Politica  

 

                                   

“in piazza” o

 

                                   

“di piazza”?

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Poco importa ormai

 

perché il potere magico

delle parole (e delle immagini)

 

ammalia, seduce, trascina

e oggi è “la piazza”

 

leggi volentieri

“la pancia” del Paese,

 

quella che più fa male

e peggio pensa

 

il vero governo

demagogico italiano:

 

si intimidisce

già solo

 

“minacciando di scendere

in piazza”.

 

                                   

 

                                   

Attore, predicatore o politico, esercitano tutti il

medesimo “potere magico” sul pubblico - spettatori,

fedeli o elettori - facendo forza sulla totale

“irrazionalità” delle semplificazioni estreme, sulla

capacità di “persuasione” della giustizia di cause false,

sull’inculcamento di “convinzioni” che fanno appello a

quanto di meno apprezzabile ci sia nella natura umana,

sullo stato quasi “ipnotico” in cui viene ridotta la gente

dal terrorismo mediatico 24-7 della società

dell'“apparenza” e delle “balle”.

 

 

Si  direbbe ipso facto “bugiardi”, “imbroglioni” e

“truffatori”, ma... non è proprio questo lo scopo di ogni

filosofia, religione e politica - lasciarci volentieri illudere

di “una realtà migliore” tutti ben sapendola mai intesa e

che mai verrà?

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dall’agorà greca

 

                                   

al forum romano

 

                                   

e l’Italia delle piazze

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La politica, dal Greco πόλις, polis, città, comunità di

cittadini, è tanto “amministrazione del bene ‘comune

per il bene ‘di tutti quanto “arte di governare”,

confronto di idee, che può sfociare sia in decisioni

collettive “sovrane” che potere, monopolio “legittimato”

dell'uso della forza e non solo fisica.

 

“Fare politica” non significa necessariamente

“governare” automaticamente fare “buona” politica:

occuparsi del bene pubblico è anche prendere una

cartaccia per strada e gettarla in un cestino, come pure

protestare - meglio ancora se non pagati - contro chi,

per l’occasione e per nostra scelta, ci malgoverna.

 

 

La piazza, dal Greco πλάιτείά, plateia, e dal Latino

platèa, è lo spazio pubblico con ambizione di

rappresentare potere e politica, così come esercitate dal

popolo, prerogativa di “cittadinanza”, e allo stesso

tempo luogo di commercio, scambi, puliti o sporchi,

anche di idee ed argomenti, funzioni religiose,

intrattenimento pubblico, feste, giochi e teatro.

 

Evoluzione degli arcaici spiazzi di culti “minoici”, dai

Greci dall'Età di Pericle (V sec aC) elevata ad agorà,

centro della Città-Stato, dal Greco άγορά, da άγείρω,

raccolgo, nell'antica Roma si trasforma in Forum, forte

simbolo di presenza della cultura latina anche nei più

lontani angoli dell’Impero, non a caso definita nella

Città Ideale di Vitruvio “imago Urbis”, “immagine” di

Roma.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'Italia è uno dei Paesi al mondo che conta il maggior

numero di “piazze identitarie”:

 

Piazza Duomo a Milano

 

Piazza San Marco a Venezia

 

Prato della Valle a Padova

 

Piazza della Signoria a Firenze

 

Campo dei Miracoli a Pisa

 

Piazza del Campo a Siena

 

Piazza San Pietro a Roma

 

Piazza Carlo III a Caserta

 

Piazza del Plebiscito a Napoli...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La piazza

 

                                   

dall’Età Tardo-Romana

 

                                   

al Risorgimento

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La secolare “centralità” della piazza, dovuta a

geografia, storia, cultura, religione, clima, economia -

spazio pubblico per “incontrare” e “farsi vedere”.

 

In piazza si è infatti ad un tempo “attori” e “spettatori”

della vita cittadina - si tramanderà quasi “patrimonio

genetico”, fino alle piazze medievali, dei Comuni e delle

Signorie, luoghi di “socialità” e di “riconoscimento”

collettivo.

 

 

Come per l’agorà - “mercantile” nelle città “marinare”

vicino ai porti, “commerciale” nelle città-“mercato”

presso le porte, “politico-religiosa” nel centro della città

- in Italia si svilupperanno tre modelli “canonici” di

piazza, spesso contigui nella medesima città: la piazza

della “cattedrale”, la piazza “civica” e la piazza del

“mercato”.

 

 

Attraverso Età “Medievale-Comunale”, “Signorile”,

“Rinascimentale” e “Barocca” la piazza italiana perde

“equilibrio.

