Un disastro

 

                                   

annunciato e denunciato

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il profitto

 

                                   

innanzitutto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dopo una vita passata ai vertici del Partito Fascista -

anche come Ministro plenipotenziario, Governatore della

Tripolitania Italiana, Ministro delle Finanze, Presidente

della Biennale di Venezia e Presidente di Confindustria,

in un arco di tempo che va dal 1921 fino al 1943,

Giuseppe Volpi, Conte di Misurata, contribuisce dopo la

destituzione di Mussolini a finanziare la resistenza

veneta, in particolare i partigiani comunisti del Monte

Grappa, così nell'immediato Dopoguerra, grazie

all'“Amnistia Togliatti” e diverse testimonianze a suo

favore di autorevoli antifascisti, ogni accusa a suo carico

decade.

 

Come titolare della S.A.D.E. - Società Adriatica di

Elettricità, lo ritroviamo come uno dei più potenti e

convinti promotori della costruzione della diga del

Vajont, progettata dal 1926 al 1958 dall'Ingegner Carlo

Semenza e costruita tra il 1957 e il 1960 nel Comune di

Erto e Casso in Provincia di Pordenone, Regione Friuli-

Venezia Giulia, lungo il corso appunto del torrente

Vajont, un'opera “ardita”, “pazza” o quasi

“impossibile”, all'epoca infatti la più alta in assoluto e

ancora oggi la quinta più alta del mondo...

 

 

La diga, oggi in disuso, rimarrà tristemente famosa per

il disastro del 9 ottobre 1963, quando una frana,

precipitata del Monte Toc nel bacino artificiale, lo fa

traboccare inondando conseguentemente con inaudita

violenza il paese di Longarone, in Provincia di Belluno,

che viene spazzato via causando 2000 vittime, di cui

487 bambini e ragazzi sotto i 15 anni.

 

Causa principale del disastro il riempimento dell'invaso

e suo successivo svuotamento per abbassare il livello

delle acque a quota di regime, con una tale variazione di

pressione sul lato della montagna da provocarne il

franamento, sollecitazioni poi calcolate di quasi 10 volte

superiori a quelle previste durante il normale esercizio.

 

 

Pochissimi giornalisti coraggiosi, tra cui Tina Merlin

dell'Unità (per questo processata!), e alcuni periti

onesti ne segnalano invano la pericolosità da anni prima

della tragedia.

 

Se ascoltati, la strage potrebbe essere benissimo

evitata, ma prevalgono le solite logiche economiche del

profitto, un “profitto” mai comunque beffardamente mai

ottenuto, perché quella diga è in disuso, con dentro al

posto dell'acqua un pezzo di montagna!

 

                                   

                                   

 

                                   

L'articolo di denuncia

 

                                   

pubblicato da Tina Merlin

 

                                   

sull'Unità

 

                                   

il 5 maggio 1959 (!)

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

“La SADE

   

 

                                   

 

 

spadroneggia

   

 

                                   

 

 

ma i montanari

   

 

                                   

 

 

si difendono”

   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

di Tina Merlin

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

“A Erto, in Valcellina, 130 capi famiglia

uomini e donne, si sono consorziati per

creare un organismo che abbia veste

giuridica nel difendere i diritti e gli interessi

dei singoli e della collettività del paese di

fronte alle prepotenze e ai soprusi che la

SADE va da anni compiendo nella zona.

 

Il nuovo organismo è stato denominato

“Consorzio per la rinascita e la salvaguardia

della Valle Ertana”.

 

 

A tale scopo si è svolta ad Erto una

manifestazione popolare sotto gli auspici del

Comitato Provinciale di Rinascita della

Montagna presieduta dal compagno On.

Bettiol e dal compagno Celso, Segretario

della Federazione Bellunese del PSI.

 

Durante la manifestazione sono state

raccolte anche le firme in calce alla proposta

di legge di iniziativa popolare per la

montagna sulla quale sono stati espressi

unanimi consensi.

 

 

Sono intervenute le famiglie direttamente

interessate alla difesa dei loro beni

minacciati od espropriati dalla SADE e

moltissimi altri montanari che nell’egoismo

della società elettrica e nell’inerzia del

Governo intravedono un pericolo grave per

la stessa esistenza del paese a ridosso del

quale si sta costruendo un bacino artificiale

di 150 milioni di metri cubi d’acqua, che un

domani erodendo il terreno di natura

franosa, potrebbero far sprofondare le case

nel lago.

 

Per di più il lago dividerebbe

irrimediabilmente il villaggio dalle sue terre

più fertili isolando oltre valle decine di case.

