La “manipolazione”

 

                                   

delle nostre idee

 

                                   

 

                                   

Dal lavaggio del cervello

 

                                   

alla morte della coscienza

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Siamo tutti

 

                                   

manipolati, manipolatori

 

                                   

e manipolabili

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Chiunque voglia comunicare qualcosa, nel creare e

trasmettere messaggi deve necessariamente “(ri)-

maneggiare” (manipolazione volontaria) una realtà

“percepita” (di per sé quindi già involontariamente

manipolata).

 

Segni organizzati per “tradurre” la percezione e

renderla comprensibile all'altro, al meglio della capacità

espressiva e nel modo in cui si intende farlo, per cui, in

tal senso, comunicare è sempre un atto di

“manipolazione”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Persone comuni

 

                                   

 

                                   

Nei nostri rapporti sociali cerchiamo tutti, più o meno

consapevolmente, di “gestire” al meglio, se non proprio

“controllare”, l’“immagine” che diamo di noi agli altri,

mostrandoci per come “vorremmo” essere o “crediamo”

che ci vogliano.

 

Esempio di quotidiana “manipolazione” nell'interagire -

certo, per lo più innocente, ma comunque a nostro

vantaggio - socialmente scontata ed accettata anche se

allo scopo di “mentire”, nascondendo il peggio di noi.

 

 

Questo tipo di manipolazione è tipico delle persone

comuni, prive di potere, molto spesso il loro unico modo

con cui poter “ottenere” dagli altri qualcosa che

necessitino avere, vogliano avere, ambiscano avere.

 

Quando una manipolazione tira l'altra per dare la

migliore impressione di sé a livello individuale, può

purtoppo diventare fatto sempre più grave, fino a ed

oltre il limite del lecito, da “emotiva” a “mentale” ad

affettiva”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 Persone con “potere”

ed organizzazioni

 

                                   

 

                                   

Anche le persone importanti, che hanno potere, usano

la “manipolazione”, ma per “dominare” gli altri,

affinché, anche se “dominati”, continuino a credere di

non esserlo, di illudersi ancora liberi e indipendenti. 

 

I potenti in forma organizzata poi - lo Stato, la Chiesa, i

partiti politici,  le società commerciali, le associazioni a

delinquere - nei loro “sottoposti” vogliono inoltre

ottenere e mantenere una “garanzia di sottomissione”.

 

 

Illusorio “controllo” su sé stessi, ciò che pensano e

fanno, e “senso di responsabilità” producono ottimi

“subalterni”, fedeli “schiavi” ed “affiliati”, disposti a

farsi “strumentalizzare” e “sfruttare”.

 

Osservanti “scrupolosi” di norme e valori dei dominanti,

i dominati rendono il potere di chi li domina indiscusso

una volta “legittimato”, automantenuto dagli stessi

“dominati”, grazie ad un processo di “interiorizzazione”

di tali “valori”.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Come potrebbero

 

                                   

altrimenti accadere

 

                                   

cose tanto orrende

 

                                   

e disumane?

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 Un potente “veleno”

a piccole dosi

 

non ci sembrerà

 neppure “tossico”

 

                                   

 

                                   

Tendiamo per natura ad “adattarci” ad ambienti,

circostanze e persone, quindi essendo tutti

“manipolatori, manipolati e manipolabili”, ci piaccia o

no, anche ad essere potenzialmente “corruttori, corrotti

e corruttibili”.

 

Già da bambini agiamo “dominati” e “dominanti”

diventando adolescenti abbiamo quell'improvviso

sussulto di “ribellione” liberatoria contro l'educazione

impostaci dal “sistema”, ma da adulti finiamo poi per

“conformaci”, di nuovo.

 

 

Nell'impellente bisogno di inserirci “socialmente”

“autonomi e indipendenti”, veniamo giocoforza

“reinseriti” in contesti “gerarchici” con rapporti di

“potere” - nel lavoro, nella nostra nuova famiglia come

in ogni altra “relazione”.

 

Di generazione in generazione, ancora una volta si

perpetua il miracolo della “riproduzione sociale”, un

processo “circolare”, di madre in figlio, di padre in

figlia, di educatore in allievo, di capo in subalterno.

