La fine del Che

 

                                   

come raccontata e non

 

                                   

dai media

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Durante un feroce combattimento nella Bolivia Sud-

Orientale il Che cade fra i primi e con lui le sue guardie

del corpo cubane Antonio e Pancho, il resto della

“banda” ne fallisce il recupero del corpo e dopo ben 30

ore di fuoco deve desistere.

 

I superstiti si danno allora alla fuga, inseguiti da truppe

speciali antiguerriglia dell'Esercito Boliviano addestrate

dagli Stati Uniti d'America.

 

 

Alle 5 del pomeriggio del 9 ottobre il cadavere di Che

Guevara, legato alla slitta di atterraggio di un elicottero,

viene trasportato al piccolo campo di aviazione appena

fuori Vallegrande, dove la maggior parte dei 10.000

abitanti della cittadina aspettano.

 

Ma appena atterrato l'elicottero, i soldati non riescono

più a trattenere la folla, che si riversa da tutti lati verso

il velivolo bloccati, a pochi metri, solo dalle armi

puntate ad altezza uomo.

 

 

Il corpo viene così frettolosamente scaricato e messo

su un auto, che subito parte verso l'ospedale locale.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Viene portato in una specie di obitorio all'aperto dove

un gruppo di circa 10 persone, fra medici, infermieri,

soldati e anche una suora, si mettono a lavorare

freneticamente per ripulirlo, riempiendolo anche di

formalina per imbalsamarlo alla meglio. 

 

Uno spettacolo orribile con un soldato gli solleva la

testa, la suora tutta di bianco con un gran sorriso

soddisfatto e il resto dei militari che ridono

allegramente e si danno pacche sulle spalle gli uni con

gli altri per congratularsi...

 

 

Un uomo di grossa statura, in tenuta da combattimento

e maglietta militare americana, armato di

un'automatica modernissima, si comporta da capo

dell'operazione, molto probabilmente un agente della

CIA, un certo “Ramos”, uno dei cubani rifugiati negli

Stati Uniti impiegati dalla Central Intelligence Agency

per interrogare i guerriglieri catturati.

 

Lui fa prendere accuratamente le impronte digitali del

morto, poi fa cenno ai soldati di non disturbare il lavoro

dei medici e degli infermieri e, soprattutto, di tenere il

più lontano possibile i giornalisti (lo stesso giorno due

giornalisti britannici vengono allontanati malamente dal

campo d'aviazione mentre stanno riprendendo le truppe

- nessuno di loro deve essere riconosciuto!).

 

 

E finalmente il Che viene così mostrato alla stampa,

dopo un anno e mezzo nella giungla boliviana come

“Ramon”, dimagrito ma non emaciato, il corpo lavato,

barba e capelli tagliati, a torso nudo.

 

Il Generale Ovando, Capo delle Forze Armate Boliviane,

se lo ispeziona di persona, gli si fa fotografare accanto...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Rembrandt Harmenszoon van Rijn, "La lección de anatomía", 1631-1632

- Olio su tela, 169,5 × 216,5 cm, Mauritshuis, L'Aia, Paesi Bassi

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il destino di Che Guevara

è quindi finire qui

legato come selvaggina

sotto un elicottero militare

 

trasportato direttamente

dal suo ultimo campo di battaglia

nella giungla a un obitorio

 

venir “preparato”

prima di essere ostentato

alla stampa

 

identificato da profughi cubani

lasciato al loro ludibrio

e compiaciuta soddisfazione

 

finalmente “godersi”

il più odiato dei loro nemici

dopo Fidel Castro

 

da morto!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Penosamente maldestra

 

                                   

disinformazione

 

                                   

 

                                   

Viene fuori abbastanza presto che il Che sia stato fatto

prigioniero già domenica sera, l'8 ottobre, “ferito a

morte” ma ancora vivo e che sia morto lunedi mattina

presto (!), appunto il 9 ottobre, “per le ferite riportate

in battaglia” (!).

