Premio Nobel

 

                                   

per la Fisica 2013

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Componente fondamentale 

del cosiddetto “Modello Standard

 

Il modello che prevede l'esistenza

di tutti gli “ingredienti” fondamentali

dell'Universo così come lo conosciamo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L’8 ottobre 2013 a Stoccolma viene annunciato il Premio

Nobel per la Fisica dell’anno, assegnato al britannico

Peter Higgs dell'Università di Edimburgo,

ottantaquattrenne, e al belga François Englert

dell'Università di Bruxelles, ottantunenne, considerati

i padri del cosiddetto “bosone di Higgs” - “la particella

mancante”, prontamente quanto subdolamente da

alcuni ribattezzata “la particella di ‘Dio’” (!?).

 

La motivazione della Reale Accademia Svedese delle

Scienze spiega che i due scienziati ricevono il premio

per

 

                                   

 

                                   

“la scoperta teorica

di un meccanismo

che contribuisce alla comprensione

dell'origine della massa

di particelle subatomiche

 

e che è stata recentemente confermata

dalla scoperta della particella

[il bosone di Higgs]

così come era stata prevista

nello studio teorico

 

La scoperta realizzata

dagli esperimenti ATLAS e CMS

del Large Hadron Collider

del CERN di Ginevra”.

 

                                   

 

                                   

L’“LHC” è il più grande e potente acceleratore di

particelle al mondo, in un tunnel di quasi 30 km al

confine franco-tedesco, un laboratorio da tre miliardi di

euro.

 

Due fasci di protoni sparati gli uni contro gli altri vi si

scontrano creando milioni di particelle al secondo,

condizioni simili a quelle dell’infinitesimale frazione di

secondo a seguire il “Big Bang” - migliaia di miliardi di

collisioni di cui solo minima parte quelle “giuste”.

 

 

La probabilità che le conclusioni dell’analisi dei dati

raccolti dall'acceleratore durante il test siano il risultato

di un caso statistico è inferiore a uno su un milione.

 

                                   

 

                                   

Quindi la particella esiste!

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Scienza e fede

 

                                   

 

                                   

Continua l'unilaterale

 

                                   

invasione di campo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

       

 

                                   

 

     

Galileo di Vincenzo Bonaiuti de' Galilei,

meglio conosciuto come Galileo Galilei o

semplicemente Galileo, in un ritratto datato

del 1636 (a tre anni dalla sua condanna)

del pittore fiammingo Joost Suttermans o

Justus Sustermans, al solito “italianizzato”

in Giusto Sustermansi 

 

Fisico, astronomo, ingegnere, filosofo e

matematico italiano, padre della scienza

moderna e della rivoluzione scientifica, per

aver introdotto nell'indagine scientifica il

metodo oggi appunto detto "sperimentale

galileiano", portandola fuori dalla fino allora

dominante metafisica delle "qualità" ad una

visione autonoma - realistica, empirica,

analitica e descrittiva - delle leggi della

natura attraverso l'osservazione dei suoi

fenomeni.

 

I suoi maggiori contributi in fisica e in

astronomia, qui aderendo al sistema

eliocentrico della Teoria Copernicana: 

sospettato di eresia contro la filosofia

naturale aristotelica delle Sacre Scritture, 

nel 1633 processato, condannato dal

Sant'Uffizio della Chiesa Romana all'abiura

delle proprie concezioni e al confino nella

sua villa di Arcetri, salvo esser "riabilitato"

oltre tre secoli e mezzo dopo (!) nel 1992,

riconoscendo la Pontificia Accademia delle

Scienze "gli errori commessi"...

       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Se scienza e fede

tendono al raggiungimento di vere verità

 

non possono entrare in conflitto

   tra loro”...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il rapporto tra Scienza e Fede viene volentieri molto

fumosamente definito dai clericali come “eterna lotta

tra il visibile e l'invisibile”, ma non calza minimamente,

in quanto si tratta piuttosto di “una lotta di ‘potere’

sulle menti e, quindi, sulla vita delle persone e della

società”.

