Il cosiddetto

 

                                   

“bosone di Higgs”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La particella

che permette alla materia

di avere una massa

 

                                   

 

                                   

Nella fisica quantistica i “bosoni” sono particelle

elementari che obbediscono alla statistica di Bose-

Einstein, prendendo appunto il nome dal fisico indiano

Satyendranath Bose.

 

Stretto collaboratore di Albert Einstein e vero padre del

concetto stesso di “bosone”, ma il suo nome non

compare oggi, come già ignorato fino alla sua morte nel

1974.

 

 

La specifica particella in questione gioca un ruolo

fondamentale in natura e la sua importanza deriva dal

fatto di essere “portatrice di forza”, permeando l'intero

Universo e conferendo massa alle altre particelle

elementari.

 

Pur teorizzato già nel lontano 1964, il cosiddetto

“bosone di Higgs” viene però osservato per la prima

volta solo nel 2012 e la sua scoperta fa subito il giro del

mondo.

 

 

Notizia scientifica dell'anno!

 

La conferma empirica della validità delle nostre ad oggi

più avanzate teorie sull'esistenza stessa, a

completamento di un quadro di 17 particelle

subatomiche, che compongono la materia come a noi

finora nota, quindi il tutto - noi compresi.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

                                   

Il bosone di Higgs

soprannominato “la particella di Dio”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La fisica è diventata popolare

rispondendo alle grandi domande su noi

e sul mondo che ci circonda.

 

                                   

 

                                   

Stiamo parlando di fenomeni verificatisi

immediatamente dopo il famoso “Big Bang”, 13,7

miliardi di anni fa (!), qualcosa formatosi all'origine

dell'Universo, più precisamente nel primo miliardesimo

di secondo...

 

Sarebbe la tanto agognata, definitiva chiave di

comprensione perché le altre particelle elementari

abbiano una “massa” e interagiscano formando la

“materia”, anziché schizzare via alla velocità della luce.

 

 

Proprio grazie all'oggi finalmente confermato “bosone

di Higgs” sappiamo per certo che altrimenti quel

gigantesco “brodo primordiale” di molecole - veloci

come la luce ma senza massa - senza di esso

rallenterebbero.

 

Una volta acquisita una massa, lo farebbero per effetto

della gravità, non andando a formare combinazioni 

sempre più complesse, fino a far nascere stelle e pianeti

- tra cui la Terra - e la vita stessa, tutti gli esseri

viventi...

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Stiamo parlando di scienza

non di religione - eppure...

 

                                   

 

                                   

Ecco i mass media di mezzo mondo bombardarci con la

“particella di Dio”, seguiti a ruota dalla Chiesa Cattolica,

che si affretta ad impossessarsene e rilanciarla,

rafforzando opportunisticamente l'efficia dell'assurdità.

 

Nemmeno a dirlo, risultato scontato!

 

 

 

Senza capirci minimamente nulla, oggi il “bosone di

Higgs” è per i più una particella “divina”, anzi proprio

“la particella di Dio”, qualcuno lo definisce addirittura

“dio” stesso...

 

Ma allora, se Scienza e Teologia pongono domande ben

diverse, aspetto cruciale anche ammesso, abbracciato e

dichiarato dalla stessa Chiesa Romana, il cui Concilio

Vaticano II esprime inequivocabilmente che

 

                                   

 

                                   

Scienza e Fede

non si oppongono tra loro”

 

                                   

 

                                   

e che anche un credente può “ammirare” le fantastiche

scoperte della fisica, vi dovrebbe essere incluso il

“bosone di Higgs”...

 

Non è che - visto come per stessa ammissione della

Chiesa, ora la Teologia non può più pretendere che sia

la Fede a guidare la Scienza - si vorrebbe forse o si stia

già attivamente cercando di far valere il contrario, cioè

che sia la Scienza a diventre “religiosa”?

 

 

Certo, anche la scomparsa astrofisica Margherita Hack,

con la sua ironia tutta da “toscanaccia” e nel suo

incontenibile entusiasmo al proposito si lascia andare a

dichiarazioni estatiche tipo “il bosone è ‘dio’!”.