 

Impossibile a parere dei medici che ne esamineranno il

corpo!

 

 

Il Che è morto intorno a mezzogiorno lunedi, vale a dire

solo 5 o 6 ore prima di essere trasportato a Vallegrande.

 

Deceduto per le “ferite a bruciapelo da arma da fuoco al

cuore e ad entrambi i polmoni”, in altre parole

freddamente giustiziato molte ore dopo la sua cattura!

 


Avessero gli
Ufficiali dell'Esercito Boliviano raccontato

una sola storia, fin dall'inizio, ma...:

 

- il Colonnello Zenteno, Capo dell'8a Divisione in Santa

Cruz, responsabile della morte del Che, sostiene che

sia “morto in battaglia”

 

- i suoi diretti superiori parlano apertamente di quello

che il Che “dice” e come “si comporta” dopo la sua

cattura

 

- l'Ammiraglio Ugarteche, Comandante in Capo della

Marina Militare Boliviana, riferisce le ultime parole del

Che in stile con “Sono il Che, ho fallito, non

uccidetemi!”...

 

 

Insomma (come poi documentatamente provato) una

maldestramente pianificata disinformazione, piena di

menzogne su menzogne - in altre parole una gran

buffonata ed una plateale messa in scena.

 

                                   

 

                                   

   Ma allora...

 

Qual'è la vera storia?

 

Come si arriva

a questo vergognoso epilogo?

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il corpo del Che viene "preparato" per l'esposizione a torso nudo a stampa

e pubblico.

 

Ripulite le tracce di sangue, truccati gli ematomi da calci e percosse, lavati

il viso ed i piedi, tagliati ed aggiustati la barba e i capelli, il suo corpo

completamente pompato di formalina...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ricostruzione storica

 

                                   

dei fatti

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Guevara lascia Cuba nel 1965, emarginato dai vertici

politici e poi liquidato su pressioni dei Sovietici, loro

nemico dopo averli criticati apertamente ad Algeri, dato

che con l'embargo statunitense i Cubani dipendono in

tutto e per tutto dall'aiuto dell'altra superpotenza.

 

Così il Che scompare, viaggia a lungo in America Latina,

appare in Guatemala, Perù e Brasile usando diversi

passaporti, poi in Congo, in Vietnam del Nord, finché

nella primavera del 1966 è a Parigi e alla fine dell'anno

in Bolivia.

 

 

Il suo per la Bolivia è un amore di gioventù, che risale

agli Anni Cinquanta, quando da giovane studente gira in

moto l'America Latina, un paese che nel 1952, ha la sua

vittoriosa rivoluzione spazzando via l'Esercito in tre

giorni di pesante battaglia, nazionalizzando poi le

miniere di stagno e confiscando le grandi proprietà.

 

Ma il Presidente Victor Paz Estenssoro ricrea l'Esercito,

la vita dei minatori ridiventa dura, la riforma agraria

non migliora affatto l'agricoltura e i sindacati dei

campesinos si trasformano ben presto in bande armate,

che i capi usano per i propri fini.

 


Che Guevara ne conclude che questo
fallimento dipenda

dal fatto che i Boliviani non siano andati fino in fondo

come i Cubani, senza illudersi però che il modello

cubano possa essere ripetuto qui:

 

- al tempo della Rivoluzione Cubana l'Unione Sovietica è

ancora disposta a supportare le rivoluzioni del Terzo

Mondo, ora non più

 

- gli Stati Uniti “tollerano” agli inizi la Rivoluzione

Cubana, mentre oggi neppure rivoluzioni liberali

“costituzionali”, come quella democratica della

Repubblica Dominicana del 1965 vengono più

tollerate...

 

 

Il successo di una rivoluzione in Bolivia provocherebbe

un diretto intervento e su vasta scala da parte delle

truppe americane!

 

Il Che crede allora fermamente in una nuova strategia

cui esorta i rivoluzionari di tutta l'America Latina ad

aderire:

 

                                   

 

                                   

“Creare due, tre, tanti Vietnam!”

