Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L’“Unto” per eccellenza fra i tanti “Messia”, di quello

più raccontatoci colpisce il profilo umano - morale,

sociale, politico - primo intellettuale del proletariato.

 

La sua prassi religiosa non si riduce ad ipocrite parole,  

che riempiano di vuoto liturgici riti fumosi cantati ad

majorem gloriam meam.

 

È fatta di “comunanza”, una nuova religiosità

dell’Umano, dall’Umano, all’Umano, per l’Umano,

elevazione della “sacralità” dell'Umano a prediligere gli

Ultimi fra gli Ultimi.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Non è mai stato, non è né potrà mai essere il “cristo

clericale”, putrido di lotte, intrighi, sopraffazioni e

qualsivoglia nefandezza.

 

Per la pura conquista e perenne mantenimento di

“potere”, privilegi e ricchezze, nelle - allo scopo e

al momento - più accomodanti e subdole alleanze fra

trono e altare, fra altare e capitale.

 

Debole, vigliacco e servile con i forti, arrogante, severo

e spietato con i deboli, “cristo favola” di un dio alieno e

alienante, vero oppio dei popoli.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Piuttosto quello documentato nudo e crudo nel pur

censurato, manipolato e rimanipolato Vangelo Giudeo-

Cristiano del “Nuovo Patto”.

 

Davvero autenticato con testimonianze di sangue

attraverso la storia da movimenti rivoluzionari, eretici,

monastici, fino alla “Teologia della Rivoluzione”.

 

Sua la potente rabbia scagliata contro i farisei di ieri, di

oggi e a venire, primi fra tutti quelli della

mammasantissima casta dei privilegi con il loro “cristo

paolino” da spupazzo. 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se un Cristo c'è

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché Lui, l’“Atteso”, non può essere che il Cattivo

Maestro, senza dubbi o fraintendimenti schierato contro

tutte le messianiche classiste di falsi sacer-doti - săcer

“sacro”, *dhē- “fare”.

 

Maghi incantatori, celebratori di assopienti formule a

fiaccare ed annientare, se mai possibile, la perenne

vitalità del Sacro.



La sua religiosità sfacciatamente partigiana dell’Umano
,

contro le chiese istituzionali, baluardo di ogni alleanza

altare-potere, nemiche dell’Umano. 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Cristo storico

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lui che porta preziosa con sé e predica instancabile

un’alleanza del tutto inedita fra il Divino - il “Sacro” - e

l’Umano, anzi fà dell’Umano il “nuovo Sacro”.

 

Con una personale testimonianza morale e politica

patita fino alle conseguenze più estreme, la Nuova

Alleanza fra Dio l'Uguale e gli Ultimi elevati a “Sacri”.

 

Con la - per quel tempo ed ogni tempo - rivoluzionaria

pratica sociale e politica della liberazione degli “schiavi”

d'ogni sorta e della comunione dei beni e dei poteri.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Cristo storico

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lui che necessariamente deve scuotere, anzi

scandalizzare, Lui di fatto padre di Anarco-Comunismo

e Marxismo.

 

Lontano quanto il più immaginabile da “cristi papalini”,

che mischiano ricchi e poveri, potenti e sfruttatori con i

loro oppressi e sfruttati, un’“elemosina” simulatrice e

blasfema a simbolo dell'agape.

 

Lui Cristo dell'Uguale, della comunione e condivisione

dei beni e dei poteri, inequivocabilmente contro ogni

sistema dell’“avere” e del “potere”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Cristo storico

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lui indiscusso Maestro morale e politico nella lotta tra le

classi sociali dell'Occidente dal 66 al 1848 dC e ancora

oggi.

 

Radice storica profonda sia della società ideale di Utopia

che del nucleo d’ogni “Socialismo”, sia utopico che

scientifico, già lì nel Giudeo-Cristianesimo primitivo.

 

Lui lo schernito, il rigettato, il perseguitato, il frustato

e crocifisso proprio perché il peggior Maestro dell’intera

storia sociale umana, Ottocento e Novecento inclusi!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Cristo storico

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lui che sopravvive oggi nella prassi Comunarda, nella

sua ideologia che altro non è che quella dell’“Amore”

evangelico, nella matrice storica della teoria comunista 

 

                                   

 

                                   

“ciascuno dia

secondo le sue capacità

 

e abbia

 secondo i suoi bisogni”.

 

                                   

 

                                   

Già negli “Atti degli Apostoli” così come implementata

dalla prima Comune giudeo-cristiana dei “Gesuani” di

Giacomo a Gerusalemme, distinti e contrapposti ai

“Cristiani” di Shaul di Tarso.

 

La cui pratica sociale anarchica e comunista precede di

quasi due millenni quella della “Comune” anarchica di

Parigi.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Crocifisso

 

                                   

eretico ed eversore

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lui compagno di lotta a fianco degli “Uguali” e dei

“Liberi”, irriducibile antagonista del canceroso binomio

altare-potere.

 

Lui annunciatore entusiasta di un Regno di Dio qui sulla

Terra, Dio l’Uguale incarnato nel Regno degli Uguali,

Cristo storico ancora in noi, con noi e tra noi.

 

Da ritrovare sempre e solo presente nell'unico luogo

dove incontrare Dio l’Uguale, nella relazione umana

comunarda di rispetto, amore e cura reciproci.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Crocifisso

 

                                   

eretico ed eversore

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché “ogni ricchezza puzza d'ingiustizia” ed “è più

facile che un cammello entri nella cruna di un ago, che

un ricco nel regno di dio”.

 

Perché sono gli Ultimi il Popolo Eletto dell’Uguale, non

ricchi e potenti, figli e figliastri dell’avere e del potere,

indigesta lezione del Vangelo del Cristo storico.

 

Perché non chiede ma esige assoluta coerenza, contro

qualsivoglia tentativo di chi voglia addolcirlo, mallearlo,

mistificarlo con “interpretazione” altra.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Crocifisso

 

                                   

eretico ed eversore

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Altro che “pseudo-cristo” appiattito da fantasiosi

“paolinismi escatologici”, uno pseudo-cristianesimo

della chiesa-istituzione costantiniana.

 

Liberticida, genocida, naturicida, deicida, deturpata da

quella casta dei pulpiti da sempre (pre)occupata a

falsificarne il rivoluzionario “Vangelo di Liberazione”.

 

Ritualizzandolo, mitologizzandolo, depoliticizzandolo, a

nasconderne il totale, sistematico millenario tradimento

da teocrazia massonica losca di logge, caste e cosche.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Crocifisso

 

                                   

eretico ed eversore

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lui addirittura sottratto e proibito al popolo dalla casta

sacerdotale per oltre cinque secoli, dal 1200 al 1700,

con apposita legge “canonica” catto-cristiana.

 

Contro la lettura e la traduzione in volgare della Bibbia,

pena la scomunica papale, tanto pericoloso per le caste

l'incontro tra il Cristo storico e le masse proletarie.

 

Comunque salvato dalla tenace staffetta controcorrente

di movimenti eretici, pauperistici e politici, rivoluzionari

in autentico Spirito Cristiano.