Sopra la rappresentazione dei Dodici Apostoli, così come elencati nel

Vangelo di Matteo.

 

Il primo Simone, detto "Pietro", e Andrea, suo fratello, poi Giacomo, figlio

di Zebedeo, e Giovanni, suo fratello, Filippo e Bartolomeo, Tommaso e

Matteo il "pubblicano", riscossore di tributi, Giacomo, figlio di Alfeo, e

Lebbeo, di cognome Taddeo, ancora Simone detto il "Cananeo" e, da

ultimo, Giuda l'"Iscariota", che, secondo la tradizione, tradirà il Maestro.

 

                                   

 

                                   

Lo sfacciato falso storico in due icone di propaganda (sopra e sotto) di

epoche più tarde, l'una evidente copia dell'altra.

 

La modificata rappresentazione puramente ideologica degli Apostoli, in cui

tra i "Dodici" c'è uno Shaul di Tarso/Paolo, intrufolatosi a "sostituire" lo

scomodo Giuda, non della setta degli Esseni ma di quella degli Iscarioti,

Paolo messo lì in forzata evidenza proprio in mezzo, in prima fila insieme

al suo contestatore Pietro, alla sua sinistra, che guarda lo spettatore

mostrando un libro, alla pari con gli Evangelisti!...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Giudeo-Cristianesimo

 

                                   

e “Paolinesimo”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il “Cristianesimo” quale lo conosciamo oggi, cioè così

come ci viene “venduto”, dovrebbe senz’altro in modo

più congruo essere definito e chiamato “Paolinesimo”,

una dottrina formulata dalla ingombrante, prepotente e

dimostrabilmente malata figura di un uomo che neppure

conosce o mai incontra “Yehoshua Ben Yosef”/“Gesù”.

 

Ha quindi poco o nulla a che vedere con il “Giudeo-

Cristianesimo” degli autentici dodici Apostoli: da non

dimenticare che quello Shaul di Tarso detto Paolo è

semplicemente l’autonominato “tredicesimo apostolo”!

 

 

Come accennato, proprio alle origini del cosiddetto

“Cristianesimo” c’è una autentica guerra a noi nascosta,

che da sempre la Chiesa si guarda bene dal raccontare,

uno scontro frontale fra i legittimi Apostoli e Paolo, che

lacererà la prima comunità, la giudeo-cristiana, dopo la

morte di Yehoshua detto “Gesù” in una lotta senza

quartiere tra due teologie opposte, la giudaico-

cristiana,  dell'insegnamento degli Apostoli e quella di

Paolo, già nemico dichiarato del Cristianesimo.

 

Secondo il più antico dei Vangeli canonici, quello di

Matteo, unico in Ebraico, il più attendibile dei Vangeli

e alla base della versione in Greco, gli “incontri” tra

Pietro, il semplice pescatore, e Paolo, l'erudito

mistificatore, sono pochissimi, ma soprattutto e

piuttosto dei veri e propri “scontri” - sempre burrascosi,

segno di rapporti pieni di critiche, contrasti e divisioni.

 

 

Shaul di Tarso, un ricco Fariseo e molto probabilmente

collaborazionista dei Romani, con una cittadinanza

romana ottenuta non si sa come o in cambio di cosa,

evidentemente collegato attraverso “conoscenze ad alto

livello” ai centri di potere stranieri, alla cui incolumità i

Romani dedicano risorse come una scorta di ben 470

uomini all’arresto in Gerusalemme...

 

A lui si deve anche l’inizio del giro di soldi, con una

“colletta per i poveri di Gerusalemme”, però mai

consegnata da Tito, suo primo discepolo, eh sì, perché

Shaul ha propri “discepoli”, attraverso cui infiltra e

complotta.

 

 

Cerca di contrastarlo soprattutto l'Apostolo Andrea,

fratello di Pietro, evangelizzatore in Grecia, nemico

aperto di Paolo nella città di Corinto, da cui le divisioni

di cui lo stesso Paolo parla nella sua seconda “Lettera

ai Corinzi”.