 

                                   

 

                                   

per sfiancare le forze militari nord-americane.

 

 

Scomparso da Cuba, Guevara partecipa ad una riunione

segreta a Praga nella primavera del 1965 insieme ad un

gruppo di Boliviani, tutti in seguito in quel nucleo

guerrigliero sud-americano, tra cui Coco Peredo,

tassista a La Paz e membro del Comitato Centrale del

Partito Comunista Boliviano, il quale verrà addestrato

nel Vietnam del Nord.

 

Alla fine del 1966, Coco riemerge in Bolivia dove,

acquistata una fattoria, vi organizza un centro di

addestramento militare, proprio come Fidel e Che 10

anni prima in Messico.

 

 

Purtroppo CIA ed Esercito Boliviano ne vengono a

conoscenza già agli inizi del 1967, attraverso il

tradimento proprio di uno dei membri del nucleo

originario, tanto che, dopo un primo contatto e scontro

con le truppe boliviane, i guerriglieri sono costretti ad

abbandonare tutto e fuggire in fretta.

 

Braccati per mesi vengono alla fine localizzati ed

accerchiati: Joaquin, uno degli istruttori/consiglieri

militari cubani, e Tania, giovane argentina con funzioni

di ufficiale di collegamento, vengono intercettati ed

uccisi durante l'estate e all'inizio dell'autunno anche

Coco perde la vita in combattimento, appena un paio di

settimane prima del Che.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

... così queste saranno le macabre immagini "ufficiali" in cui però,

nonostante tutti gli sforzi, rimarranno comunque sufficientemente ed

inequivocabilmente evidenti i segni della tortura e dell'esecuzione.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il rapporto dell'autopsia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

Rapporto di autopsia

di:

 

 

Ernesto Guevara de la

Serna

   

 

                                   

 

 

Medici:

 

José Martínez

Ossoe Moisés

Abraham Baptista

   

 

                                   

 

 

Età:

 

Circa 40 anni

   

 

                                   

 

 

Razza:

 

Bianca

   

 

                                   

 

 

Altezza:

 

Circa 1,73 m

   

 

                                   

 

 

Capelli:

 

Castani, ricci, barba e baffi ricci,

sopracciglia folte

   

 

                                   

 

 

Naso:

 

Diritto

   

 

                                   

 

 

Labbra:

 

Sottili

   

 

                                   

 

 

Bocca:

 

Socchiusa con tracce di nicotina

Manca il premolare inferiore sinistro

   

 

                                   

 

 

Occhi:

 

Tendenti all'azzurro

   

 

                                   

 

 

Costituzione:

 

Normale

   

 

                                   

 

 

Estremità:

 

Piedi e mani in buono stato, con una

cicatrice che copre quasi tutto il

dorso della mano sinistra

   

 

                                   

 

 

Con le seguenti

lesioni:

 

 

1) Ferita di pallottola nella regione

della clavicola sinistra, con uscita

nella regione scapolare dello

stesso lato

 

2) Ferita di pallottola nella regione

della clavicola destra, con frattura

di questa, senza uscita

 

3) Ferita di pallottola nella regione

costale destra, senza uscita

 

4) Due ferite di pallottola nella

regione costale laterale sinistra,

con uscite nella regione dorsale

 

5) Ferita di pallottola nella regione

pettorale sinistra tra la 9a e la 10a

costola, con uscita nella regione

laterale dorsale sinistra

 

6) Ferita di pallottola a un terzo della

gamba destra

 

7) Ferita di pallottola a un terzo del

muscolo quadricipite femorale

sinistro

 

8) Ferita di pallottola al terzo

inferiore dell'avambraccio destro,

con frattura dell'ulna 

   

 

                                   

 

 

Causa della morte:

 

La morte è stata causata dalle ferite

al torace e dall'emorragia seguita

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

*

                               

 

                                   

 

 

Allegato:

 

La commissione dei tecnici incaricati

dal Governo Argentino, su richiesta

del Governo Boliviano, per

confermare l'identificazione dei resti

di Ernesto Guevara de la Serna,

attesta che si tratta veramente di lui 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dunque ben nove ferite da arma da fuoco e con quali

traiettorie (!)...:

 

- due alla gola, una da destra e una da sinistra

 

- una al torace, dritta al cuore

 

- tre alle costole, una da destra e due da sinistra

 

- una poco sopra il polso della mano destra

 

- due alle gambe, una alla destra e una alla sinistra.