 

Da scena “pulsante” di una laboriosa vita “collettiva” si

trasforma sempre più in scena “ideologica” di strategia

e “ostentazione” del potere politico di “Principi”,

“Signori” e “Papi”.

 

Proprio per questo con una progressiva accentuata

“teatralizzazione dello spazio urbano, in gioielli di

“perfezione” matematica, simbolo di “assoluta”

sovranità politica e militare, figura “retorica” in cui

celebrare “miti” e “riti”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il rapporto “dialettico” tra piazza e potere politico è ben

rappresentato nel susseguirsi dei cicli storici fino ai

nostri giorni, da “ostensorio in cui il potere pubblico fa

mostra di sé al popolo, a luogo di “scontro” tra

vecchio potere costituito e, nel Risorgimento,

“contropotere”.

 

Nell’Italia post-unitaria lo sontro tra “nuovo” potere

costituito e movimento “operaio” e “popolare”,

rappresentato politicamente da “repubblicanesimo”

storico e nascente “socialismo”.

 

Con la “crisi di fine secolo”, la sua “svolta liberale” e la

riconosciuta “legittimità” dell’associazionismo popolare

e delle “attività di piazza”, cioè la “riconquista popolare

della piazza”.

 

 

Nei drammatici anni a seguire del primo Novecento la

piazza torna ad essere “catalizzatore” di tensioni ed

inquietudini, oggetto di “contesa” tra un movimento

“socialista”, indeciso tra “riformismo” e “rivoluzione”,

un nuovo movimento di masse cattoliche, movimenti

anti-socialisti, quali Nazionalismo” e “Fascismo”.

 

Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale nello scontro

fra “interventisti” e “neutralisti” l’uso politico della

piazza, di già “tradizionale” dominio del movimento

popolare socialista, verrà “egemonizzato” dalle forze

nazionaliste “interventiste”, imponendo di fatto

l’entrata in guerra del Paese ad un Parlamento con

maggioranza “neutralista”.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La piazza

 

                                   

di Mussolini DVX

 

                                   

e le “adunate”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Al suo avvento il Regime fascista conferma la grande

capacità di utilizzo politico della piazza per disciplinare

le masse con “coreografiche” manifestazioni di

obbedienza incondizionata al capo carismatico

(Mussolini la chiamerà “piazza domata”!), una sorta di

collettività “autoritariamente” ricomposta in “simbiosi”

con il suo “Duce”.

 

Tra le due Grandi Guerre il luogo simbolo dell’Italia

fascista è la romana Piazza Venezia, con il “Vittoriano”,

colossale monumento a Vittorio Emanuele II (di cui il

cosiddetto “Altare della Patria” è solo una parte) e

Palazzo “Venezia”, dal 1929 sede del Governo.

 

 

La piazza diventa il centro del potere “dittatoriale” , non

solo della città, ma “Foro d'Italia”, e il famoso “balcone”

- il medesimo da cui Papa Giulio II già assiste alla corsa

dei cavalli berberi lungo Via del Corso - il suo

“palcoscenico” sul mondo, da cui vengono pronunciati

gli enfatici discorsi delle “adunate oceaniche”,

dell’“irreggimentazione del popolo”, della “mistica” del

potere, della retorica di Regime, inclusa la

proclamazione della (ri)nascita dell'“Impero” nel 1936

e nel 1940 la catastrofica entrata in guerra, un po’ come

ancora oggi Piazza San Pietro e il balcone

dell’“Habemus Papam!”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Qualcosa di simile avviene parallelamente nella

Germania nazista con la piazza di Hitler e i “raduni”,

primo fra tutti quello di Norimberga o Reichsparteitag o

Giornata Nazionale del Partito.

 

Poi una lunga serie di “Congressi”, poi annuali, del

Partito Nazista tra il 1923 e il 1938, con perfettamente

orchestrate, imponenti manifestazioni propagandistiche

per il nuovo Regime e dal significato altamente

“simbolico” e “politico”.

 

Riprenderanno (a copiare la “romanità” del Fascismo e

cercando di “gareggiarvi”) la tradizione delle “Diete”

imperiali durante il “Sacro” Romano Impero, già

nell'antico diritto dei Germani Tag, riunione di “popolo”

per eleggere il re, poi assemblea del “Re” o

“Imperatore” e dei suoi Principi.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La piazza

 

                                   

del Secondo Dopoguerra

 

                                   

si spacca e svanisce

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dopo il crollo del Fascismo nel 1943 il “Ventennio”

giungerà al suo macabro capolinea in un’altra piazza,

Piazzale Loreto a Milano, nel 1945.

