Durante Alaghieri detto "Dante"

a 700 anni dalla sua morte in esilio a Ravenna

la notte tra il 13 e il 14 settembre 1321

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Le genti del bel paese

 

                                   

là dove 'l sì suona”

 

                                   

 

                                   

La “Divina Commedia”

Inferno XXXIII, vv. 79-80

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Il patrimonio “culturale”

 

                                   

della nostra “lingua”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Dove il ‘dolce’ sì suona” non è quindi del “sommo”...

anche se l'Italiano viene ormai comunemente definito

come la “lingua del ‘dolce’ sì”.

 

Niente di “dolce” infatti nel contesto della citazione,

estrapolata dall'ingresso nel “Secondo Girone” del

“Settimo Cerchio”, la selva dei suicidi, di fatto una

terribile “maledizione”:

 

                                   

 

                                   

“Ahi Pisa, vituperio de le genti

del bel paese là dove 'l sì suona,

poi che i vicini a te punir son lenti,

 

muovasi la Capraia e la Gorgona,

e faccian siepe ad Arno in su la foce,

sì ch'elli annieghi in te ogne persona!”

 

                                   

 

                                   

Dante, La "Divina Commedia", Inferno XXXIII

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nella tradizione letteraria del Duecento - vedi il “De

vulgari eloquentia”, “L'eloquenza della lingua volgare”,

trattato in Latino dello stesso Dante - si distinguono

essenzialmente tre lingue.

 

Il Francese, nelle due sfumature della “Lenga D'òc” (dal

Latino hoc [est]), la Occitano-Romanza della Francia

Meridionale, e la “Langue D'oïl” (dal Latino ille [est]), il

Francese antico dell'odierna Francia Settentrionale,

parte del Belgio e Svizzera, e poi l'Italiano, appunto la

“Lingua del Sì” (dal Latino sic [est]), denominate così

proprio dal modo di pronunciare la parola “sì” nelle

rispettive lingue (l'Italiano probabilmente la più

“aggraziata”, da cui in seguito quel “dolce”).

 

 

L’Italiano è una lingua “fonetica” rispetto all’Inglese o

al Francese ma non perfettamente, dato che uno

straniero non può sempre sapere esattamente come

“leggere” la parola “scritta”, dal momento che la

posizione della sillaba “tonica” nelle parole

“proparossitone” o “sdrucciole”, la terzultima, non è

accentata - come in “fonetica”.

 

Lo Spagnolo, a differenza dell’Italiano, è una lingua

perfettamente “fonetica”, dato che la posizione della

tonica, se irregolare, è sempre indicata con accento

grafico - come “fonética”.

 

 

Inoltre l’Italiano standard ha sette vocali nel “parlato”,

con due “e” e due “o”, entrambi “chiuse” o “aperte”,

un'opposizione non rilevabile nello “scritto”, così il

valore fonetico delle“e” e delle “o” va imparato per ogni

parola.

 

Soltanto pochi parlanti l’Italiano come lingua

“straniera” riescono in questa ardua impresa, anche se

ci sono molte differenze “regionali” nella distribuzione

di vocali chiuse e aperte, c’è una sola versione

“corretta” in ogni posto, insomma, benché fonetica

“relativa”, la Lingua Italiana non si può leggere

correttamente con le sole informazioni rilevabili dallo

scritto.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'“evoluzione” storica

 

                                   

della Lingua Italiana

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La lingua è viva e cambia senza sosta, si “evolve”

perché si adatta all'ambiente, cioè alla società umana, e

il “mutamento” linguistico in molto ricorda l'evoluzione

biologica.

 

Così anche l'Italiano dal Duecento ai nostri giorni

subisce “naturali” cambiamenti, non solo la lingua ma

anche l’“uso” che le persone ne fanno.

 

 

Nel Duecento la lingua “ufficiale” e della “cultura” era

ancora il Latino, ma dal Trecento comincia a prevalere il

“volgare” fiorentino, lingua d’origine di Dante, Petrarca

e Boccaccio.