 

 

Entra infatti in azione quel “meccanismo” che nella

psiche di ciascuno di noi riprodurrà le “garanzie

ideologiche” della nostra futura “condotta”, regolata

dai pochi “permessi” a noi “concessi” (?) ed i moltissimi

“divieti” a noi “imposti” (!).

 

Prescrizioni osservate da “tutti” che finiscono per

essere “legittimate” da sé stesse e, implicitamente,

anche gli arbitrari “apparati” e le “strutture” che le

generano, quindi la “natura” di tale totale e palese

“manipolazione” dalla stragrande maggioranza delle

persone non verrà “mai” messa in discussione - un

ormai acquisito modus vivendi.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Cosa è

 

                                   

la “manipolazione

 

                                   

delle idee”?

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Se mi comporto

   “come tutti gli altri”...

 

tutti gli altri finiranno

per comportarsi “come me”!

 

                                   

 

                                   

“Manipolare” - dal Latino manus, mano, e plère,

riempire - letteralmente “far cambiare forma con la

pressione della mano”, vale a dire “impastare”, come si

fa scaldando la cera per renderla “modellabile”.

 

In senso figurato “alterare”, “rielaborare”,

“rimaneggiare”, o “mettere mano” a qualcosa, se per

scopi “non buoni” “contraffare”, “influenzare”,

“condizionare”, magari in maniera “sottile”, ma

determinante.

 

 

La “manipolazione” da pura “riedizione può diventare

“macchinazione” e anche “imbroglio”, qualora si

rielaborino “realtà”, “verità” e “fatti”

tendenziosamente, per riproporli, così “alterati” o “fuori

contesto”, al fine di “manovrare” gli altri.

 

Lo si fa ovviamente per i proprî interessi, in politica e

religione secondo netti “orientamenti” sociali e morali,

quando con informazioni, se non false però “falsate”, si

manipolano le “conoscenze” per manipolare le

“coscienze”.

 

 

La manipolazione è una tecnica a “doppio” impatto con

cui il “manipolatore”, fornendo insieme due messaggi,

uno “aperto” e l'altro “in codice”, induce il “manipolato”

a creare nella sua mente predeterminate “associazioni”.

 

Una tecnica raffinata, basata sulla “suggestione” ed

esercitata dai “potenti” sulla gente “comune” con

grande successo, riuscendo spesso nell'intento di farsi

“credere” e, quindi, “obbedire” o di confondere

semplicemente le idee.

 

 

È inoltre una tecnica estremamente “subdola”, perché

non colpisce la mente del manipolato “direttamente”,

quanto piuttosto “suggerisce” alla sua mente quel che

si vuole raggiungere facendo presa sui suoi

“sentimenti”.

 

Quei profondi e potenti “modi di sentire”, “provare”,

“riconoscere”, “accettare”, “apprezzare”, presenti nella

psiche umana dagli albori della nostra evoluzione,

emersi molto prima del pensiero “analitico”.

 

 

“Manipolazione” ha quindi nella sua accezione più

comune valore negativo, creazione e diffusione di

informazione deliberatamente “scorretta” per eludere

le capacità “critiche” di chi la riceva, distorcendola e

falsificandola.

 

In un sistema “democratico” la comunicazione può

“migliorarne” o “sabotarne” il buon funzionamento e,

quindi l’esistenza stessa, a seconda della quantità e

qualità di informazioni “disponibili”, “acquisibili” e

“utilizzabili” dai Cittadini.

 

 

Il fenomeno diventa molto più grave qualora la

comunicazione proponga sistematicamente “stereotipi”

o “visioni” distorte della realtà sociale, con lo scopo di

esercitare un’influenza “occulta” sulla popolazione.

 

I questo i cosiddetti “mass media” sono mezzi di

“comunicazione” di massa ma anche di manipolazione

“collettiva” e chi li possiede ne “controlla” “canali”,

produzione materiale e intellettuale dei “contenuti”,

“tempi” e “modalità” di distribuzione.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I “meccanismi”

 

                                   

della manipolazione

 

                                   

delle idee

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Suggestione”

poi “immaginazione”

 

ed infine

“persuasione”

 

                                   

 

                                   

La “suggestione” penetra la coscienza umana entrando

nella mente come qualsiasi altra percezione “passiva”,

quindi una vera “intrusione” di un’idea dentro la mente,

senza partecipazione della sua parte attiva.

