La Rivoluzione

 

                                   

Giudeo-Cristiana

 

                                   

anarchica e comunista

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il tanto diffamato “Socialismo”, nella sua duplicità

anarchica e comunista, altro non è che il naturale

“perfezionamento storico” della pratica etica, sociale e

politica giudeo-cristiana.

 

Dalle tre prassi all’unisono una medesima risposta al

meta-problema dell'“essere nel tempo e nello spazio”,

a “cosa fare” e “come farlo” nella del tutto particolare

relazione fra umano e umano.

 

Le tre filosofie “esistenziali” e politiche in frontale,

coesa storica opposizione morale ad ogni sviante

“paolinismo” clericale o laico.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Rivoluzione

 

                                   

Giudeo-Cristiana

 

                                   

anarchica e comunista

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Tre filosofie esistenziali e politichel con uno e medesimo

“paradigma”, di Amore, Libertà e Uguaglianza, per una

e medesima “prassi”, genuinamente “egualitaria” e

“libertaria”.

 

Da una e medesima “concezione” del mondo, perché

frutto di una e medesima “visione” della vita sociale, in

un comunitarismo “personalista”, “egualitario” e

“libertario”.

 

Figli di uno e medesimo Spirito Giudeo-Cristianesimo,

primitivo ed eretico, Anarchismo e Comunismo fanno

della propria “prassi di Liberazione” una “prassi di

Salvezza”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Rivoluzione

 

                                   

Giudeo-Cristiana

 

                                   

anarchica e comunista

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Identico lo “Spirito di Comunione”, identica la “Volontà

di Liberazione” - individuale e collettiva, interiore ed

esteriore - identica la religio relazionale” dell’Umano,

una “inclusiva” relazione tra Uguali.

 

Fondata su identici i “valori” di reciproca libertà,

“identificazione” con l’“Altro” come “altro noi stessi”,

quindi, se mai, unico “dogma” il rispetto dell’Altro come

altro noi stessi.

 

Iniziando individualmente dal nostro “stile di vita”

personale , per arrivare collettivamente ad un governo

del “vivere bene insieme”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Rivoluzione

 

                                   

Giudeo-Cristiana

 

                                   

anarchica e comunista

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La rivoluzione del Cristo storico ha intrapreso un lungo

viaggio su cammini di buona volontà, obbedendo

all’unica legge universale de l’“Umano fatto Sacro”.

 

Perché è indubbiamente l’azione “rivoluzionaria” del

Cristo storico ad unirci in questa modalità “esistenziale”

de l’“Altro amato come sé stesso”.

 

Una religio, “legame” di considerazione e cura, come

“relazione personale senza deleghe”, fondata sul libero

arbitrio, senza gerarchie di Chiese istituzionali, né di

partiti politici o apparati burocratici.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Contro ogni casta

 

                                   

dell'avere e del potere

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché l’unica “democrazia” è quella “diretta” -

personale e collettiva - dell’“esserci”, del sentire e

pensare in prima persona, l’“Utopia” storicizzata.

 

Temporalizzazione e spazializzazione dell’Uguale nella

materialità di un processo storico trasformatore

dell’Umano, in una mai interrotta continuità storica.

 

Che va evolvendosi dal Giudeo-Cristianesimo primitivo

fino al Socialismo, attraverso “eresie” anarchiche e c

omuniste, incluso il moderno “Anarchismo Cristiano”

con il suo Il Regno di Dio è l'Anarchia.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Contro ogni casta

 

                                   

dell'avere e del potere

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché Giudeo-Cristianesimo, Anarchismo e Comunismo

sono le prassi ispiratrici delle lotte di classe, per una

“comunione di cose e poteri”.

 

Che incarni lo “Spirito della Vita” contro quello della

morte, lotte di classe con l'unica programmata buona

volontà di “recuperare” l'originario autentico Umano.

 

Riportare a pienezza l’“umanità” dell’Umano nella

pratica sociale e spirituale della “solidarietà”, ciascuna

delle tre prassi - ogni “lotta” di classe a scaturirne -

prodotto storico dello stesso Spirito.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Contro ogni casta

 

                                   

dell'avere e del potere

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Tutto presupposto, centrato e costruito su una piena

fiducia nella soggettività dell’Umano, quale capace di

“credere” con tutto sé stesso - corpo, mente e spirito.

 

Nella stessa “Utopia” - sociale e politica

dell’Uguaglianza e dell’Amore, capace di unirsi a

“soggetto collettivo” in un programma di Liberazione.

 

“Ultimi e Senza-Poteri” contro “ricchi e potenti”,

“Alleanza dell’Uguale” in lotta, anche a mani nude,

contro tutte le armi delle alleanze di sopraffazione -

altare-potere, altare-trono, altare-capitale.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Contro ogni casta

 

                                   

dell'avere e del potere

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Uniti dall’amore per “altruismo” e “collettivismo”, in

lotta ad oltranza contro la “piovra” di tutte le “caste”

dell'avere e del potere.

 

Contro il “monopolio” di banchieri, industriali e grandi

“mercanti, il loro onnipresente apparato di “consenso”

- preti, politici, intellettuali, i loro falsi “comunismi”

della “rappresentanza”.