 

Poi, con l’“Umanesimo”, nella prima metà del

Quattrocento il volgare subirà una grave crisi,

riprendendo però nuovo vigore nella seconda metà del

secolo.

 

 

Il “volgare” torna a essere la lingua della letteratura

con Leon Battista Alberti, Lorenzo il Magnifico, Angelo

Poliziano, Matteo Maria Boiardo, Luigi Pulci e Leonardo

da Vinci.

 

E sempre nel Quattrocento il tedesco Johannes

Gutenberg regala all'Occidente la stampa a caratteri

“mobili”, una vera rivoluzione nella comunicazione “di

massa”.

 

 

Durante il Cinquecento, sul piano culturale, l’Italia

raggiunge il suo massimo splendore, il cosiddetto

“Rinascimento”, ed è ora che il volgare acquista

crescente “prestigio”.

 

Il dibattito su “quale” volgare usare porta a scegliere il

“Fiorentino per l'intera penisola”, con Ludovico Ariosto,

Torquato Tasso, Niccolò Machiavelli e Francesco

Guicciardini.

 

 

Con il Seicento del “Barocco” esploderà fino all’eccesso

il desiderio di “nuovo”, stupefacente, stravagante, il

gusto per la forma, lo spettacolo, l’ornamento che

stupisce e meraviglia.

 

Proprio nel 1612 l’“”Accademia della Crusca“”

pubblicherà il primo grande “Vocabolario della Lingua

‘Italiana’” e di fatto l’“Italiano” si consolida come la

lingua “parlata” in tutto lo stivale. 

 

 

Segue l’“Illuminismo” del Settecento e gli Italiani usano

ormai sia il Latino che l’“Italiano”/“Fiorentino”, il

Francese e, per la prima volta, un gran numero di

“dialetti”.

 

Nella prima metà dell’Ottocento l’“Italiano”

/“Fiorentino” è diffuso solo fra le “classi” colte, per il

semplice fatto che l'80% della popolazione è ancora del

tutto “analfabeta”.

 

 

Sempre nell’Ottocento si diffonde però la nuova corrente

culturale del “Romanticismo” e lo scrittore Alessandro

Manzoni  con la sua opera avvicina la lingua “scritta”

alla lingua “parlata”.

 

Nel Novecento flussi migratori “interni”, urbanismo,

istruzione e mezzi di comunicazione di massa

contribuiranno al consolidamento di “una” lingua

“unitaria”, sia “parlata” che “scritta”.

 

 

Oggi l’Italiano è una lingua in “evoluzione”, una rapida

profonda “trasformazione” in cui vengono introdotti

moltissimi “neo-logismi” - dal Greco antico νέος-λόγος,

neos-logos, parola “nuova”

 

Questi “neologismi” vanno distinti però in nuove parole

“italiane” create per identificare “nuove” realtà -

fisiche, sociali, scientifiche, tecnologiche, letterarie o di

altra natura o ambito - che prima o non esistevano o

non conoscevamo, e parole non italiane, prese “in

prestito” da altre lingue in cui già esistono e vengono

comunemente usate, ossia parole che l'Italiano “adotta”

perché “mancanti” o non facilmente o pienamente

“traducibili” nella nostra lingua.

 

 

Purtroppo molti “Italiani” - non la Lingua Italiana! -

adottano anche “altro” assolutamente non

“necessario”, cosiddetti neologismi “inutili”.

 

Troppi i “prestiti” linguistici “alla moda” da altre lingue

e culture, Inglese in testa, o “integrati” in nuove parole

italiane, ma moltissimi “non affatto integrati”, cioè

parole straniere adottate nella nostra lingua senza che

ne esista alcun valido “motivo”: o perché non si conosce

a fondo la propria lingua, l'Italiano, o per “ragliare

facendosi belli”... (quintessenza del “provincialismo”!).

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Italiano

 

                                   

da qui al futuro

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una lingua per secoli chiusa nei libri, “immutabile”, si è

diffusa tra i “parlanti” fino a diventare la loro lingua

“comune” e oggi la stanno adattando alle diverse

esigenze “comunicative”.