 

E cerca di contrastarlo anche l'Apostolo Giacomo, uno

dei fratellastri di Gesù fra i Dodici, capo della Chiesa

Giudaico-Cristiana di Gerusalemme, il quale tenta in

ogni modo di prevenire la prima scissione nella storia

della Chiesa, operata proprio da Shaul detto Paolo: è

a lui che Paolo mente asserendo di voler “tornare sulla

retta via” e di conseguenza a far parte della Comunità.

 

 

Risulta chiaro dalle due “Lettere ai Tessalonicesi di

Paolo, altrimenti un enigma, dato che la seconda

smentisce la prima, eppure entrambe autentiche, fatto

che soltanto può spiegarsi con un professato “finto

cambiamento di rotta” di Paolo, il quale per evitare

che i capi giudeo-cristiani uniti riescano a fermarlo

inganna i responsabili della Comunità di Gerusalemme,

cioè Giacomo, Pietro e Andrea, come confermato da

Sila.

 

Quindi Shaul di Tarso detto Paolo, uomo di menzogna,

il quale per assurdo si autocostituisce unico “interprete

ufficiale” degli insegnamenti di un Maestro che non ha

neppure mai conosciuto e di cui dimostra di sapere ben

poco...

 

 

Metteremo a confronto due documentazioni storiche

parallele, le “Lettere” di Paolo alle varie Comunità e i

cosiddetti “Atti”.

 

Gli “Atti degli Apostoli, pur scritti da un discepolo di

Shaul di Tarso e quindi intesi a glorificarlo, restano

comunque una delle più attendibili cronache degli

eventi dopo la morte del “Yehoshua Ben Yosef” detto

“Gesù” a nostra disposizione, sia perché l’autore

sembra ben informato o addirittura presente ai fatti

che racconta, sia  perché riguardano i momenti più

drammatici della lotta tra la nascente “corrente

paolina” del “Cristianesimo” ed il primo, genuino

Giudeo-Cristianesimo degli Apostoli Pietro e Giacomo.

 

Se esistono delle contraddizioni, devono risultare qui

ed inoltre in quella documentazione terza, frutto delle

recenti scoperte di Nag Hammadi e Qumran, che

permette per la prima volta nella storia di verificarlo.

 

 

Innanzitutto la “Lettera ai Galati”, che Shaul/Paolo

scrive alle Chiese della Galazia, una lettera dal tono

deciso e combattivo, in cui apre dichiarandosi

 

                                   

 

                                   

“apostolo”

per nomina diretta “di Gesù Cristo

 

e di Dio Padre

che lo ha risuscitato dai morti”

 

                                   

 

                                   

quindi, in parole povere, senza doverne rendere conto

ad “altri”.

 

Nella lettera Paolo si preoccupa del fatto che ai Galati

venga insegnato un “altro Vangelo” e ribadisce come

quello che predica lui sia l'“unico”, lanciando anche una

maledizione o anàtema contro chiunque (fosse pure un

angelo!) osi predicarne uno diverso dal suo.

 

 

In pratica non permette alcun dialogo o discussione e,

tipico di chi sia a corto di argomenti, in una maniera

così arrogantemente autoritaria mira a creare una sua

presunta “autorevolezza”, asserendo come il vangelo

che lui predica gli venga direttamente “per rivelazione

di Gesù Cristo” risorto, e come quindi non solo sia 

valido, ma l'unico (furbesca circostanza questa, che

ovviamente rende non verificabile ciò che millanta!...).

 

In altre parole Shaul/“Paolo” deve farsi aggressivo per

convincere, perché evidentemente le Comunità della

Galazia sanno molto bene come lui non sia uno dei

Dodici, ed ammettere inoltre contestualmente come

quello che lui predica sia un vangelo “diverso” da quello

che predicano tutti gli altri.

 

 

Piccolo particolare però è che quel Vangelo che

predicano tutti gli “altri” - cioè i soli autentici Apostoli

del Cristo storico - sia frutto di una loro testimonianza

diretta dei fatti.