 

 

Senza alcuna presunzione, ma neppure necessità, di

essere esperti, sembrerebbero più tracce di un macabro

rituale, un'esecuzione in piena regola, che ferite da

combattimento!

 

Nulla riportato delle torture e delle percosse di cui è

stato oggetto durante tutta la notte e il corpo descritto

indirettamente come “lindo e pinto”, non un cenno di

ematoma, non una lacerazione, soltanto fori di

pallottole.

 

                                   

 

                                   

Colpito da nove pallottole:

 

-----> <-----

 

   ()

   -----> ●      ●● <<----- 

 

 

----->                             

 

 

----->    <----- 

 

- rimanendo per tutto il tempo in piedi

a prendersele una dopo l'altra (?!)

 

- oppure gli hanno sparato tutti i colpi

simultaneamente (?!)

 

- oppure è stato forse giustiziato seduto

e legato su una sedia da interrogatorio

(!)

 

- oppure forse caduto o gettato a terra

e lì ammazzato come un cane (!)...

 

                                   

 

                                   

Morte causata “da ferite al torace con conseguente

emorragia”: certo, grazie della precisazione!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

 

*

                               

 

 

Nota della Redazione

 

In effetti dopo quasi una settimana, il giorno 15 ottobre

1967, i poliziotti argentini potranno verificare come le

impronte digitali del Che - loro note attraverso la sua carta

d'identità n. 3.524.272 - siano identiche a quelle di una

delle mani conservate in barattoli di formaldeide - anche

questo altro dettaglio alquanto macabro...

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla lettura dell'articolo

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

"Ecce Homo", una delle inconfutabili prove fotografiche postume (la

dedica "Para Miguel" porta la data del "7 gennaio 1999", ma nella

seguente didascalia si legge chiaramente come sia stata scattata l'"8

ottobre 1967"), anzi la prova maestra della cattura di Ernesto Che Guevara

nella giungla boliviana ancora vivo e vegeto: la "foto ricordo" è una delle

tentazioni cui nessuno o molto pochi riescono a resistere...

 

Il Che viene mostrato dai "ranger" boliviani che posano orgogliosi, il

comandante a sinistra, i soldati, solitamente reclutati tra i campesinos

analfabeti a destra, lui al centro, neppure ferito, di certo comunque non

"gravemente", come i generali boliviani racconteranno dopo la sua

esecuzione contraddicendosi uno con l'altro, pienamente in grado di

camminare da solo quando viene portato alla famigerata scuola de La

Higuera, con un'espressione ed uno sguardo che, oltre alla naturale e

più che comprensibile paura vista poi l'evoluzione dei fatti, mostra

un'ancora e sempre viva dignità e fierezza!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Catturato

e assassinato da prigioniero!

 

                                   

 

                                   

No, la storia è decisamente un'altra...

 

La verità sulla sua sua corta prigionia e la vile

esecuzione verrà a galla molti anni più tardi.

 

 

Qui di seguito, alcune delle foto del prima e del dopo,

allora segretate, che comprovano - al di là di ogni

costruita menzogna e storico dubbio - come il Che

venga catturato sì dimagrito dopo la difficile lunga

permanenza nella giungla, ma altrimenti in ottimo stato

fisico e psichico.

 

Quindi è “da prigioniero” e contro tutte le

convenzioni internazionali che verrà malmenato,

torturato ed infine sommariamente giustiziato!

