“Chiuso, aperto... chiuso!” 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Soluzione realistica

 

                                   

ad un problema terra terra

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Illustratone il contesto politico territoriale, possiamo di

nuovo immergerci nel nostro microcosmo ed illustrare il

da oltre due decenni (AD 2000!) e fino ad ora ignorato

contributo alla soluzione del passaggio a livello di

Bracciano…

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Questa bella  foto satellitare di Bracciano è stata qui

fissata, con l'aiuto di un simulatore di volo, ad una

altezza di circa 1.000 metri: il problema è evidente.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

La proposta firmata

 

                                   

   AlterEgo & Partners™

 

                                   

                                   

 

                                   

Cardo e decumano

 

                                   

 

                                   

Sono chiaramente distinguibili l'asse portante del

paese, Via Principe di Napoli  in giallo - dal Castello

Odescalchi e il Duomo di S. Stefano, in alto a destra,

fino a S. Lucia in zona Cappuccini - asse spezzato dalla

linea ferroviaria  in rosso - con l'attuale stazione

ferroviaria  in azzurro.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A dire il vero - a parte le storiche Frazioni di Vigna di

Valle, Castel Giuliano e Pisciarelli - il paese è oggi

spezzato in tre:

 

- il cosiddetto Centro Storico, dal Rione Monti fino alla

ferrovia

 

- una “Terra di nessuno”, dalla ferrovia a Piazza Don

Cesolini e la Braccianese-Claudia per Manziana

 

- la crescente Borgata, ormai composta da almeno 5

agglomerati - “Ciao Italia Village”, “Bracciano Due”,

“Cinquillla”, “Campo della Fiera” e “Montebello”.

 

                                   

                                   

 

                                   

Un patrimonio inutilizzato

 

                                   

 

                                   

E ad esatto centro asse, su Via Principe di Napoli, un

grande cuore vuoto:

 

- l'ex Caserma “Cosenz”  in verde oggi di competenza

del Ministero del Tesoro, la quale ospita in un angolino,

verso l'albergo militare, un Circolo Ufficiali

 

- la storica Scuola “Tittoni”, dove già andavano i nostri

genitori, obsoleta come struttura didattica per bambini

e origine di enormi problemi al traffico ad inizio e fine

lezioni

 

- l'ex “Novo Cine”, un edificio da troppo tempo

abbandonato o inadeguatamente utilizzato, ma di fatto

la più capiente sala pubblica tra Roma e Viterbo,

omologata per 1000 posti a sedere.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Vedendo l'intero complesso con gli occhi nuovi e puliti di

un bambino, un nostro figlio, un nipote, un futuro

cittadino di Bracciano:

 

- la “Cosenz potrebbe essere il Campus più che

adeguato di un vero Polo Universitario Sabatino

 

- lì accanto la “Tittoni ne diventerebbe il Centro

Amministrativo, con uffici docenti e sale riunioni

 

- e a due passi l'ex “Novo Cine sì che sarebbe una

dignitosa Aula Magna, utilizzabile anche come Centro

Congressi, al centro del Paese!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Reinventiamoci Bracciano!

 

                                   

 

                                   

Facendo perno proprio sul famigerato passaggio a

livello, si potrebbe creare un nuovo baricentro, capace

di ricucire il Paese!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Doppio binario soltanto fino a Pasqualetti con la nuova

Stazione “Bracciano Sud”,di inizio-fine tratta alta

frequenza Roma-Bracciano (in naturale ipogeo, con

pendenza dei binari invariata).

 

                                   

                                   

 

                                   

Minimo intervento

completo riutilizzo

 

                                   

 

                                   

L'attuale Stazione Ferroviaria di fine 1800 (la ferrovia

arriva a Bracciano nel 1894) sarebbe riutilizzabile come

Stazione “Bracciano Nord”, di inizio-fine tratta bassa

frequenza Bracciano-Viterbo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il binario oggi esistente tra stazione e stazione

rimarrebbe del tutto inalterato ed altrettanto il

passaggio a livello.

 

 

Questa connessione a binario unico tra le due stazioni

verrebbe utilizzato solo per il passaggio (notturno) di

materiale ferroviario, a fini di protezione civile e per

trasporti militari in circostanze eccezionali.

 

Anzi, il passaggio a livello potrebbe addirittura essere

“anticato”, riportato cioè alle sue caratteristiche

estetiche originali, ma con apparecchiature di apertura

e chiusura automatizzate di ultima generazione: un

ulteriore punto di attrazione turistica al centro di

Bracciano!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Per chi viaggia

oltre Bracciano

 

                                   

 

                                   

Una soluzione così offrirebbe anche interessanti

opportunità di rapido smistamento passeggeri.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

- Scale mobili direttamente all'interno del Campus

(Cosenz) e alla Stazione Autobus dei “Pasqualetti”

(interfaccia ferro-gomma)

 

- Tapi rulant tra l'attuale Stazione e la nuova Stazione,

con accessi/uscite

 

oltre che, naturalmente, a/dalle rispettive Stazioni

 

anche nel nuovo Centro Amministrativo (Tittoni) su

Via Principe di Napoli (nelle immediate vicinanze del

sottopassaggio pedonale esistente)

 

e al bivio Viale Odescalchi-Via S. Francesco d'Assisi.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Basta con il Centro Storico

invaso dalle auto parcheggiate

dei pendolari!  

