Papiro della cosiddetta "Seconda Lettera ai Corinzi" in Greco antico, scritta

nel 54-55 alla comunità cristiana della città greca di Corinto, già attribuita

tutt'intera a Shaul di Tarso, salvo identificarvi poi un collage di varia

provenienza e diversi tempi storici.

 

Due le incredibili peculiarità: l'esortazione a difendersi da "falsi apostoli",

"operai fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo", proprio da

parte di uno appena autoproclamatosi "tredicesimo Apostolo", e quel

"Sopportate ... chi vi riduce in servitù, vi divora, vi sfrutta, è arrogante, vi

colpisce in faccia", inedita chimera di una salvezza escatologica.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'inventore del

 

                                   

“Cristianesimo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nelle cosiddette “Nuove Scritture” della raccolta Βιβλία,

Biblìa, “I Libri” - sottinteso “sacri” - il nome greco

maggiormente usato per il Cristo è Ίησους, Iēsoûs,

che poi nella cosiddetta Vulgata” o Vulgata Editio o

Volgata - versione “per il popolo” in Latino (!?)

dell'antica Bibbia Greca ed Ebraica, fine IV sec - diventa

Iesus, da cui l'italianizzato “Gesù”.

 

Il nome greco traslitterazione dall'Aramaico di יֵשׁוּע,

ַYēšūa', che è il “vero nome”, anzi la sua forma aramaica

deriva a sua volta dall'Ebraico יְהוֹשֻׁעַ, Yĕhošūa', che

letteralmente significa YH[WH], Yahweh, è salvezza”,

“Dio è salvezza”...

 

 

Cominciamo col dire come, se mai un Rabbino

“Yehoshua Ben Yosef” - figlio cioè di tal “Yosef” il

falegname, da noi detto “Giuseppe”, e una certa

“Myrhiàm” o “Miriam”, ribattezzata a nostrana “Maria”,

lui stesso da qualcuno chiamato più dolcemente “Gesù”

(di certo “Oh dolce Yehoshua Ben Yosef ” o “Caro

Bambin Ben Yosef, fammi la grazia!”  non sarebbe

suonato altrettanto bene...) - sia davvero storicamente

esistito o no non risulti affatto “rilevante” in questo

contesto.

 

Con tutto il rispetto per quanti fra noi si dichiarino

“credenti” e/o addirittura “Cristiani” in senso religioso!

 

 

Questi “variamente credenti” co-umani professano di -

o almeno “dicono di”, a volte “millantano di”, spesso

“fanno finta di” - “basare”  i propri comportamenti

privati e sociali sulla profonda convinzione che “lui”,

Yehoshua Ben Yosef, sia un dio, anzi “Dio”, l'unico.

 

Lo sanno per inconfutabile “rivelazione divina”, “lui”

venuto a salvarci da un cosiddetto “peccato originale”

di “arroganza” che, per una qualche ragione, ci

porteremmo geneticamente dentro o da qualcuno

appiccicatoci addosso fin dal momento del nostro

concepimento.

 

 

Noi “altri” invece, senza alcuna difficoltà né bisogno di

dover “provare” niente a nessuno, ci dichiariamo

“diversamente credenti”, semplicemente secondo il

motto

 

                                   

 

                                   

“Meglio

 

comportarsi da cristiani

senza esserlo

 

 che etichettarsi “Cristiani”

  senza farlo”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

Il cosiddetto "Vangelo della moglie di Gesù", frammento di un falso papiro

scoperto nel 1997, creduto dapprima del V-VIII sec, con un brano in Copto

tra cui il passo:

"E Gesù disse loro: Mia moglie ... lei saprà/potrà/sarà in grado di essere

mia discepola".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per riuscire nella sua “missione salvifica” datagli - lui

“Figlio” - da un “Padre” per “Amore”, Yehoshua

avrebbe accettato di lasciarsi ammazzare,

barbaramente inchiodato su una croce, morto solo per il

tempo strettamente necessario a poter poi dimostrare

di saper “risorgere”.

