Pier Paolo Pasolini in un ritratto del fotografo Sandro Becchetti ©

(dettaglio)

 

Il sottofondo musicale è "Una storia sbagliata" di Fabrizio De André,

ultimo suo singolo nel 1980, tratta dall'album "Opere complete", 1999,

canzone commissionata come sigla ai documentari-inchiesta di RAI DUE

sui misteriosi omicidi dello scrittore nel 1975 e della giovane attrice Wilma

Montesi nel 1953.

 

La canzone è interamente incentrata sulla morte di Pasolini avvenuta in

circostanze e per motivi mai chiariti e quindi da annoverarsi tra le storie

"sbagliate".

 

L'accenno al secondo omicidio avviene solo nella strofa finale: "Cos'altro ti

serve da queste vite".

 

Dirà De Andrè: "[...] La morte di Pasolini ci aveva resi quasi come orfani.

 

Ne avevamo vissuto la scomparsa come un grave lutto, quasi come se ci

fosse mancato un parente stretto".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

PPP

 

                                   

Pier Paolo Pasolini

 

                                   

 

                                   

“La morte non è

 

                                   

nel non poter comunicare

 

                                   

ma nel non poter più

 

                                   

 essere compresi”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Parole

 

                                   

mai potute dire

 

                                   

 

                                   

  Per la versione inglese cliccare qui

  For the English version click here

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Pubblichiamo l'intervento che Pier Paolo Pasolini

avrebbe dovuto tenere al Congresso del Partito Radicale

nel novembre 1975.

 

Poté solo essere letto ad una platea sconvolta e muta,

perché due giorni prima veniva barbaramente

assassinato.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

   

Lo scandalo radicale

   

 

                                   

 

                                   

 

 

di Pier Paolo Pasolini

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Prima di tutto devo giustificare la presenza

della mia persona qui.

 

Non sono qui come radicale.

 

Non sono qui come socialista.

 

Non sono qui come progressista.

 

 

Sono qui come marxista che vota per il

Partito Comunista Italiano, e spera molto

nella nuova generazione di Comunisti.

 

Spera nella nuova generazione di Comunisti

almeno come spera nei Radicali.

 

 

Cioè con quel tanto di volontà e irrazionalità

e magari arbitrio che permettono di

spiazzare - magari con un occhio a

Wittgenstein - la realtà, per ragionarci sopra

liberamente.

 

Per esempio: il PCI ufficiale dichiara di

accettare ormai, e sine die, la prassi

democratica.

 

 

Allora io non devo aver dubbi: non è certo

alla prassi democratica codificata e

convenzionalizzata dall'uso di questi tre

decenni che il PCI si riferisce: esso si

riferisce indubbiamente alla prassi

democratica intesa nella purezza originaria

della sua forma, o, se vogliamo, del suo

patto formale.

 

Alla religione laica della democrazia.

 

 

Sarebbe un'autodegradazione sospettare

che il PCI si riferisca alla democraticità dei

Democristiani; e non si può dunque

intendere che il PCI si riferisca alla

democraticità, per esempio, dei Radicali.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Paragrafo primo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

A) Le persone più adorabili sono quelle che

non sanno di avere dei diritti.

 

B) Sono adorabili anche le persone che, pur

sapendo di avere dei diritti, non li

pretendono o addirittura ci rinunciano.

 

C) Sono abbastanza simpatiche anche quelle

persone che lottano per i diritti degli altri

(soprattutto per coloro che non sanno di

averli).

 

D) Ci sono, nella nostra società, degli

sfruttati e degli sfruttatori.

Ebbene, tanto peggio per gli sfruttatori.

 

E) Ci sono degli intellettuali, gli intellettuali

impegnati, che considerano dovere

proprio e altrui far sapere alle persone

adorabili, che non lo sanno, che hanno dei

diritti;

 

incitare le persone adorabili, che sanno di

avere dei diritti ma ci rinunciano, a non

rinunciare;

 

spingere tutti a sentire lo storico impulso

a lottare per i diritti degli altri;

 

e considerare, infine, incontrovertibile e

fuori da ogni discussione il fatto che, tra

gli sfruttati e gli sfruttatori, gli infelici

sono gli sfruttati.

