Quale storia

 

                                   

e “di chi”?

 

                                   

 

                                   

 

                                   

C'è un detto popolare che sentenzia:

 

                                   

 

                                   

“La storia

viene sempre scritta

dai vincitori”.

 

                                   

 

                                   

La scuola dell'immediato Secondo Dopoguerra è ancora

ridondante di “romanità”, quella riesumata da un

Fascismo da poco destituito, di cui non si parla, ma che

ancora domina tutto il sistema scolastico (i docenti e i

programmi vengono da quel periodo storico!).

 

 

Una delle parole che di conseguenza non vengono mai

nominate nelle aule è “Etruschi”: scuola d'obbligo, liceo

- niente...

 

Eppure il novanta percento della cosiddetta “romanità”

è etrusca e gli Etruschi nascono e si sviluppano proprio

qui, sulla nostra terra, la Tuscia Romana, come la prima,

omogenea civiltà capace di unificare gran parte della

penisola italica!

 

 

La storia che ancora oggi si insegna è fatta di troppi

avvenimenti, simboli e date, gioca di mnemonica non di

ragionamento - ma perché?

 

Semplice: basta scomporre e ricomporre, dar peso a

futilità e sminuire o nascondere qualche dettaglio ma

essenziale, perchè il caleidoscopio ci dia tutt'altra

immagine.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Più che “sapere”

 

                                   

la storia è esperienza

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Imparare a “leggere la storia” è tutt'altra cosa.

 

La lettura storica rappresenta un'area di intersezione e

di intreccio, presuppone l'integrazione e la sinergia dei

cosiddetti “saperi essenziali”, un nuovo sapere

“trasversale”, interdisciplinare, che va costruito

piuttosto che trasmesso.

 

 

Occorre quindi una metodologia orientata alla

“costruzione del sapere”, che abbia come obiettivo

rendere gli “adulti di domani” Cittadini responsabili

anche e soprattutto nei confronti del loro “territorio”, il

proprio contesto di vita naturale e sociale, da saper

vedere, interpretare, capire, amare, tutelare,

sviluppare, valorizzare e consegnare alle future

generazioni.

 

Per far questo a ciascuno deve essere garantita

l'opportunità di crearsi delle esperienze personali del

territorio, le quali vanno necessariamente prima di tutto

vissute, ma poi documentate, rese visibili, comunicate e

condivise.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Imparare a

 

                                   

“leggere” l'ambiente

 

                                   

 

                                   

 

                                   

In un moderno e democratico processo di

“alfabetizzazione”, oltre alla “parola” e alla oggi pur

dominante “immagine”, sempre meno specchio e

sempre più manipolazione della realtà, tra i vari

alfabeti e linguaggi rientra, a pieno titolo, la lettura e

l’interpretazione del proprio territorio.

 

 

“Lettura del territorio” significa imparare a decodificare

ed interpretare il paesaggio, in esso le peculiarità e

l'evoluzione storica della propria terra, capacità che

presuppone la sensibilità e l'abilità di:

 

- saper “riconoscere” nella natura più o meno

antropizzata i “segni”, le “tracce cioè lasciate da

qualcosa o da qualcuno, dalle forze “naturali e

dagli umani

 

- saper “scomporre” la realtà che ci circonda così come

percepita con i sensi negli “elementi o organismi

elementari che la compongono

 

- sapervi “distinguere quelli “naturali dagli

“antropici

 

- sapervi scoprire i “legami” geografici e storici che li

uniscono e li fondono

 

- saperli poi “ricomporre in una logica di cambiamento

“evolutivo”

 

- saperne seguire il “percorso” in un processo che va

dal “semplice” al “complesso”.

 

 

Perché

 

                                   

una “lettura storica

è anche

 

geologica, geografica, topografica,

urbanistica, architettonica, sociale

ed economica.

 

                                   

 

                                   

Il valore “educativo del territorio sta quindi

nell'allenamento all'uso di un “metodo storico,

necessario per la sua comprensione.

