“Bracciano...

 

                                   

... Stazione di Bracciano!”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Il problema

 

                                   

e il suo contesto  

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un contributo - datato AD 2000, purtroppo valido a

tutt'oggi nel 2021! - alla soluzione di una delle calamità

cittadine, mentre ancora si aspetta di conoscere cosa il

mio caro “paesello” pasticcione vorrà fare da

“grande”...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

             

 

                                   

 

     

Il "Contratto con i Cittadini" unilateralmente

proposto, stipulato e sottoscritto dall'allora

candidato Sindaco Enzo Negri, in vista delle

Elezioni Amministrative del 2002, in cui, tra

i sette obiettivi elencati, al punto 1 si legge:

 

"Eliminazione del passaggio a livello su Via

Principe di Napoli."

       

 

                                   

                                   

 

                                   

Se si deve crescere male

meglio rimanere piccoli

(ma non si può)

 

                                   

 

                                   

Sotto una brutta facciata solo a tratti cosmeticamente

riappecettata, Bracciano langue in uno stadio terminale

di rapida, bulimica rarefazione e sostanziale degrado.

 

Non una questione di oggi e neppure di estetica, ma di

qualità di vita che ormai da troppo tempo va

inesorabilmente sempre più impoverendosi!

 

 

Che un passaggio a livello nel bel mezzo del Centro

cittadino sia un fatto così assurdamente anacronistico,

non ha bisogno di riferimenti normativi, perché basta ed

avanza la quotidiana esperienza di questo

strangolamento a singhiozzo, subita per più di un secolo

da generazioni di cittadini, visitatori e turisti.

 

Nel 2002 l’allora candidato Sindaco Enzo Negri lo

includeva, ad esempio, come assoluta priorità nel suo

“Contratto con i Cittadini”.

 

 

A rendere oggi estremamente preoccupante la cosa,

sono i piani ormai avanzati e prossimamente operativi

(2008-2010 si dice) della realizzazione di un secondo

binario sulla tratta ferroviaria Cesano-Bracciano, che

comporterà una quasi raddoppiata frequenza dei

collegamenti con la Capitale…

 

In bene e in male siamo comunque giunti ad un

pressappoco totale assorbimento della cittadina nel

contesto “metropolitano”, ma questo non deve

necessariamente significare “subordinato”, “periferico”

o “di riserva”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Originale della planimetria di massima della "2a Tratta" della futura

ferrovia Roma-Viterbo riguardante l'attraversamento del Centro di

Bracciano, con il relativo passaggio a livello, qui denominato "PL. Pr 39

593,00" (al centro del riquadro rosso aggiunto dalla Redazione), così

come pubblicato dall'Ingegnere Capo Espropriatore in Roma il 22 Aprile

1891.

 

 

Nell'ingrandimento del passaggio a livello, di particolare interesse le

particelle catastali dal numero n. 846 all'850, una serie di cinque tombe

etrusche, due delle quali - n. 849 e 850 - andate distrutte allo

sbancamento necessario per il tracciato erroviario, le tre rimanenti a

proseguire lungo Via Principe di Napoli sotto il muraglione della Caserma

"Cosenz".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Una curiosità molto significativa

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Città di Bracciano

 

                                   

Gita di piacere

durante l’Anno Santo 1900

 

                                   

 

                                   

 

 

Questa città situata sulla linea ferroviaria

Roma-Viterbo dista da Roma circa un ora di

viaggio [!].

 

Partendo da Roma coi due treni della

mattina, si può ritornare la sera dopo aver

fatto una gita piacevole.

 

 

Essa è una pulita cittadella posta in amena

posizione, circondata da ubertoso territorio

elevata sul vicino lago omonimo,

anticamente chiamato Lago Sabatino il quale

offre pesci squisiti: trotte, regine ecc.

 

Si specchiano nel lago i due paesi di

Anguillara e Trevignano; ai quali si può

andara in vettura, a cavallo, o in barca.

 

 

Varie trattorie e due comode locande, della

Posta e del Sabazio provviste di ristorante,

di vini scelti provenienti dalle estese vigne e

grandiose cantine [!] di S. A. il Principe

Odescalchi, della rinomata Acqua Claudia,

possono alloggiare e dar vitto a numerose

comitive.

 

L’attrattiva maggiore per i gitanti è lo storico

castello medioevale, oggi del Principe

Odescalchi, di proprietà degli Orsini che lo

edificarono nel secolo XV.