 

Soprattutto i bigotti Cristiani hanno avuto nei secoli ben 

documentati atteggiamenti fanatici, negazionisti e di

scherno nei confronti della scienza, né mai percepito e,

naturalmente, tantomeno riconosciuto la sua legittima

autonomia.

 

 

Ma tra scienza e religione non esiste nessun conflitto e

per diverse ragioni, come, esempio tra i molti, a suo

modo ammette oggi la stessa Chiesa Cattolica, ma con

imperdonabile ritardo e solo perché le sue “credenze”

messe impietosamente alle corde dall'evidenza dei

“fatti”.

 

                                   

 

                                   

“La ricerca metodica di ogni disciplina

[…] non sarà mai

in reale contrasto con la fede

 

perché le realtà profane

e le realtà della fede

hanno origine dal medesimo Dio”

 

Gaudium et spes, 36

 

                                   

 

                                   

Una mossa scaltra, da furbastri, credendo o addirittura

pretendendo di riabilitarsi lavando con un colpo di

spugna secoli se non millenni di gravissime colpe,

atrocità e crimini contro gli umani, a cercare di creare

condizioni di “dialogo” con la comunità scientifica - per

davvero o no, a ciascuno giudicare liberamente.

 

 

Secondo il Papa la Pontificia Accademia delle Scienze

avrebbe dovuto “riesaminare la questione Galileo”,

esprimendo suo malgrado “rincrescimento” (!) per

come lo scienzato fu trattato, ma - ‘dio’ ce ne guardi! -

senza diretti mea culpa da fargli perdere la faccia!

 

Una nel nome pomposa ma nei fatti palesemente

pretestuosa quanto strumentale speciale “Commissione

per lo studio della controversia tolemaico-copernicana”

in pratica solo per creare l'occasione di “suggerire alla

scienza” maggiore enfasi sui “problemi umani”, morali

e spirituali, proteggere “l’ambiente” e combattere la

“povertà”!?...

 

 

Sforziamoci di vedere la cosa estremamente positiva:

anche se solo apparente e maldestro, comunque il

“tentativo” di un  atto di riconciliazione della fede con la

scienza

 

                                   

 

                                   

in conflitto solo

per false interpretazioni di ‘verità’

 

                                   

 

                                   

perché la Bibbia non è mai stato un testo scientifico, è e

rimane un testo di fede.

 

 

WOW... poi addirittura

 

                                   

 

                                   

Galileo ci ha liberato

definitivamente

dalla tirannia del ‘letteralismo biblico’”

 

                                   

 

                                   

questa una importantissima ammissione da parte della

Chiesa, ma (non c'è do senza des!) solo per poi subito

cercare di ricattare in cambio che la scienza a sua volta

non debba usare le sue teorie scientifiche per negare o

affermare verità di fede...

 

 

Parole da pecora con il solito cuore di lupo, pur

“concedendo” come zuccherino che

 

                                   

 

                                   

“nuove conoscenze

conducono a non considerare più

la teoria dell’evoluzione,

una mera ipotesi”

 

                                   

 

                                   

Certo, per l'ennesima volta con le spalle al muro...

 

 

Una Chiesa quindi costretta a riconoscere in extremis

come

 

                                   

 

                                   

questa teoria

si sia progressivamente

imposta all’attenzione dei ricercatori

 

a seguito di una serie di scoperte

fatte nelle diverse discipline

   del sapere”...

 

                                   

 

                                   

No, grazie - troppo facile!

 

 

Ci vuole ben altro per far dimenticare Galileo Galilei e

Giordano Bruno, per affermare di aver “superato” il

criterio per cui tra scienza e fede esistano due visioni

del mondo “incompatibili” e per questo destinate ad

un’inevitabile conflittualità.

 

                                   

 

                                   

“La fede cristiana

 

può rappresentarne

una forma di completamento

come prospettiva metafisica

 

che dà una spiegazione

della razionalità del cosmo

e del senso ultimo delle cose”

 

                                   

 

                                   

Usciti dalla porta, rientrano dalla finestra - ecco l'attesa

prevedibilissima “zampata” per rinfilarsi nel gioco...

