Un Hortus Conclusus

 

                                   

di lavoro e di piacere

 

                                   

in stile neoclassico

 

                                   

nel cuore di Trogir

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli odierni “Giardini Garagnin-Fanfogna” a Traù/Trogir,

appena 30 km ad Ovest di Spalato/Split, in Dalmazia,

sono quel che resta del “Parco Agricolo-Botanico-

Culturale” della nobile famiglia dei Garagnin, poi

Garagnin-Fanfogna, lì installato tra la fine del XVIII e

l'inizio del XIX sec su iniziativa dei fratelli Gianluca o

Ivan Luka e Giandomenico o Ivan Dominik Garagnin, il

primo giardino botanico della Croazia.

 

Per ereditati motivi di fondo sospettatamente

soprattutto politico-ideologico-propagandistici di vecchi

sia stampo che data, anche se oggi nello sporadico

dibattito culturale-mediatico non più esplicitamente

citati, lasciato da quasi un secolo e tuttora

ripetutamente vandalizzato ed ostentatamente

abbandonato.

 

 

Il magnifico Parco è stato condannato a pubblica gogna

senza propria colpa, esclusivamente come disgraziato

“simbolo”, per una - sembrerebbe - imperdonabile ed

indelebile “colpa di appartenenza”, nonostante il suo

grande significato storico-economico-culturale.

 

La sua pur riconosciuta importanza quale uno dei

tasselli chiave, in tempi poi non così lontani, di quel

“patrimonio”, non di un singolo, non di una famiglia -

questa tanto prima potente, servilmente riverita e

temuta, ma anche “sfruttata”, quanto poi demonizzata,

odiata ed oltraggiata, dimentichi della sua storia allo

stesso tempo altamente contributiva al progresso,

l'emancipazione ed il benessere socio-economico locale

- non solo della Civitas e della Comunità traurine, ma

della regione intera e oltre.

 

 

Per quest'Hortus Conclusus, un giardino, un orto ed una

serra sperimentali in stile neoclassico destinati col

tempo ad ampliarsi notevolmente, quasi quadruplicando

la propria superficie, la famiglia Garagnin, in seguito

appunto titolata Garagnin-Fanfogna attraverso

matrimonio, sceglie Travarica, un appezzamento iniziale

di un solo lotto sulla terraferma, proprio di fronte allo

stretto ponte che da accesso all'isolotto della Cittadina.

 

Ad appena un centinaio di metri di fronte alla propria

residenza privata, un “palazzo” - o piuttosto un

articolato gruppo di edifici - oggi sede del Museo Civico,

nello sperone Nord della veneziana Traù, in un angolo

strategicamente “di potere” della città storica e il cui

aggregato urbanistico è in pratica all'epoca una piccola

“roccaforte” interamente di proprietà, con ingresso

carrozze faccia a faccia in asse con la Nuova Porta di

Terraferma ad estendersi ad Est fino all'ubicazione della

originaria Porta Cittadina, Stara Kopnena Vrata, di

rimpetto alla costa.

 

 

Il Parco è oggi oggetto tra l'altro di interesesse,

attenzione e tutela anche internazionale e, appunto

come tale, una conclamata eredità di importanza

storico-economico-culturale.

 

Meriterebbe senza alcun dubbio e senza ulteriore

ritardo alcuno un totale restauro di qualità alla sua

morfologia originaria e la dignitosa, anche se

vergognosamente tarda, reintegrazione urbanistica e

sociale che a pieno titolo gli spetta nell'immagine

identitaria, nel racconto e nel tessuto cittadini.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Parco verrà infatti già all'epoca apprezzato per la

riuscita ed inedita simbiosi di estetica e praticità, vale a

ire la sua grande varietà di specie botaniche, le sue

colture agricole di utilità altamente produttive alternate

ad alberi anche rari e piante arbustive molte esotiche e

decorative, e la sua atmosfera altamente culturale.

 

Un'atmosfera raffinata e quasi magica, realizzata

attraverso accurato modellamento del terreno ed opere

architettoniche edificatevi, tra le altre:

 

- una “Barchessa”

 

- una Casa del Giardiniere

 

- una Orangerie

 

- un cosiddetto “Casinetto delle Delizie”

 

- un Tempietto

 

- reperti archeologici, tra cui colonne, sarcofagi, statue,

altaretti votivi e uno splendido lapidarium, tutti di

epoca romana e provenienti dagli allora recenti primi

scavi della vicina Salona, ad impreziosirne

elegantemente gli spazi e gli ambienti.

 

 

Un'opera dalla doppia finalità, aspetto questo ancora

più evidenziato dalla presenza di un duplice accesso

primario:

 

- di “rappresentanza”, attraverso un cancello

monumentale

 

- di utilità, un affiancato portale di “economia”

attraverso magazzini e stalle

 

tanto che durante i lavori verrà coniato un nuovo

concetto e termine stilistico, il ferme ornèe, “fattoria

impreziosita”, a fondere l'ornamentale del paessaggio

alle colture agricole.