 

 

A tutti è permesso per gentil concessione del

Ecc.mo proprietario la visita al detto Castello

mediante il biglietto di permesso che

l’amministrazione Odescalchi rilascia

gratuitamente [!] in Bracciano oppure col

biglietto comulativo ferroviario.

 

Per le escursioni nei paesi vicini si trovano in

Bracciano tutti i mezzi di trasporto a prezzi

economici. [...]

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

[!]  Le parole sono marcate in rosso ad elaborazione e commento della

Redazione

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Tanto per capirci, a fine 1800 inizio 1900 per arrivare con il treno a

Bracciano ci vuole circa un'ora, cioè meno di oggi, ma quando il testo della

locandina sopra viene scritto è un'epoca in cui i turisti provenienti da

Roma sono attesi alla Stazione Ferroviaria ed portati in "sightseeing"

agricolo-culturale a visitare tra l'altro il Castello Orsini-Odescalchi a bordo

di questi tassì - le catteristiche "barrozze" della campagna romana con

tanto di classica "vetta" di buoi maremmani...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Coronas Metropolitanas

la chiama “mobilità”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

       

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Programma di iniziativa comunitaria “Interreg IIIC

Sud” si propone di confrontare le strategie di sviluppo

locale che Comuni e Enti locali possono adottare per

sfruttare le opportunità offerte dalla vicinanza di grandi

aree urbane, superandone le condizioni di svantaggio.

 

Vi partecipano selezionate aree metropolitane di Madrid

(capofila), Roma, Berlino e Atene.

 

 

Nell’ambito del progetto “Coronas Metropolitanas”

(Area tematica Ambiente-Territorio), l’8 giugno 2006

BIC Lazio e la Direzione Regionale Trasporti hanno

organizzato a Bracciano un convegno nel quale si

intendeva illustrare strategia e obiettivi della

sperimentazione in corso nel territorio della Tuscia

Romana.

 

14 i Comuni coinvolti in un’area di studio scelta a

cavallo delle due Province, Roma e Viterbo: Allumiere,

Anguillara Sabazia, Barbarano Romano, Bassano

Romano, Blera, Bracciano, Canale Monterano, Manziana,

Oriolo Romano, Tolfa, Trevignano Romano, Vejano, Villa

S. Giovanni in Tuscia.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In particolare, il progetto pilota realizzato da BIC Lazio

si da una doppia finalità:

 

- favorire la programmazione congiunta tra le diverse

istituzioni, attraverso uno strumento strategico di

supporto (cosiddetto modello di “riequilibrio”)

 

- promuovere la conoscenza e l’uso sostenibile del

territorio da parte della popolazione di Roma e

dell’Area Metropolitana”.

 

 

La Regione Lazio contribuirà invece ad una

sperimentazione con studio di fattibilità per un “sistema

di trasporto pubblico integrato della Tuscia Romana”.

 

Si prevede la creazione di una linea circumlacuale del

Lago di Bracciano (inaugurata in occasione dell’evento

è stata attiva ogni domenica di giugno e luglio 2006).

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il programma dei lavori era promettente e ci si

aspettava molto di più.

 

Purtroppo questo costoso Convegno tenuto al Castello

Odescalchi, più che una “giornata di lavori” ha offerto

molti monologhi e presentazioni piuttosto misere su

maxi-schermi multimediali utilizzati esclusivamente per

titoli, tipo “Direttore tal dei tali della Direzione questa e

quella”.

 

 

Disgraziatamente molti degli invitati, in tour ecologico”

intorno al lago, sono anche rimasti senza il buffet di

prodotti tipici locali, miseramente saccheggiato da

elementi autoctoni forse addirittura non invitati, ed il

clima alla magra  “tavola rotonda” del pomeriggio non è

stato dei migliori.

 

 

Alcuni dei relatori non sono stati neppure lasciati

intervenire “per mancanza di tempo”, molti di loro -

guarda caso - portatori di critiche sul tema del

giorno...

 

Quello che rimarrà impresso è comunque lo slogan

(molto propagandistico ma, a dire il vero, almeno

altrettanto sen onon ancor di più vuoto) lanciato fino

alla noia e alla nausea dei mentalmente presenti:

 

                                   

 

                                   

“Non stiamo parlando di trasporti,

ma di ‘mobilità’!”