 

Il ritorno a prassi politiche “libere” nella nuova

democrazia “repubblicana” riapre la piazza a movimenti

“popolari” e forze “politiche”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Nelle piazze della giovane Repubblica, di nuovo

“contese”, si tengono grandi comizi di partiti di

“massa”, come nel 1948, allo scontro tra Democrazia

Cristiana e Fronte Popolare dei “Socialcomunisti”.

 

Con un sistema di piazze “parallele” e “contrapposte”,

disastrosamente per il Paese protrattosi per decenni a

“spaccarlo” ritardandone o bloccandone un vero

sviluppo “civile” e “sociale”, fino agli scontri “cruenti” e

le “stragi” dei cosiddetti “Anni di piombo” del

terrorismo.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La piazza televisiva

 

                                   

di Berlusconi e

 

                                   

la politica come messaggio

 

                                   

promozionale-pubblicitario

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Poi, dagli Anni Novanta del Novecento, ha luogo una

crisi della funzione “politica” della piazza, dato che la

piazza “reale” viene abilmente quanto “subdolamente”

sostituita da quella “virtuale” televisiva.

 

La piazza televisiva diventerà in breve tempo il falso

“luogo pubblico per eccellenza”, in effetti non più

“pubblico” né “accomunante”, ma al contrario “privato”

ed “alienante”.

 

In questa inedita piazza “incontro”, “confronto” e

“scontro” sono “filtrati”, “manipolati”, “esasperati”,

“stemperati”, “annullati”: la “morte” (apparente) della

piazza!

 

 

Nel 1994 l'ingresso in politica o “discesa in campo” di

Berlusconi - espressione “interventista”, idiomatica

della lingua italiana.

 

Si rifà ad una metafora tradizionalmente bellica” prima

che “calcistica” come “Forza Italia” ed avviene

attraverso un messaggio televisivo “preregistrato” di 9

minuti, inviato a tutti i telegiornali.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il cosiddetto “Piano di Rinascita Democratica” della

Loggia Massonica “Propaganda” Due o “P2” descrive in

sufficiente dettaglio una strategia di completa

“penetrazione” degli apparati democratici italiani, allo

scopo di assimilarli in un nuovo sistema di

“autoritarismo legale” sviluppato partendo dal

sistematico e progressivo “controllo” dell’informazione,

sia di Stato che di massa.

 

La “libera informazione viene pressoché azzerata con

una scalata ai mass media, attuata attraverso

l’“acquisizione” - e, quindi, controllo - dei maggiori

quotidiani, la “liberalizzazione” - e, quindi, controllo -

delle emittenti televisive, con quelle “private” che

dilagano nel Paese, passando da regionali a nazionali, e

quelle “pubbliche”, sistematicamente smembrate e

ricomposte a proprio tornaconto.

 

 

Di conseguenza, la “formazione” di una qualsivoglia

“opinione pubblica” viaggerà da ora in poi su una

monorotaia di slogan, cliché e battute.

 

In altre parole, sia una vera e propria, completa

“manipolazione” e “monopolizzazione”

dell'informazione (eclatante il caso della trasmissione

televisiva “Porta a Porta”, che dalla stampa straniera

verrà presto sarcasticamente definita la “Terza Camera”

del Parlamento Italiano...).

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La piazza virtuale

 

                                   

di Grillo e

 

                                   

la politica come spettacolo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La piazza “reale” e quella virtuale nella strategia

multimediale del il MoVimento 5 Stelle coprono lo

spettro comunicativo verso un “pubblico” sempre più

eterogeneo.

 

Beppe Grillo non va in televisione perché già c'è, ogni

giorno, in ogni trasmissione, nel non-confronto con

altri candidati pubblicamente “provocati”, “sfidati” e

“sbeffeggiati”, nelle fugaci battute “al veleno” con

giornalisti le cui domande vengono altrimenti

metodicamente “evitate”.

 

Inoltre nella web-tv il cosiddetto “Tsunami Tour” in cui,

da esperto cabarettista, snocciola anche lui nuove

“battute” che la gente ama sentirsi dire - “stesso stile,

“altri buffoni.

 

 

Questa inedita “comunicazione” politica “triangola”

efficacemente blog sui social network, piazza fisica sul

territorio e televisione e giornali, i quali vanno ad

“alimentarsi” a vicenda, senza sosta.

