La manipolazione delle idee

 

                                   

una questione di

 

                                   

“fiducia malposta”

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Volti “noti”

 

                                   

personaggi più o meno

 

                                   

“famosi”

 

                                   

cosiddetti influencer

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Chi “possiede” o “occupa” i mezzi di comunicazione “di

massa” ha già potere “economico”, “politico”,

“simbolico” e, sfruttando la “visibilità” della sua azione

mediatica, alimenta fortemente volute “tendenze” nella

vita sociale dei più.

 

Divi, attori, cantanti, conduttori “ammirati” da un

pubblico perché vincenti “mediaticamente”, con troppa

facilità diventano “modelli” di personalità da “seguire”

(ormai “professionalità”, “serietà” e “discrezione” non

contano).

 

 

I personaggi “mediatici” sono più importanti di quello

che rappresentano o dicono, quindi le loro idee e i loro

messaggi considerati “credibili, senza “verifica” (forse

addirittura “non verificabili”), in quanto provenienti da

“loro”.

 

Paradossalmente è il personaggio” - finanche “fittizio”

di serial - a rendere “veri” i contenuti di ciò che

esprime, non importa “quali”, indirizzando

l’“attenzione” del pubblico, proponendogli “priorità”,

“decidendo” per loro.

 

 

Questo ha una scientificamente provata notevolissima

“influenza” sulla mente umana, arrivando a

“modificarla”, tanto da fargli “accettare” per buone idee

“strane” e situazioni “inverosimili”, semplicemente per

“identificazione”.

 

Quindi alla fine da “attori” si diventa “spettatori”,

attraverso una lenta ma progressiva

“spersonalizzazione” e si costruisce un progetto di vita

non sul proprio “vissuto” soggettivo interiore, ma su

questo nulla “assoluto”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Come “lavorano” i media

 

                                   

nella manipolazione di massa

 

                                   

delle idee

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

“Nonsenso”

 

                                   

“alienazione” e “violenza”

 

                                   

 

                                   

Puro

 

                                   

“terrorismo psicologico”

 

                                   

legalizzato

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per i nuovi mezzi di comunicazione “di massa” “il” fine è

la “manipolazione” delle idee di Cittadini-“consumatori”

a indirizzarne “scelte” d’acquisto e “voto” e con una

strategia di condizionamento “dalla culla alla tomba”.

 

Con l'“astroturfing” si arriva ad “arruolare” utenti che,

naturalmente dietro compenso, pubblichino online false

o ingannevoli recensioni “positive” per promuovere

prodotti o servizi sul web - in “Tripadvisor”, “Yelp”,

“Amazon” e così via.

 

 

Il “disagio” che ne può derivare all'individuo è enorme,

perché, facendogli “rinunciare” ad una vita sua e

all’“esperienza” di una crescita “collettiva”, finirà per

sprofondare in una totale “solitudine”, con sé stesso nel

mediatico “nulla”.

 

Questo processo blocca le “capacità” personali,

impedisce di autoproporsi obiettivi “realistici” ed

“efficaci”, arrivando a modificare la scala dei “valori”,

adattandola ad un modo non “nostro”, ma “fatto nostro”

di concepire la realtà, la vita.

 

 

Il dramma all’origine della “solitudine” del nostro tempo

sta proprio in questa “acriticità” e

“depersonalizzazione” dell'individuo e del collettivo, con

“salti di paradigma” che creano nella società valori

vuoti di “soggettività”.

 

In realtà pochissimi (e purtoppo sempre meno)

“comportamenti”, “parole” e “idee” provengono da

nostre esperienze “dirette”, ma per influenza di “altri”,

quasi “automi”, che “copiano” e “ripetono” il “visto” e

detto nei serial, talk show e spot.

 

 

Esempio tipico la violenza in TV ed il suo profondo

“condizionamento” negativo sulla mente di bambini e

adolescenti.