 

Nell’evoluzione della lingua soprattutto i giovani

sperimentano propri “canali” espressivi, a creare un

nuovo linguaggio “tutto loro”, colloquiale, vivace,

ribelle, burlesco, derisorio.

 

 

L’Italiano di tradizione letteraria è a lungo parlato da

poche persone colte, mentre la maggioranza della

popolazione rimane prevalentemente “analfabeta” e si

esprime in “dialetto”.

 

Questo fino al Secondo Dopoguerra, quando mezzi di

comunicazione di massa e progresso economico-

scientifico, fanno muovere le persone in grandi numeri

nella penisola.

 

 

Una lingua prima “elitaria”, a partire dagli Anni Settanta

del Novecento, entra nelle case via stampa, radio e

televisione diventando di uso “quotidiano” per sempre

più persone.

 

Sempre negli Anni Settanta le reti televisive

“commerciali” ridimensioneranno la funzione

“pedagogica” della televisione che vi andrà persa, ma

favoriranno espressioni più colloquiali e pronunce

regionali.

 

 

Quindi la Lingua Italiana si trasforma sì, ma

discostandosi dallo standard, ancora insegnato

“d'obbligo” nelle scuole, al tempo stesso diventando la

nuova lingua “parlata” di quasi tutta la popolazione.

 

Non solo “modi” e “tempi” verbali non sempre

“corretti”, ma anche rapidità, concisione ed efficacia del

linguaggio “giornalistico”, con periodi “snelli”, poche

“subordinate”, “punti” invece di “punti e virgola”.

 

 

“Grammatica” e “sintattica” a parte, il lessico si riempie

velocemente e trabocca di neologismi e termini tecnici,

“forestierismi” tipici di linguaggi “settoriali”, tra i

vocaboli stranieri soprattutto gli inglesi.

 

Sempre più numerose “abbreviazioni” - come “auto”,

“moto”, “bici”, ma anche una inutile flora di sostantivi 

“acronimi”, cosiddetti “inizialismi”, sia nell’Italiano

“scritto” che “parlato”, se scritti sempre più con la sola

iniziale “maiuscola” quando alcuna, come se fossero

parole ordinarie - ad esempio “R.A.I., obsoleto

acronimo di “Radio Audizioni Italiane” del... 1944, non

certo di “Radio Televisione Italiana”, poi scritto “RAI”

ed oggi “Rai”, stessa cosa per “Onu”, spesso acronimi

di lunghe definizioni straniere, come“laser” (Light

Amplification by Stimulated Emission of Radiation),

idem per “radar”, “sonar”, “ufo”, “suv”...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Italiano

 

                                   

“neo-standard”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Diventato l'Italiano di uso “comune” e “ordinario”, i

parlanti iniziano a discostarsi dalla norma linguistica a

tutti i livelli - “fonologia”, “morfologia”, “sintassi”,

“lessico” e “testualità”, creandone un nuovo standard

“di fatto”:

 

- uso dell’imperfetto “di cortesia”, “volevo chiederti...”

 

- utilizzo di “lui”, “lei”, “loro” come pronomi “soggetto”,

invece di “egli”, “ella”, “esso”, “essa”, “essi”, “esse”

 

- prevalenza di “perché”, a discapito di “poiché”, “per il

fatto che”, “cosicché”

 

- uso polivalente della congiunzione “che”,  “corro che è

tardi”, invece di “corro ‘dato che’ è tardi”

 

- nella morfologia verbale disuso del passato “remoto”

sostituito dal passato “prossimo” - “un anno fa ho

detto” invece di “un anno fa ‘dissi’” - e del “futuro”

sostituito dal “presente” - “sabato vado da...” invece

di “sabato ‘andrò’ da...”