 

“Tre giorni dopo” (in effetti sì e no uno e mezzo, spirato

venerdì pomeriggio e già risorto la domenica mattina

di buonora...) lo fa, per dare a chi “creda” in lui (anche

se con delle prove non è proprio credere, piuttosto

“venire a sapere”) validata certezza di una vagamente

descritta “vita dopo questa” (da “premiato” o da

“dannato”) e, alla “fine dei tempi”, di una “futura”

resurrezione a vita “eterna” del corpo e qualcosa altro

chiamato “anima”, affermazioni quantomeno opinabili,

fuori dalla nostra portata in termini spazio-temporali.

 

 

Che in realtà non sia il citato Rabbino il vero “inventore”

di questo cervellotico cosiddetto “Cristianesimo”, ma

uno del tutto estraneo ai fatti del Yehoshua, questo

invece è decisamente “rilevante” nel nostro contesto e

inoltre  alla nostra portata poterlo indagare.

 

Si tratta di tal “Shaul” di Tarso - in Ebraico שאול, Shaʾùl,

“figlio a lungo atteso”, primo Re d'Israele, traslitterato

in Greco Σαούλ, Saùl, o Σαuλος, Sàulos, Saulo - come nel

caso di Yehoshua, arbitrariamente poi chiamato in

Latino “Paolo”, forse per pura assonanza, ma più

probabilmente perché associabile alla dimensione de

“l'umile”, “il piccolo”, nell'immaginario collettivo.

 

 

Per cercare di capire “come” sia nato questo, a seconda

dei punti di vista “benedetto” o “maledetto”,

“Cristianesimo” non servono né diatribe filosofiche

critiche e apologie muro-contro-muro su “dogmi” e

“catechismi” (per battezzati) e “catechesi” (per non

credenti), come quelle degli ultimi venti secoli.

 

Una semplice analisi critica della documentazione

storica a nostra disposizione, partendo da quella

“scritta”, a detta dei variamente credenti “solida come

una roccia”, piuttosto che della volatile e adattabile

“tradizione orale”: tutto materiale che la Chiesa stessa

- o meglio, come vedremo, le tante Chiese - hanno a

proprio tempo, comodo e fine selezionato, filtrato e

“aggiustato” per farlo rientrare nel cosiddetto “Nuovo

Testamento” cristiano o “Nuovo Patto” (con il loro dio).

 

 

Un'analisi comparativa di tutto il materiale finora

conosciuto, senza omettere in modo preconcetto

quanto dalle varie Chiese nel tempo bandito, rifiutato o

censurato.

 

Esistono infatti molti più “scritti” di quelli poi resi

“ufficali” dalle Chiese, Vangeli e altri documenti

chiamati “apocrifi”, precedenti o paralleli alle Scritture,

ad esempio e in grandissima quantità quelli rinvenuti

di recente a Qumran - in Arabo خربة قمران e in Ebraico

חירבת קומראן, Khirbet Qumran - nelle rovine di un

monastero costruito un secolo e mezzo prima di Cristo

in Cisgiordania, su un arido altopiano a neppure tre

chilometri dalla riva Nord-Occidentale del Mar Morto.

 

 

Bisogna comunque sottolineare come, nel contesto

storico locale e generale subito a seguire la presunta

dipartita terrena di Yehoshua Ben Yosef, la storia

personale di Shaul di Tarso rimanga la chiave di lettura

per eccellenza di questa sua “invenzione”.

 

Chiariamo anche un ultimo aspetto, a prevenire

fin troppo prevedibili critiche: ovviamente diamo per

certo che neppure la nostra “reinterpretazione” potrà

mai essere pienamente “oggettiva”, come del resto

nulla che venga prodotto dalla mente umana, anche se

di sicuro risulterà - per palesi ragioni - “meno

monoculare” di quella finora dettata dall'alto ed

inculcata nelle masse per millenni dalle varie Chiese

Cristiane, tra cui egemonica la Cattolica Roma.

 

 

E per non perderci in rivoli e ruscelli focalizziamo

piuttosto la nostra analisi restringendola a individuare

eventuali “contraddizioni” tra le varie fonti - cioè

“ricostruzioni” discordanti di medesimi presunti “fatti”

cui riferiscono.