 

Se quello di Shaul detto “Paolo” è a suo stesso dire

“diverso”, allora sì dev’essere del tutto “inventato”,

dato che un contatto diretto con Yehoshua Ben Yosef da

noi detto “Gesù” lui non l’ha mai avuto, anzi dimostra

ampiamente di avere conoscenze minime o nulle

riguardo sia alla sua persona che alla sua vita!

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

Prima conclusione

 

 

Quelli che Paolo chiama

gli “altri” Vangeli

 

vengono direttamente

dall'insegnamento degli Undici

 

quindi dall’insegnamento di “Gesù”

con cui gli Undici hanno convissuto

 

 

Paolo non può smentirli!

 

 

Ricorre allora

con subdola furbizia

 

a fantastiosi contatti rivelatori

post mortem con il “Gesù” risorto

 

“incontestabili” perché

non documentati né documentabili

 

 

In altre parole

“prendere o lasciare”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In pratica Shaul/Paolo spende tutto il primo capitolo

per dimostrare la sua “indipendenza” dai Dodici e la sua

“autorevolezza” attraverso una specie di curriculum.

 

L'argomentazione è questa: la sua predicazione non

necessita di alcuna “autorizzazione da parte dei

legittimi eredi e depositari del messaggio di Gesù.

 

 

Passa poi ad un attacco frontale, a per così dire

ritagliarsi un proprio ed inedito “mercato di nicchia”,

asserendo che Gesù in persona, adottatolo come suo

“Figlio”, gli rivelerebbe e gli comanderebbe di andare a

 

                                   

 

                                   

predicare il suo Vangelo

in mezzo ai pagani

 

                                   

 

                                   

- per cui lui si è già speditamente recato tra i “Gentili”,

έθνων, ovvero i “non Ebrei, in Arabia (falso) e a

Damasco (vero) - per

 

                                   

 

                                   

predicarlo

 

“senza andare a Gerusalemme

da coloro che erano apostoli prima di me”

 

a chiederne loro il permesso

(millantato “ordine” di Gesù).

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

Seconda conclusione

 

 

Parlando in questo modo

dei rimanenti Undici Apostoli

 

(in realtà gli unici!)

 

vale a dire

emarginandoli

 

 

non solo si autonomina lui

“apostolo”

 

ma pone la sua millantata

“vocazione” o chiamata alla pari

 

se non addirittura

  “al di sopra” della loro...

 

 

In pratica

la sua sfida è

 

“A voi Gesù ha detto

di predicare il suo Vangelo agli Ebrei

 

a me

di predicarlo al mondo intero!”

 

 

Una mossa tanto sfrontata

quanto vincente

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quando dopo ben tre anni di autopromosso

“apostolato” Shaul/Paolo racconta di andare a

Gerusalemme.

 

Non è per farsi convalidare la propria missione, ormai

per lui “scontata”, ma semplicemente per “consultare” 

un paio di settimane uno che considera suo pari -

 Pietro“Cefa” - e di non vedere nessuno degli

altri Apostoli, “se non Giacomo, il fratello del Signore”.

 

 

Questo secondo la sua “Lettera ai Galati”, ma gli “Atti

degli Apostoli” dicono ben altro.

 

LShaul fanatico persecutore dei Cristiani non è

dimenticato dalla Comunità, che ancora lo teme e non si

fida, tanto che per riuscire a parlare con Pietro, deve

intervenire un certo Barnaba.

 

                                   

 

                                   

“Venuto a Gerusalemme

cercava di unirsi con i Discepoli

 

ma tutti avevano paura di lui

 

non credendo ancora

che fosse un discepolo.

 

 

Allora Barnaba

lo prese con sé

 

lo presentò agli Apostoli

e raccontò loro

 

come durante il viaggio

avesse visto il Signore

 

che gli aveva parlato

 

e come in Damasco

avesse predicato con coraggio

 

nel nome di Gesù.”

 

                                   

 

                                   

L'evento rilevante nella “Lettera ai Galati”, non

riportato dagli “Atti degli Apostoli”, è che Paolo incontri

per la prima volta anche Giacomo, il “fratello del

Signore”.