 

                                   

 

                                   

In altre parole:

 

- noi politici stiamo pensando di continuare a non fare

un bel niente per questo territorio, non solo non

creando vere e permanenti occasioni di lavoro, ma

lasciando che, al contrario, se ne impoverisca sempre

di più, rendendolo di conseguenza ancora più schiavo

del maledetto fenomeno del “pendolarismo” verso la

capitale, già oggi una ottava piaga d'Egitto...

 

- noi politici non stiamo mica pensando di rendere

“meno invivibile” Roma, evitando costosi interventi

diretti sulla malsana città ed esportando comodamente

le sue profonde problematiche di “bulimia

metropolitana” ad una sempre più ampia zona del

finora risparmiato territorio limitrofo, prima al Sud e,

saturato questo, ora anche al Nord...

 

- noi politici non è che stiamo pensando di rendere

questo territorio  più “fruibile” ai Romani, la sua pace

e la sua bellezza ancora pressoché incontaminata a

orde di “fagottari”, i quali invadendolo come una

marea la domenica e le altre feste (rac)comandate

tutto prendono, niente danno, ma lasciano dietro

di sé il peggio del peggio da ripulire noi e a spese

nostre...

 

- noi politici non stiamo assolutamente pensando di

cementificare colline, valli, macchia e boschi con

sempre nuove "borgate", ghetti-dormitorio per la

massa, pseudo-villaggi "griffati" o dai nomi "culturali"

per la nuova bassa e media borghesia o quant'altro...

 

- noi politici non stiamo di certo parlando di una “terza

colonizzazione” dell'Etruria Meridionale, dopo quella

delle solite Legioni Romane e del Papato

 

- noi politici “non stiamo parlando di trasporti, ma di

‘mobilità’!”, mobilità per voi, “poveri indigeni isolati e

statici” della Tuscia Romana.

 

 

Grazie, grazie di cuore e scusateci per non averlo

capito prima!

 

Come un nostro carissimo collaboratore, il professor

Pietro Barlesi, usa dire

 

                                   

 

                                   

“la sveglia,

che molti di noi

si intestardiscono a portare

ancora tradizionalmente

al collo”

 

                                   

 

                                   

faceva troppo rumore per potervi sentire distintamente

- ma ora che ci avete gentilmente aiutato a toglierla,

tutto è molto più chiaro.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

I quattro

 

                                   

Comuni lacustri

 

                                   

sono “tre

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Come per il classico Pierino delle barzellette - e non solo

lui... - per il quale “i sette re di Roma furono cinque,

Romolo e Remo” (e a dire il vero sono stati otto, incluso

Tito Tazio Re dei Sabini, co-reggente con Romolo!), così

i Comuni che si affacciano sul Lago Sabatino

diminuiscono o aumentano a seconda delle circostanze.

 

Tornando alla nostra realtà quotidiana, quando si tratta

di problemi da affrontare i Comuni lacustri sono sempre

e solo tre: Anguillara Sabazia, Bracciano e Trevignano

Romano.

 

 

Anche se in effetti Anguillara stranamente non confini

con Trevignano e tra loro ci sia un quarto Comune,

quello della grande assente - Roma “la lupa, molto

antico e pienamente meritato epiteto!

 

Assente sì, quando si tratta di “dare”, ma non quando si

tratta di “prendere” - come sfruttare le risorse naturali

del bacino Sabatino per sopperire ai propri bisogni e

compensare la perdita della propria malgestita qualità

della vita con dosi in prestito da quella che, se pur

ormai anche questa, solo a tratti e sprazzi sopravvissuta

e molto malridotta, esiste comunque nella sua

altrimenti dimenticata colonia più che Provincia.

 

 

Prima fra tutte l’acqua, poi l’aria, la natura e il

paesaggio, anche se non proprio integri, quasi intatti o

almeno non ancora del tutto distrutti anche quelli.

 

La superficie del lago è divisa in tre spicchi per quanto

riguarda la pesca, ma poi più sotto Roma controlla le

bocche di presa degli acquedotti, quello storico Paolino

ed il nuovo, a doppia, smisurata conduttura, così

mentre ai Comuni lacustri manca l'acqua da bere e per

irrigare, Roma bulimica, marcia e prepotente, matricida

e ladra, e anche sempre più assetata, si sta

letteralmente bevendo il Lago di Bracciano (ma c’è o

non c'è un contatore?…).

 

 

E cosa riceviamo in cambio... borgate e dormitori per

noi cui garantire servizi, ovvero, in altre parole, villette,

appartamenti e seconde case a buon prezzo per “poveri

e stressati Romani”, che non se li possono più

permettere nella malsana ma proibitiva Capitale?