 

 

Tra questi intellettuali che da più di un

secolo si sono assunti un simile ruolo,

negli ultimi anni si sono chiaramente

distinti dei gruppi particolarmente

accaniti a fare di tale ruolo un ruolo

estremistico.

 

Dunque mi riferisco agli estremisti,

giovani, e ai loro adulatori anziani.

 

 

Tali estremisti (voglio occuparmi soltanto

dei migliori) si pongono come obiettivo

primo e fondamentale quello di diffondere

tra la gente direi, apostolicamente, la

coscienza dei propri diritti.

 

Lo fanno con determinazione, rabbia,

disperazione, ottimistica pazienza o

dinamitarda impazienza, secondo i casi

(...).

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Paragrafo secondo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Disobbedendo alla distorta volontà degli

storici e dei politici di mestiere, oltre che a

quella delle femministe romane - volontà

che mi vorrebbe confinato in Elicona

esattamente come i mafiosi a Ustica - ho

partecipato una sera di questa estate a un

dibattito politico in una città del Nord.

 

Come sempre poi succede, un gruppo di

giovani ha voluto continuare il dibattito

anche per strada, nella serata calda e piena

di canti.

 

 

Tra questi giovani c'era un greco.

 

Che era, appunto, uno di quegli estremisti

marxisti “simpatici” di cui parlavo.

 

 

Sul suo fondo di piena simpatia, si

innestavano però manifestamente tutti i più

vistosi difetti della retorica e anche della

sottocultura estremistica.

 

Era un “adolescente” un po' laido nel

vestire; magari anche addirittura un po'

scugnizzo: ma, nel tempo stesso, aveva una

barba di vero e proprio pensatore, qualcosa

tra Menippo e Aramis; ma i capelli , lunghi

fino alle spalle, correggevano l'eventuale

funzione gestuale e magniloquente della

barba, con qualcosa di esotico e irrazionale:

un'allusione alla filosofia braminica,

all'ingenua alterigia dei gurumparampara.

 

 

Il giovane greco viveva questa sua retorica

nella più completa assenza di autocritica:

non sapeva di averli, questi suoi segni così

vistosi, e in questo era adorabile

esattamente come coloro che non sanno di

avere diritti...

 

Tra i suoi difetti vissuti così candidamente, il

più grave era certamente la vocazione a

diffondere tra la gente (“un po' alla volta”,

diceva: per lui la vita era una cosa lunga,

quasi senza fine) “la coscienza dei propri

diritti e la volontà di lottare per essi”.

 

 

Ebbene; ecco l'enormità, come l'ho capita in

quello studente greco, incarnata nella sua

persona inconsapevole.

 

Attraverso il marxismo, l'apostolato dei

giovani estremisti di estrazione borghese -

l'apostolato in favore della coscienza dei

diritti e della volontà di realizzarli - altro non

è che la rabbia inconscia del borghese

povero contro il borghese ricco, del

borghese giovane contro il borghese

vecchio, del borghese impotente contro il

borghese potente, del borghese piccolo

contro il borghese grande.

 

 

È un'inconscia guerra civile - mascherata da

lotta di classe - dentro l'inferno della

coscienza borghese.

 

(Si ricordi bene: sto parlando di estremisti,

non di comunisti).

 

 

Le persone adorabili che non sanno di avere

diritti, oppure le persone adorabili che lo

sanno ma ci rinunciano - in questa guerra

civile mascherata - rivestono una ben nota e

antica funzione: quella di essere carne da

macello.

 

Con inconscia ipocrisia, essi sono utilizzati,

in primo luogo, come soggetti di un transfert

che libera la coscienza dal peso dell'invidia e

del rancore economico; e, in secondo luogo,

sono lanciati dai borghesi giovani, poveri,

incerti e fanatici, come un esercito di paria

“puri”, in una lotta inconsapevolmente

impura, appunto contro i borghesi vecchi,

ricchi, certi e fascisti.