 

Da primissima età e per lunghi anni vengono esposti

“passivamente” a scene di omicidi, “reali” o “fittizi” che

poi siano.

 

 

Al loro desiderio “istintivo” di imitare i comportamenti

osservati specie negli “adulti”, non corrisponde però in

loro una altrettanto “automatica” capacità di “valutare”

a priori se tali “comportamenti” siano davvero “da

emulare” o no.

 

Bambini ed adolescenti tendono quindi ad “imitare” un

comportamento, sia esso “positivo” o “negativo”, senza

il senso “critico” necessario per “giudicarlo”,

“criminalmente esposti” al mondo esterno senza una

qualsivoglia “difesa”.

 

 

Altro fenomeno colpisce le persone, se pur “adulte”,

“deboli” e “insicure”, quindi “vulnerabili”, bombardate

da quotidiane “pseudo-notizie” catastrofiche e di

“cronaca”, vomitategli addosso con regolarità e cercata

“spettacolare” esagerazione dai media.

 

Una tale costante “sovraesposizione” a stress le porta

ad uno stato di “disagio continuo”, con “paura” di tutto

e “sfiducia” totale negli altri, non di rado finendo per

“barricarsi” in casa, terrorizzate da quel “mondo di

mostri” là fuori.

 

 

La realtà “sociale” non è certo fatta per lo più o soltanto

di “violenze”, “omicidi”, “stupri”, “stragi” e “orrori”

vari, di contro però lo è la sua “rappresentazione”

massmediatica, che di accuratamente selezionate

“sensazioni”, “stranezze” e “scelleratezze” riempie i

suoi spazi.

 

Allora perché ci mostrano sempre e solo gli aspetti

“peggiori della società”, fatti “orribili” (in grandissima

parte del tutto “irrilevanti” per la nostra vita),

“declassando” invece ad “insignificanti” le molte di più

cose “buone” fatte ogni giorno nel mondo?

 

 

“Elementary, my dear Watson!”, direbbe Sherlock

Holmes: fa “comodo” tenere le persone in continua

“apprensione”, sfruttare le loro indotte “paure”

inconsce, “debolezze” intellettuali, emotive, spirituali,

le “carenze” affettive...

 

Alla nostra “assuefazione” ad “una” determinata

condizione, “confortevole” e “rassicurante” nella sua

“staticità”, ci vengono contrapposte “latenti” minacce di

“cambiamenti” improvvisi quanto “drastici”, addirittura

“irreversibili”...

 

 

Ci mettono in “stato di allarme” tutti i nostri sensi e,

facendo poi leva sulle nostre “incertezze”,

“apprensioni”, “timori”, “intolleranza”, “irritazione” e

“angoscia”, inducono “terrore” e incontrollabile

“panico” di fronte ad “ipotetici” pericoli.

 

“Ansia”, “terrore” e “panico” come “proiezioni” di

avvenimenti “teorici” sí, ma percepiti “ineluttabili” al

verificarsi di determinate condizioni, frutto di “realtà

raffigurate” iniettateci con la tecnica dei riflessi

“condizionati”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La manipolazione delle idee

 

                                   

a fini “politici”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Cogito ergo sum”

se penso sono, se no no

 

Ovvero come “dirigere”

l'opinione pubblica

 

                                   

 

                                   

L’“opinione” pubblica è facile preda, ghiotta di

“stereotipi”, rappresentazioni “parziali” e “semplificate”

della realtà, e da strumento di “partecipazione”

democratica i mass media sono diventati un rischio per

la democrazia.

 

Al paradigma “critico” della “rappresentazione” di

realtà, si affianca oggi il nuovo paradigma “sociologico”

della loro capacità di creare addirittura false ed

inesistenti “realtà” e diffonderle in modo “pervasivo” su

larga scala.

 

 

L’utilizzo della manipolazione “psicologica” nella politica

non è una novità, esattamente come nel commercio,

solo sostituendo la “suggestione” della combinazione

“confezione + prezzo” con quella “politico + promesse”.