 

Per il resto Shaul/Paolo, nella sua “ispirata”

indipendenza dagli Undici, assume un atteggiamento

difensivoopponendosi sì al loro insegnamento, ma

senza attaccare nei contenuti i Vangeli che intende 

sminuire.

 

 

Fossero questi “altri” Vangeli, scritti personalmente

dagli Apostoli, lo scaltro Paolo si esporrebbe troppo

maledicendoli, senza peraltro poterne dimostrarne la

“non autenticità” di cui li accusa.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

Terza conclusione

 

 

La tesi diventa adesso

 

che qualcun altro

ha (mal)trascritto

 

l'insegnamento degli Apostoli

   in uno o più Vangeli...

 

 

Quindi Shaul/Paolo

con estrema astuzia

 

non entra nel merito dei fatti

narrati in quei Vangeli

 

semplicemente perché

non sarebbe in grado

 

di dimostrarne la denunciata

“non veridicità”.

 

 

Dato che poco o nulla

sa al riguardo!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

 

                                   

La "storia del Cristianesimo primitivo secondo Shaul di Tarso/Paolo",

più precisamente la sua "Lettera ai Galati", riferisce il cosiddetto

"incidente di Antiochia", in cui Paolo avrebbe rimproverato Pietro, lì in

visita, per non volersi sedere a tavola con i "Cristiani" non circoncisi,

solo per timore delle reazioni di "quelli di Giacomo, sostenitori della

circoncisione".

 

Proprio in correlazione a quel simbolico "incidente" va considerato il

"'Concilio' di Gerusalemme" come descritto negli "Atti degli Apostoli",

confronto aspro tra il movimento giudeo-cristiano primitivo e Shaul/Paolo

sulla questione dell'osservanza della "Legge Mosaica", alleanza tra

Abramo e Dio che vincola tutti gli Israeliti.

 

L'unico legittimo Cristianesimo, il "Giudeo-Cristianesimo", viene attaccato

da un nascente "Paolinesimo", movimenti dalla futura Chiesa Paolina

arbitrariamente equiparati e definiti "due anime" del Cristianesimo

primitivo, fino al completo distacco dell'alienante "Paolinesimo" dalla

matrice ebraica...

 

Per cui la falsificante immagine che se ne vorrà dare - Giacomo nel mezzo

tra Pietro e Paolo - rappresenta la sintesi paolina nella "Lettera ai Galati",

secondo cui le decisioni del "Concilio" sarebbere state di suddividere gli

incarichi apostolici tra Pietro verso gli Ebrei e Paolo verso i Gentili!

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il “Concilio”

 

                                   

di Gerusalemme

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A questo punto Shaul “il Paolo” nella sua “Lettera ai

Galati” lascia un buco di ben 14 anni saltando a dare la

sua versione del “‘Concilio’ di Gerusalemme”, peccato

che quanto da lui narrato ai Galati molto probabilmente

non riferirebbe ai medesimi eventi riportati negli “Atti

degli Apostoli...

 

Le contraddizioni fra le due versioni sono evidenti,

lasciando capire che gli episodi della “Lettera ai Galati

appartengano al suo precedente viaggio a Gerusalemme

e non a quello per il Concilio.

 

 

Gli “Atti degli Apostoli, attribuiti a Luca, collaboratore

di Paolo e autore di uno dei Vangeli, il terzo, parlano

infatti di un'animosa predicazione di Paolo e Barnaba

che si discosta e oppone decisamente a quella degli

“altri”, tanto da álla fine decidere di andare tutti quanti

a Gerusalemme dagli Apostoli e dagli anziani proprio

“per dirimere la questione”.

 

Ma soltanto negli “Atti degli Apostoli, si cita un altro

viaggio da Cesarèa a Gerusalemme semplicemente

“per salutare” la comunità, proseguendo poi per

Antiochia.