 

- i modi verbali “congiuntivo” e “condizionale” spesso

sostituiti dall’“indicativo”, “se lo sapevo non lo facevo

invece di “se l’‘avessi saputo’ non l’‘avrei fatto’”.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

L'Italiano

 

                                   

“digitato”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L’Italiano sia “scritto” che “parlato” sta inoltre

trasformandosi rapidamente anche per impatto dei

“nuovi media”, i cosiddetti “social network” o “reti

sociali” su Internet e Web.

 

Con le “reti sociali” aumenta vertiginosamente il

numero di fruitori telematici ed informatici da cui le

rapidissime ulteriori trasformazioni, una vera

“trasfigurazione” della lingua “scritta”.

 

 

In un'Italia in cui si legge poco ma si scrive molto,

nasce così l’Italiano “digitato” con alla base l’Italiano

neostandard e conversazioni “digitate” dalle

espressioni tipiche del “parlato”.

 

Questo Italiano scritto o e-Italiano” quotidianamente

usato su mail, chat e social network, sì “informale” ed

“immediato”, ma anche troppo spesso frammentato,

incompleto e approssimativo.

 

 

Uno “stile” misto di “scritto” e “parlato” quale prima

varietà di Italiano scritto “informale”, purtroppo con

grande probabilità destinata a diventare la lingua “del

futuro”...

 

“Purtroppo” perché la nostra lingua è troppo preziosa,

così “complessa”, “ricca” di sfumature e “capace” di dar

forma a qualsiasi tipo di narrazione, per mutilarla,

appiattirla ed “ucciderla”!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Anglicismi”

 

                                   

“inglesismi”

 

                                   

e “angloamericanismi”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Chiariamolo subito: nessuna autarchia “linguistica” di

tipo fascista!, nessun preconcetto “fobico” contro le

lingue straniere o l’uso di parole inglesi!

 

Sono parole ormai “accettate” nell'Italiano

contemporaneo, quando non abbiano corrispondenti

altrettanto efficaci, semplicemente “forestierismi”

insostituibili anche a livello “internazionale”.

 

Però distinguiamo: di “forestierismi” ce ne sono molti

molto “utili”, come autobus o film o sport, ma anche

fin troppi del tutto “superflui”, come day o meeting o

jobs act e questi ultimi semplicemente da evitare.

 

 

Tra politici, giornalisti e conduttori di programmi di

intrattenimento, la maggior parte dei quali quasi o

assoluti “analfabeti” nelle lingue straniere, è diventato

“di moda” usare “anglicismi” o “inglesismi”.

 

Lo facciano per darsi un “tono” di “autorevolezza” o

“competenza”, lo facciano ormai per “abitudine” o

“pigrizia”, lo facciano tanto perché “ormai così fan

tutti”, il loro è una socialmente pericolosa

macchietta di provincialissimo “Italinglish” o

“Itanglese” e per di più dalla pronuncia molto spesso

inverosimile.

 

 

Alle parole inglesi danno un qualche potere “esoterico”,

evidentemente esercitato su loro stessi, contando che lo

abbia anche sugli altri, millantando così una

“conoscenza” della lingua ma solo per nasconderne la

loro totale “ignoranza”, cosa che rende il loro preteso

“Inglese” oltremodo di “getta-lì-una-parola-e-scappa”,

incompetentemente e frettolosamente “storpiato”,

“comico”, “imbarazzante”.

 

Molti dei termini inglesi oggi usati sono “ri-sostituibili”

(per dirlo gentilmente) con i corrispondenti in Italiano,

evitando il dilagante uso “improprio” di parole inglesi

solo “somiglianti” o “assonanti” ad altre italiane, ma dal

“significato” del tutto diverso.

 

 

Gli “anglicismi” non sono poi neppure un fenomeno

“moderno”, comparendo addirittura già a metà

Settecento, frutto di un'“anglomania” furoreggiante

prima in Francia e poi in tutta l’Europa, Italia compresa.

 

Sarebbe ora e sarebbe bello se anche gli Italiani una

buona volta per tutte si decisessero ad imparare

per davvero l'Inglese, invece di limitarsi a

“scimmiottarlo” con “inglesismi” e “angloamericanismi”

del tutto inutili a deturpante discapito della Lingua

Italiana.