 

 

E la SADE non vuol provvedere alla

costruzione del ponte che manterrebbe

congiunto il centro del paese alle sue

frazioni.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Inoltre un fatto grave e contrario a tutte le

leggi, che ha avuto inizio da qualche mese e

che tuttora perdura, ha portato

all’esasperazione gli abitanti della valle.

 

Essi si vedono continuamente invadere ed

espropriare i propri campi dalle società che

hanno in appalto la costruzione della strada

di circonvallazione per conto della SADE.

 

 

Nessun decreto di espropriazione o

trattative per la cessione dei beni sono

intervenuti fra la SADE e i proprietari.

 

La società elettrica infrange tutte le leggi

dello Stato e i contadini hanno sempre

dovuto sottostare finora ai soprusi della

SADE.

 

 

Qualche giorno fa si è perfino fatto

sgomberare con la forza dalla propria casa

una famiglia con sei figli perché si dovevano

far brillare le mine per aprire un passaggio

alla strada.

 

La famiglia ha dovuto trovare

provvisoriamente ricovero in una fredda

stalla (la neve è a poche centinaia di metri

dal paese) dove si trova alloggiata tutt’ora.

 

 

La gente non ne può più di tante ingiustizie e

qualche volta tenta di difendere da sé i

propri diritti.

 

Una vecchia che gira la pianura veneta con

la gerla a vendere cucchiai di legno e che è

stata espropriata di piccoli pezzi di campo da

tutte e due le parti del torrente ci ha detto:



‘Se un ladro viene a portare via la mia roba,

a sparare le mine sotto la mia casa, allora io

posso ben prendere il fucile e difendermi.’

 

 

Un abitante della frazione Pineda venuto alla

manifestazione con un cartello di protesta

contro la SADE ha detto:



‘Ho avuto la casa bruciata dai Tedeschi e lo

Stato non mi ha ancora dato niente per i

danni di guerra.

 

I miei figli hanno dovuto andare a lavorare

all’estero.

 

Ora mi toglieranno di prepotenza anche il

campo.

 

Io non sono Italiano per il Governo.

 

Sono solo me stesso e da solo ora mi

difenderò.’

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Sono discorsi questi della popolazione di

Erto che forse non sono perfettamente in

linea con le leggi, ma contengono una

saggezza montanara perfettamente a posto

con la logica e il buon senso.

 

 

Infatti se il Governo per primo non è in

grado di fare rispettare le leggi, perché mai

dovrebbero rispettarle i Cittadini sottoposti

alle angherie della SADE e alla debolezza del

Governo stesso?

 

Non c’è nessuno a Erto - tranne il Sindaco

che per essere una donna ha dimostrato

assai poca sensibilità venendo meno alla

fiducia che in lei avevano riposto i suoi

concittadini - che non sia solidale con la

popolazione.

 

 

Anche il Parroco don Luigi Doro è dalla parte

dei suoi parrocchiani.

 

Ieri a tutte e due le messe domenicali ha

esortato dal pulpito la popolazione a recarsi

a firmare per la costruzione del Consorzio.

 

 

Una signora del luogo ora domiciliata a

Pordenone, è venuta apposta a Erto per

essere presente e partecipare alla

costituzione del Consorzio che segna l’inizio

di nuove battaglie per imporre allo Stato

l’applicazione delle leggi e alla SADE il

rispetto dei patti contratti con la

popolazione.

 

 

‘Legalità’ e ‘giustizia’ sono la parole che

pronunciano con fermezza i montanari della

Valcellina.

 

Ed è nel rispetto della legalità e della

giustizia, purché tale rispetto sia reciproco,

che essi imposteranno tutte le loro future

azioni per la difesa della loro terra.”

 

 

Tina Merlin

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Longarone sta dando l'ultimo respiro e non lo sa

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prima

 

                                   

della tragedia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Venerdì 4 novembre 1960

 

                                   

 

                                   

700.000 metri cubi di roccia franano nel lago!

 

Una frana si stacca dalla parete del Toc mentre vi

compare sul versante sinistro una spaccatura di ben due

chilometri e mezzo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Mercoledì 30 novembre 1960

 

                                   

 

                                   

Si apre a Milano il processo contro Tina Merlin e l’Unità.

 

Testimoni e foto della frana del 4 novembre fanno

desistere la parte denunciante a deporre, in modo che il

processo si chiude con l’assoluzione sia della Merlin che

dell’Unità: nell’articolo “nulla vi è di falso, di esagerato

o di tendenzioso”!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Con un boato oltre 250 milioni di metri cubi di roccia si staccano dal

Monte Toc e una frana dal fronte di quasi due chilometri precipita nel lago

artificiale in 20-25 secondi, due chilometri quadrati di montagna che

scivolano alla velocità di 100 chilometri orari.