 

 

La “Lettera ai Galati” riporta invece ancora un terzo

viaggio ad Antiochia intrapreso da “Cefa”, cioè Pietro,

dopo quello di Shaul e degli altri a Gerusalemme,

sicuramente necessitato da qualcosa che ancora non va,

in occasione del quale Shaul dice di opporsi “a viso

aperto” a Pietro perché “ha torto”.

 

Comprovato è anche un forte dissidio tra Barnaba e

Paolo, dato che il primo vorrebbe portare di nuovo nei

loro viaggi Giovanni, detto “Marco, mentre Paolo lo

ritiente “traditore” della loro “nuova” dottrina, scontro

che porterà Barnaba ad abbandonare definitivamente

Paolo, di conseguenza scomparendo da qui in poi dalle

sue Lettere.

 

 

Questi come anche tanti altri dettagli aiutano ad

analizzare criticamente il resoconto del “Concilio di

Gerusalemme fatto da Shaul “il Piccolo”, come lo strano

caso di Tito, uno mai citato negli “Atti degli Apostoli,

eppure tra i principali discepoli di Paolo...

 

                                   

 

                                   

“Dopo quattordici anni

andai di nuovo a Gerusalemme

 

insieme a Barnaba

portando con me anche Tito

 

vi andai però

in seguito ad una rivelazione.

 

 

Esposi loro il vangelo

che ‘io’ predico tra i pagani

 

ma lo esposi in privato

alle persone più ragguardevoli

 

per non correre rischi.”  

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Negli “Atti degli Apostoli si cita solo un tal “Tizio” detto

il Giusto”, l'appellativo perché abita vicino alla

sinagoga della comunità giudea in Macedonia, mentre

questo Tito è un Greco non circonciso, secondo Shaul

stranamente non obbligato a farsi circoncidere neppure

per partecipare al “‘Concilio di Gerusalemme.

 

Negli “Atti degli Apostoli al contrario un altro ,

discepolotal Timòteo, figlio di una Giudea e di un Greco,

lo farebbe circoncidere “per riguardo ai Giudei”, in

totale contrasto con la sua dichiarazione nella citata

lettera del “superamento della Legge Mosaica”,

תֹּורַת מֹשֶׁה, Torat Moshe, ovvero “liberazione dalla

schiavitù della Legge”.

 

                                   

 

                                   

“... se vi fate circoncidere

  Cristo non vi gioverà nulla.”

 

                                   

 

                                   

Non molto, ma quanto basta per farci dedurre come la

sua scissione dottrinale da quella originale della prima

Chiesa di Gerusalemme e, quindi, degli autentici

Apostoli del Messia “Yehoshua Ben Yosef” o “Gesù”

detto il “Cristo”, la decisione cioè di separare il suo

“diverso” nascente “Cristianesimo” dall'“Ebraismo

Cristiano” o “Giudeo-Cristianesimo”, non avvenga

all'improvviso quanto maturi progressivamente.

 

Un'ipotesi avvalorata dal suo successivo immedesimarsi

nel ruolo, fino ad autoproclamarsi “apostolo”.

 

 

Dapprima infatti, tanto nella Prima quanto nella

Seconda “Lettera ai Tessalonicesi Shaul “l'Umile”,

presentandosi insieme ai suoi discepoli Silvano e

Timòteo, con l'“accompagnatore” Sila assegnatogli dopo

il “‘Concilio di Gerusalemme per tenerlo sotto

controllo, non si qualifica ancora “apostolo”, come farà

invece nelle “Lettere successive, una volta liberatosi

dall'osservatore, il quale non figurerà più al suo fianco.

 

Solo in una occasione Shaul cercherebbe furbamente di

sfruttare lo status di Sila, in qualità di appartenente alla

della comunità madre e suo rappresentante, quando,

deciso dagli Apostoli, gli anziani e la comunità tutta di

Gerusalemme di inviare Giuda, detto “Barsabba”, e

appunto Sila, ad accompagnare Shaul e Barnaba ad

Antiochia, “Paolo” nella Prima “Lettera ai Tessalonicesi

si spinge a dichiararsi anche lui “apostolo”, ma nella

forma plurale del “noi”, cioè “insieme a”, appoggiandosi

a Sila.