 

 

Giá dalla fine della Prima Guerra Mondiale, ma molto più

nel Secondo Dopoguerra, letteralmente “colonizzati”

dalla “cultura” degli Alleati vincitori, e soprattutto a

seguito del rapido sviluppo economico degli Anni

Cinquanta, si afferma l’American English.

 

A livello mondiale l’Inglese viene sempre più usato

nelle relazioni fra Stati, nelle grandi organizzazioni

internazionali, negli scambi legati alla vita culturale e

alla ricerca scientifica, per favorire la comunicatività.

 

 

Si consoliderà con Internet ed inizierà a essere studiato

un po' più sul serio nella scuola italiana, dal 1990

diventando di fatto l'unica lingua straniera insegnata al

livello dell’obbligo.

 

Non solo per le nuove esigenze della società globale e

per l’omologazione tecnologica e informatica, ma anche

in pubblicazioni e lezioni universitarie in molti ambiti

scientifici l’Inglese domina.

 

 

Gli “anglicismi” si impongono inoltre con la simultanea

trasmissione mondiale di informazioni standardizzate,

veicolando dovunque i medesimi “internazionalismi”

difficilmente eludibili o sostituibili.

 

Introdotti dagli strati più colti della società e in forma

scritta, oggi vengono fatti propri e riutilizzati da tutti, in

una oralità “indotta” e “condizionata” dai mezzi di

comunicazione di massa.

 

 

Alcuni settori della società sono particolarmente

“permeabili” agli “anglicismi”, come cinema e

televisione, pubblicità e marketing, mondo giovanile e

sportivo, discipline scientifiche, economia e finanza.

 

Molti “anglicismi” scivolano rapidi dentro il linguaggio

dando spesso luogo a derivati - come “chattare”,

“spoilerare” - e loro composti, a fianco dei termini

(“chiacchierare”) ed espressioni (“anticipare”

rovinando l'effetto sorpresa) italiani tradizionali.

 

 

Per la pronuncia dei prestiti integrali è poi tutto un

approssimare, dato che l’“assimilazione” fonetica è

minima, quindi vengono resi col suono “più vicino” e

con l'“ambientamento” delle consonanti finali.

 

Anche nella grafia ci sono adeguamenti e

“contaminazioni”, spesso seguendone l'errata

pronuncia italiana, neppure restando “invariati” (come

dovrebbero!), ma col plurale all’Inglese...

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Anglicismi

 

                                   

autentici e “falsi”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un capitolo a sé i cosiddetti “pseudo-anglicismi”, “falsi”

anglicismi e termini usati da parlanti che li interpretano

in modo del tutto sbagliato o li riutilizzano per

fantasiose proprie “creazioni”.

 

Veri e propri “fraintendimenti”, incident per “incidente”

invece di accident, “aria condizionata” da air

conditioned (room) o locale “condizionato” per mezzo

dell’aria...

 

 

L'influenza dell'Inglese si nota in un ampio impiego di

lettere “non tradizionali” come “k” invece di “ch”, o “y”

ed “x”.

 

Anche nell’uso di “prefissi” come co-”, “no-”, “e-”,

“cyber-”, “net-” davanti a parole italiane, oppure 

“suffissi” come “-matic” da automatic, “-cam” da

camera, “-gate” da Watergate, ed “-ese”, su modello

americano, usato per indicare uno “stile” linguistico,

come in “politichese”.

 

 

Ancora l'uso di “composti” costituiti da un avverbio,

aggettivo o sostantivo più un aggettivo o participio,

come “sieropositivo”, “ipovedente”, e l'uso “avverbiale”

di aggettivi, “vai forte”, “pensa positivo”.

 

E infine l'uso di due nomi in cui uno qualifica l’altro,

“fine settimana” da week-end, come pure la

“rivitalizzazione” di composti “verbali”, “tira e molla”,

“usa e getta”, “gratta e vinci”.