 

 

Intendiamoci: lo studente greco che qui ho

preso a simbolo era a tutti gli effetti (salvo

rispetto a una feroce verità) un “puro”

anche lui, come i poveri.

 

E questa “purezza” ad altro non era dovuta

che al “radicalismo” che era in lui.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Paragrafo terzo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Perché è ora di dirlo: i diritti di cui qui sto

parlando sono i “diritti civili” che, fuori da

un contesto strettamente democratico, come

poteva essere un'ideale democrazia puritana

in Inghilterra o negli Stati Uniti - oppure

laica in Francia - hanno assunto una

colorazione classista.

 

L'italianizzazione socialista dei “diritti civili”

non poteva fatalmente (storicamente) che

volgarizzarsi.

 

 

Infatti: l'estremista che insegna agli altri ad

avere dei diritti, che cosa insegna?

 

Insegna che chi serve ha gli “identici” diritti

di chi comanda.

 

 

L'estremista che insegna agli altri a lottare

per ottenere i propri diritti, che cosa

insegna?

 

Insegna che bisogna usufruire degli

“identici” diritti dei padroni.

 

 

L'estremista che insegna agli altri che coloro

che sono sfruttati dagli sfruttatori sono

infelici, che cosa insegna?

 

Insegna che bisogna pretendere l'“identica”

felicità degli sfruttatori.

 

 

Il risultato che in tal modo eventualmente è

raggiunto è dunque una “identificazione”:

cioè nel caso migliore una

democratizzazione in senso borghese.

 

La tragedia degli estremisti consiste così

nell'aver fatto regredire una lotta che essi

verbalmente definiscono “rivoluzionaria

marxista-leninista”, in una lotta civile

vecchia come la borghesia: essenziale alla

stessa esistenza della borghesia.

 

 

La realizzazione dei propri diritti altro non fa

che promuovere chi li ottiene al grado di

borghese.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Paragrafo quarto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

In che senso la coscienza di classe non ha

niente a che fare con la coscienza dei diritti

civili marxistizzati?

 

In che senso il PCI non ha niente a che fare

con gli estremisti (anche se alle volte, per

via della vecchia diplomazia burocratica, li

chiama a sé: tanto, per esempio, da aver già

codificato il Sessantotto sulla linea della

Resistenza)?

 

 

È abbastanza semplice: mentre gli estremisti

lottano per i diritti civili marxistizzati

pragmaticamente, in nome, come ho detto,

di una identificazione finale tra sfruttato e

sfruttatore, i Comunisti, invece, lottano per i

diritti civili in nome di una alterità.

 

Alterità (non semplice alternativa) che per

sua stessa natura esclude ogni possibile

assimilazione degli sfruttati con gli

sfruttatori.

 

 

La lotta di classe è stata finora anche una

lotta per la prevalenza di un'altra forma di

vita (per citare ancora Wittgenstein

potenziale antropologo), cioè di un'altra

cultura.

 

Tanto è vero che le due classi in lotta erano

anche - come dire? - razzialmente diverse.

 

 

E in realtà, in sostanza, ancora lo sono.

 

In piena età dei consumi.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Paragrafo quinto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Tutti sanno che gli “sfruttatori” quando

(attraverso gli “sfruttati”) producono merce,

producono in realtà umanità (rapporti

sociali).

 

Gli “sfruttatori” della seconda rivoluzione

industriale (chiamata altrimenti

consumismo: cioè grande quantità, beni

superflui, funzione edonistica) producono

nuova merce: sicché producono nuova

umanità (nuovi rapporti sociali).

 

 

Ora, durante i due secoli circa della sua

storia, la prima rivoluzione industriale ha

prodotto sempre rapporti sociali

“modificabili”.

 

La prova?