 

Che porti passo dopo passo ad una personale

“interiorizzazione delle conoscenze e delle esperienze,

quindi ad una “motivazione” che renda capaci di e

spinga a costruire “attivamente nuovi legami.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Gli “spazi”

 

                                   

della storia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Questa integrazione dei saperi in una “lettura

coordinata”, da diversi angoli e su piani diversi,

contribuisce a sviluppare sia capacità percettive che

“cognitive:

 

- una predispositiva attenzione al “contesto quanto al

“dettaglio”

 

- l’“osservazione” dell’ambiente in cui vivo

 

- l’interesse di chiedermi “perché” una cosa stia proprio

, fatta così

 

 

e, quindi,

 

- l'uso degli strumenti “critici” della “comprensione”,

nel dedurre informazioni da dati e riordinare le

conoscenze acquisite

 

- e di quelli “logici” della “ricostruzione”, la relazione

cioè fra tali conoscenze per ricomporre la sequenza di

azioni ed eventi che ha prodotto l'attuale situazione

 

- l'apprendimento del significato del “lavoro”

 

 

con conseguente senso di “apprezzamento” e  

“rispetto”, non solo per quello che faccio io, ma anche

 

- che fanno “gli altri” - “oggi”

 

- che hanno fatto “altri” - “prima di me” e

 

- che faranno nuovi altri” - dopo di me”

 

 

la “consapevolezza di come lo “spazio storico”, fisico

ma non solo

 

- non sia un “vuoto”, da riempire di “me” e di “mio”

 

- ma un “pieno”, di “noi” e di “nostro”

 

- che va “conosciuto”, “protetto” ed “arricchito”  -

“anche di mio”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

I “tempi”

 

                                   

della storia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il concetto ditempo è da sempre uno dei temi più cari

ai filosofi, mentre gli storici si sono a lungo

disinteressati della sua “natura”, del tutto immersi nelle

loro ricerche piuttosto focalizzate sul racconto

“cronologico” di eventi:

 

- fatti “storici”, cioè realmente accaduti come

“documentati”

 

- fatti “leggendari”, quando nel migliore dei casi basati

su “una qualche realtà iniziale”, su cui comunque

ricamare a propri fini “reinterpretandone” il significato

 

- ‘fatti’ del tutto “inventati”, ma tutti di regola o

spessissimo volutamente “manipolati” a fini “politici”  

o “religiosi”, comunque superficialmente “accettati per

buoni” anche se di seconda mano, o terza e di quante

se voglia, senza avere possibilità di controllarne le

fonti storiche “originali”, se mai esse stesse esistite,

esistenti o “credibili”.

 

                                   

 

                                   

“La storia

è scritta dai vincitori”

 

quindi

“Guai ai vinti”!

 

                                   

 

                                   

Tutti questi “racconti”, di cui un sistema scolastico,

efficiente strumento di “manipolazione” e “distrazione

di massa” al servizio dei contingenti “poteri”, ci hanno

“impregnato” cervello, anima e cuore.

 

Vengono riportati dai rispettivi “narratori in un tempo

‘esterno’”, quello dei vari “calendari”, esclusivamente

preoccupati della loro “posizione” in base a tracce e

documenti accuratamente “selezionati”, o addirittura

“falsificati” o “estrapolati” dal loro contesto, i più

convenienti a dimostrare l'attuale “tesi”.

 

 

Di questi calendari il nostro è altrettanto “arbitrario”

quanto gli tutti altri e con “assoluto” riferimento ad “un

fatto” storicamente neppure tanto “validabile”.

 

La presunta nascita di un “Messia” ebraico chiamato,

esattamente come “tutti” i Messia ebraici prima e dopo

di lui, il “Cristo” - l'“Unto” (in fronte con olio di oliva), il

“Prescelto” a capo - ma da alcuni elevato a “il” Messia!

 

 

Solo così tardi come nell'Ottocento la dimensione

“filosofica” del tempo investe gli storici con la sua

critica della “filosofia della storia” e del “tempo

unilineare”.

 

Solo a fine secolo filosofi e storici arriveranno

finalmente a riconoscere “insieme” come non esistano

“fatti” storici, ma solo “fenomeni” storici, ciascuno con

un “tempo proprio” da definire.

