A passo di marcia mano nella mano

con papà sui prati di Vigna di Valle (io 3 anni e mezzo!)

e sul retro di suo pugno:

 

4 novembre 1949

 

Festa delle Forze Armate

e 26° Anniversario

della consegna della Bandiera di Guerra

alla Regia Aeronautica”

 

(Dall'album privato di Franco Russo,

pioniere dell'Aeronautica Militare Italiana)

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Quando noi trasvolavamo

 

                                   

 in formazione gli Oceani...”

 

                                   

 

                                   

Un ricordo

 

                                   

tanta memoria

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Vigna di Valle

 

                                   

Centro Sperimentale

 

                                   

Idrovolanti

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Città dell'Aria” a Guidonia, “Alta Velocità” a Desenzano

del Garda, “Idrovolanti” a Vigna di Valle, la culla

dell'aviazione italiana.

 

Il Fascismo alato ed il suo uso politico ed ideologico

dell’Aeronautica crea un culto patriottico dell’aviazione

intimamente legata alla ricostruzione del mito virile

romano.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Chi vola vale

 

                                   

Chi non vola non vale

 

                                   

Chi vale e non vola è vile

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Con l’identificazione mitica tra Aviazione e Fascismo,

cioè arte del volo e arte del comando, nell'esaltare le

audaci imprese delle “Ali Littorie” la macchina della

propaganda ne plasmerà il suo più valido strumento

“pedagogico”, centrale nella politica fascista.

 

Fortemente supportato dalla retorica dannunziana come

dal dinamismo dell'avanguardia futurista, lo slogan del

“dominio dell’aria” si incastonerà perfettamente nei

rituali scenografici del Fascismo, irreggimentazione

delle masse e glorificazione dell’eroismo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Alla cara memoria

di mio padre

 

Franco Russo

 

Pioniere dell'Aviazione

Ufficiale dell'Aeronautica Militare Italiana

Patriota, Combattente, Partigiano

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Già in quel lontano 1929 appena diciannovenne aviatore

presso all'epoca “Centro Sperimentale Idrovolanti ed

Armi Aero-Navali” di Vigna di Valle, Roma, l'“Arma

Azzurra” nata appena 6 anni prima...

 

Senza pretendere di capirti, ma con grande rispetto e

tanto orgoglio oggi anche mio, papà! 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

         

           

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

Comando Unità Aerea

 

 

Tenente Russo Francesco

 

 

Attestato di onorevole partecipazione armata

ai primi 4 anni della Seconda Guerra Mondiale nella Regia Aeronautica

dal 1940 al 1943

 

Bari, 31 Gennaio 1947

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

                                   

Fronte Clandestino di Resistenza

Organizzazione Aeronautica

 

Clandestine Front

of the Aviation Resistance Organisation

 

 

Tenente Russo Francesco

 

 

Tessera di iscrizione matricola N. 0799

quale membro attivo della Resistenza e della Guerra di Liberazione

 

Ufficialmente inquadrato

nella Banda "Montanari", al comando del Maggiore Domenico Montanari

poi nella “Giovannotto”, al comando del Maggiore Massimo Giovannozzi

dal 21 Aprile 1944

 

5 Giugno 1944

data di costituzione dell'Organizzazione

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

         

           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A.N.P.I.

Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

Comitato Provinciale di Milano

 

 

Tenente R.A. Russo Francesco

 

 

Attestato di onorevole partecipazione armata alla Lotta di Liberazione

e di conseguente diritto di iscrizione all'A.N.P.I. 

 

Milano, 17 Novembre 1945

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

                                   

A.N.P.I.

Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

Comitato Provinciale di Milano

“Casa della Memoria”

 

 

Russo Luciano

 

 

Settantadue anni più tardi, nel 2017

quale atto dovuto di personale rispetto ed orgogliosa memoria

in piena condivisione degli ideali di libertà ed indipendenza

la mia tessera N. 004497 di iscrizione all'A.N.P.I.

nel medesimo Comitato Provinciale di mio padre

 

Un caldo ringraziamento ai responsabili A.N.P.I.

