanile a sinistra e la fortezza del

Camerlengo, cioè del tesoro, a destra, poi lo strettoingresso alla Baia di Spalato e,

in alto a destra, l'Isola di Čiovo con il posto turistico.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 Split, Trogir e Čiovo 

 

                                   

Spalato, Traù e Bua

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ad una trentina di chilometri a Ovest di Split/Spalato,

lungo il litorale della Splitsko-Dalmatinska Županija, la

Provincia croata o Contea Spalatino-Dalmata della

Dalmazia Centrale, si incontrano le due isole felici di Trogir

/Traù e di Čiovo/Bua.

 

La prima un isolotto a zattera vicinissimo alla terra ferma, la

seconda un'isola molto più estesa, abbondantemente oltre

Trogir ad Ovest fino a Spalato ad Est, a concluderne e

difenderne naturalmente la baia.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Lo slogan "Il Mediterraneo com'era una volta" dell'Ente

Nazionale Croato per il Turismo non potrebbe essere più

veritiero e azzeccato!

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per la sua natura in gran parte ancora intatta, la sua storia di

confine incredibilmente ricca, la millenaria cultura,

l'incomparabile patrimonio artistico, urbanistico ed

archeologico, l'eccellenza del microclima, la fertilità della

terra spesso eroicamente carpita alla roccia, la rinomata

cordialità, leggerezza ed ospitalità degli abitanti, la genuina

qualità del cibo, la facilità delle comunicazioni e la

ineguagliabile posizione geografica...

 

Con un mare tra i più puliti ed in assoluto affascinanti tra le

spiagge, le cale e gli anfratti delle sue centinaia di isole, non

è un caso che questo territorio, ed in particolare entrambe le

isole, stiano attraendo un consistente interesse da parte di

investimenti esteri ed ottenendo un sempre crescente

successo di pubblico in Croazia, già di per sé in generale

popolarissima meta turistica internazionale, numero uno dei

vacanzieri italiani.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Così si inserirà il profilo del nuovo ponte sullo stretto fra la terra ferma, a sinistra,

e l'Isola di Čiovo, a destra, nel panorama della Baia di Spalato sullo sfondo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 Novi most 

 

                                   

Il Ponte Nuovo

 

                                   

 

                                   

L'esigenza di una più moderna e soprattutto più adeguata e

calibrata via di comunicazione tra la Costa Dalmata e

l'Isola di Čiovo viene sentita già dagli Anni Settanta e di

nuovo, ancora più acuta, negli Anni Novanta, quando il un

primo progetto a congiungerla all'altezza degli allora nuovi

Cantieri Navali, ad Ovest dell'isolotto della Città Vecchia viene

sostituito con uno nuovo e alternativo a raggiungerla invece ad

Est del Centro Storico, più distaccato verso il centro dell'isola.

 

Dopo il temporaneo, brusco arresto dei flussi turistici, dovuto

essenzialmente ai tragici fatti dell'ultima Guerra Balcanica,

infatti, l'intera zona di Trogir e l'Isola di Čiovo in particolare

letteralmente esplode, passando da una tranquilla

popolazione autoctona di circa 10 mila abitanti durante

l'inverno a raggiungerne una di oltre 50-60 mila di vivaci

ospiti in continuo movimento nei concitati mesi di alta

stagione durante le vacanze estive.

 

 

Il fatto è però che un clima benedetto dagli dei come questo di

vacanze “estive” se ne hanno dai sei agli otto mesi

all'anno, per non contare poi i numerosissimi gruppi nomadi

di Cinesi, Giapponesi, Coreani e piccole orde di pensionati

scandinavi in cerca disperata di sole e alcolici a basso prezzo,

perchè allora s'arriverebbe in pratica ad un continuum

pertetuum (auto)mobile...

 

Il traffico, intensissimo misto leggero e pesante, rappresenta

oggi uno dei pochi punti deboli den famoso centro turistico,

essendo interamente convogliato e fatto attraversare due

ponti secolari.

 

 

Il primo e più modesto, in antichità fortificato con due

castelletti, a congiungere la terra ferma, già Traù agricola del

Cinquecento e Seicento, all'oppidum dell'Isolotto di Trogir,

nucleo storico intra moenia, spaccato per metà, ad Est, fitto di

chiese, piazze, Cattedrale, Loggia, sontuosi palazzi di nobili

famiglie patrizie veneziane e monumenti vari, e per metà, ad

Ovest, tolte le estreme difese della fortezza del Camerlengo e

della Torre San Marco, di più modeste abitazioni per lo più

della servitù autoctona.

 

Il secondo ponte, a lungo apribile e nell'attuale versione

elevabile, di volta in volta nei secoli ammodernato sì, ma pur

sempre sottodimensionato alle sempre più pressanti esigenze,

dall'isolotto del Centro Storico dietro la Cattedrale fino ai

pressi del “Piccolo Porto”/Lučica sull'Isola di Čiovo/Bua, una

volta e ancora per poco e in parte la Traù artigianale e piccolo-

industriale a Sud.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 L'impatto ambientale estetico

Carràmba che ponte!

