Il possente fusto del cerro, Quercus cerris L., albero delle Fagaceae,

tronco con corteccia grigio-brunastra a profonde solcature, chioma fino a

30 metri e oltre

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Antichi mestieri

 

                                   

Il “ciarlatano”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Tanto tempo fa

in quel della Tuscia Ducale...”

 

                                   

 

                                   

Cerreto di Spoleto è oggi un piccolissimo Comune in

Provincia di Perugia, un migliaio di abitanti in tutto.
 


Sul colle di S. Sebastiano il
castello medievale domina il

panorama, strategicamente eretto, su fondamenta

ancora di molto più antiche, proprio al confluire delle

strette valli del Nera e del Vigi.
 



Molto probabilmente sono i
Franchi di Carlo Magno a

fondarlo, ben mille e duecento anni fa, per contrastare

l'importante Gastaldato longobardo di Ponte.
 


Il suo
nome deriva dalla ricca presenza nell'area del

cerro o Quercus Cerris, una pianta possente, tronco dalla

corteccia tipicamente grigio-brunastra con profonde

solcature rossicce, la cui chioma può raggiungere

un'altezza fino a trenta metri e oltre: intere foreste ne

sono completamente sparite...

 

                                   

 

                                   

“Cento scudi sott’a ‘n cierro

nantr’e ccento ci mettierro

 

quanno gnerro a pija’

‘n ci trovarro ppiù:

 

je scapparro l’occhi!”

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

Nascosero cento scudi

[moneta in uso fino all'Ottocento]

sotto un cerro,

poi ce ne misero altri cento.

 

Ma quando andarono a riprenderli,

   non ce li trovarono più...

 

Gli uscirono gli occhi fuori dalle orbite

(dall'incredulità)!

 

                                   

 

                                   

Nel XII secolo Cerreto si libera alla fine dal gastaldato

eleggendosi libero Comune sotto la protezione della

Chiesa, suo avamposto prezioso per il controllo del

territorio tra i Comuni di Spoleto, Cascia, Norcia e il

Ducato di Camerino.

 

Ha così inizio un'epoca di splendore...
 



 

Ma non è questo che lo rende famoso: molti forse non

sanno come sia proprio Cerreto a (ri)modellare uno dei

mestieri di maggior successo di sempre in assoluto, di

sicuro in Italia (!), ancora oggi gelosamente custodito e

tramandato, la cui funzione rimane determinante nello

sviluppo - o, meglio, nel mancato tale - della nostra

società.

 

Il “ciarlatano”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le foglie del cerro sono alterne obovato-oblunghe in paia di lobi ineguali a

picciolo corto e tardivamente caduche

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Ciarlatano”

 

                                   

 

                                   

Perché da “Cerretano”

 

                                   

a “truffatore”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nel Medioevo da Cerreto di Spoleto vengono infatti i

primi venditori ambulanti, per estensione in seguito

generalmente chiamati come intera categoria -

provenienza geografica a parte - appunto “cerretani”,

anche in senso progressivamente spregiativo.
 


La
caratteristica di spicco di questi venditori è la loro

“parlantina”, il modo persuasivo di presentare la merce,

per cui l'appellativo “cerretano” viene presto incrociato

con il verbo “ciarlare”, cioè chiacchierare.

 

 

Una volta venduto i “ciarlatani” se ne andranno,

proseguendo verso altri villaggi e altri mercati, quindi,

qualora qualcosa non soddisfi, se gli oggetti, gli arnesi o

i tessuti risultino cioè di scarsa qualità, o gli unguenti

privi degli effetti miracolosi tanto pubblicizzati, per i

poveri acquirenti non c'è possibilità alcuna di

lamentarsi, di restituirli, cambiarli o farsi rimborsare il

denaro.
 


Da cui nei termini
“ciarlatano”, “imbonitore” o anche

“magliaro” dal XV sec circa si ritrova l'aggiunto

significato di “persona di scarsa credibilità”, ciarlatano

come ciurmatore, gabbamondo, imbroglione,

mistificatore, truffatore, chi si spacci o spacci qualcosa

per quello che non è.