Renato Gianotti e Roberto Cenati

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Dal

 

                                   

Libretto Personale di Volo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“2° Centro Sperimentale

 

                                   

di Volo”

 

                                   

Vigna di Valle

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Come risulta dal suo “Libretto Personale di Volo”,

presso il “2° Centro Sperimentale di Volo” dell'Idroscalo

di Vigna di Valle, Bracciano, Roma, dal 13 novembre

1930 al 12 aprile 1939 il giovanissimo aviatore Franco

Russo contribuisce attivamente e partecipa al collaudo

in volo di oltre 30 velivoli.

 

 

La maggior parte di essi idro-volanti:

 

- o “sperimentali”, in collaborazione con la Sezione

Progetti e Velivoli Sperimentali - Direzione Generale

delle Costruzioni della Regia Aeronautica Militare, fino

all'8 settembre 1943 (!)

 

- o “prototipi”, in collaborazione con le rispettive Ditte

Costruttrici.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Foto ricordo dell'equipaggio e dei responsabili tecnici

dei collaudi finali del Savoia-Marchetti S 55

l’aereo simbolo dell’Aviazione Italiana negli anni Venti e Trenta

al Centro Sperimentazione Idrovolanti di Vigna di Valle, 1929

 

(Dall'album privato di Franco Russo, nell'ingrandimento,

qui diciannovenne! aviatore )

 

                                   

 

         

           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Alcuni di questi aerei delle vere, mitiche glorie

internazionali, come l'S 55 sopra, contribuendo quindi

- nel suo piccolo - all'evoluzione tecnico-scientifica di

assoluta avanguardia per l'epoca, dalla quale il meritato

lustro mondiale dell'“Arma Azzurra”, fino al

raggiungimento del suo apice storico negli Anni Trenta

del secolo scorso.

 

Nelle seguenti brevi prentazioni dei rispettivi modelli in

rosso le versioni collaudate.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

Caproni Ca. 97

Versione Idro

 

Savoia-Marchetti

S. 55 A - S. 55-X

“Atlantico”

 

                                   

Monomotore multiruolo ad ala alta

dell'Aeronautica Caproni, fine Anni

Venti primi Anni Trenta, sia in

versione civile che militare, in

allestimenti mono-, bi- e tri-motore:

 

- Ca. 97 Co. “Coloniale” monomotore

 

- Ca. 97 C. Mon. “Monomotore”

 

- Ca. 97 Idro “Idrovolante”

 

- Ca. 97 Ri. “Ricognizione”

 

- Ca. 97 M “Monomotore Trasposto

Merci”

 

Idrobombardiere/aerosilurante

bimotore della Savoia-Marchetti,

Anni Venti e Trenta, protagonista per

un decennio di celebri trasvolate

mediterranee ed oceaniche, uno dei

veri simboli della Regia Aeronautica

e del progresso tecnologico italiano

durante i primi anni del Regime

Fascista:

 

- S. 55 A, Crociera Aerea

Transatlantica Italia-Brasile, prima

“di massa”, 1930-1931

 

- S. 55 M, sia da bombardamento che

da ricognizione

 

- S. 55 C, prima versione civile,

1926, con 8-10 posti, sulla

Brindisi-Costantinopoli della Aero

Espresso Italiana e poi per la

Società Aerea Mediterranea

(futura Ala Littoria e, nel Secondo

Dopoguerra, Alitalia)

 

- S. 55 X, Crociera Aerea del

Decennale, seconda crociera

transatlantica di massa, 1933

 

- S. 55 P, tra le altre per la sovietica

Aeroflot

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

Savoia-Marchetti

S. 62 - S. 62 R - S. 62 Ter

 

C.R.D.A.