 

In aggiunta la rinnovata “machiavellica concezione di

una palesemente “apparente” democrazia “partecipata”

e “deliberativa” si sviluppa online sul web, offline nei

meetup locali e nella riscoperta piazza come luogo

“sacro”, da cui il messaggio della rappresentazione

“liturgica” può con studiato effetto rimbalzare

esplodendo su tutti i media.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ma la piazza di Grillo non è quella della DC e del PCI!

 

I suoi sono comizi-show, coerenti con il processo di

“spettacolarizzazione” della politica degli ultimi

vent'anni, sulla scia della tele-politica” del

berlusconismo.

 

Una comunicazione ad hoc per la nuova televisione di

“intrattenimento - “politica-spettacolo” o “politica-

pop - in cui la piazza diventa centro e snodo di una

rete di “old” e “new” media per raggiungere tutti i

segmenti “sociali” e “politici” della popolazione,

creando di fatto un “non-partito pigliatutti”.

 

 

“Sonosciuti candidati, messi “in lista” senza né merito

né competenza con misere decine di voti in cosiddette

“Parlamentarie” da farsa, verranno eletti grazie alle

liste blindate del Porcellum.

 

Una deprecabile “porcata” che porterà comunque

all’apoteosi di una serie di nuove “Eminenze

Grigie”, addirittura “ricevute” - anche se “non-politici”

e tutti uno dopo l'altro addirittura “non-eletti”! - dal

Capo dello Stato per consultazioni sulla composizione

di nuovi Governi...

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dall’Italia delle piazze

 

                                   

a quella delle “piazzate”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Alla fine, quindi, la piazza “storico-culturale” reale non

può essere totalmente sostituita e anche il suo uso ed

abuso “politico” riprende forza e vitalità, in un

“interscambio con la piazza mediatica, per cui le due

vanno a “rispecchiarsi” e “intrecciarsi” l’una con l’altra.

 

Assoldare “manifestanti” reclutandoli attraverso società

di “figuranti e mettere in mano a pensionati “in gita” i

propri simboli e bandiere per “riempire le piazze” con il

trucco di “finti sostenitori”.

 

“Far massa, far numero” - non è certo una “novità” ed

illustra alla perfezione la visione “berlusconiana

secondo cui siamo tutti “in vendita”, in una piazza-

“mercato svuotata del suo significato e

 

strumentalizzata per dare espressione ad una falsa e

falsata “vox populi”, emblematica di adesione

massiccia” e “pieno” supporto (non un angolo

sguarnito, perché  in televisione non devono vedersi

vuoti!).

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In questa post-modernità decadentemente “italiana”

ben incastonata in quella europea e mondiale, sia ad

Occidente che ad Oriente.

 

Tutto tende a mettere in “discussione” e “dissacrare”

tutto, memoria “collettiva”, “cultura”, “storia” e

“politica” incluse.

 

 

La gente torna però a sentire un acuto e profondo

bisogno dell'“autenticità” del vissuto della piazza,

innanzitutto come “vitalità” del quotidiano, “socialità”

all’aperto, scena di scambio “interpersonale, delle

identità “individuali e “collettive, che tuttora

costituisce la nostra vera anima.

 

La politica in questa tendenza perde “ritmo” e rimane

inesorabilmente indietro ed eccoci di nuovo alle tre

piazze - quella fanatica e “posticcia” di Berlusconi,

quella “indolente” e rifatta di Bersani e la

eterogeneamente insoddisfatta” e curiosa di Grillo.

 

 

Scegliere di chiudere lo “Tsunami Tour “occupando”

oltraggiosamente Piazza S. Giovanni a Roma, luogo

simbolo della Sinistra italiana, più che uno sgarbo...

 

E voler “ribattezzare” la meravigliosa Piazza del

“Popolo”, una delle più celebri di Roma, ai piedi del

Pincio, in Piazza del ‘Popolo della Libertà, molto più

che pacchiano...

 

 

In questo ultimo caso mostrando tra l’altro una barbara

ignoranza e triviale superficialità sulla derivazione di

“popolo” - qui dal Latino “populus”, pioppo, secondo la

tradizione che vi vuole ubicata la tomba di Nerone,

appunto circondata da un boschetto di “pioppi”, e non

“populus”, nel senso di popolo.

 

La dice lunga su quanto male “stiamo messi”.

 

 

Ma il peggio non conosce fondo, come purtroppo a

scadenze regolari dimostrato, confermato ed

“epifanato”.

 

Fino agli scadalosi effetti boomerang della nuova legge

elettorale, in un Latino “balordo” quanto chi la scrive e

vota detta Rosatellum nel 2018!