 

Con “tendenziose” manipolazioni dei mezzi di

informazione di massa, gruppi di interesse e Governi

cercano di “alterare” la nostra percezione della realtà,

per influenzare la “cultura” e i “valori” fondamentali

delle nostre società.

 


Una
vera e propria guerra dell’informazione con il

“meme” come unità minima dell'“illusione” narrativa,

tutte attività di manipolazione informatica che,

accumulandosi, riescono alla fine con l'influenzare la

“cultura”.

 

Un’immagine “divertente” accompagnata da un testo,

può sembrare “innocua”, ma di fatto tutto può

trasformarsi in meme - parole, foto, video, musica -

acquistando nuovi significati se e come combinati tra

loro.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le “multinazionali della propaganda”

non dormono mai

 

                                   

 

                                   

Una “guerra” che si combatte quindi con nuove “armi”,

per introdurre nella società idee “pronte e

impacchettate”, di facile diffusione e di ancor più facile

consumo allo scopo di alterare “cultura” e “percezione”

delle persone.

 

Uno degli obiettivi principali non è quello di modificare

la realtà, piuttosto alterare la “percezione della realtà”,

un “controllo” delle informazioni che fa acquisire e

mantenere il “controllo” della narrazione, la realtà

“percepita”.

 

 

“Plasmare” il pensiero si può anche “oscurando” idee

non “utili” ai fini propri o di chi paga, come le

“multinazionali della propaganda” 24/7x365 - Google,

Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, Microsoft,

TikTok e tutte le altre.

 

Attraverso un perfetto mix “letale” di “censura” delle

idee, “distorsione” della realtà e “manipolazione” della

percezione, servitoci senza “limitazioni” o “soste”,

vanno “indebolendo” le nostre menti ed

“imprigionando” il nostro pensiero.

 

 

“Censura” è tutto quello che non ci fanno vedere,

piuttosto che quello che vediamo, abili “guardiani

digitali” forniscono agli utenti solo i contenuti che

vogliono, selezionati secondo “valori” propri o

“commissionati”.

 

Un pensiero “plasmato” uccide il “nemico” meglio di

qualsiasi bomba, un nuovo tipo di guerra “ibrida”

quindi, ottima per assicurarsi la “fedeltà” di una

popolazione attraverso il controllo manipolativo della

realtà “percepita”.

 

 

Il “Cogito ergo sum” - “Penso quindi io esisto, io sono” -

di Descartes è più attuale che mai, come però anche il

suo opposto sul pensiero “contaminato”.

 

Semplicemente perché se non penso con la “mia” mente

cesso di esistere e di essere “io”!

 

 

Gruppi potenti - organizzazioni politiche, social network,

media “di massa” - collaborano già a produrre “idee”

per alterare la “percezione” di interi Paesi, ad esempio

il loro rispettivo “elettorato”, così distinguere i “propri”

pensieri da quelli “suggeriti” o indirettamente “imposti”

è sempre pù arduo.

 

Una guerra “globale” quindi per ottenere il controllo

“psicologico” della popolazione mondiale, nuove prassi

per controllare i processi elettorali, l’“opinione”

pubblica e la “percezione” della realtà tutta, noi stessi

compresi per primi.

 

 

Cyber-guerra “psicologica” totale - “economica”,

“politica”, “culturale”- in cui il “virus della”

comunicazione si propaga diffondendo determinate

“idee” nella società, secondo “strategie” di pura

“propaganda” ed alterazione dell'“interpretazione”.

 

Gli “operatori” della propaganda cercano di controllare

l’“esposizione” della società a “certe” idee, usando oltre

che la “censura” la diffusione di “selezionate” idee

anche del tutto “infondate” e create ad hoc attraverso i

media, come le cosiddette “fake news” o “notizie false”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Notizie

“selezionate”, “censurate”

“tendenziose” e “false”

 

portano alla

“disinformazione”

 

                                   

 

                                   

La “disinformazione” va ben oltre le notizie “false”, è

molto più “complessa”, si avvale di ricerche e studi

scientifici “falsi” preparati ad hoc, operazioni “sotto

falsa bandiera”, come la messa in scena di “falsati”

eventi da proteste vere.