 

 

Con il tempo la categoria degli “ambulanti” si allarga e

sulle piazze dei borghi c'è chi intrattiene - prestigiatori

e giocolieri, chi cava i denti, chi vende intrugli

decantandoli come rimedi miracolosi alla maggior parte

dei comuni malanni, chi predica dannazione e

salvezza...

 

“Specializzazione” a parte, comune per tutti è

comunque la capacità di attirare la gente, per lo più

sprovveduti analfabeti, incantandola con una grande

abbondanza di chiacchiere.

 

 

Da ora in poi “ciarlatano” significherà chiunque cerchi il

proprio guadagno dandola ad intendere, un impostore,

in particolare riferito a professionisti da strapazzo,

“azzeccagarbugli”, i sedicenti avvocati, e, soprattutto,

“guaritori”, i falsi medici, ed una vasta gamma di

“predicatori”, tutti accomunati da scarsa capacità e, di

solito, ancor minore serietà.

 

Alla fine il ciarlatano diventa una vera e propria “arte”

o professione, sia che si tratti di esercitare pratiche da

guaritore o ci si approfitti in altro modo della buona

fede delle persone, ottenendo denaro, vantaggi e

privilegi sociali grazie a false promesse e messe in

scena d'effetto.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

I frutti del cerro sono ghiande con "cappuccio" parzialmente ricoperto di

peluria giallino chiaro, attraverso le quali, quando mature di due anni, si

propaga

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

   

Ciarlatano

   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da “Cerretano” a “ciarlatano” il significato

generico è quindi senz'altro peggiorativo,

con inoltre una quantità di derivati, come:

 

 

“cerretanesco”

 

da cerretano, ciarlatanesco, (cerretano)

“magnificatore”, esaltatore, decantatore

 

 

“ciarlatore”

 

chi ciarli molto, chiacchieri vanamente,

pettegolezzi, sparli di cose che mal conosce

o quando converrebbe piuttosto tacere

 

 

“ciarlata”

 

un lungo e insulso chiacchiericcio, discorso

vano e pettegolo

 

 

“ciarla”

 

una notizia falsa, diceria messa in giro, con

o senza malignità, chiacchiera inutile, anche

senza senso spregiativo

 

 

“ciarlone”

 

chi ciarli o abbia il vizio di ciarlare, usi o

abusi la propria parlantina e loquacità

abilmente pel darla ad intendere o

imbrogliare

 

 

“ciarliero” o “ciarliere”

 

chi ciarli troppo, non sappia tenere un

segreto, pettegolo

 

 

“ciarlerìa”

 

un discorso insulso, ciarla prolungata

 

 

“ciarlottìo”

 

parlottìo, chiacchierare sommesso o

sussurrìo tipico del pettegolezzo, contrario

di battolare, ovvero ciarlare, cianciare

rumorosamente, simile a

 

 

“ciabare”

 

ciarlare cioè volutamente a voce alta e con

marcata presunzione

 

 

“sciarada”

 

dal Francese charade, a sua volta dal

Provenzale charrado, derivato di charrá,

chiacchierare, ciarlare da cui charlatan...

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

 

Cerreto di Spoleto, "il ritorno alle origini" con il "Festival

del Ciarlatano cerretano".


Prende il via il 22 giugno l2013 a prima edizione con

spettacoli e performance teatrali, incontri di studio, fiere e

mostre di erbe officinali, per tracciare la storia e la

memoria e far rivivere un personaggio singolare, le cui

origini si perdono nel tempo, ma che nel Medioevo hanno

creato le fondamenta per una “professione” destinata ad

arrivare fino ai nostri giorni

   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

 

 

La carta del "Ciarlatano" nei Tarocchi

 

Al contrario del truffatore, il ciarlatano utilizza molto i

complimenti nei tuoi confronti, per far leva sul tuo

(presunto) bisogno di autostima e di essere adulato.