 

Per questo la suggestione va ad incidere sulla persona

“influenzandone” “direttamente” la mente,

impiantandovi “idee” solo grazie a “sentimenti” ed

“emozioni”, la “percezione” collegata “direttamente”

con l’“immaginazione”.

 

 

L’“immaginazione” - meno collegata con la “logica”,

quindi più “vulnerabile” e sensibile ad influssi esterni -

ne crea poi immagini “mentali” o “percettive” 

ricombinandole una volta fissate nella “memoria”.

 

Queste “immagini”, frutto della fantasia, suscitano

emozioni così forti da influenzare la nostra “coscienza

sociale”, in una “sinergia” tra “immaginazione” e

“sentimenti”, non attraverso una convinzione “logica”.

 

 

Alla “suggestione” e l'“immaginazione” segue poi la

“persuasione”, se la prima raggiunta  attraverso metodi

manipolativi dei “sentimenti”, la seconda mettendo in

moto nel “manipolato” dei processi “logici”.

 

La “persuasione” usa “fatti” e “spiegazioni” per cercare

di convincere la parte coscientemente “attiva” della

mente, a cui fornisce “argomentazioni” che può capire

per poi “accettarle” o “rifiutarle”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La manipolazione delle idee

 

                                   

nelle “masse”

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Da un imposto

 

                                   

“senso di normalità”

 

                                   

al “pensiero collettivo”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Suggestione e persuasione “di massa” seguono lo stesso

processo, ma con la specificità di comunicare

contemporaneamente a molti, attraverso un monologo,

non un dialogo, facendo leva su “credibilità” e

“prestigio”.

 

Questa trasmissione a senso unico di contenuti

“simbolici” avviene con una “separazione” spazio-

temporale, con “precise” strategie razionali e

pianificate, sfruttando gli “efficaci” linguaggi e le forme

“espressive” del mezzo.

 

 

Scopo principale renderci “tele-guidati”, farci scegliere

stile di vita, idee politiche e religiose, opinioni,

alimentazione, abbigliamento, acquisti su diretto

“consiglio” o “influenzati” da chi possiede o ha accesso

ai media “di massa”.

 

In altre parole far diventare le persone fortemente

“condizionabili”, ma senza che ne abbiano piena

“consapevolezza”, altrimenti si rischierebbe di ridurre

drasticamente gli effetti sperati.

 

 

Nudo e crudo, questo tipo di manipolazione si propone

di creare un unico e dominante “pensiero collettivo” che

tenderà ad uniformare menti, pensieri, opinioni e scelte.

 

Qualsivoglia idea “inconsueta”, modo di “sentire” e di

“vivere”, espressione individuale fuori dal controllo del

sistema, verranno visti con sospetto, un “cantare fuori

dal coro” quasi di per sé socialmente “pericoloso”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Condizionabili”

fino alle estreme conseguenze

 

                                   

 

                                   

Esercizio di “potere”

delle élite dominanti su

 

l’“apparato culturale”

istruzione-religione-informazione

 

senza mai mostrarsi

“apertamente”

 

                                   

 

                                   

Sulla scia dell’industrializzazione la “democrazia” e le

libertà “individuali”, ma al contempo e non troppo

paradossalmente, anche l’urgenza di nuovi modi per

manipolare dall’alto il pensiero e il comportamento delle

“masse”.

 

Le tecniche di manipolazione “mentale” sono frutto di

sponsorizzata ricerca per aumentare la

“suggestionabilità” attraverso una comunicazione “di

massa”,raffinato strumento di “condizionamento” non

di “informazione”.

 

 

I cosiddetti “mass media”, utilizzando queste tecniche

inducono nel vasto pubblico “disponibilità mentale” ai

condizionamenti, in modo eticamente non diverso da

sette fanatiche che adescano e intrappolano adepti, ma

“legalizzati”.