 

 

Nella nuova dimensione il tempo “storico” diventa

quindi risultato dell'“esperienza” storiografica, di una

“ricostruzione” della storia, cioè una sua

“periodizzazione”, con la conseguenza che all'interno di

un dato “spazio” geografico o sociale possano esistere

tempi storici “multipli” e addirittura “paralleli”:

 

- di certo una nuova “visione” della storia, quasi al di

fuori del tempo dell'ambiente naturale, il cosiddetto

tempo “geografico”

 

- la storia dei “gruppi sociali”, quella dominata dal

rapporto chiave di “tensioni” e “soluzioni” tra diverse

“economie” - Civiltà o Stati - sotto forma di “guerre”,

quella ha al contrario un “altro” tempo, il cosiddetto

tempo “sociale”

 

- infine, la storia di “individui” ed “avvenimenti” da loro

“vissuti”, siano essi provocati o subiti, ha ancora un

altro tipo di tempo, il cosiddetto tempo “individuale”.

 

 

In conclusione, il classico tempo storico “unilineare”,

“accademicamente” astratto, non esiste più neppure

come concetto, sostituito dai diversi tempi “reali” dei

“fenomeni” storici che vengono studiati.

 

Quindi in definitiva il “tempo” nella storia rimane solo

un “compromesso” fra le esigenze proprie del racconto

“storico” inventato e la disciplina storiografica,

semplicemente perché il carattere “temporale” di

qualsivoglia “esperienza” umana è necessariamente

alla base del “narrare”, come “espressione” di tale

esperienza.

 

 

In altre parole il tempo diventa “umano” soltanto se e

quando articolato nel racconto “dell'umano all'umano”

e, di conseguenza, necessariamente “alterato” dalla sua

ineludibile “soggettività”.

 

Mentre quindi la “storiografia” contemporanea continua

la sua individuazione scientifica dei vari tempi “storici”,

rimane comunque impellente almeno il tentativo di

restituire al “tempo” una sua propria ormai perduta

“universalità”, perché in fondo “il mio tempo è solo

mio” e d'“io” si fa sempre fatica a fare un “noi”, se mai

possibile.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Concatenazione

 

                                   

simultaneità

 

                                   

casualità

 

                                   

 

                                   

non determinano

 

                                   

un continuum

 

                                   

 

                                   

Quando si parla di storia è facile “comprimerla” in un

continuum, fatti di 7000 anni fa con quello che

succedeva 50 anni fa...

 

Anche se tutto è certamente “collegato”, c'è bisogno di

distinguere una “serialità” di avvenimenti,

“concatenati” lungo l'asse del tempo, ed un

“parallelismo” o “simultaneità” di eventi, “sparsi” in

luoghi anche molto lontani l'uno dall'altro, ma che prima

o poi, in qualche modo, avranno un impatto “reciproco”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

       

 

 

                           

 

 

   

 

       

 

 

                           

 

                                   

Un possibile e comunque già molto più ricco schema della nostra

“contestualità storica”: il nostro "qui e adesso", ma dinamico su l'asse

teporale, con un prima e un dopo di noi, e contestualizzato su quello

spaziale distinto in micro- e macro-relazioni

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ogni popolo, cultura o macro-area cerca sempre di

“concatenare” soprattutto la “serialità” della storia

immediatamente “prossima a sé”, sia nel tempo che

nello spazio, così facendo però ne porta inevitabilmente

la lettura univocamente a “vantaggio” della propria

immagine, perdendone spesso la più complessa

“contestualità”.

 

Questo nostro tanto usuale quanto “ego-centrico” modo

di “leggere” la storia:

 

- “falsa” profondamente la “prospettiva” storica

 

- “impoverisce” di sicuro i “fatti”

 

- ma può addirittura “travisarli”

 

- “riducendoli” a dettagli fuori da ogni trama storica

 

- elementi di un “lego” smontabile e riassemblabile a

piacere.

 

 

Quindi il concetto stesso di “tempo” non è affatto

univoco, neppure in ambito storico, ed inoltre i tempi

cosiddetti “storici” possono anche essere suddivisi in:

 

- “tempi lunghi”, di cui si parla ben poco

nell'apprendimento scolastico della storia

 

- “tempi medi”, altrettanto estranei nell'insegnamento a

quasi tutti i livelli

 

- “tempi brevi”, di cui al contrario abbonda la storia

“classica” dei programmi  scolastici...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

I tempi “storici”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

I tempi “lunghi”

 

                                   

della storia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dei “tempi lunghi” si parla ben poco nell'apprendimento

scolastico della storia.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sono, ad esempio, i tempi necessari a:

 

- creare i condizionamenti “fondamentali” della nostra

vita sociale, quelli cioè legati al “clima” e, di 

conseguenza, all'“ambiente” in cui viviamo

 

- determinare la permanenza delle “tipicità” vocazionali

di una popolazione, dovute soprattutto alle

caratteristiche “ambientali” del territorio

 

- provocare i cambiamenti “strutturali”

dell'“organizzazione” umana su un territorio e dei

“paesaggi” che lo compongono

 

- formulare le cosiddette “credenze”, il nostro modo

cioè di “vivere” e “interpretare” la natura, e noi stessi

come parte di questa, in una società.