 

 

Non sarebbe quindi un caso che lo scaltro Paolo faccia

in questo riferimento al poter “far valere l'autorità di

apostoli di Cristo”, dato che neppure Sila è apostolo, nel

senso in cui lo sono i primi Dodici, discepoli diretti di

Cristo, ma estendendo in pratica l'“apostolicità” ad un

senso più lato in connessione con il “messaggio

autorevole degli Undici”, che però lui altera.

 

Le lettere mostrano anche il progressivo lavorìo di

discostamento della nuova dottrina dall'ambito

strettamente giudaico, quindi anche Gerusalemme e la

sua Chiesa, stottolineando dei Giudei come abbiano  

 

                                   

 

                                   

“perfino messo a morte

il Signore Gesù e i Profeti

 

e perseguitato anche noi”

 

                                   

 

                                   

e ancora  

 

                                   

 

                                   

“non piacciono a Dio

e sono nemici di tutti gli uomini

 

impedendoci di predicare ai pagani

perché possano essere salvati”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Non ancora la matura “inedita teologia paolina” anti-

Legge, ma comunque un passo importante verso quel

finale sbocco radicale del pensiero paolino nei confronti

del superamento della Legge di Mosè.

 

Sempre più evidenti le discordanze, tra piccole e grandi

menzogne, silenzi, omissioni e riferimenti ad

inattaccabili ispirazioni divine, “rivelazioni”, in modo

che si possa lecitamente supporre come la vera causa

che rende necessario il “‘Concilio’ di Gerusalemme” sia

di fatto il rifiuto intransigente  di Shaul/Paolo di

praticare la circoncisione ai pagani, motivo sì questo di

profonda irritazione fra i Giudeo-Cristiani delle prime

comunità.

 

 

Molto probabilmente, oltre all'obbligo di circoncisione

per i convertiti, il “‘Concilio’ di Gerusalemme” gli

impone altri vincoli da osservare e far osservare, per cui

gli affiancano osservatori fidati, tutti fatti e circostanze

che però lui mai neppure nomina.

 

Gli “Atti degli Apostoli” citano infatti anche una lettera

da consegnare alle nuove comunità:

 

                                   

 

                                   

“Gli Apostoli e gli anziani

[di Gerusalemme]

 

ai fratelli di Antiochia, Siria e Cilicia

che provengono dai pagani

 

Salute!”

 

                                   

 

                                   

Come pure evidenziano che Giuda e Sila vengono

mandati sia proprio per confermarne di persona i

contenuti che per controllare che tutto sia rispettato da

parte di Paolo e Barnaba, secondo le decisioni del

“ ‘Concilio di Gerusalemme e gli accordi presi di

conseguenza - altro che “libertà di azione priva di

vincoli”!...

 

Inoltre gli “Atti degli Apostoli” non confermano neppure

una presunta “separazione” di campi d'azione, come

pretesa da Shaul, del tipo cioè “i circoncisi Giudei sotto

la giurisdizione di Pietro, i non circoncisi Pagani lasciati

a Paolo”, come pure nulla si legge di una “colletta” per i

poveri.

 

 

Il dissidio ad Antiochia con Simone Cefa detto “Pietro”,

a detta di Shaul di Tarso “il Paolo” per via di un

atteggiamento ipocrita di Pietro nel non consumare cibo

con i pagani, non fa che confermare l'imposizione ai

pagani di disposizioni e vincoli alimentari, se pur

minimizzati e simbolici, secondo le usanze giudaiche

riguardanti il cibo, già parte della Lettera degli Apostoli

e degli anziani a fine “‘Concilio’ di Gerusalemme” per

volontà di Giacomo.

 

Da ciò comunque importanti deduzioni, come il fatto

che che esista un accertato dissidio tra Pietro e Paolo in

merito ai costumi della Legge Mosaica, come non Pietro,

ma Giacomo sia indiscusso capo della Chiesa Giudeo-

Cristiana di Gerusalemme e come le posizioni e le

decisioni di Giacomo siano decisamente a totale favore

di una continuità tra la Legge Ebraica e Giudeo-

Cristianesimo, non di rottura o separazione.