 

Nel caso ve ne siano, cercheremo di capirne le “cause”

(non sempre necessariamente “volute”) o leragioni”

(queste sì “pianificate” per il raggiungimento di scopi

ben precisi) che le hanno prodotte in quel determinato

contesto storico.

 

 

Ma, di nuovo e soprattutto - partiamo da zero:

nulla di scontato, nulla di scartato!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

Il "Rotolo del Tempio", uno dei "Rotoli del Mar Morto", antichi manoscritti

religiosi giudaici rinvenuti nelle Grotte di Qumran, Deserto della Giudea,

vicino a Ein Feshkha, vicino al Mar Morto in Cisgiordania.

 

Tra le diverse raccolte, i cosiddetti "Manoscritti di Qumran", circa 900

testi, anche della Bibbia ebraica, scoperti tra il 1947 e il 1956 dentro e

intorno alle rovine dell'antico Khirbet Qumran, nello uadi di Qumran.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“La” “Bibbia” non è

 

                                   

un concetto univoco

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Prima di tutto alcune fondamentali premesse generali e

necessarie definizioni, per poterci capire.

 

 

Con “Bibbia” - termine ormai usato al singolare, “la”

Bibbia - si indicano di fatto “le” “scritture” (sottinteso

“sacre) - dal Greco antico βιβλία, biblìa, plurale di

βιβλίον, biblìon, cioè quei “libri” ritenuti “ispirati”, non

tutti di carattere religioso, appartenenti al patrimonio

culturale ed intellettuale esclusivo della società e della

Religione Ebraica.

 

Questo prima che fossero “fatti propri” dalla Religione

Cristiana con una ristrutturazione catalogica, qualche

modifica e minima aggiunta, piccola quantità cruciale

però negli aspetti qualitativi di alterati contenuti, ossia

la mutevole e a volte contraddittoria interpretazione

che se ne potrà fare nel tempo.

 

 

In effetti quelli della Bibbia non sono “libri” veri e

propri, neppure una pianificata serie di sezioni

omogenee, una specie di collana, tantomeno

un'antologia e meno ancora parti di un'opera unica.

 

Si tratta piuttosto e alla lettera di “scritti” sparsi del

tutto diversi tra loro, cioè provenienti da contesti

culturali diversi e di carattere letterario diverso, perché

scritti per pubblici diversi, a fini ed usi diversi, in

lingue diverse, soprattutto in epoche storiche diverse

nell'arco temporale di circa mille e cinquecento anni (!),

inoltre preceduti da una tradizione orale che li ha di per

sé già articolati e tramandati diversamente.

 

 

Questa tarda “collezione” o raccolta di scritti slegati è

originariamente ebraica, scritta in lingue Ebraica,

Aramaica e Greca ed è chiamata collettivamente

Tanakh, composta da 24 “libri” suddivisi in Torah (la

Legge), Neviim (i Profeti) e Ketuvim (vite di altri

importanti personaggi della comunità).

 

Solo ancora più tardi il cosiddetto “Cristianesimo” se ne

approprierà però “separandoli”, classificati come scritti

“antichi”, appartenenti ad un Antico “Patto” o

Antica “Alleanza” stretti da Dio con il suo “Popolo

Eletto”, il cosiddetto “Vecchio Testamento”

 

 

Tutto ciò prima della venuta di un particolare “Messia”

o “Cristo”, per distinguerli di netto da una

incomparabilmente più modesta serie di “nuovi” scritti.

 

Questi ultimi riguardanti un Nuovo Patto o Nuova

Alleanza - il cosiddetto “Nuovo Testamento”, contenuto

nel “messaggio”, l'insegnamento, di un particolare

“Messia”fra i tanti, quel Yehoshua Ben Yosef ovvero

“Gesù”, anche lui al pari di tutti gli altri Messia detto

“il Cristo”, cioè “l'Unto”, “il Prescelto”, secondo il

tradizionale rituale, la simbologia e la nomenclatura

d'incoronazione dei Re d'Israele.