 

 

L'insieme di tutti questi fattori:

 

- definisce a lungo termine la “stabilità” o meno delle

“relazioni” tra un territorio, le aree di “insediamento”

umano, la “cultura” di una popolazione o di più

raggruppamenti umani su vasta scala, in una macro-

area geografica

 

- determina la “tendenza” di sviluppo della vita sociale

all'interno di una popolazione e delle relazioni di

“vicinato” tra popolazioni limitrofe, direttamente

collegate allo sviluppo delle loro rispettive economie

 

- è semplicemente “quantificabile”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ambiente e clima

da 600 milioni di anni fa

al futuro

 

Nel video la drammatica trasformazione del contesto ambientale e

climatico del nostro Pianeta, come “si pensa” cioè che i Continenti di oggi

si siano evoluti nel corso degli ultimi 600 milioni di anni e la simulazione di

come probabilmente continuerà a trasformarsi nei prossimi 100 milioni di

anni.

 

Da notare come l'uomo compaia sulla Terra in un frammento di questo

“tempo” - come genere “Homo”, solo 2,5-2,6 milioni di anni fa sotto forma

di diverse specie “ominidi”, e, come “Homo Sapiens” o cosiddetto “uomo

moderno”, addirittura solo circa 200 000 anni fa...

 

Le viste paleogeografiche sono di Ron Blakey, Professore di Geologia alla

Northern Arizona University, USA.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ma di questi tempi storici cosiddetti “lunghi”, i più

importanti in assoluto, si parla ben poco

nell'apprendimento della storia nelle scuole.

 

Forse l'argomento, essenziale per una comprensione

storica degli eventi “evolutivi” della società locale

quanto globale, viene più toccato, anche se molto

perifericamente e superficialmente, in altre materie che

la storia.

 

 

Eppure sono proprio questi tempi “lunghi” della nostra

storia umana, che soli possono darci la primaria

conoscenza del profondo legame tra i fattori “culturali”

e “sociali” e quelli “economici” ed “ecologici”.

Nella storia della Terra le masse emergenti non hanno

sempre avuto l'aspetto e la posizione che conosciamo

oggi.

 

I cosiddetti “Continenti” sono andati infatti

“formandosi” e “deformandosi” a seconda dei

movimenti migratori delle placche crostali, le quali si

spostano e scontrano senza sosta e durante lunghissimi

periodi di tempo acquisiscono le forme più disparate e

compiono incredibili “viaggi”, che raggiungono

addirittura gli antipodi.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

I tempi “medi”

 

                                   

della storia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I “tempi medi” sono altrettanto “estranei” a quasi tutti i

livelli nell'insegnamento.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sono, ad esempio, i tempi:

 

- delle congiunture “economiche” di un sistema sociale

 

- dello sviluppo “demografico” di una popolazione

 

- del “popolamento” o “spopolamento” di un'area

 

- dello sviluppo “tecnologico” di una società

 

- dell'andamento dei “costi” della vita

 

- delle “recessioni” e “fluttuazioni” dell'economia

 

- degli andamenti “finanziari” del sistema.

 

 

L'insieme di questi fattori:

 

- definisce la “dinamica” delle trasformazioni strutturali

della società in un contesto storico, soprattutto i

cambiamenti “sociali” ed “economici”

 

- aiuta ad individuare i cosiddetti “cicli economici” cui

una società è soggetta, i “flussi” e “riflussi” che la

condizionano e la portano ad assumere modelli

“politici” anche alternativamente opposti

 

- è altamente “interpretabile”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Due millenni

di avvicendamenti di “civiltà”

 

Nel video due millenni di avvicendamenti di civiltà e radicali cambiamenti

economico-politico-militari sul Pianeta, dall'anno 1000 aC all'anno 1000

dC.