 

                                   

 

                                   

Avvicinandoci a Trogir con il traghetto locale da Split/Spalato

questo vedremo entrando nello stretto fra le due isole, al

confine Ovest della baia, e prendendo poi il canale navigabile

fin dentro al cuore del Centro Storico di Trogir.

 

 

Una tenue lama bianca a confondersi con l'orizzonte

sfiorarando il mare, intervallata soltanto dal ritmo dei piloni, i

quali da entrambi i lati corrono ad incontrarsi alle torri dei due

tronconi elevabili di strada, che eleganti marcano

inequivocabilmente l'obbligato passaggio navigabile per natanti

di gran pescaggio.

 

Alla fine del tragitto la vista panoramica dell'Isolotto del

Centro Storico, con l'inconfondibile campanile della

Cattedrale di San Lorenzo come riferimento, sarà una vera

cartolina, per turisti e non!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 La sezione elevabile

 

                                   

 

                                   

Anche l'altrettanto elegante soluzione del passaggio

navigabile non può che lasciare più che positivamente

impressionati e soddisfatti.

 

 

È vero che di questo ormai “leggendario” ponte se ne sia

parlato e sparlato, promesso e sbandierato ad ogni campagna

elettorale, fantasticato e scherzato per decenni ormai, fino a

diventare un mito, se non una barzelletta, ed entrando così

nei modi ironici di dire locali:

 

                                   

 

                                   

“A rivederci quando il ponte sarà pronto!”

 

                                   

 

                                   

in pratica “mai”, oppure

 

                                   

 

                                   

“I lavori di questa casa sembrano il ponte di Čiovo”

 

                                   

 

                                   

un po' come l'espressione romana “me sembra la Fabbrica de

San Pietro”...

 

 

Però sinceramente ora che si sta avverando passo passo,

giorno per giorno, davanti agli occhi ancora increduli della

gente, grazie  soprattutto a quel risolutivo ottanta percento

di investimenti strutturali dell'Unione Europea, beh - ben

fatto e benedetto sia il ponte!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 La nuova viabilità

 

                                   

 

                                   

Si tratta di un nodo cruciale, dove si interseca l'intero traffico

locale e non:

 

da e per l'Isola di Čiovo, ed una volta sull'isola:

 

- sia in direzione Ovest, da e per Okrug Gornji e Donji

 

- che in direzione Est, da e per Slatine

 

sulla terra ferma:

 

- sia in direzione Nord-Ovest, da e per Šibenik/Sibenico-

Zadar/Zara,

 

- che in direzione Sud-Est, da e per Split/Spalato-

Dubrovnik/Ragusa

 

- Aeroporto Internazionale di Split compreso, durante la

stagione estiva numero uno assoluto in Croazia per intensità

di voli e numero di passeggeri.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Tutto questo traffico pubblico e privato, leggero e pesante, è

fino ad oggi dunque costretto, cioè senza altra opzione, ad

imbottigliarsi attraverando l'Isolotto di Trogir, strozzato e

spesso totalmente bloccato tra gli inesistenti e non

alternativamente regolati “snodi” dei due stretti ponti storici.

 

Nella foto sotto, a destra, quello più corto e antico sul

Canale San Marco, fra terra ferma e Isolotto di Trogir, e, a

sinistra, l'altro più lungo e modernizzato sullo stretto, un

capiente canale di approccio alla Riva, fra Centro Storico

entro le mura ed Isola di Čiovo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Tradotto nella vita quotidiana questo doppio collo di

bottiglia comporta lunghe ore di snervanti code di veicoli 

verso tutti i punti cardinali e tutte le direzioni a 360 gradi...

 

Nelle fasce critiche delle ore di punta, arrivano a snodarsi per

chilometri e chilometri, avanzando a passo d'uomo o

completamente bloccate sui entrambi i sottodimensionati

imbocchi-sbocchi alle due estremità del tratto, uno di innesto

sulla vecchia strada costiera, a ricalcare l'antica via romana

sulla terraferma, l'altro di collegamento all'isola.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Inutile sottolineatizzare quanto ingenti ne derivino:

 

- i disturbi da inquinamento acustico alle abitazioni e agli

esercizi commerciali e di svago

 

- i disagi di attraversamento per centinaia e migliaia di

pedoni, in maggior parte numerosi gruppi turistici che

avanzano serpeggiando verso il Centro Storico

 

- i danni chimici di aggressione, degradamento e corrosione

progressiva al materiale lapideo dell'incommensurabilmente

prezioso patrimonio dei monumenti storici di questa “piccola

Venezia” dalmata sotto protezione UNESCO.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La nuova viabilità, da realizzarsi a tempi brevi in tre fasi:

 

- il ponte vero e proprio sullo stretto

 

- le rotatorie poi dei nuovi snodi sulla terra ferma e

sull'isola, con allacci all'attuale rete stradale da entrambi i lati

 

- infine, le due connessioni rapide ex-novo, la prima sulla

terra ferma fra la superstrada superiore Šibenik-Split e il

ponte a Nord, la seconda dal ponte a Sud a tagliare l'isola

attraverso Žedno sul monte fino a Okrug Gornji sulla sponda

meridionale. 

 

 

Il tutto porterà ad un enorme miglioramento!