 

 

Purtroppo però dire Bibbia “Ebraica” non basta, perché

gli stessi Ebrei del cosiddetto “Canone” o Classificazione

“Palestinese” o Bibbia Ebraica standard, hanno punti di

vista molto diversi tra loro.

 

La setta dei Sadducei considera sacra solo la Legge, la

Torah, invece per i Samaritani sacri sono sia la Torah

che il “Libro di Giosuè”, mentre gli Ebrei di lingua greca

ne adottano una versione detta “Canone Alessandrino”

o Bibbia “dei Settanta” o “Septuaginta”, perché tradotta

dall'Ebraico in Greco da 72 saggi ad Alessandria

d'Egitto, tuttora versione liturgica dell'“Antico

Testamento delle Chiese Cristiane Ortodosse Orientali

di tradizione greca...

 

 

Come d'altro canto non è affatto univoco neppure dire

Bibbia “Cristiana”.

 

Le Chiese Protestanti escludono alcuni scritti

dell'“Antico Testamento secondo il “Canone Ebraico”

(quello Palestinese per intenderci), mentre la Chiesa

Cattolica “Apostolica” Romana e le Chiese Ortodosse

adottano in linea di massima il “Canone Alessandrino”,

sì guarda caso quello rifiutato dagli Ebrei, con scritti sia

in Ebraico che in Greco.

 

 

Per cui già degli “scritti antichi”, quelli non appartenti

al “Canone Ebraico” vengono considerati “autentici” e

adottati come “Deuterocanonici”, cioè secondari, dalla

Chiesa Cattolica “Apostolica” Romana.

 

I medesimi sono al contrario considerati “apocrifi”, cioè

non “ispirati” da Dio, vale a dire “non affidabili, fasulli,

dalle Chiese Protestanti (una “rivelazione divina” che

nega se stessa...).

 

 

Parimente degli “scritti nuovi”, tutti in Greco salvo il

cosiddetto “Vangelo di Matteo” in Ebraico o Aramaico,

le varie Chiese hanno ben diverse opinioni su quali e

quanti accettare come “ispirati”, ad esempio le Lettere

o “Epistole” non attribuite a Shaul di Tarso/Paolo e

l'Apocalisse.

 

 

Cosa alla fine sia da considerare “apocrifo” o meno,

“divino” o meno, rimane quindi un capitolo a sé del

tutto aperto, perché ogni singola Chiesa o setta o

comunità autodefinitasi “cristiana” ama vedersi come 

“la”legittimata, l'unica cioè “autorizzata” a deciderlo.

 

Autorizzata da chi (?!) non è dato sapere, ma è un

fatto che si considerino tutte “‘uniche’ interpreti

ufficiali” a decidere in proprio, attraverso i propri vertici

ed propri esperti, cosa sia “ispirato” da questo pur

comune identico dio (giudeo-cristiano-islamico) e cosa

non lo sia, guarda caso riferendolo tutte come

medesimo “Signore” celeste (cioè che abita nei cieli),

ma interpretandolo in pratica solo e sempre a difesa dei

“ propri interessi”, inequivocabilmente e assolutamente

terreni, chiaramente legati a fattori di “potere sugli

altri”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Secondo il "Libro degli Atti degli Apostoli" è Gerusalemme il primo centro

della Chiesa, che, a partire dalla Pentecoste, dapprima raccoglie in

comunità tutti gli Undici Apostoli, diventando poi sede della prima unica

legittima Chiesa con Giacomo, Pietro e Giovanni.

 

Verrà contrastata dall'incursione di Shaul di Tarso e dei suoi adepti, dando

di fatto vita alla futura frammentazione delle Chiesa attraverso Concili e

Scismi.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“La” “Chiesa” non è

 

                                   

un concetto univoco

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Del modesto “nuovo” aggiunto alle Antiche Scritture

poco o nulla è scritto dall'unica credibile prima

generazione di “Ebrei seguaci del Cristo”.

 

Sicuramente proprio perché ancora priva di impellenti

motivazioni “politiche”, a giustificare il più tardo

arrogarsi di una qualsivoglia forma di “potere” da parte

di gruppi e fazioni, come cronologicamente primo fra

tutti proprio quel dissidente manipolo capitanato da

Shaul di Tarso, che di fatto aprirà ad un processo di

alienante frammentazione a seguire.