 

 

Il nostro pensiero occidentale è purtroppo castrato da

secoli di imposto Cristianesimo, ormai volente o nolente

le sue risposte rifletterebbero purtroppo, sempre e

comunque, le norme etiche di questa religione

dogmatica, anche se da lungo tempo - ‘dio’ lo voglia! -

non esistesse più.

 

Messa a nudo finale, il tentativo di stoccata d'affondo,

anche questo decisamente “non riuscito”, di “spiegare”

la suggerita non-conflittualità:

 

                                   

 

                                   

“La scienza

può purificare la religione

dall’errore e dalla superstizione, 

 

la religione

può purificare la scienza

dall’idolatria e dai falsi assoluti”.

 

                                   

 

                                   

Da vomito - al lupo è caduta la pelle di pecora!

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Bel tentativo!

 

Peccato che le cose non stiano

proprio così...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Scienza e religione sono in realtà la stessa cosa,

entrambe a cercare di rassicurarci e difenderci dalle

nostre più cupe paure, insite nella natura umana, che

fanno di “magia” e “rito” le prime forme di “scienza”,

nel significato primo di “sistema” di conoscenze,

quell'episteme “al di sopra di ogni ragionevole dubbio”,

a cui viene socialmente attribuito “valore sacro” di

saggezza e sapienza.

 

Sia religione che scienza sono l'arrogante espressione e

allo stesso tempo “salvifica” manifestazione di noi

umani di voler controllare e domesticare tutto ciò che

percepiamo come incontrollabile e minaccioso, quindi

per noi semplicemente “svantaggioso”.

 

 

L'unica vera differenza tra religione e scienza - se

differenza c'è - è che quest'ultima si è dimostrata uno

strumento di gran lunga “più utile”, una volta

constatato come i 100.000 anni da noi vissuti di

religione non siano mai riusciti a darci un mondo

“migliore” perché di minor “sofferenza”, almeno e senza

troppe pretese “meno violento” di oggi - anzi...

 

A riprova, basti guardare alla crescita della popolazione

umana che per tutti quei 100.000 anni è rimasta circa

200 milioni di individui, ma dopo Galileo - dal 1600 ai

nostri giorni - in soli in 400 anni è invece aumentata di

ben 14-15 volte

 

 

Ovviamente non la scienza del militarismo e delle

bombe atomiche, né quella al servizio del capitalismo e

dello sfruttamento incontrollato delle risorse naturali...

 

Piuttosto la scienza dei vaccini, di cui vergognosamente

così tanti di noi oggi “si lamentano”, la scienza della

medicina con i suoi passi da gigante, la scienza delle

costruzioni che ci ospitano, fanno star bene e

proteggono come mai prima, la scienza degli strumenti

delle macchine che fisicamente e mentalmente rendono

più sicura la nostra vita e possibile o più facile il nostro

lavoro, che ci amplificano forza muscolare, tatto, udito e

vista, che ci aiutano a spostarci e ci interconnettono, sia

fisicamente che “a distanza”.

 

“A distanza” e non “virtualmente” perché, a parte che

la parola di per sé sia del tutto errata, parlando di

umani “virtuale” condurrebbe ad associare a una

assurda, graduale o imposta, perdita di “fisicità”, anche

permanente, o ad una sua assenza voluta, anche totale,

per scelta individuale, impedendoci comunque il vero

 “incontro di scambio” a tutti i nostri livelli - fisico,

mentale e spirituale - e impoverendoci di surrogati le

nostre naturali senzazioni, emozioni e sentimenti in

qualità di animali sociali senzienti e scienti quali di

fatto siamo e dovremmo  rimanere.

 

 

La scienza dell'agricoltura e dei suoi miglioramenti

produttivi, sia quantitativi che qualitativi, i quali

garantirebbero cibo sano, nutriente ed abbondante, a

tutti, solo a volerlo condividere con i nostri simili.