 

Per poter seguire più accuratamente l'evolversi della storia e/o studiarne i

dettagli, tenere di vista il calendario in alto a destra e o cliccare in pausa il

video per congelare l'attuale stato della carta ovvero spostare avanti/

indietro l'indice orizzontale di visione fino all'anno prescelto, ma senza

pausare il video.

 

A destra dell'anno "BC" è l'acronimo inglese per BEFORE CHRIST, “avanti

Cristo” mentre “AC” sta per AFTER CHRIST, “dopo Cristo” - ad esempio

“Etruscan”, la Civiltà Etrusca, apparirà dopo l'anno 900 aC.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Purtroppo anche dei tempi storici “medi” si parla

altrettanto poco nelle scuole, eppure è proprio qui che

va svolta quella cruciale indagine “intermedia”.

 

Di fatto la sola che può portarci ad una corretta e

“contestuale” interpretazione dei “tempi brevi”, di

quegli “avvenimenti”, cioè, e fatti “storici” di cui

volentieri ci imbottiscono e ci imbottiamo ed alla cui

estremamente “dettagliata”, quanto “inutile”, se

“superficiale”, analisi ci dedichiamo - una più che

pericolosa “superficialità” in cui volentieri perdersi e

guazzare.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

I tempi “brevi”

 

                                   

della storia

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sono al contrario i tempi “brevi”, di cui sovrabbonda la

storia “classica” dei programmi  scolastici...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Sono, ad esempio, i comuni tempi di:

 

- tutti gli “avvenimenti”, “fatti”, “fenomeni” storici

 

- “scontri” armati e battaglie regolari

 

- “rivolte popolari”, sommosse organizzate ed attentati

contro questo o quell'attuale potere

 

- vere e proprie “rivoluzioni” o soltanto improvvise

sostituzioni “forzate” di un potere

 

- “guerre” di qualsiasi natura, comprese quelle

"costituenti" di uno Stato, e le susseguenti “paci”

 

- tutti i “trattati”, “alleanze” ed “accordi” fra Nazioni

 

- normali trasformazioni “istituzionali” in uno Stato

ovvero di gruppi di Stati

 

- costituzione di organismi “inter-nazionali”.

 

 

L'insieme di questi fattori:

 

- definisce il “susseguirsi” degli eventi storici, senza per

questo rendere del tutto comprensibile la dinamica dei

processi (purtroppo l'unico tipo di “storia” solitamente

insegnato nelle scuole)

 

- delimita i “contesti” soprattutto “cronologicamente” e

su una base geo-politica ed istituzionale, tracciandone

una trama di “concatenamenti”

 

- è anche dettagliatamente “documentabile”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli ultimi mille anni

di guerre e battaglie

 

Nel video un condensato grafico degli ultimi 10 secoli di guerre e battaglie

nel mondo intero, dall'anno 1000 ad oggi.
 

Mille anni di morti reali, sofferenze inerarrabili, devastazioni fino ad

apocalittiche proporzioni, tragedie di intere generazioni - tutto in in cinque

minuti, pauroso esempio di "storia dei libri" e, al tempo stesso, ottima

esperienza emotiva della "contrazione del tempo" in una prospettiva

storica.
 

Da notare come le dimensioni delle simboliche "esplosioni"

nell'animazione siano calcolate con matematica precisione e direttamente

proporzionali al numero delle vittime provocate da ciascun conflitto!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Decisamente è questa la stragrande parte della “storia

classica” dei programmi scolastici: “nomi”, “luoghi”,

“date” da memorizzare - tutto qui...

 

 

Questa è la storia “ufficiale”, una storia di “fatti”, storia

“a salsicce” in una interminabile sfilza, una dopo l'altra,

accuratamente insaccate con un po' di “tutto” e, proprio

per questo, di “niente”.

 

Vengono rigorosamente servite in un continuo

apparente”, ma di fatto “isolate” e, purtroppo o di

proposito, senza un vero “significato”, così

convenientemente “interpretabili” o, meglio,

“manipolabili”, grazie ad un meticoloso “strozzamento”

a catena, una riduttiva “serialità” di eventi senza remoti

“perché” e, quindi, senza una pur minima ed onesta

possibilità di autentica “lettura”.