 

 

Questa lacuna documentale della prima generazione di

seguaci del Cristo verrà presto e velocemente

compensata all'eccesso dalle generazioni seguenti,

quelli cioè che cominceranno a chiamarsi “Cristiani”,

partendo da Shaul il Paolo o “l'Umile”, dopo una non

verificabile “chiamata diretta” del dio autonominatosi

“tredicesimo apostolo”, mai testimone diretto ovvero

cristiano di “seconda mano” e per sentito dire:

 

- vuoi per il bisogno di “storicizzare” e rendere così viva

e credibile la sempre più lontana figura di un Yehoshua

Ben Yosef/“Gesù”, arricchendone (sempre più

fantasiosamente) di particolari aneddotici la vita

 

- vuoi per “dimostrare” o ribadire apologeticamente

la superiorità sempre più “dottrinale” di questa loro

memoria, interpretazione e credenza su tutte le altre

 

- vuoi anche per una più che volentieri sponsorizzata

spinta devozionale da parte dei “fedeli”, a supportare

la necessità di sempre più elaborate “esigenze

liturgiche, a legittimare una ormai nata, consolidata

e sempre crescente “gerarchia” ecclesiale, ma sempre

più separata dal “popolo di dio”

 

- vuoi infine per diffondere nuove sempre più avulse e

cervellotiche dottrine, inevitabilmente sempre

entrando in contrasto con le tesi “ufficiali” di una

Chiesa che adesso si definisce “madre”.

 

 

Aspetto che però mette a nudo come già a questo punto

ci sia non più una sola Chiesa ma tante, a cominciare

dall'iniziale duro conflitto tra i rappresentanti legittimi

della prima Chiesa storica, quella Palestinese a

Gerusalemme, con a capo non Pietro ma Giacomo,

entrambi comunque veri Apostoli storici del Cristo, e gli

adepti di Shaul, mandati a plagiare le piccole comunità

sparse fuori di Israele, in un molto più ampio e mirato

disegno mediterraneo dell'ambizioso quanto subdolo

pseudo-apostolo Paolo.

 

Un conflitto alla radice, di cui nessuno mai si dimostra

minimamente interessato, anzi il riunire poi

opportunamente in un'unica festa popolare celebrativa

di una comune memoria i “Santi Pietro e Paolo” sarà la

geniale manipolazione per camuffarla e farla

dimenticare, una fava due piccioni sfruttando e

neutralizzando Pietro, proclamato così unico legittimo

capo di tutta la Chiesa e, allo stesso tempo, dando

credito a Paolo, per farne adottare le malate dottrine.

 

 

D'altronde coerentemente nello stile delle Chiese

Cristiane, in particolare quella Cattolica Romana, la

quale durante duemila anni avrà innummerevoli

occasioni per dimostrarsi degna figlia ed erede di un

impostore!

 

Così a volte sarà la Chiesa di Roma a voler introdurre

del “nuovo” e nasceranno per reazione le Chiese

“Ortodosse”, decise cioè conservare la “vera” dottrina

originale (vedi il Concilio di Efeso del 431, quello di

Calcedonia nel 451 e il “Grande Scisma del 1054),

oppure saranno via via nuove Chiese emergenti che lo

vorranno, al fine di liberarsi dal potere di Roma, così

come quelle appunto dette Chiese “Protestanti” e la

Chiesa Anglicana, dal XVI sec.

 

 

Una cosa è sicura: possedere la “verità” dà prestigio, ma

soprattutto “potere” - spirituale, quindi sociale, quindi

politico, quindi militare, quindi, alla fine della giostra,

economico!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Le fonti

 

                                   

e le traduzioni

 

                                   

della Bibbia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A creare ancora maggior confusione riguardo alla

cruciale parola “rivelata” (dal dio “in persona”, anche

se “attraverso servi fedeli), dei 46 “scritti antichi”, che

parlano degli Ebrei e dei loro Padri, Re e Profeti

- l'ultimo non così “antico”, del I sec dC (!) - il

numero, l'ordine e il titolo addirittura variano nei diversi

“Canoni”, così ad esempio la Chiesa Cattolica Romana

non li indicizza cronologicamente, ma secondo il

contenuto, mentre alcuni di questi sono rifiutati e non

solo dalle Chiese Protestanti.