 

Quali siano i metodi più efficaci per manipolare le masse

- o gli individui che vanno a comporre le masse ovvero

le idee di questi individui - verso obiettivi “prestabiliti”

dal “Potere” è ben noto, eccone qualche assaggio:

 

- indurre rilassamento

 

- indurre senso di impotenza

 

- far associare a ripetizione

 

- creare incertezza

 

- provocare sgomento

 

- gettare discredito

 

- inventare un “nemico”

 

- favorire “dipendenze”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

Indurre

“rilassamento”

 

                                   

 

                                   

Il rilassamento è uno stato mentale facilmente

“indotto” nelle persone, semplicemente  “stancandole”

fisicamente o “mentalmente”  oppure “annoiandole”

con attività “ripetitive” o “distraendole” con “notizie”

ed “informazioni” del tutto inutili.

 

Distogliendo l’attenzione “cosciente”, l’emisfero

cerebrale “dominante” lascia il subconscio, mentre

quello non dominante “si apre”, acritico, a

“suggestioni”, immagini, fantasie e “inutiltà” che

allontanano da ciò che veramente conta.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Indurre

senso di “impotenza”

 

                                   

 

                                   

Il “martellamento” di notizie ed immagini violente -

come assassinî, stragi, eccidi, distruzioni, brutalità, ecc.

- abitua progressivamente ad “accettare” l’illegalità e il

degrado come “inevitabili” e “irrisolvibili”.

 

Il “martellamento” di incalzanti adempimenti - fisco,

contributi, tasse, tariffe, bolli, revisione caldaia,

revisione auto, ecc. - non lascia il tempo di capire

“cosa” stia realmente accadendo intorno a noi.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Far associare

a “ripetizione”

 

                                   

 

                                   

Iniziative politiche poco “accettabili” - guerre, leggi,

tassazioni, ecc. - diventano meno “ostiche” con

denominazioni “falsanti” - guerra “umanitaria”, missili

“intelligenti”, lotta di “democratizzazione”...

 

Ripetendolo fino allo stremo il messaggio diventa così

“pervasivo” da aiutare ad ingoiare la “pillola”, come se

le suggerite associazioni “positivanti” fossero un “fatto”

provato, anche se di fatto non lo sono affatto.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Creare

“incertezza”

 

                                   

 

                                   

Modificare le “certezze” vince ogni “resistenza” alla

“persuasione”, aprendo a stimoli nuovi e interessanti, in

modo che la corteccia “prefrontale” * “si affatichi”,

dopodiché “dati”, “dogmi”, “slogan”, ecc. per stremarla

ancora di più.

 

Una volta che si è “arresa”, la corteccia prefrontale

lascerà il “comando” del cervello ai circuiti “limbici”,

molto più “primitivi” ed “emotivi”, quindi più

“suggestionabili” e “indifesi”, più facili da “manipolare”.

 

 

* Nota

 

La “corteccia prefrontale”, cioè la parte anteriore del lobo frontale del

cervello umano, ha quale attività primaria la "guida" dei nostri "pensieri"

e delle nostre "azioni" secondo i nostri prefissati obiettivi "personali".

 

Reagisce a sostanze "tossiche", che la danneggiano - droghe, alcol,

tossine alimentari - e a forti "emozioni" - privazione di sonno, stress

cronico, dieta ricca di grassi animali - rendendoci più esposti a

"manipolazioni" esterne.

 

Quindi, paradossalmente, più "libertà" di condurre una vita sregolata si

concede alle persone, più facilmente sarà poi possibile togliergli "ogni

libertà" di quanto sarebbe stato senza prima fare concessioni...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Creare

“sgomento”

 

                                   

 

                                   

Mettendo individui o intere popolazioni sotto “shock” *,

si può più facilmente ottenere il loro “consenso” a

cambiamenti “non graditi”, riforme “svantaggianti”,

eggi “repressive”, limitazioni di libertà “fondamentali”,

guerre, ecc.

 

 

* Nota

 

Effetto "sorpresa" e "spavento", fattori di "distrazione" e "paralisi" di

massa, inibitori di "reazioni" e "resistenze" possono scaturire da

catastrofi naturali, cambiamenti economici o eventi politici.

 

Catastrofi natulali come "pandemie", "epidemie", terremoti, ecc.,

cambiamenti economici come "recessioni", "crisi" finanziare o

economiche, "crolli" in borsa, fallimenti, ecc., eventi politici come guerre,

"colpi di Stato", ecc..