 

La sua comunicazione ha lo scopo di abbassare le tue

difese: infatti, prima ti riempie di complimenti e

successivamente ti lascia con dei dubbi che, guarda caso,

solo grazie al suo aiuto potrai risolvere.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A onor del vero però...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Andrebbe fatta

una sottile (ma non tanto) distinzione

tra il “ciarlatano genuino”

 

e chi invece, rubandone il mestiere,

sfrutti in modo illecito

la buona fede delle “vittime”

 

                                   

 

                                   

Il “ciarlatano di mestiere”, quello vero, l'originario,

è tipicamente un semplice venditore.

 

Non cerca mai di creare relazioni personali strumentali,

né pretende assolutamente di essere null'altro, magari

impersonando falsi ruoli ad inscenare bufale così

credibili perché fin troppo ben architettate, sia nel

contesto generale che nei minimi dettagli.

 

 

Questo lo fa piuttosto il “mestierante” ciarlatano, come

fa pure uso di pseudo-scienza e/o di ingannevoli

costruzioni metafisiche e mistico-filosofiche, quasi

sempre sconfinanti nel popolar-superstizioso-religioso.

 

Lo fa al preciso scopo di ingannare i succubi bersagli a

credere a pretestuose “qualità” di finte medicine,

“poteri” portentosi di oggetti inutili, fatti passare per

amuleti, o servizi di magica “spiritualità”, i quali mai

potranno rispondere ai gonfiati standard né delle

promesse fatte né, ancor meno, delle aspettative

create.

 

 

Esattamente al pari di “altri tempi” ormai dietro di noi

di secoli e millenni, in modo del tutto assurdo ancora

oggi e forse più che mai, il venditore truffaldino di

“medicamenti per corpo e anima” fa affari d'oro,

esattamente come già.

 

Ad esempio, il ciarlatano “farmacopola”, cioè

l'imbonitore o venditore di farmaci, de I Promessi Sposi,

lì, nello specifico, per curare la piaga della peste.

 

 

Così gli attuali venditori di “felicità” all'ingrosso e al

dettaglio, i tanti “Wanna Marchi” per capirci, la nota

commerciante truffatrice tramite televendite (lei uno

dei rarissimi casi di ciarlataneria denunciati per

pubblicità ingannevole, in seguito arrestata, processata

e condannata per bancarotta fraudolenta, truffa

aggravata e associazione per delinquere finalizzata alla

truffa.

 

Dal settore cosmetico a quello “esoterico”, con

“numeri fortunati” da giocare al lotto, talismani, amuleti

e addirittura kit completi, a suo dire “personalizzati” -

con tanto di manuale per l'uso! - contro influenze

maligne o “malocchio”, tra cui riti e precise “procedure

rituali”, frutto di una fervida, o meglio, malata fantasia -

come quelle del sale, dell'edera, del desiderio, dei soldi,

del corallo e così via...

 

Alla eventuale riluttanza a proseguire nella salata

“cura” da parte del cliente, ormai bell'e spellato, anche

un regolare, più che palesemente intimidatorio,

“Le auguro tutto il male del mondo!”...).
 

 


Purtroppo però non tutte queste o simili vicende

suscitano lo stesso clamore, anzi, lo sfruttamento della

credulità popolare operata da altre figure nella società,

tra le quali sedicenti rappresentanti di “divinità” varie,

quasi sempre in ben oliato concorso con Istituzioni

politiche, che hanno tutto l'interesse a non urtarsi con

nessuno per mantenere il “potere” - costi quel che costi!

 

I “sommi” o meno sacerdoti, i diversi “fabbricatori di

ponti” delle varie Chiese sostengono anche loro di

“personalizzarci” rituali e penitenze per la salvezza

della nostra “anima”, salvo richiederci - pur sempre più

“indirettamente” - esborsi di vario tipo, alcuni dei quali

addirittura garantiti e gestiti dallo Stato complice (vedi

il famigerato “8 x mille” e simili).

 

 

Si fa in molte circostanze uso di semplice acqua di

rubinetto chiamandola “santa” e “salvifica”, si prende

un pezzetto di ordinarissimo pane azzimo e del buon

vino e li si fa “ostia”, cioè “offerta” o dono sacrificale,

e fin qui tutto in ordine - niente da eccepire: doni

pieni di simbolismo noi umani li abbiamo sempre dati a

chi si rispetta e si ama, a chi si crede amico fedele,

compagno fidato, generoso e leale protettore.