CANT. 21 - 21 B

 

                                   

Idroricognitore a scafo centrale,

monomotore biplano della Savoia-

Marchetti, Anni Venti, sia in versioni

militari che commerciali, in Italia e

all'estero, tra cui nell'Unione

Sovietica come “MBR-4” o МБР-4 -

Морской Ближний Разведчик,

Morskoi Blizhniy Razvedchik ovvero

“Ricognitore navale a corto raggio”,

e nella Spagna Anni Trenta della

Guerra Civile:

 

- S. 62, versione base di serie 

 

- S. 62 Bis, versione rimotorizzata

 

- S. 62 Ter

 

- S. 62 P, versione da trasporto civile

 

- S. 62 R , versione da Ricognizione

 

- MBR-4, versione sovietica dello S.

62 Bis in dotazione alla VMF o ВМФ,

Военно-морской флот СССР,

Voenno-morskoj flot SSSR ovvero

la Marina Militare dell'Unione

Sovietica

 

Idroricognitore e bombardiere

leggero biplano a scafo centrale,

della Cantieri Riuniti dell'Adriatico -

Cantieri Aeronautici e Navali

Triestini, da cui “C.R.D.A. CANT.”,

Anni Venti, dall'evoluzione sia del

CANT. 10 che 13, mantenendone

l'impostazione, ma con uno scafo

senza chiglia e a “redan” o angolo a

V ridotto:

 

- CANT. 21, versione iniziale venduta

nel 1930 all'Aviazione di Marina del

Paraguay,  rimanendovi operativo

fino al 1940

 

- CANT. 21 B o Bis, versione a scafo

modificato, seconda postazione di

difesa, motore traente e poi di

nuovo spingente, rimarrà a Vigna

di Valle fino a radiazione il 1º aprile

1940

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

Macchi M. 70

 

Savoia-Marchetti S. 59 B

 

                                   

Monomotore leggero, biposto,

biplano con semiali esterne

ripiegabili, carrello fisso o

galleggianti della Aeronautica

Macchi, tardi Anni Venti (i disegni

sopra, inclusa la versione idro, ne

vengono pubblicati il 21 febbraio

1929).

 

Prodotto in piccola serie come aereo

da addestramento, collegamento,

turismo e competizione.

 

Un M. 70 pilotato dall'amico e collega

di Russo, Francesco Agello -

dapprima presso il “1° Centro

Sperimentale di Volo” a Guidonia

Montecelio, Roma, e

successivamente alla “Alta Velocità”

della Regia Aeronautica con sede a

Desenzano del Garda, Brescia - in

gara nell'edizione 1930 del Giro

Aereo d'Italia, dimostra su 53

concorrenti fra le tre migliori

caratteristiche di velocità di salita,

corsa di decollo e spazio di

atterraggio (entrambi solo 50 m!)

 

Idroricognitore a scafo centrale,

monomotore biplano, della Savoia-

Marchetti, Anni Venti, prodotto su

licenza anche da Macchi (“M.”) e

Cantieri Riuniti dell'Adriatico -

Cantieri Aeronautici e Navali Triestini

(“C.R.D.A. CANT.”).

 

Uno dei migliori idrovolanti italiani

di tutti i tempi, con un discreto

successo commerciale anche da

esportazioni in Argentina, Regno di

Romania e Turchia:

 

- S. 59, prototipo in un unico

esemplare

 

- S. 59, versione di prima produzione

in serie con 40 esemplari

 

- S. 59 B o Bis, versione

rimotorizzata, prodotta in 222

esemplari

 

- S.59 P, versione civile a cabina

chiusa per 2 membri di equipaggio

e 4 passeggeri

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

Macchi-Castoldi M.C. 72

 

Macchi-Castoldi M.C. 73

 

                                   

“Idrocorsa” a scarponi, 1930,

dell'Ingegnere Mario Castoldi,

Nieuport Macchi (già attivo nella

Direzione Sperimentale

dell’Aviazione Militare di Montecelio,

Roma, embrione della “Città

dell'Aeronautica” di Guidonia)

destinato al R.A.V. - Reparto Alta

Velocità di Desenzano del Garda per

conquistare la Coppa Schneider e

riprendersi il primato mondiale di

velocità.