 

 

Anche l'altro citato dissidio, quello fra Shaul/Paolo e

Barnaba, sul caso di Marco, a causa della sua defezione

considerata un “tradimento”, conferma ancora una volta

quanto Paolo stesso esprime riguardo a “spie” o “falsi

fratelli”, messi nel suo gruppo per verificare che

i contenuti dell'evangelizzazione di Shaul/“Paolo”

rimangano nell'ortodossia giudeo-cristiana.

 

Anche la separazione da Barnaba, frutto di una presa di

posizione di questi a favore dei Giudeo-Cristiani, verrà

da poi Paolo inputata come un “lasciarsi attirare nella

loro ipocrisia”, essendo Marco l'uomo di fiducia di Pietro

e “falso fratello” introdottosi fra i discepoli di Paolo per

spiarne i comportamenti e le mosse.

 

 

Marco è l'unico a conoscere per diretta testimonianza

l'operato di Shaul/Paolo e Barnaba fuori dall'orbita

giudaico-cristiana della Chiesa di Gerusalemme e, non

condividendone l'opera di evangelizzazione,

contribuisce attivamente a sollecitare un “Concilio”.

 

È per questo motivo che Shaul/“Paolo” odia Marco a tal

punto da spingerlo a separarsi definitivamente da

Barnaba per le sue scelte, sia il voler riprende con sé la

“spia” che ha sollevato il problema e causato la sua

pubblica discussione al “‘Concilio’ di Gerusalemme”, sia

lo schierarsi a favore dei Giudeo-Cristiani di fronte a un

più che probabile ultimatum gerosolimitano riguardo

all'evangelizzazione dei pagani.

 

 

Non è subito la rottura, ma Shaul/Paolo continuerà ad

elaborare “in segreto” la sua teologia del superamento

dalla Legge, pur moderandosi, almeno fin quando

l'osservatore Sila rimarrà al suo fianco, addirittura

dichiarando il falso, se necessario, per non farsi

scoprire.

 

Ma una volta sparito Sila verrà quel:

 

                                   

 

                                   

“Il vostro sangue

ricada sul vostro capo

 

io sono innocente.

 

Da ora in poi

  andrò dai pagani.”

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Altro che accordo tra Pietro e Paolo su una presunta

spartizione dei compiti...

 

Shaul richiamato a Gerusalemme, una convocazione

dovuta senz'altro al resoconto di Sila all'Assemblea

degli anziani di Gerusalemme sul suo “fuorviante

operato”, per una pubblica ammissione di colpevolezza,

forse pena addirittura la scomunica.

 

 

Prima di andare a Gerusalemme Paolo avvia una

colletta, se a favore dei poveri certo per abbonirsi la

Comunità di Gerusalemme, dato che sa quanto quel

viaggio sia per lui rischioso, come da quel viaggio

dipenda il futuro suo e dei suoi rapporti con la Chiesa di

Gerusalemme, perché a questo punto i veri suoi nemici

sono i Giudei “infedeli”.


Secondo gli “Atti degli Apostoli”
Shaul/“Paolo” incontra

Giacomo e gli anziani riuniti, che, pur non conoscendone

a fondo il nocciolo teologico, per la sua predicazione in

merito al superamento della Legge Mosaica gli

imporranno una procedura di “purificazione” a sue

spese (anche da cui forse la colletta!) a dimostrazione

della falsità delle sue affermazioni - di fatto una

procedura di “sottomisione” alla decisione

dell'Assemblea.

 

 

Infatti in occasione del “‘Concilio’ di Gerusalemme”

Giacomo già dichiara inequivocabilmente:

 

                                   

 

                                   

Per questo ritengo

che non si debba importunare

 

quelli che si convertono a Dio

tra i pagani

 

 

ma solo si ordini loro

di astenersi

 

dalle sozzure degli idoli

dalla impudicizia

 

dagli animali soffocati

e dal sangue.