 

Ma da qui ad arrivare ad affermarne una cosiddetta

“tran-sustansazione” - vale a dire un cambiamento di

stato fisico da farina di frumento impastata a carne

umana e da succo d'uva fermentato a sangue umano - e

per di più di un qualcuno esistito, se mai, e morto oltre

duemila anni fa, ma, a loro detta, “risorto”... altro che

alchimia e senza dubbio un bel pretendere!

 

 

Beh, se non è truffaldino questo, allora non so cosa lo

sia!  

 

 

Fosse almeno in un contesto di pura e collettiva

spiritualità sociale,cioè “gratuito” - dallo stesso tema

latino di gratus e gratia, fatto per amore e benevolenza,

esclusivamente per il bene dell'altro - ma, attraverso

 

secoli e millenni queste truffe sistematiche hanno

fruttato alle varie organizzazioni “a tutela del sacro”,

ricchezze materiali inestimabili e un potere spesso

assoluto su singoli, gruppi e intere società, Nazioni,

Stati...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Associazione a delinquere

finalizzata alla truffa e all'estorsione”

 

inoltre con

reiterazione di condotte di reato

 

e ragionevole sospetto di

“mercanteggiata immunità”

 

                                   

 

                                   

Lo stabiliscono inequivocabilmente le nostre stesse

leggi - le leggi del cosiddetto “Stato” (di fatto), della

nostra demo-cratica Repubblica Italiana!

 

Di questo e molto, moltissimo altro dovrebbero

piuttosto rendere conto i “preti”, ancor prima dei

“maghi”, eh già, il “prete” o “presbitero” - dal Greco

antico πρεσβύτερος, presbýteros, il “più anziano” - un

vero “grado” gerarchico quello del presbiterato, a metà

strada fra diaconato ed episcopato, il più diffuso tra i

cosiddetti “ministri di culto”.
 


 

Un “sacerdote” (di sacerdotesse - dio-ce-guardi-e-

liberi - non ne sono permesse nel Cattolicesimo della

“Mammasantissima” Chiesa di Roma) - dal Latino sacer,

sacro, e dot, dal Greco antico “io do” - offre sacrifici

alla/alle divinità, quindi mediatore tra fedeli e divinità.

 

Lo fa spesso, in base a una particolare “consacrazione”:

è uno cioè che, attraverso un specifico ordine o

“ordinazione”, ha ricevuto mandato (dalla Chiesa, che a

sua volta millanta di averlo ricevuto dal suo “dio”) di

presiedere pubblicamente cerimonie di culto, di guidare

la locale comunità (ma solo di “credenti” in questo) e di

annunciare a “tutti” (quindi soprattutto ai non-credenti

in questo!) la “parola” = “volontà” del dio, come tale

indiscutibile.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Da verità “di fede”

 

                                   

a verità “imposte”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La capacità libera e autonoma

degli umani

di indagare sulle verità

che reggono l’universo e l’esistenza

 

                                   

 

                                   

Secondo le Scritture Antiche dice il “tardo” dio ebraico

(prima gli Ebrei sono sono infatti, e per lunghissimo

tempo, politeisti!):

 

                                   

 

                                   

“Ecco l'uomo è divenuto come uno di noi,

avendo la conoscenza del bene e del

male.

 

Che non stenda la mano

e non colga dall'albero della vita,

per mangiarne e vivere in eterno!”

 

Genesi 3, 22

 

                                   

 

                                   

E ancora:

 

                                   

 

                                   

“Chi sacrifica ad altri dei,

fuorché al dio padrone,

sia punito con la morte!”

 

Esodo 22, 19

 

                                   

 

                                   

Secondo le Scritture Nuove dice Gesù il “Cristo”, cioè

l'Unto o prescelto:

 

                                   

 

                                   

“Portate i miei nemici,

quelli che non volevano

che io regnassi su loro

e scannateli in mia presenza!”