 

Diffusa tramite i mass media creerà l’“illusione”

narrativa, includendo quel minimo di verità necessaria

per sviare critiche e citando informazioni “vere”, ma

solo per poi sostenere conclusioni “false”, tipo “Uno più

uno fa tre”.

 

 

Molto efficace l’utilizzo sfacciato di mezze “verità” a

sostenere una “tesi” che non provano affatto, dato che

sarà difficile o quasi impossibile andare a confutare la

“tesi”, senza aver prima dovuto confutare ogni singola

prova.

 

Non a caso la “guerra psicologica” è una delle tre guerre

portate avanti oggi in molti Paesi, insieme alla “guerra

legale”, per “manipolare” il sistema giuridico, e la

“guerra mediatica”, per controllare notizie e social

network.

 

 

La disinformazione nel diffondere propaganda online,

può anche instillare “discordia” in comunità straniere e

alimentarla, seminare il “caos” nelle società

polarizzandole e destabilizzare le loro “piattaforme”

democratiche.

 

Come un Governo possa poi proteggere i propri Cittadini

dall’influenza di “operazioni” straniere, quando esso

stesso opera contro di loro secondo le medesime

“regole di ingaggio” è molto difficile da immaginare...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La manipolazione delle idee

 

                                   

a fini “religiosi”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Agnus Dei”

 

ovvero il “fedele” come

offerta sacrificale

 

                                   

 

                                   

Le organizzazioni “religiose”, prima fra tutte la Chiesa

Cattolica “Pseudo-Apostolica” Romana, riescono in una

maniera o nell'altra - da millenni! - a “fidelizzare”, cioè

“controllare” i propri fedeli attraverso un vero e proprio

“lavaggio del cervello”.

 

Fin da bambini ci bombardano di “Dio è Amore”, “Dio ci

ha creato per amarlo e onorarlo”, “Onora questo e

quello”, Devi rispettare i Dieci Comandamenti”, Devi

frequentare il Catechismo”, devi devi non devi

 

 

Crescendo, alcuni di noi, cominceranno però a porsi

sempre più “dubbi” e “domande”, ci ragioneranno sù e

alla fine - cosa non facile - riusciranno a liberarsi da tali

e tanti “condizionamenti” arbitrari, altri continueranno

a portane avanti una fede “cieca”.

 

I secondi “irremovibilmente” ed “assolutamente”

convinti che tutto accada “per volere del Signore”,

finanche “autocastrarsi” mentalmente sperando di

poter superare patimenti e sofferenze grazie alla “fede”

in un “dio”.

 

 

Una “strategia di sopravvivenza” messa in atto quando

si vivono situazioni estremamente “pericolose”,

“aggressioni” così stressanti da minacciarci nella nostra

stessa sopravvivenza fisica o psicologica.

 

Quando un gruppo “organizzato”, come un sistema

“religioso”, esercita “troppo” potere e “troppo” a lungo,

addirittura potere “millantato” venire da una divinità, si

ha “paura”, “vergogna”, se ne temono le “conseguenze”

punitive.

 

 

Una simile “ansia” da pericolo è del tutto “reale”,

“traumatica” anche di fronte a scenari “immaginari”,

quidi la pur minima “gentilezza” empatica mostrata

dell’“aggressore” farà entrare la vittima in un malefico

circolo “vizioso”.