 

Sui 27 “scritti nuovi ”, aggiunti nella Bibbia arrogata

“Cristiana” - i quattro “Vangeli” accuratamente scelti, l

e “Lettere” del “non-apostolo” Shaul/Paolo, le “Lettere

Cattoliche”, gli “Atti degli Apostoli” e l'“Apocalisse”, in

tutto - le Chiese Cattolica Romana, Ortodosse e

Protestanti sono abbastanza d'accordo sia su numero

che ordine, ad eccezione delle Chiese Luterane.

 

 

Per quanto riguarda poi le fonti - tutte molto tarde e

legate ad una ormai ben murata traditio, per gli “scritti

antichi” in Ebraico/Aramaico sono:

 

i manoscritti rinvenuti a Qumran nel 1947 (circa

250 aC-68 dC)

 

e i “Codici”:

 

- del Cairo (895-896 dC)

 

- di Aleppo (925-930 dC)

 

- di Leningrado (1008-1009 dC).

 

 

Per gli “scritti antichi” e “nuovi” in Greco invece:

 

alcuni papiri (II sec dC)

 

e i “Codici”:  

 

- Vaticano (IV sec)

 

- Sinaitico (metà IV sec)

 

- Alessandrino (inizio/metà V sec)

 

- di Efrem (V sec)

 

- di Beza (V sec).

 

 

Questo solo per quanto riguarda quelli che chiamiamo

testi “originali”, di fatto non altro che copie di copie di

copie...

 

 

Non va comunque dimenticato che poi ci sono da

considerare le migliaia di traduzioni in tutte le lingue

del mondo, come:

 

- il “Pentateuco samaritano” in Ebraico

 

- la “Peshitta” o “Semplice” in Aramaico (testo ufficiale

delle Chiese Siriache)

 

- quella “dei Settanta” o Septuaginta o LXX in Greco

(con il testo greco dei “nuovi scritti”, versione biblica

ufficiale delle Chiese Ortodosse)

 

- la Vulgata o “Popolarizzata” in Latino da San

Girolamo, ancora oggi testo liturgico della messa

cattolica in Latino

 

- la prima Bibbia in Nuovo Volgare Italiano del 1471,

naturalmente in Italiano

 

- la Bibbia di Lutero in Tedesco, dal 1534 versione di

riferimento di molte Chiese Protestanti

 

- la Bibbia Diodati del calvinista lucchese Giovanni

Diodati in Italiano, dal 1607 testo di riferimento delle

Chiese Protestanti in Italia

 

- la King James Version ovvero “Bibbia di Re Giacomo

in Inglese, dal 1611 versione ufficiale della Chiesa

Anglicana e molte Chiese Protestanti anglofone

 

- la Bible de Jérusalem ovvero “Bibbia di Gerusalemme

in Francese, tradotta fra il 1947 e il 1955 ad opera

della École Biblique de Jérusalem

 

- la New World Translation of the Holy Scriptures

ovvero la “Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre

Scritture” in Inglese e successivamente in molte altre

lingue, Italiano compreso, tradotta fra il 1950 e 1960

a cura della Congregazione Cristiana dei Testimoni di

Geova

 

- la cosiddetta “Bibbia TOB” acronimo di Traduction

Oecuménique de la Bible in Francese ed Ebraico,

tradotta fra il 1975 e il 1976 a cura congiunta di

Cattolici e Protestanti, poi accettata anche dagli

Ortodossi

 

- la cosiddetta “Bibbia CEI” cioè della Conferenza

Episcopale Italiana in Italiano, pubblicata nel 1971,

testo ufficiale della Chiesa Cattolica in Italia...

 

 

Beh, che cosa dire?

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Umano

 

 

non solo si è creato un “dio”

a propria immagine e somiglianza

 

ma si è anche aggiustato la sua “parola”

a proprio interesse e comodo!