 

 

La prova è data dalla sostanziale certezza

della modificabilità dei rapporti sociali in

coloro che lottavano in nome dell'alterità

rivoluzionaria.

 

Essi non hanno mai opposto all'economia e

alla cultura del capitalismo un'alternativa,

ma, appunto, un'alterità.

 

 

Alterità che avrebbe dovuto modificare

radicalmente i rapporti sociali esistenti:

ossia, detta antropologicamente, la cultura

esistente.

 

In fondo il “rapporto sociale” che si

incarnava nel rapporto tra servo della gleba

e feudatario, non era poi molto diverso da

quello che si incarnava nel rapporto tra

operaio e padrone dell'industria: e

comunque si tratta di “apporti sociali” che si

sono dimostrati ugualmente modificabili.

 

 

Ma se la seconda rivoluzione industriale -

attraverso le nuove immense possibilità che

si è data - producesse da ora in poi dei

rapporti sociali “immodificabili”?

 

Questa è la grande e forse tragica domanda

che oggi va posta.

 

 

E questo è in definitiva il senso della

borghesizzazione totale che si sta

verificando in tutti i paesi: definitivamente

nei grandi paesi capitalistici,

drammaticamente in Italia.

 

Da questo punto di vista le prospettive del

capitale appaiono rosee.

 

 

I bisogni indotti dal vecchio capitalismo

erano in fondo molto simili ai bisogni

primari.

 

I bisogni invece che il nuovo capitalismo può

indurre sono totalmente e perfettamente

inutili e artificiali.

 

 

Ecco perché, attraverso essi, il nuovo

capitalismo non si limiterebbe a cambiare

storicamente un tipo d'uomo.

 

Ma l'umanità stessa.

 

 

Va aggiunto che il consumismo può creare

dei “rapporti sociali immodificabili”, sia

creando, nel caso peggiore, al posto del

vecchio clericofascismo un nuovo

tecnofascismo (che potrebbe comunque

realizzarsi solo a patto di chiamarsi

antifascismo), sia, com'è ormai più

probabile, creando come contesto alla

propria ideologia edonistica un contesto di

falsa tolleranza e di falso laicismo: di falsa

realizzazione, cioè, dei diritti civili.

 

In ambedue i casi lo spazio per una reale

alterità rivoluzionaria verrebbe ristretto

all'utopia o al ricordo: riducendo quindi la

funzione dei partiti marxisti ad una funzione

socialdemocratica, sia pure, dal punto di

vista storico, completamente nuova.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Paragrafo sesto

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Caro Pannella, caro Spadaccia, cari amici

radicali, pazienti con tutti come santi, e

quindi anche con me: l'alterità non è solo

nella coscienza di classe e nella lotta

rivoluzionaria marxista.

 

L'alterità esiste anche di per sé nell'entropia

capitalistica.

 

 

Quivi essa gode (o per meglio dire, patisce, e

spesso orribilmente patisce) la sua

concretezza, la sua fattualità.

 

Ciò che è, e l'altro che è in esso, sono due

dati culturali.

 

 

Tra tali due dati esiste un rapporto di

prevaricazione, spesso, appunto, orribile.

 

Trasformare il loro rapporto in un rapporto

dialettico è appunto la funzione, fino a oggi,

del marxismo: rapporto dialettico tra la

cultura della classe dominante e la cultura

della classe dominata.

 

 


Tale rapporto dialettico non sarebbe dunque

più possibiledove la cultura della classe

dominata fosse scomparsa, eliminata,

abrogata, come dite voi.

 

Dunque, bisogna lottare per la

conservazione di tutte le forme, alterne e

subalterne, di cultura.

 

 

È ciò che avete fatto voi in tutti questi anni,

specialmente negli ultimi.

 

E siete riusciti a trovare forme alterne e

subalterne di cultura dappertutto: al centro

della città, e negli angoli più lontani, più

morti, più infrequentabili.