 

Quella “clemenza”, così “piacevole” per la “vittima”, la

renderà “grata” al suo carnefice, come il “perdono” del

“dio”in questione, “elargito” attraverso una

“assoluzione” dai peccati commessi con addirittura la

“benedizione” di un “confessore” - il “dio” che ho offeso

“addirittura” ora mi “benedice”, bene dicet, ora “parla

bene di me”, vuole il mio “bene”, mi proteggerà...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'arte di creare

una “dipendenza religiosa”

 

                                   

 

                                   

Tutto questo può portare a “schiavitù” reale, che

renderà la “vittima” nella sua “peccaminosità” sempre

più “isolata” da chi la circonda e quindi resterà sempre

più “fedele” all'unica “connessione” con quella bontà

“divina” lei “offerta”.

 

Incapace di sfuggire alla situazione perché il “prezzo”

da pagare sarebbe troppo alto, “svalutata” e

“impotente” finirà col credere davvero che la sua

“unica” possibilità di “sopravvivenza” sia la “buona”

volontà del “Padrone”.

 

 

Il “perdono” dei “peccati” nella sua mente diventerà la

prova che l'“oppressore”non sia poi così male” e si

andrà quindi creando quel patologico legame emotivo di

tipo “master-slave”, cioè di schiavo “riconoscente” al

Padrone suo “oppressore”.

 

Il credente “costantemente” minacciato, teme in

qualsiasi momento “disastri” e “punizioni”, duro

“giudizio” dopo la morte, quindi l'unica via “d'uscita”

sarà obbedire “incondizionatamente” al “dio”

(ovviamente “attraverso” chi lo rappresenta...).

 

 

Altra conseguenza della manipolazione delle nostre idee

a scopo “religioso”, ancora più grave, quell’“eccessiva”

fede in un “dio”, che porta ad una vera e propria

dipendenza “religiosa”, nei suoi effetti ultimi

documentatamente paragonabile a qualsiasi altra

“droga”.

 

L'“incapacità” di mettere in dubbio qualsiasi

“dogmatico” insegnamento o “arbitrario” dettame,

porta il “fedele” ad un’obbedienza “cieca” e “assoluta”,

un “semplicismo” di pensiero che vede tutto “bianco” o

tutto “nero”.

 

 

Vede la vita in termini di “giusto” o “sbagliato”,

“buoni” o “cattivi”, “miti” o “peccatori”, con il pericolo

anche di gravi difficoltà di “adattamento” sociale, dato

che la vita raramente è in “bianco e nero”, ma molto più

spesso in una ricchissima scala di “grigi”.

 

Poi tutta la “vergogna” dalla “convinzione” di non

essere “abbastanza” buoni, di non fare “abbastanza”

del bene, sensi di “colpa” ma non dalla scarsamente

considerata possibilità di poter compiere “errori”, ma di

“essere” nell'errore, addirittura loro stessi di “essere”

l'errore.

 

 

Da cui l'impossibilità di esaminare il proprio

comportamento in maniera “costruttiva”, in modo

“sano”, una ulteriore “vergogna” che progressivamente

va a derubare l’individuo di “potere”, “dignità” e

“rispetto” di sé.

 


Il pensiero “magico” è “‘dio’ risolverà tutto”, quindi

più “acriticità”, più “passività”, soltanto rispetto

“ossessivo” delle regole, “rigida” scrupolosità e

“assoluta” osservanza di pur arbitrari codici “etici”,

perché per “terrore” di “orribili” punizioni bisogna non

essere meno che fanaticamente “perfetti”!

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La religione

e le altre “droghe”

 

                                   

 

                                   

L’uso e l'abuso di “allucinogeni” e altre sostanze

chimiche ha già inizio nella Preistoria in cosiddetti 

rituali “religiosi” -  gesti e parole, eseguiti a scopo

“magico”, sociale e religioso, in funzione o propiziatoria

o “apotropaica”, cioè contro “influenze maligne” - e ci

accompagna ad oggi, esempio la Chiesa Cristiana di

“Santo Daime”, pratica religiosa “sincretica” nata in

Amazzonia.

