che pene!

[pudore da pudor da

pudere sentir vergogna

porno da πόρνη p˛rne

femminile di p˛rnos

prostituta da περνημι

pŔrnemi vendere/-rsi

habĭtus da habere

comportarsi veste vestito

abito abitudine acquisita

che si porta addosso]

 

 

naturale riserbo e disagio

o imbarazzo socialmente indotto? 

 

 

delle 193 specie viventi di primati

solo noi umani senza pelliccia

 

la natura ci ha tolto il pelo

per raffreddare un cervello in crescita

 

 

pensanti nudi ci siamo rivestiti

calzari gambali sopravesti perizomi

 

per˛ un conto Ŕ difendersi dal clima

tutt'altro "comune senso del pudore"

 

 

donne pi¨ a disagio nello spogliarsi

uomini in piena nuditÓ

 

alcune inibizioni forse biologiche

ma straregolate da norme sociali

 

 

per cui desiderio provocazione sfida

una normalitÓ "rivoluzionaria"

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

denudarsi dell'artificioso

spogliarsi del mondo di Francesco

 

 

nuditÓ rituale d'arcaica etÓ dell'oro

sovversiva rifiuto sociale 

 

nuditÓ babilonese della morte

ascetica dello jainismo

 

 

nuditÓ davanti al proprio dio

narcisitica ed erotica

 

nuditÓ di schiavi vinti e condannati

dell'eroe e della divinitÓ 

 

 

nuditÓ sacra fertilitÓ della Terra

protesta delle Femen

 

nuditÓ artistica e commerciale

ecologica di massa di Tunick

 

 

richiamo esplicitamente sessuale

che distoglie da tutto il resto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

nudo artistico gran confusione

di "braghettati" giudizi universali

 

 

da minipeni greci e romani possenti

a un millennio vuoto di cristianesimo

 

primo rinudo in Davide preso a sassate

ma Leonardo se lo studia anatomico

 

 

Chiesa complice riesploderÓ nei miti

a glorificare "stupri eroici" pagani

 

educativo-indottrinante per lei

erotico-stimolante per lui

 

 

l'elogio della nuditÓ nel tempo

comunque l'umanitÓ per come Ŕ

 

nuditÓ cruciale concetto sociale

in relazioni pubbliche e private

 

 

evoluzione della umana storia

di costume arte e moda 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

nuditÓ confusa con pudore e morale

valore oscillante nei contesti sociali

 

 

per noi i popoli ancora primitivi

senza "naturale senso del pudore"

 

un pudore esclusivamente legato

al coprire determinate parti del corpo

 

 

ma ogni societÓ ha una sua nuditÓ

dai significati culturalmente rilevanti

 

tutta e solo nostra quest'idea

di "incivile nuditÓ" del selvaggio

 

 

da secoli ormai pretendiamo

di "scoprire" e riorganizzare il mondo

 

grandi viaggi e esplorazioni di fatto

commerciali politici religiosi

 

 

di fronte alle tante "nuove" umanitÓ

nessuna apertura di arricchimento

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Africa Americhe Australia marchiate

per arroganza di nuditÓ selvatica

 

 

perchÚ nella nostra cultura bigotta

coprirsi connesso a pudore e decoro

 

ergo gli indigeni attardati e inferiori

senza (le nostre) regole morali e civili

 

 

selvaggi depravati mostri diabolici

senza dio (il nostro) senza vergogna

 

trasposta relazione fra nuditÓ e pudore

affatto tipica degli umani in generale

 

 

i loro costumi corrotti perchÚ in vista

parti del corpo (per noi) vergognose

 

missionari cristiani ne sollecitano

la schiavit¨ in tutto il nuovo mondo

 

 

da nuditÓ e selvatichezza si passa a

immoralitÓ animalitÓ bestialitÓ

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

poco e tardo quell'elogio riparatore

mito del "buon selvaggio"

 

 

l'indigeno custode dei valori positivi

di uno stato di natura da noi perduto

 

naturale libertÓ dal superfluo

indegno se non donato dalla natura

 

 

ciascuna societÓ decide se e cosa

vada coperto primi fra tutti i genitali

 

seno da noi legato alla sessualitÓ 

per altri all'allattamento e mostrato

 

 

sono le cosce che vanno coperte

per il loro forte legame sessuale

 