 

 

Non avete avuto alcun rispetto umano,

nessuna falsa dignità, e non siete soggiaciuti

ad alcun ricatto.

 

Non avete avuto paura né di meretrici di

pubblicani, e neanche - ed è tutto dire - di

fascisti.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Paragrafo settimo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

I diritti civili sono in sostanza i diritti degli

altri.

 

Ora, dire alterità è enunciare un concetto

quasi illimitato.

 

 

Nella vostra mitezza e nella vostra

intransigenza, voi non avete fatto

distinzioni.

 

Vi siete compromessi fino in fondo per ogni

alterità possibile.

 

 

Ma una osservazione va fatta.

 

C'è un'alterità che riguarda la maggioranza e

un'alterità che riguarda le minoranze.

 

 

Il problema che riguarda la distruzione della

cultura della classe dominata, come

eliminazione di una alterità dialettica e

dunque minacciosa, è un problema che

riguarda la maggioranza.

 

Il problema del divorzio è un problema che

riguarda la maggioranza.

 

 

Il problema dell'aborto è un problema che

riguarda la maggioranza.

 

Infatti gli operai e i contadini, i mariti e le

mogli, i padri e le madri costituiscono la

maggioranza.

 

 

A proposito della difesa generica

dell'alterità, a proposito del divorzio, a

proposito dell'aborto, avete ottenuto dei

grandi successi.

 

Ciò - e voi lo sapete benissimo - costituisce

un grande pericolo.

 

 

Per voi - e voi sapete benissimo come

reagire - ma anche per tutto il paese che

invece, specialmente ai livelli culturali che

dovrebbero essere più alti, reagisce

regolarmente male.

 

Cosa voglio dire con questo?

 

 

Attraverso l'adozione marxistizzata dei

diritti civili da parte degli estremisti - di cui

ho parlato nei primi paragrafi di questo mio

intervento - i diritti civili sono entrati a far

parte non solo della coscienza, ma anche

della dinamica di tutta la classe dirigente

italiana di fede progressista.

 

Non parlo dei vostri simpatizzanti...

 

 

Non parlo di coloro che avete raggiunto nei

luoghi più lontani e diversi: fatto di cui siete

giustamente orgogliosi.

 

Parlo degli intellettuali socialisti, degli

intellettuali comunisti, degli intellettuali

cattolici di sinistra, degli intellettuali

generici (...).

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Paragrafo ottavo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

So che sto dicendo delle cose gravissime.

 

D'altra parte era inevitabile.

 

Se no cosa sarei venuto a fare qui?

 

 

Io vi prospetto - in un momento di giusta

euforia delle sinistre - quello che per me è il

maggiore e peggiore pericolo che attende

specialmente noi intellettuali nel prossimo

futuro.

 

Una nuova “trahison des clercs [tradimento

di standard intellettuali, artistici o morali da

parte di scrittori, accademici o artisti - NdR]:

una nuova accettazione; una nuova

adesione; un nuovo cedimento al fatto

compiuto; un nuovo regime sia pure ancora

soltanto come nuova cultura e nuova qualità

di vita.

 

 

Vi richiamo a quanto dicevo alla fine del

paragrafo quinto: il consumismo può

rendere immodificabili i nuovi rapporti

sociali espressi dal nuovo modo di

produzione “creando come contesto alla

propria ideologia edonistica un contesto di

falsa tolleranza e di falso laicismo: di falsa

realizzazione, cioè, dei diritti civili.

 

Ora, la massa degli intellettuali che ha

mutuato da voi, attraverso una

“marxizzazione” pragmatica di estremisti, la

lotta per i diritti civili rendendola così nel

proprio codice progressista, o conformismo

di sinistra, altro non fa che il gioco del

potere: tanto più un intellettuale

progressista è fanaticamente convinto delle

bontà del proprio contributo alla

realizzazione dei diritti civili, tanto più, in

sostanza, egli accetta la funzione

socialdemocratica che il potere gli impone

abrogando, attraverso la realizzazione

falsificata e totalizzante dei diritti civili, ogni

reale alterità.