 

Realizzato in tempi serrati, con gravi

problemi al motore che

richiederanno complessi e pericolosi

collaudi a terra e in volo uccidendo

due dei migliori velocisti, il Capitano

Giovanni Monti e il Tenente Stanislao

Bellini, per cui, data persa la Coppa,

il Regime “comanda” un nuovo

record di velocità.

 

Dall'M.C. 72 ne verranno stabiliti ben

quattro di record e mondiali:

 

- pilotato dal Maresciallo Francesco

Agello, nell'aprile 1933 sul Lago di

Garda, alla media di 682,078 km/h

 

- pilotato dal Tenente Colonnello

Guglielmo Cassinelli, nell'ottobre

1933 Falconara Marittima-Pesaro e

ritorno, sui 100 km a una media di

629,39 km/h

 

- pilotato dal Capitano Pietro

Scapinelli, nell'ottobre 1933 Porto

Recanati-Porto Corsini e ritorno,

alla media di 619,37 km/h, che

vale la Coppa Blériot per volare “ad

almeno 600 km/h per mezz'ora”

 

- di nuovo pilotato dal Maresciallo

Francesco Agello, nell'ottobre 1934

alla media di 709,209 km/h sempre

sul Lago di Garda, quindi oltre il

muro dei 700 km/h (!), migliorando

quindi il stesso precedente primato

nella “Categoria Idrovolanti a

motore alternativo”, questo tuttora

imbattuto!

 

L'M.C. 72 matricola “MM.181” di

Agello, unico sopravvissuto dei

cinque costruiti, è custodito al

M.U.S.A.M. - Museo Storico

dell'Aeronautica Militare, Vigna di

Valle, Lago di Bracciano, Roma

 

Monomotore leggero, biposto, a

carrello fisso della Aeronautica

Macchi sviluppato nei tardi Anni

Venti a sostituire il Macchi M. 70, da

cui deriva, migliorandone

marcatamente le prestazioni.

 

L' M.C. 73 verrà prodotto in piccola

serie a partire dal 1930 come aereo

da addestramento,  collegamento,

turismo e competizione

 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

Piaggio P. 6 Ter

 

C.M.A.S.A. M.F. 5

 

                                   

“Idroricognitore” marittimo, fine

Anni Venti, dell’Ingegnere Giovanni

Pegna, S.A. Piaggio & C., per un

concorso della Regia Marina per

idrovolanti ricognitori imbarcabili su

incrociatori Classi “Trento” e “Zara”

(cui partecipa anche il Macchi M. 40

interamente metallico).

 

Un idrovolante biposto, ad ali

smontabili e catapultabile, in serie

limitata e due configurazioni, ala

biplana, identica cellula, una sola

mitragliatrice difensiva, ma motori

diversi:

 

- P. 6, con grande galleggiante

centrale più stabilizzatori sotto le

ali, motore sul muso e armamento

dietro la cabina di pilotaggio

 

- P. 6 Bis, a scafo centrale, motore

spingente e armamento a prua

 

- P. 6 Ter, evoluzione del P. 6, 1931,

triposto, a galleggiante centrale,

motore potenziato, in serie di 15 su

navi da guerra ed incrociatori della

Regia Marina (2/3 ad ali

smontabili, 1/3 ripiegabili)

 

Idrovolante bimotore inizialmente

per uso civile dell’Ingegnere Guido

Guidi, Costruzioni Meccaniche

Aeronautiche S.A., per un concorso

nel 1930, evoluzione da lunga

esperienza di costruzione dei Dornier

Wal, ma con migliorate

caratteristiche tecniche, come

struttura metallica della navicella

motori rinforzata, struttura e profilo

d'ala modificati, nuova

motorizzazione:

 

- M.F. 5, primo prototipo a eliche

bipala metalliche del 1930, prima

prova di volo nel 1931, trasferito

nel 1932 all'Idroscalo di Vigna di

Valle dove riceve la matricola

militare MM.270

 

- M.F. 5, secondo prototipo a eliche

tripala metalliche del 1932, primo

collaudo in volo nel 1933, poi

immatricolato MM.271.