 

Soltanto pochi minuti dopo il distaccamento della roccia fin dentro l'invaso

della diga, un apocalittico tsunami investirà i paesi fino giù a valle.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La tragedia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Mercoledì 9 ottobre 1963

 

                                   

 

                                   

Al Vajont l'allarme cresce all'aumentare dei movimenti

franosi del Toc.

 

 

Già dal mattino il canale di scarico dell’invaso viene

ostruito, fessure appaiono sul terreno, sulla strada

avvallamenti e gli alberi si piegano sempre più

pericolosamente: si temono ondate...

 

I movimenti tellurici sul Toc sono ormai visibili ad occhio

nudo, tanto che li osservano alla pausa pranzo delle 12

alcuni operai dell'ENEL e alle 13 si apre una nuova crepa

lunga 5 metri e larga mezzo metro che continuerà a

crescere...

 

 

Tra le 15 e le 16 sul Vajont cominciano a cadere gli

alberi sollevando con le radici grandi zolle di terra, così

alle 17 viene ordinato al Comando dei Carabinieri si

disporre il blocco del traffico stradale nella zona...

 

Anche la Statale Alemagna viene chiusa a partire dalle

20, prima e dopo Longarone, e alle 22 la preoccupazione

diventa motivatamente estrema perché la montagna

cede visibilmente e non è escluso che nella notte grandi

quantità d'acqua possano fuoriuscire dalla diga...

 

 

Troppo tardi e alle 22.39 una frana di 260 milioni di

metri cubi si stacca dal Monte Toc, come un corpo unico,

precipitando nel lago e causando un'ondata di 50 milioni

di metri cubi.

 

Investe a monte i villaggi di Frassen, San Martino, Col di

Spesse, Patata e Il Cristo, fino ai bordi di Casso e

Pineda, e a valle supera la diga investendo in pieno

prima Longarone, Codissago e Castellavazzo e infine

Villanuova, Pirago, Faè, Rivalla, fino al Piave!

 

 

Un'onda micidiale che secondo alcuni fa 2.018 vittime

(secondo altri 1.917: 1450 a Longarone, 109 a

Castellavazzo, 158 a Erto e Casso e 200 in altri Comuni,

di cui 64 lavoratori e tecnici della diga con le rispettive

famiglie).

 

Ma la verità dei fatti è che verranno recuperati solo

circa 1.500 cadaveri, di cui quasi 500 bambini, metà

dei quali purtroppo neppure identificabili, perché delle

persone investite all'aperto dalle onde d'urto - prima

dell'aria e poi dell'acqua (questa un muro alto ben 25

metri!) - non rimarranno al meglio che resti smembrati,

le più completamente polverizzate!

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il paese di Longarone non esiste più, cancellato dalla faccia della Terra

da inimmaginabili 50 milioni di metri cubi d'acqua del bacino della diga del

Vajont, prima letteralmente scagliati contro il cielo in un'unica ondata alta

oltre 250 metri la quale subito dopo si dividerà in due ricadendo.

 

Già l'onda d'urto dell'aria spostata dall'acqua raggiungerà il doppio

dell'intensità generata dalla bomba atomica sganciata su Hiroshima a fine

Seconda Guerra Mondiale.

 

Insieme a Longarone scompaiono le frazioni di Pirago, Vajont e Rivalta,

gran parte di Villanova e Faé e del Comune di Castellavazzo, su in valle

case a poche centinaia di metri dal paese di Erto...

 

"View of Longarone after the wave from the Vajont Dam had passed

through" US Army - USGS Landslide Photo Collection

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dopo

 

                                   

la tragedia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Venerdì 11 ottobre 1963

 

                                   

 

                                   

Viene nominata la Commissione di inchiesta sulla

sciagura del Vajont.

 

Si insedierà il 14 ottobre e avrà due mesi di tempo per

presentare la relazione, che consegnerà però solo dopo

90 giorni.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Giovedì 7 novembre 1963

 

                                   

 

                                   

Chiude la Commissione di Collaudo.

 

Dichiara concluso il proprio mandato nell'impossibilità

di proseguire le operazioni di collaudo della diga.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Martedì 20 febbraio 1968

 

                                   

 

                                   

Viene depositata la sentenza del procedimento penale

contro gli ingegneri.