 

 

Dunque tale potere si accinge di fatto ad

assumere gli intellettuali progressisti come

propri chierici.

 

Ed essi hanno già dato a tale invisibile

potere una invisibile adesione intascando

una invisibile tessera.

 

 

Contro tutto questo voi non dovete far altro

(io credo) che continuare semplicemente a

essere voi stessi: il che significa essere

continuamente irriconoscibili.

 

Dimenticare subito i grandi successi: e

continuare imperterriti, ostinati,

eternamente contrari, a pretendere, a

volere, a identificarvi col diverso; a

scandalizzare; a bestemmiare.

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Riproduzione grafica - "a memoria" dai ricordi dei racconti di nonno

"davanti al caminetto" - della bandiera anarchica, durante l'intero

Ventennio, nonostante continue proteste da parte della "Sora Camilla",

sua moglie e partner in affari, da Giuseppe Bresciani, detto "Mastro

Peppe" tenuta ostinatamente appesa dietro il portoncino d'ingresso del

primo ferramenta della "Ditta G. Bresciani - Bracciano" in Via Principe di

Napoli 27 - odierna boutique "Vicolo dei Colonna", zona Centro Storico -

proprio nel cuore del paese, a due passi dalla "Casa del(lo S)Fascio", come

la chiamava, sopra il Caffè Grand'Italia affacciato sulla piazza principale

del paese, quella del Palazzo Comunale, all'epoca teatro di celebrazioni di

Regime e settimanali adunate del "Sabato Fascista".

 

Spregiudicatamente insolente ed oltraggiosa sia a destra che a manca,

risolutamente contraria a una parte e in sfida alternativa all'altra, irride sia

il famoso "Me Ne Frego!" dei Fascisti che il "Sol dell'Avvenire" di Socialisti

e Comunisti - grande, nonno!

 

Il "Me Ne Frego!" è all'origine uno dei cosiddetti "motti dannunziani di

Fiume", in verità la prima volta usato sui manifestini lanciati dagli aviatori

del Carnaro su Trieste, poi ricamato in oro al centro del gagliardetto

azzurro dei Legionari Fiumani e solo più tardi copiato - al pari di

"Giovinezza" - e fatto proprio dalle "Squadre d'Azione Fasciste", formate

da reduci della Grande Guerra, già appartenenti ad unità d'élite come gli

"Arditi", ora disoccupati allo sbando, insieme a Futuristi e Fascio di Difesa

Nazionale, squadre organizzate per contrastare con ogni mezzo i Socialisti,

in forte ascesa, e che daranno vita al tristemente famoso fenomeno

appunto dello "squadrismo" dei primi anni del Fascismo, formazioni

paramilitari create per intimidire e reprimere gli avversari politici -

soprattutto i Movimenti Operai - attraverso il sistematico uso di violenza

armata...

 

Il "Sol dell'Avvenire" fa invece parte della prima simbologia socialista,

ripresa dai Comunisti addirittura nello stemma dell'Unione Sovietica, un

sole nascente che irradia un "futuro mondo di giustizia e libertà", fin dal

1892 già adottato in Italia dal primo partito politico in senso moderno,

altresì prima formazione organizzata della Sinistra, il Partito Socialista

Italiano o PSI, nato dall'iniziale Movimento Operaio socialista-anarchico

seconda metà e fine XIX secolo, ispirato a Michail Aleksandrovič Bakunin,

in Italia dal 1864 al 1867, delle Società di mutuo soccorso e delle

Cooperative di mazziniana tradizione, aperto all'inizio ad istanze

democratiche ed autonomiste, poi con una visione socialista marxista

tradizionale, in seguito revisionista ed infine sempre più vicina a quella

della Socialdemocrazia europea Anni Sessanta, finito miseramente nella

merda con il suo ultimo Segretario...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Pier Paolo Pasolini portrayed by the photographer Sandro Becchetti ©

(detail)

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

PPP