 

                                   

 

                                   

 

                                   
 

 

                                   

 

                                   
 

 

                                   

 

                                   
 

 

                                   

 

                                   
 

 

                                   

 

                                   

 

                 

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

L'ordine della sua eliminazione

direttamente dalla CIA

 

                                   

 

                                   

In un documentario di ben 3 ore la vita e la morte di

Ernesto Guevara de la Serna, a lungo inedito anche se

datato 1973, una pellicola incompleta nel montaggio,

copia-lavoro giunta miracolosamente fino a noi con i

suoi colori sbiaditi, salti di quadro e fuori-sincrono, nella

sua “crudezza” metafora perfetta della “Revoluciòn”

Latino-Americana.

 

Il materiale, girato da Roberto Savio, ex-regista della

RAI, raccoglie le testimonianze dirette di tutti i coinvolti

nella cattura ed assassinio del Che nel 1967, con

ricostruzioni dettagliate dell’evento e la lettura del

contesto storico e geo-politico in cui ha luogo.

 

                                   

 

                                   

La storia di 50 guerriglieri

sperduti sulle Ande Boliviane

in cui si riflette

quella di un intero continente

 

la sua oppressione

i suoi frustrati tentativi di liberarsene

se vogliamo

la storia stessa dell'umanità

 

e dell’ingerenza continua

“asfissiante, onnipresente ed ipocrita”

degli Stati Uniti d'America

nella vita degli Stati Sud-Americani

 

                                   

 

                                   

Chi decide di eliminare fisicamente Che Guevara, non è

infatti l'Autorità Boliviana, ma la CIA!

 

Secondo il Maggiore US Army Shelton, allora

responsabile dell’addestramento dei Contras boliviani,

è “proprio il battaglione che ha ricevuto il massimo

dei punteggi a condurre in porto l’operazione contro

Guevara”.

 

 

L’ordine di assassinare Guevara arriva via radio, dopo

una “difficile” riunione ad altissimo livello a La Paz su

se tenerselo vivo oppure ammazzarlo.

 

Perché, paradossalmente, la sua morte avrebbe dato

vita - come di fatto avverrà - alla nascita di un mito

internazionale, destinato solo a ingigantirsi nel tempo,

mentre buttarlo in una prigione avrebbe sicuramente

creato una serie di problemi e non da poco

nell'immediato.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Il “caso Debray”

 

                                   

 

                                   

 

                                   
 

 

                                   

Jules Régis Debray

 

Ciro Bustos

 

                                   

 

                                   

Che nel documentario il “caso Debray” venga ricordato

da vari intervistati è molto significativo.

 

Questo Debray, al secolo Jules Régis Debray, scrittore,

giornalista, professore ed intellettuale marxista

francese, già amico di Fidel Castro ed Ernesto Che

Guevara, si dimostra una figura a dir poco ambigua.

 

 

Di famiglia della buona borghesia, padre avvocato e

madre partigiana, si diploma all'Ecole Normale

Supérieure di Parigi nel 1965, da socialista convinto

seguendo i corsi di Louis Althusser, per poi lo stesso

anno entrare a far parte di quella cinquantina di

guerriglieri al comando di Ernesto Che Guevara

che falliranno il tentativo di rivoluzione in Bolivia.

 

Insieme all'artista e rivoluzionario Ciro Bustos viene

catturato dall'Esercito Boliviano nell'aprile 1967, quindi

qualche mese prima della cattura e dell'assassinio di

Guevara, ma poi, pur se con il contributo di un

intervento personale di Charles De Gaulle, viene

comunque “stranamente liberato solo qualche

mese dopo l'assassinio di Che Guevara” nell'ottobre di

quello stesso anno.

 

 

Tornato in Francia, viene a ragione sospettato (e

addirittura accusato) pubblicamente di esserne il

delatore, cioè di aver, lui solo o con Ciro Bustos, tradito

il Che, rivelandone la presenza in Bolivia.