 

 

L'installazione - il primo e più noto di tutta una serie di

altri progetti di eccellenza promossi su iniziativa della

amiglia Garagnin durante il periodo neoclassico, questo

di Travarica un prototipo in miniatura di quello di

Divulje - risulterà infatti un riuscitissimo connubio fra

scienza, arte e utilità.

 

Tale impostazione fortemente voluta dal suo ideatore, il

Conte Giovanni Luca Garagnin.

 

 

È una delle più interessanti figure appartenenti alla

cosiddetta “Fisiocrazia” dalmata a cavallo fra Settecento

e Ottocento, come i famosi medici ed agronomi della

Famiglia Pinelli di Zara, con cui i Garagnin hanno

documentati contatti.

 

Dai contatti si passerà a vere e proprie collaborazioni di

sperimentazione agricola, sempre finalizzata a scopi

dichiaratamente ed ambiziosamente imprenditoriali, per

un rilancio del sistema produttivo rurale-agricolo

dalmata dopo il prolungato salasso veneziano

dell'economia dell'area per contribuire a finanziare le

altrettanto prolungate cosiddette “Guerre Turche”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

     

       

 

     

 

 

                                   

Il vecchio cartello all'ingresso dell'attuale Parco lo definisce "Giardino

Storico e Artistico", con la formula "Monumento di Composizione

Architettonica e Vegetale", in altre parole un "Monumento Vivente", tutto

secondo le definizioni date nel 1982 dal Comitato internazionale dei

Giardini Storici ICOMOS-IFLA, International Council on Monuments and

Sites - International Scientific Committee on Cultural Landscapes, nella

"Carta di Firenze", relativa alla salvaguardia dei giardini storici, questa a

completamento in questo particolare ambito della "Carta di Venezia".

 

(Clicca per consultare e/o scaricare il testo originale della Carta di Firenze:

Italiano, English, Svenska).

 

 

La "Carta di Venezia per il restauro e la conservazione di monumenti e siti"

è del 1964, un codice internazionale di standard professionali e linee guida

a disciplinare le modalità di conservazione e restauro del "patrimonio

culturale" - artistico, architettonico, e storico - vale a dire di monumenti e

manufatti architettonici come pure siti storici ed archeologici, insomma

una moderna "Magna Carta" della salvaguardia del patrimonio

monumentale mondiale per il bene delle generazioni presenti e future.

 

(Clicca per consultare e/o scaricare il testo originale della Carta di

Venezia:

Italiano, English, Svenska).

 

 

Per chi fosse interessato a tutte le Carte dell'ICOMOS, visitarne volentieri il

Centro Documentazione online sul sito oppure aprire il documento

onnicomprensivo "International Charters for Conservation and

Restoration" allegato in questo portale.

 

Il logotipo in alto al centro del cartello, per maggior nitidezza riportato

anche separatamente a lato, è quello dell'Autorità "Mare e sistema

carsico" della Contea di Spalato e Dalmazia, Splitsko-Dalmatinska

Zupanija, Istituzione evidentemente eletta a "garante" della dovuta

protezione, manutenzione ordinaria e straordinaria e valorizzazione del

monumento.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'importanza

 

                                   

del Parco

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

Oggi all'ingresso del Parco c'è un nuovo

cartello, più elaborato ed arricchito di un

ulteriore simbolo, oltre a quello della Contea

in basso al centro dove si legge "'Sea and

karst' Public Institution for the Management

of Protected Areas in the County of Split and

Dalmatia", "'Mare e sistema carsico' Ente

Pubblico per la Gestione delle Aree Protette

nella Contea di Spalato e Dalmazia", il

marchio "Zaštita Prirode - Republika

Hrvatska", "Nature Protection - Republic of

Croatia", "Protezione della Natura -

Repubblica di Croazia".

 

Quindi anche lo Stato partecipa a

"garantirne" la protezione direttamente

attraverso il Ministero della Natura e

dell'Ambiente!

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Cosa dice il cartello

al visitatore 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Monument

of horticultural architecture

“GARAGNIN-FANFOGNA”

 

 

The park emerged around 1800 as a private

garden of the aristocratic family Garagnin

from Trogir, successfully combined the

ambience of a pleasure garden with a

practical farm.

 

The planted vegetables were surrounded by

trees, flowers and elegant pathways,

beautiful architecture and ancient

monuments and even acclimatised exotic

plants were grown in the garden.

 

 

As part of the horticultural arrangement, the

space and content in the park were well

organised - a characteristic of Neoclassical

gardens (artificial hills, gravel and lawn

paths, wells, outhouses, an elegant pavilion,

archaeological monuments, dendroflora).

