Andrea Mantegna, "Il Cristo morto" o anche "Lamento su Cristo morto"

ovvero "Cristo morto e tre dolenti", tempera su tela, 68 x 81 cm, databile

tra il 1475-1478 circa, Pinacoteca di Brera, Milano

 

Il Cristo deposto, amorosamente lavato, unto e pianto, uno dei simboli del

Rinascimento italiano

 

 

"C'erano anche là molte donne che stavano a osservare da lontano; esse

avevano seguito Gesù dalla Galilea per servirlo.

 

Tra costoro Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e di Giuseppe, e la

madre dei figli di Zebedèo.

 

Venuta la sera giunse un uomo ricco di Arimatèa, chiamato Giuseppe, il

quale era diventato anche lui discepolo di Gesù.

 

Egli andò da Pilato e gli chiese il corpo di Gesù.

 

Allora Pilato ordinò che gli fosse consegnato.

 

Giuseppe, preso il corpo di Gesù, lo avvolse in un candido lenzuolo e lo

depose nella sua tomba nuova, che si era fatta scavare nella roccia;

rotolata poi una gran pietra sulla porta del sepolcro, se ne andò.

 

Erano lì, davanti al sepolcro, Maria di Màgdala e l'altra Maria."

 

 

Matteo 27, 55-61

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Rivivendo la storia

 

                                   

del nostro futuro

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A distanza di quasi mezzo secolo “El Pais” pubblica foto

del Che Guevara morto, alcune delle quali inedite.

 

Scattate da Marc Hutten, all'epoca corrispondente della

France Presse, unico giornalista a documentare il corpo

esanime del rivoluzionario argentino prima e dopo

l'esposizione al pubblico, le ritrova oggi in una scatola

di sigari Imanol Arteaga, nipote del prete spagnolo, ex

missionario in Bolivia, cui il fotografo ne affida copie,

temendo di non poterle far uscire dal Paese.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Marc Hutten, Oltraggio al Che morto, 1967

Abbandonato, tadito, braccato, fatto prigioniero, torturato e assassinato

 

 

Basti confrontare la foto sopra, prima di trucco e parrucco, e quella sotto,

del tutto ripulito, acconciato e ben preparato per ostentarlo come una

preda, circondato da un carosello di alti militari boliviani, spie dei servizi

segreti nazionali e statunitensi, fotografi ufficiali...

 

Ostensione non di un corpo ma di un simbolo caduto, ad esorcizzare i

peggiori  incubi politici di un epocale cambiamento sociale nel Sud-

America e nel mondo, dissacrante messa in scena costringendo i

campesinos del luogo a sfilargli davanti per convincerli che sia morto

davvero, poi, subito dopo il macabro rituale delle foto ricordo con i suoi

carnefici, gli verranno mozzate le mani e da ultimo il cadavere gettato in

una fossa comune con i compagni guerriglieri, nella giungla più profonda,

in un luogo rimasto segreto per decenni.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Hasta la victoria - siempre!”, “Ever onward to victory!”, “Fino alla vittoria 

- sempre!”, “Tills seger - alltid”, Che

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da giovane medico

 

                                   

di “buona famiglia” borghese

 

                                   

 

                                   

ad instancabile rivoluzionario

 

                                   

combattente

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ernesto Rafael Guevara Lynch de la Serna, medico

argentino, rivoluzionario marxista, scrittore,

comandante guerrigliero, diplomatico e teorico militare

noto come “Che Guevara” o semplicemente “el Che”,

nasce a Rosario il 14 giugno 1928 e, nonostante venga

catturato soltanto lievemente ferito a seguito di uno

scontro a fuoco, viene vigliaccamente assassinato

prigioniero a La Higuera, in Bolivia, il 9 ottobre 1967.

 

 

Giovane studente di medicina, viaggia in tutto il Sud

America e le sue idee vengono così radicalizzate dal

testimoniare di persona il vergognoso e disumano stato

di povertà, fame e malattie in cui ancora versano quelle

popolazioni.

 

Così, nonostante l'amore per la famiglia, cresce sempre

più forte in lui lo slancio idealista e la rabbia politica di

volerle aiutare a ribaltare lo sfacciato e sistematico

sfruttamento capitalista dell'America Latina da parte

degli Stati Uniti d'America.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Si lascia quindi coinvolgere e partecipa attivamente

nelle pacifiche riforme sociali del Guatemala sotto il

Presidente Jacobo Árbenz.