 

Essi stessi biasimevoli esempi di sistemi neo-capitalisti

“di Stato” globali, documentatamente altrettanto, se

non più efferati e brutali, “nemici di popolo”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché per l'Uguale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La “Fede religiosa”, sociale e politica si fonda sulla

roccia dell’“assioma” giudeo-cristiano, anarchista e

comunista dell’“l’Altro sono Io”, “Tu sei me”.

 

Sulla sistematica negazione dello spirito dell'avere e del

potere, sul fatto che “noi siamo le nostre opere” - senza

intermediazioni, manipolazioni e commercializzazioni di

“mercanti del Tempio”.

 

“Fede” forte e scelta convinta dell'“essere Uguali”

davvero - nell’avere e nel potere - nutrite non di parole,

ma di azioni e opere di condivisione di cose e poteri.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché per l'Uguale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Questa scelta è di essere “Uguale tra Uguali” nella

“Comunanza” della Comunità, pienamente cosciente di

pratiche sociali “pro-attive” dall'imperativo categorico

 

                                   

 

                                   

“ciascuno dia

secondo le sue capacità

 

e a ciascuno sia dato

secondo i suoi bisogni”.

 

                                   

 

                                   

Un “senso” della vita di una stessa classe, che ci crea

“idea” del mondo basata sugli stessi valori, che ci fa

adottare con naturalezza uno stesso “modo” di vivere.

 

Che ci unisce quindi - nel “sentire”, nel pensare e

nell'agire - e ci fa abbracciare con piena cosapevolezza

una “religio” politica dagli obiettivi “accomunanti”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché per l'Uguale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La predicazione del Cristo storico rivolta non alla

“pancia” della massa, ma all’“intelligenza” del popolo,

che la traduce in comportamenti individuali e collettivi.

 

In “movimenti dissidenti, eretici e pauperistici ‘contro’”

ogni superstiziosa “interpretazione” politico-religiosa

ad esclusivo beneficio, uso e consumo di pochi.

 

Nella rivoluzionarietà di sentimenti “religiosi”, autentici

perché inclusivi, contro “caste”, la cui stessa esistenza

di per sé già è negazione di amore e uguaglianza elevati

a “sistema di Governo”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Perché per l'Uguale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Religiosità quindi di una “religio” del condividere

nell’unione degli Uguali, “comunismo” del Cristianesimo

primitivo e del Socialismo, suo “erede testamentario”.

 

Interpretazione del Cristo storico, ermeneutica della

sua “rivoluzione sociale”, in una lettura dei Vangeli non

solo teologica, ma politica.

 

Interpretazione e lettura “scomode”, perché

“scomodante” è la persona del Cristo storico, ancora più

“scomodante” la sua “Buona Novella”, così scandalosa e

ostica in quell'ottica de “gli Ultimi saranno i Primi”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una scelta

 

                                   

di buona volontà

 

                                   

 

                                   

 

                                   

O un povero “cristo”, conciliante e remissivo nella

peggiore connotazione limitativa, che si “adatta” cioè

alle circostanze ed esigenze del Potere.

 

Oppure una pur, se mai, sofferta “demitizzazione”, che

riporti il “Cristo storico” al vivo della sua “autenticità” e

noi ad un bivio di decisione personale, “la” scelta.

 

Le sue “Beatitudini” sono l’espressione per eccellenza

della “metanoia” giudeo-cristiana, una decisiva “svolta”

nel sentire, pensare e agire, l'ineludibile imperativo di

“cambiare drasticamente ‘verso’ alla società”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una scelta

 

                                   

di buona volontà

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Scelta di vita” che ci immetta a o escluda da qualsiasi

ulteriore processo di “Salvezza nella Liberazione”, ciò

secondo l'insegnamento condiviso del Cristo storico, di

suo fratello Bakunin e del cugino Marx.

 

Nell’essere etici, sociali e politici, altruisti e collettivisti,

una precisa, “non fraintendibile” esortazione corale da

parte di tutti e tre gli intellettuali del proletariato.

 

Uniti nella medesima spiritualità e volontà di classe, nel

loro cuore la medesima “Utopia”, il loro un unico “sogno

ad occhi spalancati di pace e di giustizia” per l’Umano.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una scelta

 

                                   

di buona volontà

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Fra il “Cristo miticizzato” dalla strumentalizzazione

politico-religiosa di costantiniana erosione “paolino-

patristica”, che caratterizza i “giuda” di ieri e di oggi.

 

E il “Cristo storico”, mai cancellato nonostante la

damnatio memoriae della casta clericale “damasiano-

teodosiana” nel IV sec.

 

Il “Cristo rivoluzionario”  che non vive in banche, regge

e cattedrali, ma nella “Città dell’Uguale”, il cui Vangelo

si reduplica storicamente nello “Spirito di Amore e

Uguaglianza”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una scelta

 

                                   

di buona volontà

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Non con vaghe “intenzioni” o a ipocrite “parole”, ma in

concretezza di comportamenti, manifestata innanzitutto

attraverso i piccoli gesti e le semplici azioni del vivere

quotidiano.

 

A testimonianza dello “Spirito” del Cristo storico e

continua negazione dello spirito dell'avere e del potere,

Lui “Messia” degli schiavi, oppressi e sfruttati.

 

Lui padre del primo rivoluzionario Anarco-Comunismo,

che lo pratica coerentemente nella prima “religio

relazionale proletaria storica, la più antica al mondo!