 

Un umile “seringueiro” o estrattore di lattice di caucciù,

la fonda negli Anni Trenta del secolo scorso diventando

un movimento religioso mondiale, i cui adepti utilizzano

la “ayahuasca”, millenaria bevanda lassativa“sacra”

degli “sciamani” nella foresta, che secondo il fondatore

altro non sarebbe che un'eu-caristia, “purificatrice” con

vomiti e diarree (“Santo Daime” genuino nomen omen,

dato che in Portoghese significa “O Santo, datemi!”).

 

 

Nel “Eu-Angelo” di Matteo al neonato Gesù arrivino da

Africa, Medio e Lontano Oriente “Maghi” astrologi,

portando in dono “oro”, simbolo di “regalità”, “incenso”,

simbolo di “spiritualità”, e “mirra”, simbolo di

“profetismo”.

 

Africani, l’“incenso”, dal tronco di piante aromatiche,

usato nell’Antico Egitto per ridurre “ansia” e “appetito”,

la “mirra”, da arbusti Commiphora, “analgesico”, come

la “morfina”, nell'altro “Eu-Angelo” di Marco data “col

vino” a Gesù torturato prima di crocifiggerlo

 

 

L'“incensazione” è tuttora uno dei “riti” liturgici di

diverse Chiese Cristiane ad “onorare” e “purificare”

luoghi, oggetti e persone, dirigendogli addosso il fumo

fortemente “odoroso” di grani di incenso, messi a

bruciare sui carboni ardenti di un “turibolo”.

 

Nel Rito “Romano” si può “incensare” in “processione”,

durante la “messa” - verso l'altare e la sua croce, il

Vangelo, le offerte del pane e del vino, il sacerdote

“celebrante” e il popolo -  o verso il “Santissimo

Sacramento” esposto e via dicendo.

 

 

La “religione” fa accedere infatti all’universo “onirico”,

dalla realtà “oggettiva” a quella “trascendentale”, per

alcuni infondendo “sacralità” l’incenso farebbe “bene

all’anima”, cosa che dovrebbe sostituire l’appetito di

altre “droghe” nei giovani - mah...

 

Per altri, che proprio non riescono a vedere in tutti i

“drogati” dei potenziali “mistici”, risulterebbe soltanto

in un semplice scambio “droga per droga”, una vale

l'altra, e molto meglio sarebbe più “spiritualità” invece

che sfrenato “consumismo” capitalista.

 

 

Fatto sta che ora l'(ab)uso di sostanze chimiche

“naturali”, dette “droghe”, e “farmaci”, chimico-

“sintetiche”, oltrepassa quello “religioso” e terapeutico,

letteralmente dilagando nella società, letale esca a

“dipendenze” chimiche.

 

Caso eclatante la “cocaina”, estratta da foglie di “coca”,

già dagli indigeni andini masticate per facilitare la

respirazione ad altitudini d'ossigenazione rarefatta,

fuori delle Ande seconda droga “illegale” più abusata al

mondo dopo la cannabis.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quando “dio” stesso

 diventa una “droga”

 

                                   

 

                                   

Ingabbiati dentro “regole” attraverso liturgie e “rituali”,

si diventa sempre meno “capaci” di metterne in

discussione la “validità” o le estreme “modalità” di

applicazione, irrigiditi, senza “compromessi” con

stessi e tantomeno con gli altri.

 

Nessun compromesso con persone di “credo”

diverso, arrivando a “non rispettare”, “schernire”,

“umiliare”, addirittura “perseguitare” chi non condivida

le loro stesse “convinzioni” o non segua le stesse

“regole”, comunque non nella stessa “rigida” maniera.

 

 

Con Crociate e Guerre “Sante” portate avanti da

“tossicodipendenti” religiosi, o per interesse e comodo

millantati tali, che nel proprio “distorto” immaginario

devono a tutti i costi “giustificare” il male che

fanno, creandosi l'“alibi” che gli altri siano il “male” da

distruggere, derubandoli anche della vita.