 

Poveri Romani un cazzo, piuttosto poveri noi quando fra

dieci o vent'anni saremo, comunque e come sempre da

sempre, di nuovo noi a pagare il conto, sia ecologico che

economico, turistico e culturale, di questa Terza

Colonizzazione dell'Etruria!

 

 

“Politiche” locali di svendita suicida e cieca da parte di

una (c)ricca generazione di manipolabili, manipolati e

manipolanti politrukoli, incolti, incompetenti e corrotti,

traditori della propria terra e della propria gente.

 

E per il solito squallido “piatto di lenticchie” (Genesi

25,29-34) - da imbecilli... 

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

E dov’è finito il PRUSST ?

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

             

               

 

                                   

 

 

Ministero

delle Infrastrutture

e dei Trasporti

   

 

                                   

 

 

Dipartimento

per il Coordinamento

dello Sviluppo del Territorio,

delle Politiche del Personale

e gli Affari Generali

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Il Ministero dei Lavori Pubblici, con decreto

dell’8 ottobre 1998 pubblicato sulla G.U. n°

278 del 27 novembre 1998, ha approvato un

bando nazionale finalizzato a promuovere,

formare e finanziare programmi innovativi in

ambito urbano denominati Programmi di

Riqualificazione Urbana e di Sviluppo

Sostenibile del Territorio” – PRUSST.

 

 

I programmi devono interessare vaste aree

che comprendano “sistemi metropolitani

caratterizzati dal deficit infrastrutturale

relativo alla gestione dei grandi bacini di

mobilità e dalla criticità delle

interconnessioni tra nodi dei sistemi di

trasporto internazionali, nazionali e

interregionali” e “distretti insediativi che

richiedono una migliore articolazione

infraregionale, rafforzando le relazioni di

complementarità e sinergie tra i singoli

centri”.

 

I PRUSST sono rivolti al potenziamento dei

sistemi infrastrutturali di livello territoriale,

alla tutela e valorizzazione dei beni culturali

e ambientali, al recupero edilizio e urbano,

allo sviluppo delle attività produttive.

   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

 

Nella Tuscia Romana il Comune di

Civitavecchia si è fatto promotore del

PRUSST interregionale “Patrimonio di San

Pietro in Tuscia ovvero il Territorio degli

Etruschi”, invitandovi come copromotori gli

altri Comuni dell’area al fine di  individuare

un insieme integrato e coordinato di

interventi pubblici e privati.

 

Questo partendo dalla convinzione che

Civitavecchia rappresenti ancora oggi la

porta marittima di accesso ai territori

dell’antica Etruria e che su questo tema

possa essere impostato un ampio

programma di sviluppo turistico, sociale e di

recupero del nostro immenso patrimonio

naturale, paesaggistico, archeologico,

architettonico, storico e monumentale, in

grado di competere con le altre iniziative

territoriali pianificate, in atto o già realizzate

nella Regione Lazio.

   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

 

A questo PRUSST partecipano 93

Amministrazioni locali e provinciali:

 

- nella tutti i 60 Comuni in Provincia di

Viterbo, l’Amministrazione provinciale di

Viterbo e 15 Comuni della Provincia di

Roma;

 

- nella Regione Toscana 3 Comuni in

Provincia di Grosseto;

 

- nella Regione Umbria 14 Comuni in

Provincia di Terni.

 

 

Su una superficie di quasi 6.000 kmq il

PRUSST interessa una popolazione di oltre

mezzo milione di abitanti ed il suo ambito

territoriale comprende paesaggi naturali

estremamente vari – mare, Maremma,

colline e laghi di origine vulcanica, aree

archeologiche, palazzi, borghi, chiese e

castelli, riserve e parchi naturali.

 

 

Con il PRUSST il territorio della Tuscia

Romana può trovare un vero riequilibrio alle

oggi sbilanciate tendenze gravitazionali

della “regione romana”, nel quadro d’una

nuova politica di sviluppo produttivo e di

valorizzazione turistica in cui tutela e

valorizzazione del patrimonio storico e

naturale abbiano assoluta preminenza,

abbandonando le indiscriminate

urbanizzazioni per inutili espansioni

residenziali che hanno finora depauperato il

territorio della sua millenaria ricchezza:

l’armonia tra uomo e natura.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

   

Per scaricare l’intera e dettagliata presentazione del

PRUSST della Tuscia Romana in formato stampabile

(5.61 MB), cliccare qui o sull'icona