 

Ma sappiamo bene come lei - atea convinta e Presidente

Onorario della UAAR, l'Unione degli Atei e degli

Agnostici Razionalisti - lo faccia provocatoriamente,

perché questa particella elementare è “creatrice”

nel senso di essenziale per generare materia.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prendendo per un attimo la cosa sul serio, pur con tutto

il dovuto massimo rispetto per la scienza, però

chiamare “dio” una particella è fondamentalmente un

errore ideologico, per cui non è strano che lo stesso

Higgs, appunto e proprio perché uomo di scienza, vi si

sia sempre opposto molto fermamente.

 

Al contrario, dato che c'è anche chi, guarda caso mai

citato dai mass media né dalla Chiesa, chiami il bosone

un “impostore” - in quanto rilevabile solo

indirettamente nelle particelle in cui decade, quali

fotoni e particelle “W e Z zero”, una scoperta questa di

Carlo Rubbia - e basandosi sul dubbio che potrebbe

“sembrare ciò che non è”, sarebbe lecito domandarsi:

verrebbe percepito come altrettanto “naturale,

accettabile e motivato” soprannominarlo invece “dio

degli impostori”?

 

                                   

 

                                   

Di sicuro c'è solo

“quanto” questa scoperta tutta europea

bruci insopportabilmente

agli Statunitensi!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da “dannata” a “divina”...

 

La vera storia

della “particella di Dio”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un volo pindarico

con quadruplo salto immortale

e avvitamento

decisamente all'indietro

 

                                   

 

                                   

Al di là del fatto scientifico, assolutamente incredibile è

la “sacrale religiosità” che gli si va condensando

attorno, tutta scaturita dalla scarsa familiarità con o

elementare non-conoscenza o profonda ignoranza

della lingua inglese.

 

Ecco quindi di seguito la vera storia del “nomignolo”,

cioè di come all'inizio un Higgs sicuro delle sue teorie e

dei suoi calcoli, ma del tutto perplesso e molto

frustrato, casualmente e molto ironicamente la chiami

agli inizi

 

                                   

 

                                   

“goddamn particle!”

 

                                   

 

                                   

un'espressione già ritenuta dai Cristiani di lingua

inglese “molto offensiva”, come tutte le altre parole

profane che coinvolgano Dio, “God”, ma in Italiano

adeguatamente traducibile in qualcosa di molto meno

blasfemo, come... “dannazione!”, quindi

 

                                   

 

                                   

“dannata particella!”

 

                                   

 

                                   

In realtà soprannominata così solo perché

“inafferrabile”.

 

Fatto sta che nel giro di un attimo la si sia

stradeformata a diventare nell'immaginario collettivo

addirittura “the God Particle”, vale a dire “la particella

di Dio”...

 

                                   

 

                                   

“ ‘The God Particle’:

If the Universe Is the Answer,

What Is the Question?

 

 

Lederman explains in his book why he gave the Higgs

boson the nickname ‘The God Particle’:

 

[...]

 

This boson is so central to the state of physics today, so

crucial to our final understanding of the structure of

matter, yet so elusive, that I have given it a nickname:

‘the God Particle’.

 

 

Why ‘God Particle’?

 

Two reasons.

 

One, the publisher wouldn't let us call it ‘the Goddamn

Particle’, though that might be a more appropriate title,

given its villainous nature and the expense it is causing.

 

And two, there is a connection, of sorts, to another

book, a much older one!

 

[...]

 

                                   

 

                                   

“ ‘La particella di Dio’:

se l'universo è la risposta,

qual'è la domanda?

 

 

Lederman spiega nel suo libro perché ha dato al bosone

di Higgs il soprannome di ‘la Particella di Dio’:

 

[...]

 

Questo bosone è così centrale per lo stato della fisica

oggi, così cruciale per la nostra comprensione finale

della struttura della materia, eppure così sfuggente,

che gli ho dato il soprannome: ‘la Particella di Dio’.

 

 

Perché ‘la Particella di Dio’?

 

Per due motivi.

 

Per prima cosa, l'editore non ci avrebbe mai permesso

di chiamarlo ‘la dannata particella’, anche se potrebbe

essere un titolo più appropriato, data la sua natura

infame e la costosa ricerca che sta causando.

 

Secondo poi, c'è una sorta connessione con un altro

libro, di molto precedente!

 

[...]

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nota della Redazione

 

Testo originale citato da “The God Particle: If the Universe Is the Answer,

What Is the Question?” - “La particella di Dio: se l'universo è la risposta,

qual è la domanda?” (Mondadori, 1995), un popolare libro scientifico del

1993 del fisico, vincitore del Premio Nobel, Leon M. Lederman e dello

scrittore scientifico Dick Teresi.