 

La loro è una preghiera “compulsiva”, vanno “sempre”

e “solo” casa e chiesa, citano le “Sacre” Scritture,

comportamenti pienamente “paragonabili” a quelli di

“tossicodipendenti”, che sniffano cocaina o si iniettano

qualsiasi altro tipo di sostanza ad ogni ora e a ogni

occasione.

 

 

“Donano” anche più di quanto possano permettersi,

credono fermamente che il sesso sia “sporco” e provare

qualsiasi altro “piacere” con il proprio e altrui corpo o

con la mente sia sbagliato e “peccaminoso”, hanno

spesso “disturbi” dell'alimentazione, in particolare le

donne.

 

“In conflitto” con scienza, medicina e istruzione,

lottano “contro” tutto e tutti, ciò che o chi “sfidi” il loro

pensiero in “bianco e nero” e le loro soluzioni

“semplicistiche”, tolgono i figli da scuole

“potenzialmente” pericolose.

 

 

Vietano che i bambini vengano sottoposti a

“prevenzione” o “cura” medica, perché in contrasto con

il loro credo “religioso” o le loro “convinzioni”, con un

progressivo “distacco” dal mondo reale, isolamento

fidico e mentale e rottura di relazioni.

 

Neppure a dirlo sviluppano inevitabilmente malattie

“psicosomatiche”, quali “insonnia”, “emicrania”,

“ipertensione”, fino a veri e propri “deliri” religiosi, in

cui riceverebbero messaggi dal “dio”, e sviluppano

“disturbi” della personalità.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Come “difenderci”

 

                                   

dalla manipolazione

 

                                   

delle idee

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

E il Marchese del Grillo

 

                                   

disse: “Io so' io...

 

                                   

 e voi non siete un cazzo!”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Già imparare a conoscere questi “meccanismi” perversi

della manipolazione sviluppa una prima necessaria

“protezione”, aumentando il nostro senso “critico” nei

confronti dell'informazione che riceviamo, ma possiamo

salvaguardarci ancora meglio.

 

Per proteggerci dalla manipolazione della nostra mente,

sia essa tentata da singole persone, gruppi o mezzi di

comunicazione di massa, possiamo sviluppare l'abilità

cruciale di porci sempre due semplici domande chiave:

 

 

- Riuscire a percepire “empaticamente” le vere,

profonde, di solito “occultate” intenzioni della persona,

gruppo, organizzazione, telegiornale, prodotto

commerciale con cui ci stiamo relazionando,

chiedendoci la prima domanda, cioè “‘Chi’/‘che cosa’

ho davanti?”, insomma “Con ‘chi’/‘che cosa’ ho a che

fare?”, “quali” interessi, di “chi” o di “che cosa”,

rappresenta?

 

Si può imparare ad ascoltare il proprio corpo e il suo

sentire “istintivo” - ricordando che di regola è la prima

impressione quella che conta - così aumentando la

nostra autonomia, indipendenza e fiducia in noi stessi.

 

Nell’approccio “manipolativo” sarà quindi più facile

capire le vere “intenzioni” di chi o cosa abbiamo

davanti - se impaurirci?, giudicarci?, criticarci?,

colpevolizzarci?, ecc. per ottenere cosa? - a nostro

finale “discapito”? o a nostro genuino “vantaggio”?.

 

 

- Usare attivamente il proprio “potere” personale come

riferimento di “misura”, ponendoci la seconda

domanda, cioè “Questa ‘persona’, ‘entità’, ‘gruppo’,

‘organizzazione’, ‘programma’, ‘messaggio’, ‘proposta’,

‘suggerimeto’, ‘consiglio’ o quant'altro - mi tolglie o mi

dà più ‘potere’ personale?”.

 

Se penso che quanto mi viene chiesto/proposto/

suggerito mi “responsabilizzerà” ulteriormente e mi

permetterà di accedere a per me vantaggiose risorse

“indipendenti”, rendendomi ancora “più autonomo”

nell'“esprimere” me stesso e le mie “vere” esigenze

- allora meraviglioso!...