 

 

Mosè infatti

fin dai tempi antichi,

 

ha chi lo predica

in ogni città

 

poiché viene letto ogni Sabato

  nelle sinagoghe”.

 

                                   

 

                                   

Posizione chiara la sua: per quanto riguarda i pagani

la Legge Mosaica non vada abbandonata né la

circoncisione.

 

Solo l'insegnamento dell'una e la pratica dell'altra

vengano semplicemente posticipate per non renderne

troppo difficile la conversione, come pure sono ribaditi

i vincoli minimi imposti ai pagani riguardo la dieta

alimentare.

 

 

Purtroppo neanche queste minime norme, sancite con

tanto di lettera conciliare, verranno accettate da

Shaul/“Paolo, il quale assumerà invece una posizione

ambigua di violazione consapevole “finchè questo non

arrechi fastidio ai Giudeo-Cristiani...”.

 

Adesso non c'è più dubbio che Paolo ritenga totalmente

superata la Legge, al punto che anche i piccolissimi

“dettami” simbolici di osservanza imposti dal “Concilio

ai pagani venrranno puntualmente ignorati.

 

 

Così anche durante il rito di purificazione, prima

dell'ingresso al Tempio Shaul - non più “Paolo”,

con la maschera dell'“Umile”, ma il “Trasgressore”

finalmente a nudo - sceglie provocatoriamente di

intrattenersi con il pagano Tròfimo di Efeso, mettendosi

in bella mostra per la città in sua compagnia,

comportamento ovviamente destinato a creare tumulti,

perché con quel gesto lui ostenta di contaminare sé

stesso, la sua offerta e il Tempio stesso, sceneggiatura

ben preparata in dettaglio, solo per arrivare ad una

sorta di pubblico “martirio”.

 

Agli occhi dei suoi compagni Shaul - non più “Paolo”,

con la maschera dell'“Umile”, ma il “Provocatore

finalmente scatenato - apparirà infatti “vittima

innocente e in buona fede della perfidia dei Giudei”,

Cristiani o non, a sancire e giustificare una sua

comunque già pianificata rottura definitiva con

l'Ebraismo, testimone fra gli altri addirittura l'autore

degli “Atti degli Apostoli, il suo adepto Luca.

 

 

Sa bene che i suoi discepoli presenti alla scena

rimarranno indelebilmente segnati dalla sensazione di

rigetto verso i pagani da parte dei Giudei in generale e

dei Giudeo-Cristiani in particolare, agita quindi le acque

per ottenere una reazione dei soldati romani (di cui la

zona del Tempio pullula, in nervosa allerta per il clima

di rivolta che si respira in tutta la Giudea) alle

tumultuose proteste dei Giudei contro il suo

comportamento “impuro”.

 

Si fa prima arrestare, salvo avvalersi subito dopo del

suo status con quella mossa ad effetto, declamando un

bel “Civis romanus sum” con perfetto timing tirato fuori

dal cilindro, “Fermi tutti...” - “Io sono un Cittadino

romano!, in altre parole “non punibile senza processo,

ed enunciando poi teatralmente il suo retorico discorso

evidentemente già preparato e che gli “Atti degli

Apostoli documenteranno fedelmente.

 

 

Grandiosa uscita di scena a sdoganare definitivamente

il suo “Paolinesimo (non Cristianesimo!), ormai anche

teologicamente separato dall'unico, legittimo e storico

originario “Giudeo-Cristianesimo e contestualmente

epurato dal Giudaismo.

 

Leggiamoci anche volentieri definitivamente separato

da tutti i rischi politici che quei legami comportano” -

affinché, nella tappa evolutiva estrema, la “sua così

all'irriconoscibile “adattatadottrina - questo “pseudo-

Cristianesimo! - sia pronta per essere offerta, tollerata,

accettata, assimilata e trapiantata nell'Impero Romano,

divenendo l'incredibile strumento di potere oppressivo

di quel nuovo “Impero di Roma”, che, purtoppo, ancora

oggi conosciamo e subiamo!