 

La scienza dell'acqua potabile che, di nuovo, se solo

imparassimo a rispettarla e volessimo condividerla con i

nostri simili, potrebbe garantire vita e benessere a tutti

qui su questa Terra, non su pianeti alieni, la scienza

delle protesi di ogni tipo, a restituire piene abilità e

spettante dignità “umane” ad amputati, ciechi, sordi,

cardiopatici...

 

 

La religione invece si è miseramente dimostrata mera

volontà di potere, instancabile tentativo di “pre-valere”

su tutti e tutto, addirittura di dominare la scienza, per

imbrigliare l'umana ricerca della conoscenza, se non

addirittura proibirla, sempre e soltanto ai propri scopi

manipolativi sulle masse.

 

La scienza cerca ad aiutarci a comprendere la realtà

delle cose per utilizzare questa conoscenza a vantaggio

comune per gli umani, mentre la religione cerca di

accentrare il suo già così disastrosamente bulimico

potere su di sé, ad esclusivo proprio vantaggio.

 

 

Per riuscire ad assoggettarci la religione usa “credenze”

interpretabili per far accrescere le nostre paure innate,

piuttosto che “concretezza” scientifica ininterpretabile,

solo utilizzabile a migliorarci la vita sempre che libera

ed usata al suo scopo.

 

Oggi l'obsoleto limite tra materiale e “non materiale” è

svanito proprio grazie alla scienza, sappiamo tutti come

il più sia a noi invisibile - impulsi, radiazioni, onde,

e andiamo scoprendo sempre nuovi fenomeni senza o a

bassissimo coinvolgimento della materia, come

la materia “normale”, la sola conosciuta, costituisca

comunque un minimo 5% del “nostro Universo”, che

forse altrettanto ci sia di “anti-materia”, ma che il 25%

rimanga “materia oscura” e per il restante 70% si tratti

di “energia oscura” responsabile dell’espansione di

questi uni-verso, o piuttosto “Multi-verso”?...

 

 

Tutta l’indagine della psiche umana è scientifica, grazie

alla psicologia, l'antropologia, psichiatria, medicina di

corpo mente e spirito mai ottenuta o ottenibile con

“credenze” da autoproclamati intermediari tra questo

mondo e “altri ” - maghi, stregoni e sciamani.

 

Porsi domande è peculiare della natura umana, ma

allora dove più naturale e proficuo cercare risposte vere

e valide a legittime domande su mondi immateriali, che

però tutti nascono dalla coscienza umana individuale e

collettiva di sé e del prorio contesto, ambiente e habitat,

se non nella coscienza della persona e della società

stessa?

 

 

La fanatica ricerca dei “metafisici” religiosi viene solo

dalla patologica convinzione di essere loro la chiave

dell'Universo, cercando disperatamente in quell'una 

sola direzione, che credono o millantano gli sia stata

indicata e concessa da “qualcuno”.

 

Gli scienziati cercano a 360 gradi in tutte le possibili

dimensioni, oggi immaginabili o quasi inimmaginabili,

e la direzione se la creano da soli al bisogno, perché alla

fine il meraviglioso “dio” che l’umano cerca di costruirsi

è lui stesso.

 

 

Presupposti profondamente umani ed “opinabili”,

tutti relativi a seconda di “chi ” e “come”, “verso chi” o

“contro chi” vengano poi applicati nella vita reale vita

sociale - vedi i concetti di “amore”, “terrore”, “bontà”,

“crudeltà”, “giustizia”, “pena”, “estasi”, “gioia”, “fede”,

“spiritualità” - hanno tutti fondamento religioso.

 

Perché l'obbiettivo umano è da sempre la conoscenza di

tutto ciò che ci spaventa illudendoci di riuscire a

difendercene controllandolo e per millenni il metodo

religioso non ha funzionato, semplicemente perché non

possiamo indagare su ciò che è fantasia o alienazione e,

conseguentemente, esperienza ed interpretazione

personali di ciascuno individualemente.

 

                                   

 

                                   

Tutto il resto è scienza!