 

Alberico Biadene, Mario Pancini, Pietro Frosini,

Francesco Sensidoni, Curzio Batini, Francesco Penta

(deceduto), Luigi Greco (deceduto), Almo Violin, Dino

Tonini, Roberto Marin e Augusto Ghetti.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Giovedì 28 novembre 1968

 

                                   

 

                                   

Mario Pancini si suicida.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Venerdì 29 novembre 1968

 

                                   

 

                                   

Si apre il processo.

 

A L'Aquila inizia il processo di primo grado per la strage

del Vajont, che si concluderà mercoledì 17 dicembre

1969 con la condanna a sei anni di Biadene, Batini e

Violin per “disastro colposo di frana” e “disastro colposo

d’inondazione”, aggravati dalla “previsione dell’evento”

e “omicidi colposi plurimi aggravati”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Domenica 26 luglio 1970

 

                                   

 

                                   

Inizia il processo d’appello.

 

Biadene e Sensidoni verranno riconosciuti sabato 3

ottobre 1970 pienamente colpevoli di “frana”,

“inondazione” e “omicidi, condannati a sei anni, di cui

tre condonati, il primo e il secondo a quattro anni e

mezzo, di cui tre ugualmente condonati, Frosini e Violin

assolti per insufficienza di prove, Marin e Tonini assolti

perché il fatto non costituisce reato, Ghetti assolto per

non aver commesso il fatto, mentre Batini, gravemente

ammalato e per questo stralciato, morirà nel 1975.

 

 

Nel processo di Cassazione a Roma, Biadene e Sensidoni

verranno riconosciuti colpevoli di un unico disastro, cioè

l'“inondazione aggravata dalla previsione dell’evento”,

compresa la frana e gli omicidi, Biadene condannato a

cinque anni di cui 3 condonati, Sensidoni a tre anni e

otto mesi di cui tre condonati.

 

Tonini assolto per non aver commesso il fatto, invariati

gli altri verdetti (dopo quindici giorni sarebbero scaduti

i sette anni e mezzo che avrebbero fatto

automaticamente cadere in prescrizione tutti i crimini!).

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Martedì 16 dicembre 1975

 

                                   

 

                                   

Si sentenzia che solo l’ENEL debba risarcire le

Amministrazioni Pubbliche.

 

La Corte d'Appello de L’Aquila rigetta la richiesta del

Comune di Longarone di rivalersi in solido contro la

Montedison, in cui è confluita la SADE, l’ENEL viene però

condannata al risarcimento dei danni subiti da tutte le

Pubbliche Amministrazioni, condannate pure le stesse

Pubbliche Amministrazioni a pagare le spese processuali

alla Montedison, escluso il Comune di Longarone.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Venerdì 3 dicembre 1982

 

                                   

 

                                   

Viene ribaltata la precedente sentenza della Corte

d’Appello.

 

La Corte d’Appello di Firenze condanna in solido sia

ENEL che Montedison, le quali dovranno risarcire i danni

sofferti dallo Stato, mentre la sola Montedison viene

condannata per i danni subiti dal Comune di Longarone,

riservandosi di quantificarne l’ammontare in altra sede.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Mercoledì 17 dicembre 1986

 

                                   

 

                                   

È rigettato il ricorso della Montedison.

 

La Corte Suprema di Cassazione conferma la sentenza

del 3 dicembre 1982.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sabato 15 febbraio 1997

 

                                   

 

                                   

Si quantifica che la Montedison debba 55.645.758.500

Lire a Longarone.

 

Il Tribunale Civile e Penale di Belluno condanna con

sentenza a carattere immediatamente esecutivo la

Montedison a risarcire i danni subiti dal Comune di

Longarone per un ammontare di Lire 55.645.758.500,

comprensive dei danni patrimoniali, extra-patrimoniali e

morali, oltre a Lire 526.546.800 per spese di lite ed

onorari e Lire 160.325.530 per altre spese.

 

 

La Corte Suprema di Cassazione rigetterà anche il

ricorso dell’ENEL obbligandola al risarcimento dei danni

subiti dal Comune di Erto-Casso e del nuovo Comune di

Vajont, poi quantificati dal Tribunale Civile e Penale di

Belluno in Lire 480.990.500 per beni patrimoniali e

demaniali perduti, Lire 500.000.000 per danno

patrimoniale conseguente alla perdita parziale della

popolazione e conseguenti attività, Lire 500.000.000

per danno ambientale ed ecologico.

 

Se queste somme siano o meno ancora corrisposte,

rivalutate o no, e quale valore abbiano in tal caso

raggiunto oggi non è dato sapere...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

E al di là di tutto

 

                                   

le solite troppe morti inutili

 

                                   

e la difficile sopravvivenza

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il disastro del Vajont 

 

Gli acrobati delle dighe RAI Teche