 

Abbandonata la gara i due velivoli

verranno destinati a rotte civili

dell’Ala Littoria, futura Alitalia, nel

Mediterraneo Occidentale:

 

- M.F. 5 Cabina, versione civile, prua

diritta, cabina di pilotaggio

spostata avanti e con doppi

comandi, 4 serbatoi carburante

all’interno delle pinne laterali,

cabina passeggeri centrale con 10

posti fronte marcia, telegrafista

vicino alla cabina di pilotaggio;

 

- “Groenland Wal” risulterà lo

sviluppo della versione militare da

parte della tedesca Dornier

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

C.R.D.A. CANT. 37

 

C.M.A.S.A.

M.F. 4 Bis - M.F. 6

 

                                   

Idroricognitore e bombardiere

leggero, biplano-“sesquiplano”

(l'ala superiore più grande di quella

inferiore), a scafo centrale e

galleggianti equilibratori,

monoposto (tre abitacoli aperti, a

prua difensivo, centrale di pilotaggio

e dietro un terzo anch'esso

difensivo) e monomotore spingente.

 

Dell'Ingegnere Raffaele Conflenti

della Cantieri Riuniti dell'Adriatico

- Cantieri Aeronautici e Navali

Triestini, da cui “C.R.D.A. CANT.”,

primi Anni Trenta.

 

Come da specifica della Regia

Marina di velivolo imbarcabile su

incrociatori pesanti Classi “Trento”

e “Zara”, con tuga di ricovero, e 

nave appoggio idrovolanti “Giuseppe

Miraglia”.

 

In pratica il CANT. 37 è un ulteriore

sviluppo del CANT. 35, già con ali

ripiegabili all'indietro, solo qui

smontabili e removibili nella versione

incrociatori, in un unico esemplare

armato con due mitragliatrici e

bombe leggere, matricola militare

MM.158, in volo e collaudato a Vigna

di Valle nel 1932, presso il Centro

Sperimentale per gli Idrovolanti e

per l'Armamento Navale, poi radiato

nel 1933 per incidente

 

Nel 1930 per il concorso della Regia

Marina, di cui sopra, per un

ricognitore idrovolante in due

versioni, una ad ali smontabili per

incrociatori Classi “Trento” e “Zara”

e l'altra ad ali ripiegabili per il

“Miraglia”, cui partecipano:

 

- i C.R.D.A. CANT. 35 e CANT. 37,

biplani a scafo rispettivamente ad

ali ripiegabili e smontabili, della

Cantieri Riuniti dell'Adriatico

- Cantiere Navale Triestino

 

- i C.M.A.S.A. M.F. 4 e M.F. 4 Bis,

monoplani a scafo rispettivamente

ad ali ripiegabili e smontabili, ed

M.F. 6, biplano a galleggiante

centrale, tutti della Costruzioni

Meccaniche Aeronautiche S.A.

 

- il Piaggio P. 10, biplano a

galleggiante centrale, della S.A.

Piaggio & C..

 

Lo M.F. 4 e 4 Bis, dell’Ingegnere

Manlio Stiavelli, verrà prodotto in

una serie di soli 6 esemplari nel

1934 in sostituzione dell'M. 18

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

CANT. 10 – 10 M

 

Savoia-Marchetti S. 78

 

                                   

Idrovolante a scafo centrale e

stabilizzatori alari, monomotore,

biplano, dell'Ingegnere Raffaele

Conflenti, capoprogettista della

Cantieri Aeronautici e Navali

Triestini, da cui “CANT.”, poi

Cantieri Riuniti dell'Adriatico, da cui

C.R.D.A., Anni Venti.

 

Su specifiche 1924 della S.I.S.A.,

Società Italiana Servizi Aerei, per

rotte commerciali della Triestina

Fratelli Cosulich, fondatori della

CANT.