 

Due to its beauty, plant variety and striking

stylistic features of Neoclassicism, the park

was protected in 1962 as a monument of

horticultural architecture.

 

 

The monument of horticultural architecture

“Garagnin-Fanfogna” (the name of the park

was taken after the latter owners, Fanfogna

family) is managed by “Public Institution for

the Management of Protected Areas in the

County of Split and Dalmatia” in compliance

to the Nature Protection Law.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Monumento

di architettura ortoculturale

‘GARAGNIN-FANFOGNA’

 

 

Il Parco venne installato intorno al 1800

come giardino privato dell'aristocratica

Famiglia Garagnin di Traù, combinando con

successo l'atmosfera di piacevole giardino,

con la pratica utilità di fattoria.

 

Le aree di coltura vegetale vennero

circondate da alberi, piante floreali ed

eleganti sentieri, raffinati edifici e antichi

reperti archeologici e vi vennero addirittura

impiantate specie esotiche accuratamente

domesticate.

 

 

Come parte integrata dell'installazione

ortoculturale, gli spazi e gli oggetti vennero

ben organizzati secondo una meticolosa

pianificazione - caratteristica propria dei

giardini in stile neoclassico (collinette

artificiali, sentieri ghiaiati e basolati

incastonati a prato, pozzi, bagni esterni, un

elegante padiglione, monumenti

archeologici, dendroflora [cioè

“arborescenze” con azione positiva sulla

stabilizzazione del terreno e sull'igiene

dell'aria - NdR]).

 

Per la sua elegante bellezza, la varietà delle

piante e le raffinate caratteristiche

neoclassiche, il Parco venne protetto nel

1962 quale monumento di architettura

ortoculturale.

 

 

Il monumento di architettura ortoculturale

‘Garagnin-Fanfogna’ (la denominazione del

Parco venne attribuita dal nome degli ex

proprietari, la famiglia Fanfogna) è

responsabilità dell'‘Ente Pubblico per la

Gestione delle Aree Protette della Contea di

Spalato e della Dalmazia’, come previsto

dalla Legge Nazionale di Salvaguardia della

Natura.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

E ancora un avviso molto importante:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

For all actions and activities in

the protected area it is necessary

to obtain a permission that

includes the conditions of nature

protection.

 

All activities and actions in the

monument of horticultural

architecture “Garagnin-

Fanfogna” are performed at your

own risk.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

“Per qualsivoglia operazione o

attività da svolgersi entro i

confini dell'area protetta occorre

ottenere un permesso specifico”

...

 

[Dall'Autorità “competente” - ma quale?

 

Forse il Tribunale di competenza, dato il più

volte e da più fonti citato contenzioso in atto

fra Stato, Contea, Comune ed eredi degli ex-

proprietari! - NdR]

 

 

... “che includa esplicitamente

le condizioni di utilizzo a

prevenzione protettiva della

natura.”...

 

[Affermazione che risulterà, come vedremo

più avanti, molto insignificante e barocca, se

non palesemente ed assolutamente senza

alcun senso, addirittura a metà fra ipocrita e

sarcastica! - NdR]

 

 

... “Tutte le operazioni ed attività

svolte nell'area del Monumento

di architettura Ortoculturale

‘Garagnin-Fanfogna’ ”...

 

[in altre parole, il Giardino Storico “Protetto”

- NdR]

 

 

... “sono condotte a proprio

rischio e pericolo.”

 

[Forse rivolto ai disadattati, malati mentali,

sbandati e drogati che notoriamente lo

frequentano, senza - almeno conosciute o

tantomeno annunciate o ancor meno

applicate - contromisure delle Autorità locali,

né preventive, né di controllo, né punitive...

- NdR].

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Sul cartello inoltre notabile anche l'interessante

menzione di un non meglio definito “Progetto” o

“Proposta di riqualificazione” riportante la data del

“2012/2013” - quindi il più recente di una serie!

 

In un riquadro al centro in basso, a nome di tre

personaggi citati soltanto con iniziale e cognome, si

spera noti alla popolazione autoctona, ma impossibili da

conoscere per un visitatore.

 

 

E nonostante la Croazia sia entrata a far parte

dell'Unione Europea da anni ormai, qui a livello di lingua

non è che proprio si stia aiutando a capire in cosa

consista la proposta, neppure a livello di semplice

legenda tutta in Croato...