 

Luca 19, 27

 

                                   

 

                                   

Ora la “verità rivelata” (da un dio) dovrebbe

evidentemente essere “di fede”, cioè liberamente

“scelta”, cioè creduta e accettata dall'individuo:

“io credo”, “io ci credo”, altrimenti diventebbe

“imposta”, ad esempio dalla società (di nome “laica”)

in cui vive...

 

Il fatto è però che in questo “tipo” di società, alla fin

fine, della semplice e pura “verità”, quella “oggettiva”

- non necessariamente “vera” (inesistente), ma

comunque “comunemente discussa, concordata ed

accettata da tutti”, l'unica rilevante per la nostra vita

sociale - non frega proprio più niente a nessuno e

ciascuno quella verità se la interpreta, aggiusta e

rimaneggia al bisogno - sfacciatamente, pubblicamente

e impunemente, se non nei pensieri o a parole di sicuro

nei comportamenti - come piace, gli è utile e vuole.

 

 

Maghi televisivi oggi e preti ciarlatani da sempre la

sfruttano, come già Shaul di Tarso, meglio conosciuto

come Paolo, anche attraverso adepti, tra iquali Luca,

per imporsi sui loro “schiavi”, contemporanei e futuri.

 

Solo intestardendosi nel voler continuare a credere nei

“miracoli”, la gente si lascia ulteriormente plagiare, da

il Gatto e la Volpe nel Campo dei Miracoli in quel

d'Acchiappa-Citrulli come Pinocchio, o, altro esempio,

dagli “imbonitori” della Chiesa Cattolica (Pseudo-)

Apostolica Romana.

 

 

La gente vuole così vivamente e volentieri illudersi di

avere il miracolo “a portata di mano” o, meglio, “a

portata di preghiera”, che fa lunghi viaggi, affronta

pericoli, strapazzi e code per riceverne uno da santi e

santoni e santuzzi, o almeno “testimoniarlo”, spesso

rimbambiti da pii “gruppi di preghiera” o circuiti da

lucrative agenzie di “turismo religioso”, pronti, come

patologici del gioco d’azzardo, a sborsare soldini, soldi e

soldoni per il puro nulla.
 


E
il trucchetto funziona tanto bene, che - non a caso -

anche i “maghi” da televisione, i vari “guaritori” e i

“manipolatori mentali” di ogni genere, per truffare

meglio le loro vittime, si circondano anche loro di

crocifissi, immagini di santi e di madonne con cui

ulteriormente abbindolare - partendo da un punto

sicuro, una specie di “campo base” - chi sia stato già

previamente “trattato e preparato” nella

psiche da professionisti specializzati della Chiesa.
 



Da notare come
addirittura anche i mafiosi usino le

immagini “sacre” della Cattolicità e solo in questo modo

possano raccogliere intorno a sé l’accozzaglia di

individui delle cui “qualità” l'organizzazione della

“famiglia” necessiti...
 


Siamo di fronte alla
peggiore delle ciarlatanerie, quella

bella dose di eroina virtuale, l'“indottrinamento”,

all'unico fine di imporre strumentalmente la “fede” nella

sua onnipresenza, onniscienza e onnipotenza, per 

dettarci pensieri, atteggiamenti, azioni e

comportamenti, di certo vantaggiosi non per noi, ma per

“altri” - notoriamente e documentatamente sì!

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dalla culla alla tomba

 

                                   

 

                                   

Le conseguenze

 

                                   

individuali e sociali

 

                                   

dell'“indottrinamento”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Pensare che la nascita, la morte e ogni avvenimento

importante della vita, tutti gli aspetti sociali

fondamentali, come i nostri comportamenti sessuali, la

procrezione, la “famiglia” a base della società,

l'educazione dei bambini e dei giovani, vengano in

pratica, salvo rari casi, per lo più monopolizzati dai

preti...

 

Non solo al presente, anzi perfino la stessa visione del

futuro , la più cruciale e da cui deriveranno la maggior

parte dei nostri comportamenti individuali e sociali,

viene offerta secondo i “loro” parametri: tutte le

aspettative umane - omologate e monopolizzate!