 

Per rotte civili, finora solo merci,

quali regolari linee di trasporto

merci, postale e passeggeri (prima

aerolinea nazionale Trieste-Venezia-

Pavia-Torino poi prolungata fino a

Genova e Barcellona!).

 

1932-1935 esportato in versione

militare CANT. 10 Ter alla Aviación

Naval Paraguaya,aeroambulanza

durante la Guerra del Chaco contro la

Bolivia:

 

- CANT. 10, prototipo e versione

iniziale

 

- CANT. 10 Ter, versione

rimotorizzata

 

- CANT. 10 Ter 2, versione con

motore ulteriormente potenziato

 

- CANT. 10 M, versione Militarizzata,

anche nota come CANT. 10 M.RI., in

un unico esemplare

 

Idrovolante a scafo centrale,

monomotore, biplano a struttura

lignea, della Savoia-Marchetti, primi

Anni Trenta, evoluzione dello S. 62,

ma, nonostante un motore più

potente e ali ridisegnate, di minor

successo del predecessore.

 

L'S. 78 verrà utilizzato dalla Regia

Aeronautica come ricognitore e

bombardiere marittimo, ultimo

biplano in questo ruolo in Italia, a

metà Anni Trenta sostituito dal

CANT. Z. 501

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

                                   

Caproni Ca. 111

 

CANT. 26 Idro

 

                                   

Ricognitore e bombardiere a lungo

raggio, monomotore su antivibranti

in gomma, elica tripala metallica,

fusoliera in tubolari di acciaio,

struttura a sezione rettangolare

rivestita in lamiera di alluminio e

tela, cellula monoplana lignea ed ala

alta.

 

Cabina a doppio comando, sedili

affiancati, cappotta vetrata,

equipaggiato con ricetrasmettitore

telegrafico, macchina fotografica e

lanciabombe.

 

Il Ca. 111 nella versione idrovolante

con galleggianti dalla forma

aerodinamica realizzati in

duralluminio e legno compensato e

non.

 

Della Aeronautica Caproni, Anni

Trenta, sarà operativo nella

Campagna di Etiopia e,

successivamente, nella Seconda

Guerra Mondiale in due varianti, con

carrello oppure idrovolante con

scarponi galleggianti.

 

Anche in versione da trasporto

passeggeri

 

Terrestre con carrello fisso e in

versione idrovolante a scarponi,

biplano, con ali di uguale misura

ripiegabili all'indietro per

l'hangaraggio, monomotore con 

varianti di piccola potenza, elica

bipala, biposto, fusoliera con due

abitacoli aperti in tandem di cui il

posteriore di pilotaggio.

 

Dell'Ingegnere Raffaele Conflenti,

Cantieri Aeronautici e Navali

Triestini, da cui “CANT.”, fine Anni

Venti.

 

In piccole serie da addestramento,

collegamento e turismo su specifica

1928 Ministero dell'Aeronautica

(oltre al CANT. 26 vi partecipano il

Fiat-Ansaldo A.S. 1, vincitore, l'AVIA

FL.3, il Breda Ba. 15, il CAB C. 4, il

Caproni Ca. 100 “Caproncino”,

l'IMAM Ro. 5, il Macchi M. 70, il

Magni Vittoria ed il Piaggio P. 9):

 

- CANT. 26, versione base

 

- CANT. 26 Idro, versione idrovolante

a scarponi:

 

- il primo prototipo precipitato a

Montecelio

 

- il secondo prototipo ceduto a

privati

 

- il terzo prototipo acquistato dal

Generale Francesco de Pinedo, che

lo ritirerà di persona a Monfalcone

 

- su uno di serie Mario Stoppani sul

Circuito per Idrovolanti nella

Giornata dell’Ala di Genova 1932

sbaraglierà la concorrenza (tra cui

anche Mario De Bernardi, Asso

Grande Guerra, primatista

mondiale di velocità e vincitore di

una Coppa Schneider, e altri

verranno requisiti nel 1943 dalla

Luftwaffe)