Ŕ la nuditÓ dei piedi scalzi invece

la pi¨ esplicitamente sessuale

 

 

di grande imbarazzo persino nuditÓ

di animali domestici come cani e gatti

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

la nuditÓ non questione di abiti

piuttosto di costumi e abitudini

 

 

concetto di pudore solo socialmente

creato definito e condiviso

 

norme a cui conformarsi e quindi

anche strumento per differenziarsi

 

 

gradi di nuditÓ comunicano status

in tutte le societÓ umane da sempre

 

autoctona afferma la propria identitÓ

da tutto ci˛ che Ŕ straniero

 

 

contro i moderni abiti occidentali

la nuditÓ "abito degli antenati"

 

grande paradosso di rinnovata nuditÓ

come abito di fatto e costume

 

 

abito mentale culturale e fisico

con o con pochi o senza vestiti

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

emblematico il movimento nudista

della e nella cultura occidentale

 

 

nuditÓ indumento naturale

"vestito di luce" "abito di dio"

 

nuditÓ non erotica anticonformistica

a costrizioni di cultura dominante

 

 

pratica di liberazione da istinti

rapporto sano e naturale fra sessi

 

non turbato da eccitazione sessuale

richiede maturitÓ morale

 

 

stile di vita riadeguato alla natura

che migliori i rapporti fra umani

 

anche se con posture non disinvolte

da un pudore non tolto con gli abiti

 

 

gestire la propria nuditÓ facilita

il rapportarsi con quella degli altri

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

fissare con gli occhi "spogliare"

in ogni cultura con o senza abiti

 

 

senzo di civiltÓ non nel coprirsi

ma nell'evitare sguardi morbosi

 

non incivili i nudi primitivi

ma gli occidentali che li fotografano

 

 

pudica intensitÓ delicatezza durata

dello sguardo 

 

fotografare sguardo fisso che fissa

quindi immorale per eccellenza

 

 

foto di nuditÓ d'altre culture inciviltÓ

di sguardi tecnologici poco discreti

 

nuditÓ naturale simbolica distintiva

identitaria sessuale erotica

 

 

il dato fisico dell'essere nudo

viene sfumato nel contesto culturale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

nuditÓ assoluta parziale burqa

corpo messaggio sociale di massa

 

 

"essere nudi Ŕ essere senza parola"

per alcune societÓ primitive

 

gonnellino egizio nudi gli schiavi

nemici assiri decapitati nudi

 

 

poi nude tutte le divinitÓ primordiali

fallaccio eretto e vulvona fertile

 

veneri paleo- e neolitiche ostentano

ma anche occultare esalta valori

 

 

svolta l'estetica greca corpo-anima

divismi atletici nobili e guerrieri

 

ammirazione divina del corpo

i loro nomi ricordati in perpetuo

 

 

la nuditÓ fatta ideale di bellezza

d'ispirazione per Etruschi e Romani

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

al valore positivo di nuditÓ classica 

subentra "cristiano senso del pudore"

 

 

giÓ nota consapevolezza del corpo

fa le spese d'esaltazione dell'anima

 

nuditÓ mai stigmatizzata nella Genesi

se non presa coscienza d'esser nudi

 

 

solo pi¨ tardi arte cristiana di nudi

cristi santi angeli e eremiti

 

ritorno a valori di bellezza e gloria

secondo nuda veritas oraziana

 

 

bellezza eterna universale intellegibile

riflesso dell'armonia del creato

 

consonanze culturali cristiano-pagane

Davide di Michelangelo nuovo Ercole

 

 

l'immaginario moderno vera cesura

rococ˛ nodale cambiamento di gusto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

ottocentesche odalische non ninfe

ma oggettivizzazione della nuditÓ

 

 

da carattere fotografico-documentario

alla definizione di nudo artistico

 

liberazione da preconcetti borghesi

progressivo reintegro nella natura

 

 

nuovo ideale maschile di totalitarismi

rigiditÓ morali intransigenze razziali

 

propaganda di superioritÓ teorizzata

"puri e impavidi a impugnar le armi"

 

 

nudi d'avanguardie storiche del '900

espressionismo cubismo surrealismo

 

fra aberrazioni anatomiche e durezze

il corpo nudo teatro dell'anima

 

 

fino a dissoluzione della figura umana

disfacimento organico disagio spirituale