 

 

E mentre continuano ad offrire a noi “poveri cristi”

salvezza “futura”, intanto si accontentano per sé stessi

di tenersi ben saldo, stretto e caro, un presente di

potere e privilegi...

 

Da quando la società umana ha preso a partorire

impostori, esistono “preti”, anzi ne sono loro i primi - in

assoluto i più astuti, i più dominanti, i più numerosi, i

più organizzati, i più addestrati, i più fortunati

impostori nella storia del genere umano.

 

 

Più furbi degli alchimisti, perché se questi cercano di

trasformare comuni elementi in metalli e pietre preziosi,

questa fallimentare eredità diventerà comunque scienza

con la chimica, proprio grazie alle loro accumulate

esperienze - e lì termina la magia, sostituita da

conoscenza.

 

Più scaltri dei classici ciarlatani, perché, pur spacciando

“droghe” naturali come creme, unguenti ed elisir, prima

di estinguersi contribuiranno comunque, a modo loro,

ad aprire la via alla moderna farmacologia sintetica.

 

 

I preti no, non importa cosa accada, rimangono e

rimarranno lì, semplicemente offrendo il vuoto assoluto,

“aria fritta”, niente di niente, avvolti nelle loro nebbie

di incensi dei loro rituali, forti delle loro anacronistiche

antiche e nuove “rivelazioni” (guarda caso per

definizione non provabili ma “inquestionabili”!), con le

loro bocche stracolme di parole ipocrite ben

impacchettate in messaggi e “istruzioni”, soprattutto

quelle imperniate e focalizzate sul predicare bene e

razzolare male...

 

I preti sono sempre lì, pur scontrandosi frontalmente

contro muri e muri di buon senso, il sentire comune, il

sentire dei più, ed infrangendosi contro tutte le

acquisite conoscenze, esperienze e pratiche umane,

conoscenze ormai accertabili e accertate, risapute da

tutti, pratiche accettate dai più, semplicemente perché,

nonostante tutto, la gente continua a rimanerne

“ammaliata”.

 

 

I preti restano in sella - nonostante i ciechi non vedano,

nonostante i sordi non sentano, nonostante i malati

continuino a morire, le ingiustizie a dilagare, gli scandali

ad affogarci, gli innocenti a venire massacrati, le

disuguaglianze sociali a crescere, il numero dei poveri

ad aumentare - esponenzialmente...

 

Pur rinnegando loro stessi nei comportamenti ogni

enunciata “verità”, pur facendosi per primi beffa di

quanto predicano, riescono ancora oggi ad imporre agli

altri le loro favole e i loro assoluti non-sensi - le loro

grandissime, palesi assurdità resistono tenacemente.

 

                                   

 

                                   

Mettono

il proprio millantato “credo”

 

guarda caso

laddove la scienza non può smascherarli

 

 

Si fanno inginocchiare la gente davanti

gli lasciano baciare le mani

 

li invitano a aggrapparsi disperatamente

ad un “sovrannaturale”

 

di cui si autoproclamano

 rappresentanti, testimoni e mediatori...

 

 

Proprio loro

simulacri viventi dell'impostura

 

primi detrattori del loro dio

(se mai esista...)!

 

                                   

 

                                   

A chi si riservi gelosamente il privilegio del libero

pensiero e lo difenda da tali subdoli attacchi, personaggi

come questi non possono che far venire voltastomaco,

rabbia e indignazione! 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Don Rock” 

 

                                   

 

                                   

Prete cattolico

Parroco

 

                                   

Artista

Cantautore religioso

 

                                   

Promotore ed organizzatore di concerti

Editore multimediale

 

                                   

“Educatore”

“Guaritore” spirituale

 

                                   

Promotore ed organizzatore di corsi

in cui è conduttore relatore coach

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un attuale esempio (poi neppure tanto “estremo”) di

“ciarlataneria” nel Cristianesimo ed, in modo del tutto

particolare nel Cattolicesimo, è quello di “Don Rock”.

 

Al secolo don Paolo Spoladore, parroco nella Chiesa di

San Lazzaro a Padova, un presbitero cattolico che fin

dagli Anni Ottanta arricchisce la sua attività di prete

con quella di cantautore religioso ispirato alla Bibbia, di

artista, di editore delle proprie opere multimediali e di

“educatore”, con una serie di prese di posizione ed

affermazioni di dubbia fama...