 

Nel 2013, in seguito alla scoperta del bosone di Higgs, Lederman è stato

co-autore, con il fisico teorico Christopher T. Hill, un seguito, “Beyond the

God Particle” - “Oltre la Particella di Dio”, (Bollati Boringhieri, 2020), che

approfondisce il futuro della fisica delle particelle elementari nell'era post-

bosone di Higgs, parte di una trilogia insieme a “Symmetry and the

Beautiful Universe” - “La simmetria e il meraviglioso Universo” e

“Quantum Physics for Poets” - “Fisica quantistica per poeti”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ennesima riprova di quanto profondamente l'“episteme”

giudaico-cristiana invada, impregni e deturpi ancora

oggi, anche se pur a volte incosciamente e, quindi,

ancora peggio, nostro malgrado, tutta la conoscenza

umana di noi occidentali.

 

Così tanto che, dopo duemila anni di totale

indottrinamento e condizionamento mentale,

liberarsene per saper tornare ad un pensiero davvero

“libero” sembri quasi impossibile ormai.

 

 

“Epistème” - dal Greco έπιστήμη, qualcosa “che si tiene

su da sé” - a indicare una conoscenza “certa e

incontrovertibile” delle cause e degli effetti del divenire.

 

Insomma un sapere su fondamenta “così certe da

essere ritenuto al di sopra di ogni possibilità di dubbio,

solo che l'espressione dovrebbe oggi limitarsi alla

“scienza” o, meglio, allo studio storico e metodologico

della scienza.

 

 

Invece noi uomini moderni amiamo così tanto lasciarci

oscillare, in bilico nell'assurda contraddizione di, da una

parte, una vita di fatto sempre più “materialistica” e,

dall'altra, la più totale immersione in una arcaica

“superstizione” di carattere religioso, nella segreta

speranza di un sempre più palesemente improbabile

“al-di-là” della realtà.

 

Politica e religione ci confortano dal canto loro in questa

disastrosa confusione esclusivamente ad ovvio proprio

vantaggio nel mantenimento del potere, mettendocela

subdolamente tutta per consolidare i miti e crearne anzi

sempre di nuovi.

 

 

Linguisticamente abbiamo appena visto come

“goddamn” - con una nutrita serie di varianti, tra cui

goddam, goddammit, goddamned, goddamning,

goddamns, goddams, goddard, goddaughter,

goddaughters - sia un semplice “rafforzativo” per

esprimere frustrazione, rabbia o disgusto.

 

E come “God-damned”, significhi letteralmente

“(con)dannato da Dio”, traducibile in un Italiano più

corrente in “dannazione”, “dannato” o "maledetto" e

basta, come nelle banalissime espressioni “ho un

dannato mal di testa” o “che maledetto pasticcio”, mal

di testa e pasticcio che nessuno mai si sognerebbe di

definire “divino”, parafrasando in “ho un ‘divino’ mal di

testa” o “che pasticcio ‘di dio’”, piuttosto “del diavolo”!

(fossero sinonimi...).

 

                                   

 

                                   

Per fare dell'esclamazione

“dannazione”, “dannato” o “maledetto”

qualcosa di assertivamente “divino”

ce ne vuole...

 

Solo Madre Chiesa può

forte della sua millenaria sapienza

 dall'alto!

 

                                   

 

                                   

Eppure nessun pudore, così da ora in poi il “bosone di

Higgs” resterà per la maggior parte dell'umanità la

“particella di dio”, se non addirittura - auspicabilmente

non per tutti i preti e gli adepti, anzi solo per i più

superficiali tra i loro fedelissimi bigotti, i più

fondamentalisti tra i loro custodi di “sacre scritture”

ed i più fanatici tra i loro divulgatori del “messaggio” -  

la “prova scientifica” della Sua esistenza...

 

 

Quindi non meraviglierebbe affatto sentirselo propinare

anche in qualcuno dei popolari programmi televisivi di

intrattenimento “scientifico” da parte di un qualche

novello santone “di scienza” oppure sentirselo servire

dritto dritto nella predica domenicale di qualche altro

guru, nella fattispecie uomo “di culto”.

 

Beh, in entrambi i casi non certo persone “di cultura”!