 

 

Ma il suo rovesciamento da parte della CIA su richiesta

della multinazionale “American United Fruit Company -

UFCO”, società statunitense con potere di monopolio

neo-colonialista sulla coltivazione ed il commercio di

frutti tropicali, soprattutto banane, dal Sud America e

sostenitrice economica di governi marionetta tra l'altro

in Costa Rica, Honduras e Guatemala (da cui la ormai

famosa allocuzione “Banana Republics”, cioè

“Repubbliche delle banane”!), radicalizza e solidifica

l'ideologia politica interventista del Che, ora più che mai

convinto rivoluzionario combattente.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Uno dei massimi arterfici

della Rivoluzione Cubana

 

ancora oggi icona per eccellenza

di ribellione e di lotta

 

                                   

 

                                   

A Città del Messico incontra Raúl e Fidel Castro e si

unisce subito al loro “Movimiento 26 de Julio”,

“Movimento del 26 di Luglio” dalla data dell'attacco alla

Caserma Moncada a Santiago di Cuba nel 1953,

imbarcandosi sullo yacht Granma con rotta Cuba e

l'esplicita intenzione di rovesciare il dittatore

cubano Fulgencio Batista, anche questo sostenuto -

manco a ridirlo - dalla CIA e dal Governo degli Stati

Uniti d'America, i quali spadroneggiano sull'isola

trasformata in rifugio sicuro di politici e mafiosi

statunitensi, gioco d'azzardo e prostituzione.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Presto popolarissimo fra i guerriglieri, è promosso sul

campo secondo in comando da Fidel Castro, divenendo

con lui una delle figure centrali della Rivoluzione

Cubana, contribuendo al successo politico e militare

della campagna di due anni che deporrà il Regime di

Batista ed assumendo infine il ruolo di “vice” anche nel

nuovo Governo.

 

Il suo viso stilizzato, dalla celeberrima fotografia di

Alberto Korda intitolata “Guerrilheiro Heroico”, è subito

preso a simbolo di ribellione poilitica, per generazioni

e ancora oggi nella cultura popolare globale.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Braccato, ferito, catturato

torturato, assassinato

preparato, esposto, mutilato

e gettato in una fossa comune

 

Tutto secondo le liturgie

della storica “grande tradizione

di cultura, civiltà e democrazia”

degli Stati Uniti d'America

 

                                   

 

                                   

Lasciata Cuba nel 1965 per attuare la Rivoluzione

Popolare in altri Paesi del mondo, prima nell'ex Congo

Belga, Repubblica Democratica del Congo, poi in Bolivia.

 

L'8 ottobre 1967 viene ferito e catturato da un reparto

anti-guerriglia dell'Esercito Boliviano, assistito

attivamente da “forze speciali” statunitensi costituite,

nemmeno a ri-ridirlo, da altrettanto davvero “speciali”

agenti della CIA.

 

 

A La Higuera, Provincia di Vallegrande, Dipartimento di

Santa Cruz, viene torturato durante la notte nella scuola

del villaggio e lì assassinato il giorno successivo, su

diretti ordini dall'alto del Governo Boliviano dopo precisi

accordi con quello Nord-Americano.

 

La Casa Bianca e la CIA non hanno paura di 50

malnutriti e malarmati guerriglieri nella giungla

boliviana, ma delle loro idee, specialmente di quelle di

uno di loro.

 

 

Il suo cadavere viene esposto al pubblico a Vallegrande

come ambita preda di guerra insieme a quelli dei suoi

fedeli compagni, poi mutilato delle mani, sicuramente

anche in segno di grande disprezzo e per scaramantica

paura che possano ancora scrivere o premere un

grilletto, ma soprattutto per poter dimostrare - al di là

di ogni lecito dubbio - la sua identità.

 

Infine, viene gettato in una fossa comune in un luogo

segreto con tutti i caduti nella medesima imboscata.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La storia però rincorre gli aguzzini e i resti degli

sciagurati vengono incredibilmente ritrovati dopo 30

anni, nel 1997, da una missione di antropologi forensi

argentini e cubani, autorizzata dal Governo Boliviano di

Sanchez de Lozada.

 

Da allora i sei guerriglieri e il loro comandante riposano

nella “sua” Cuba, nello speciale “Mausoleo di Santa

Clara” loro dedicato.