 

 

Fonda così la “Usiogope” Edizioni, per pubblicarsi,

organizzare concerti e corsi da lui chiamati di “auto-

conoscenza”, raggiungendo nei primi Anni Duemila

addirittura fama di “guaritore” spirituale.

 

Questo almeno fino al 2010, quando il suo Vescovo - “a

seguito dell'indagine previa avviata dalla Curia di

Padova su alcuni fatti che lo riguardano” - affinché

questa patata, ormai di dominio pubblico, non gli

diventi troppo “bollente” in mano, si sentirà costretto a

reagire sospendendolo a divinis (dopo cioè tre decenni

di onorata e indisturbata attività!).

 

 

Ecco l'introduzione multilingue del sito commerciale

della “Usiogope”, con tanto di carrello per lo online

shopping e lista di punti vendita fisici:

 

                                   

 

                                   

“Usiogope

 

Non temere in lingua Swahili

 

 

È un'edizione multimediale

che con le sue opere e i suoi progetti

 

desidera contribuire

 

alla crescita di una più autonoma

conoscenza intellettuale

 

nel tessuto sociale e culturale

della comunità umana.

 

 

Propone

libri, musica, percorsi formativi (corsi)

 

per promuovere

 

una rinnovata

percezione della realtà

 

spazi inediti, liberi e liberanti

di consapevolezza

 

per favorire

 

l’armonia, il benessere, la felicità

dell’uomo”

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Qui di seguito solo alcuni dei “preziosi” - e sì davvero

“inediti” - insegnamenti targati “Don Paolo Spoladore

dixit, a cui migliaia e migliaia di suoi “fedeli” finiranno

per credere:

 

                                   

 

                                   

“Il suono

può guarire una frattura”

 

                                   

 

                                   

Il tatto

può evitare la leucemia

 

[!?]

 

                                   

 

                                   

“Il blocco dei ‘tre canali’

 porta a nevrosi e infarto”

 

[A suo parere

“le vie di ‘comunicazione’ del corpo”

Nota della Redazione]

 

                                   

 

                                   

Non c'è da meravigliarsi che anche l'Ordine dei Medici

apra una sua istruttoria sulle eventuali implicazioni

medico-professionali non conformi alla pratica

deontologica (perché alle “lezioni” del Don partecipa

addirittura un medico, naturalmente suo “fedele”)...

 

A finire sono stretta osservazione sono le cosiddette

“teorie di Donpa”, come dettagliatamente riportate nei

propri appunti da una partecipante ad un corso del

2006, le quali partono da “Il Principio Pneumo-Psico-

Soma”.

 

 

Ma cosa mai “insegna” il “Donpa”, alias Signor Paolo

Spoladore - questo cantautore religioso, “educatore”

nonché “guaritore” spirituale - nei suoi corsi di “auto-

conoscenza”?

 

L'idea di base è una, fondata sulla “comunicazione” del

corpo, ed il prete spiega - non si capisce bene con quale

conoscenza o competenza - “come interpretarne i

segnali”, spie del nostro disagio, fisico e interiore.

 

 

La conoscenza finora acquisita dagli umani sulla

comunicazione attraverso i nostri cinque sensi, con cui

di fatto entriamo in contatto con la realtà, è dunque,

secondo il prete-mago, un'interpretazione del tutto

sbagliata.

 

Secondo lui le percezioni umane arrivano solo tramite

tre canali:

 

- quello uditivo/verbale

 

- quello visivo 

 

- quello tattile.

 

 

Conseguentemente il blocco di uno, due o tutti e tre i

canali porterebbe portare “alla depressione, alla

malattia, alle nevrosi, all'infarto, all'ipertensione.

 

E non solo, ma questi tre canali avrebbero anche

potenzialità guaritrici (!) e più precisamente, a detta di

Don Paolo:

 

                                   

 

                                   

“Il suono

è autoguarente

 

Certe frequenze possono guarire

un osso fratturato”