 

Emergenze "reali" o "provocate" generano allarme e preoccupazione, di

perdere importanti risorse, creando totale "disponibilità" ad accettare

dure e finanche "ingiustificate" imposizioni dall’alto.

 

Strategie specifiche di sicuro effetto sono quella impattante dello “shock

and awe”, cioè “colpisci e terrorizza” o “dominio rapido”, e l'altra, più

raffinata, del “problema-reazione-soluzione”.

 

Avendo una decisione "da imporre" e far accettare, chi ha il potere

provoca intenzionalmente un "problema", attende la reazione "emotiva"

delle masse e poi “offre” generosamente la "soluzione" prospettata senza

resistenze.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gettare

“discredito”

 

                                   

 

                                   

Il “discredito” o debunking consiste nel confutare e

“smontare teorie” *, “opinioni” ed “informazioni” che

vadano contro il pensiero “ufficiale” dominante, spesso

screditandone i diffusori.

 

Operazioni di questo tipo sono “finalizzate” a salvare

agli occhi della popolazione o di una sua grande

categoria la “credibilità” di sistemi “politici”,

“giudiziari”, “finanziari”, “economici” o “produttivi” 

rovatamente “inefficienti” e, quindi, criticabilissimi.

 

 

* Nota

 

Si attacca la "controinformazione" con messaggi semplici e discorsivi,

prevalentemente a livello "emotivo", con diretti “agganci” all’inconscio

delle persone, piuttosto che alla loro "logica".

 

Attacchi non a "idee", "fatti" o "contenuti", ma mirati a screditarne la

fonte e l’autore a livello "morale", associandoli spesso ad affiliazioni

"appestanti" con "terroristi", "Comunisti", "Fascisti", "Nazisti",

"antisemiti", "antisionisti", ecc.

 

Il pieno successo di una tale campagna è lo "smascheramento" finale

degli "smascheratori", portando l’opinione pubblica alla conclusione che

tutto "è marcio", tutti "mentono", tutti "rubano", tutti "se ne fregano".

 

Quindi, data l'impossibilità di poter mai sapere la "verità", sarà

moralmente giustificato "fare come tutti gli altri", non credere a nessuno,

"arrangiarsi", infischiarsene di tutto in un egoismo radicalmente

disumanizzante.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Inventare

un “nemico”

 

                                   

 

                                   

Molto popolare fra “politicanti” ed “eversori” creare

profonda “frustrazione”, che a sua volta generi tale

“tensione”, “insicurezza” ed “aggressività” nella gente,

alla fine più facilmente scaricabile contro “terzi”

“estranei”, meglio se “indifesi”.

 

È il momento più propizio per fondare “movimenti” e

guidare “attacchi” contro un “nemico”, creato ad hoc

per soddifare il profondo “bisogno psicologico e sociale”

di “colpevoli”, “capri espiatori” come “obiettori”,

“terroristi”, “Rom”, “immigrati”, “migranti”, 

“LGBTQIA+” - “L” per “Lesbian”, “G” per “Gay”, “B” per

“Bisexual”, “T” per “Trans”, “Q” per “Queer” o 

“Questioning”, “I” per “Intersex”, “A” per “Asexual”,

“+” per “chi non senta” di appatenere ad alcuna di

queste categorie o di appartenerne a più - quindi

“certe” persone, “certi” uomini o “certe” donne, “certi”

maschi o “certe” femmine fuori “norma” e qualsivoglia

“altri”, tutti i “diversi” - no limits, ad libitum.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Favorire

“dipendenze”

 

                                   

 

                                   

Nella moderna società l’uso-abuso “stabile” di sostanze

“psicotrope” è molto  diffuso e lo sviluppo di

dipendenza da droghe, alcol o psicofarmaci e barbiturici

attanaglia ormai non solo milioni di adulti, ma anche di

minori.

 

Effetti comuni a tutte queste sostanze “psicoattive”

diminuzione della libertà di “giudizio”, di “resistenza” e

di “azione” e, ovviamente, aumento della

“condizionabilità” e “suggestionabilità”.

 

Chiunque si “aiuti” e si “abitui” ad un “aiuto chimico”

per “sopravvivere”, perde capacità di

“auto-determinazione” ed è molto più “controllabile” e

“plasmabile” dallo stesso “sistema” che tali sostanze

vende in una società non più “libera”.