 

Se penso che quanto mi viene chiesto/proposto/

suggerito mi “toglierà responsabilità” personale e

libertà di “scelta” o “espressione”, “intrappolandomi”

in qualche modo, rendendomi “meno autonomo”

nell’“esprimere” me stesso e i miei “veri” bisogni

- allora STOP Subito!.

 

 

Un metodo alla portata di tutti, che non richiede

nient'altro che la nostra “presenza” mentale , adatto a

tutte le “circostanze”, per capirne le “dinamiche” di

manipolazione “mentale”, “emotiva” ed “energetica” e

liberarsene.

 

Alla fin fine convincerci che la nostra vita possa

“migliorare” sensibilmente grazie a pochi, sostanziali

“avvertimenti”, segnali di “allerta” da ascoltare, che

tendano a rendere molto più semplice e “consapevole” il

nostro “modo” di “vivere”, “pensare” e “comportarci”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Mens sana in corpore sano”

 

Ma solo pochi

se ne rendono davvero conto

 

                                   

 

                                   

Cominciamo col capire che i bisogni “fondamentali” del

nostro corpo per poter vivere ed esprimersi al massimo

delle sue “potenzialità” sono essenzialmente di due tipi:

primi quelli fisiologici e poi quelli emotivi.

 

Rispettare le esigenze “fisiologiche” del nostro corpo,

significa mantenerlo “sano” e pieno di “energia”,

nutrendolo con alimenti naturali “ad esso” idonei, in

luoghi ed ambienti che rispettino le “sue” caratteristiche

specifiche.

 

 

Sarà molto più facile “pensare” ed “agire” in modo

costruttivo in un corpo sano, piuttosto che “indebolito”,

“intossicato”, “malato” o “stressato” all'eccesso, quindi

come prima assoluta priorità il “corpo” e il “resto” verrà

poi da sé.

 

In altre parole, questo significa imparare ad “amare se

stessi” e porre sé stessi al “primo” posto, perché solo

così sarà possibile una vita “felice”: solo chi “rispetta”,

“ama” e “aiuta” sé stesso può rispettare, amare e

aiutare “gli altri”.

 

 

Questa la genuina “ribellione” contro un “sistema”, che

altrimenti ciascuno di noi contribuirà a perpetuare con la

“pigrizia” e la “negligenza”: iniziare a rispettare con

determinazione i “veri” bisogni del proprio corpo.

 

Possiamo farlo “sfruttando” proprio ciò che, nel bene o

nel male, la società moderna ci mette a disposizione,

facendo scelte “costruttive” preventive, piuttosto che

dopo cercare “specialisti” e “farmaci” per problemi

“incancreniti”.

 

 

In un mondo in cui diamo “valore” alle cose solo in base

al loro “prezzo” o a c“osa ne dicono” in televisione o

sulle riviste, impariamo ad “ap-prezzare”, dare cioè il

“giusto” valore, a ciò che “per noi” conta e ad

“investire” su noi stessi.

 

Cerchiamo di “ridurre” ed “evitare” quello che ci nuoce,

solo perché “manipolati” e “condizionati” nel nostro

pensare, agire e comportarci, diamo più spazio a ciò

che, sano e positivo, ci mette in sintonia con la nostra

“energia vitale”.

 

 

Non lasciamoci “ossessionare” dagli interessi “di altri”,

ma non cerchiamo neppure a tutti i costi “colpevoli” a

“giustificare” il nostro proprio “disagio esistenziale”,

siamo “deboli” solo perché “educati” ad esserlo.

 

Impariamo ad affrontare i “cambiamenti” come effetti

delle “nostre scelte” personali, cioè da “adulti”,

evitando ulteriori “sfiaccamenti” da abusi o da

situazioni emotive “conflittuali” su un corpo ed una

mente già deboli.