   

 

                                   

 

                                   

 

 

Il cosiddetto Centro Storico di Bracciano -

e da notare che a livello urbanistico viene

connotato come Centro Storico la zona

comprendente i Rioni “Monti”, “Borgo”,

“Stazione” e “Cartiere”, vale a dire almeno

dal Castello fino al tracciato della linea 

ferroviaria e oltre - viene quotidianamente

preso in possesso da quei pendolari,

Braccianesi e non, che devono o che, per

comodità, scelgono di raggiungere il treno in

auto.

 

Un intero Centro cittadino, già miseramente

conosciuto per la sua tradizionale e ad oggi

insoluta carenza di parcheggi, di fatto ogni

giorno diventa tutto un solo, enorme e

caotico parcheggio!

 

 

Ad esasperare questo marasma generale, sia

per pedoni che esercenti commerciali, un

sistema di viabilità a dire poco assurdo, che

permette traffico pesante attraverso l'intero

centro cittadino a qualsiasi ora del giorno e

della notte, che costringe gli automobilisti ad

incredibili quanto inutili ed altamente

inquinanti caroselli e soste forzate

(soprattutto a difesa dei polmoni di bambini

ed anziani, perché non vengono dislocate

unità permanenti di misurazione delle

polveri sottili nel Paese?), che addirittura

sfrutta oltre ogni limite di sicurezza e di

decenza la ancora oggi totale assenza di

marciapiedi in molte delle inadeguatamente

strette strade secondarie...

 

Questa trovata poi dell'omino giallo nelle

cunette altro non è che uno spreco di vernice

ed una sfacciata presa per i fondelli:

 

- primo perché NON sono marciapiedi

 

- secondo perché anche se lo fossero due

persone che si incontrano, pur anoressiche,

non potrebbero farcela su una striscia di

mezzo metro (proprietari di immobili che

ha proprie spese hanno creato un

marciapiede si sono visti restringerne la

larghezza ad illegale e quasi inutilizzabile

un metro invece del regolamentare metro

e mezzo!...)

 

- terzo perché molte risultano seriamente

dissestate, diventando pericolosissime

trappole e causando rovinose cadute e

addirittura fratture (è succeeso più di una

volta soprattutto ad anziani) 

 

- quarto perché alla prima pioggia le più,

data la proverbiale inefficienza delle fogne,

si trasformano immediatamente in torrenti

in piena (portoni di ingresso alle abitazioni

e locali commerciali diventano così

inaccessibili, necessitando

conseguentemente di pedane a ponticello

per entrarvi indenni, cosa su cui il Comune

- invece di risarcirne i proprietari per il

danno e le spese extra, fa addirittura

paragare una tassa di “occupazione di

suolo pubblico” - beffa burocratica che

rasenta il surreale!)

 

- quinto perché perennemente occupate da

auto in sosta selvaggia e senza ormai

alcuna minima reazione, neppure da una

più che da una parte comprensibilmente

quanto dall'altra del tutto

incomprensibilmente capitolata Polizia

Municipale ed affiliati “ausiliari del

traffico”!

 

 

La zona della Stazione Ferroviaria di Vigna di

Valle si presta ottimamente per un adeguato

maxi-parcheggio “fuori mura”, cui

convogliare e raccogliere questo flusso

sproporzionatamente crescente di traffico

non cittadino, auto private ed autobus

extracittadini, per interfacciarlo con il

servizio ferroviario.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Auspicabili effetti collaterali

 

                                   

 

                                   

Un intervento di questo tipo, a livello di comunicazioni

interne ed esterne, darebbe decisamente un segnale di

reale ammodernamento a questo Paese pigro e

sonnolento.

 

Si potrebbe forse addirittura pensare finalmente ad un

Centro Storico pedonale?

 

 

Portando poi il Polo Universitario in una sede degna,

senza dubbio stimolerebbe e renderebbe più motivata e

sostanziale la decentralizzante partecipazione degli

atenei del territorio - sia dell'Università della Tuscia di

Viterbo che delle Università Romane - rafforzando di

molto la convinzione dei loro investimenti su Bracciano.

 

Quindi il doppio binario, ma non per aumentare la

piaga dell'unidirezionale pendolarismo verso Roma:

nuovi interessi locali, nuovi posti di lavoro in loco, nuovi

cittadini attivi sul posto, nuove competenze importate,

nuova forza di acquisto.

 

 

L'idea-progetto è stata originariamente elaborata dalla

AlterEgo & Partners, promotore di UnionTuscia™ e del

G. Bresciani Business Center™, e da uno dei titolari del

Gruppo illustrata ai rappresentanti politici di entrambi

gli schieramenti durante la preparazione dei rispettivi

programmi elettorali del 2002 (ben due decenni fa!),

prima delle elezioni di quell'anno e a titolo gratuito.

 

Un promemoria è stato successivamente portato al

Comune per essere distribuito ai membri della nuova

Giunta Comunale (ad alcuni addirittura consegnato di

persona), ma, nonostante ripetuti tentativi di sollecito,

la proposta non risulta ancora neppure essere stata mai

presentata alla Commissione Urbanistica...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le successive Amministrazioni ad oggi non hanno fatto

di meglio, anzi... - vale sempre il “Nemo propheta in

patria!” o è davvero l'ennesimo rifiuto dell'uovo di

Colombo?

 

Sembra comunque che “si stia finalmente creando una,

anche se tarda pur sempre benvenuta, attenzione per la

proposta e questo “lascerebbe ben sperare.