 

Lui allora reindirizza la propria visione politica verso

la concezione di “uno Stato forte e autorevole”,

approdando addirittura e per ben sette anni a

“consigliere speciale” del Presidente François

Mitterand, fino a che nel 1993 non si dichiarerà “deluso

dalla falsità di uno Stato-immagine” alla sola ricerca di

consenso popolare, senza mai risolvere i veri problemi

delle masse...

 

 

Abbandonata la politica si dedicherà alla filosofia e una

nuova disciplina da lui proposta nel 1989, la

“Mediologia per comprendere le dinamiche con cui

vengono tramandate le tradizioni dei diversi gruppi

sociali, alla luce dei condizionamenti a esse imposte da

parte dei principali dispositivi impiegati: la scrittura, la

stampa, la televisione e attualmente Internet”, un

chiaro tentativo di ripulirsi almeno la “fedina”, se non la

coscienza.

 

Le accuse di tradimento del Che, immutatamente

ostinate da quasi mezzo secolo (qualcuno vorrebbe

scagionare Debray per gettarne tutta la colpa su

Bustos), vengono nel 2001 documentatamente

avvalorate, grazie ad interviste inedite e puntuali

ricostruzioni storiche, dal documentario “Sacrificio -

Who betrayed Che Guevara?”, dell'Italo-Svedese Erik

Gandini insieme a Tarik Saleh, Mårten Nilsson, Lukas

Eisenhauer e Johan Söderberg, prodotto in Inglese ma

disponibile anche con sottotitoli in Italiano - Sacrificio -

Chi ha tradito Che Guevara?”, Francese, Inglese,

Tedesco, Spagnolo, Portoghese e Svedese - “Sacrificio -

Vem förrådde Che Guevara?”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Le ultime parole del Che

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Mario Teràn

 

                                   

 

                                   

Chi trucida vigliaccamente il Che non è certo la mano

dell'allora giovane Sergente dell’Esercito Boliviano

Mario Teràn, anche se è a lui che tocca diventare

protagonista dell'atto finale, l'esecuzione materiale,

entrare cioè nella piccola scuola del villaggio di La

Higuera, dove il prigioniero siede da ore legato e...

 

Lui stesso racconterà come Guevara lo guardi negli

occhi, capisca immediatamente quello che sta per

accadere e gli dica:

 

                                   

 

                                   

“Prendi bene la mira, vigliacco,

e non sbagliare il colpo.

 

Ricordati che stai uccidendo

un uomo inerme!”

 

                                   

 

                                   

Alla faccia della tendenziosa versione data nel rapporto

dell'autopsia, palesemente per dare ad intendere come

sia stato “ucciso in combattimento”: “Morto per

emorragia interna e dissanguamento da ferite multiple

al torace, dovuto alla mancanza di una pronta

assistenza sanitaria”.

 

Gli autori del documentario riescono quindi ad

identificare, rintracciare ed intervistare il Sergente

Teràn, nonostante dato ufficialmente per morto già due

anni dopo la morte del Che, e questo frammento

varrebbe da solo tutta la preziosità del film.

 

 

Più in generale, vi emerge come la fine della guerriglia

avvenga con la “collaborazione attiva” del pueblo,

aspetto purtroppo già noto attraverso il diario di

Guevara, qui definitivamente confermato.

 

All'epoca in tutta la Bolivia regna infatti il terrore

assoluto, creato dalle minacce, pressioni e rappresaglie

dei militari boliviani contro chiunque sia anche

solo sospettato di collaborazione con i guerriglieri.

 

 

Una schiavitù psicologica così devastante che, ancora

nel 1973, cioè a distanza di sei anni dai fatti, nessun

abitante del paesino della cattura ed assassinio di

Guevara ha voglia parlare di fronte alle telecamere.

 

Salvo il contadino che all'epoca riceve 5.000 pesos per

denunciare ai militari la presenza del Che sul luogo e

che ne riceve ora altrettanti per lasciarsi intervistare,

ponendosi contestualmente le seguenti domande:

 

                                   

 

                                   

- “Chi