 

Dopo una personale ricerca, si tratta di uno “studio”

curato da Ana Šverko, Josip Belamarić e Marija Kirchner

dal lungo titolo

 

                                   

 

                                   

“Park Garagnin-Fanfogna u Trogiru

 

Integralna studija povijesno-

hortikulturno-arhitektonska analiza s

prijedlogom konzervatorskih smjernica za

obnovu”

 

                                   

 

                                   

tradotto in Inglese dagli stessi autori

 

                                   

 

                                   

“Park Garagnin-Fanfogna in Trogir

 

Integral Study Historical-Architectural-

Horticultural Research With the Proposal

of Conservation Guidelines for the

Revitalization, 2013.

 

(study)

 

                                   

 

                                   

in Italiano

 

                                   

 

                                   

“Parco Garagnin-Fanfogna a Trogir,

 

Documento integrale - Una ricerca

storico-architettonico-ortoculturale con

proposta di linee guida per la sua

rivitalizzazione, 2013.

 

(Uno studio)”.

 

                                   

 

                                   

Dalla consultata Croatian Scientific Bibliography,

“Architecture and Urban Planning (2.0.1), Other

Papers”, il documento risulta però a nome di 4 autori,

non 3, tutti titolati accademici:

 

“590. Šverko, Ana; Belamarić, Igor; Belamarić, Josip;

Kirchner, Marija.

 

Park Garagnin-Fanfogna in Trogir Integral Study

Historical-Architectural-Horticultural Research With the

proposal of conservation guidelines for the

revitalization, 2013. (study)”.

 

 

- Ana Šverko, architetta e ricercatrice croata nell'ambito

artistico-architettonico-urbanistico

 

- Igor Belamarić, famoso ingegnere e inventore navale

croato, già direttore dei Cantieri Navali di Spalato,

deceduto nel 2019

 

- Josip Belamarić, responsabile del Centro “Cvito

Fisković” a Spalato, esperto scientifico all'Istituto per

la Storia dell'Arte, anche lui Croato

 

- Marija Kirchner, ingegnera, probabilmente Austriaca.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nell'ingrandimento del riquadro del progetto, il minuscolo testo in rosso

dice laconicamente in Croato e in Inglese:

 

"A sinistra, la planimetria originale del progetto del parco risalente agli

inizi dell'Ottocento (Museo Civico di Traù), e, a destra, la pianificazione

preliminare del suo restauro e rivitalizzazione (I. Belamarić, M. Kirchner,

A. Šverko, 2012/13)".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Naturalmente a condizione che lo si riesca a leggere il

cartello, così piantato a metri di distanza tra la

vegetazione, seminascosto dietro le sbarre arrugginite

di quello che sembrerebbe essere un cancello chiuso

“da sempre”.

 

Un manufatto che però, con la sua fattura dal raffinato

disegno, racconta di aver una volta marcato con

motivato orgoglio l'elegante ingresso ad un piccolo Eden

in questa terra di Dalmazia...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Inoltre entrambe le planimetrie riportate sul cartello

nascondono abilmente lo scempio fatto del Parco

originario, permettendo ad interessi politici commisti a

speculazioni private di espropriare distruggere un

quarto della superficie di questo “monumento di

architettura ortoculturale protetto”.

 

All'appello manca infatti il quadrante di Sud-Ovest, oggi

sostituito da un supermercato, inoltre elevato a simbolo

dei nuovi “mala tempora” barbarici, così sfrontatamente

centrato sull'asse d'ingresso principale alla Trogir

storica (Piccolo Ponte e Porta di Terraferma),

urbanisticamente disastroso quale causa di ulteriore

ingorghi sullo già inadeguato snodo “a T” con la vecchia

Provinciale Spalato-Sibenico e totalmente mancante di

adeguati parcheggi clienti...

 

Ne vedremo i dettagli più avanti!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Aggiornamento

 

 

Attraverso il web veniamo a sapere oggi,

primi di Settembre 2017, che la proposta di

progetto per la rivalorizzazione del Parco ha

superato anche l'ultima fase della procedura

formale per ottenere l'assegnazione dei

Fondi Europei.

 

Al progetto verrà quindi garantito

dall'Unione Europea il massimo possibile,

1.273.660 kuna, pari all'80% del budget

preventivato.

 

 

Il vero impegno inizia ora, con la produzione

della necessaria documentazione attuativa

entro 6 mesi dalla firma del contratto, come

previsto dal Regolamento Europeo,e

l'assegnazione dei rispettivi appalti.

 

Si prevede che i lavori  necessitino circa 2

anni per l'implementazione, anche se il Parco

manterrà un'apertura estiva al pubblico.

 

 

Complimenti a quanti si sono dedicati in

vario modo al successo dell'iniziativa!

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un soddisfatto Ante Bilić, attuale Sindaco di Trogir, riapre simbolicamente

il grande cancello del Parco Garagnin-Fanfogna.

 

Alle elezioni amministrative comunali, la restituzione di questo prezioso

spazio naturale e culturale pubblico ai Cittadini uno dei suoi punti

programmatici più forti.