Una introduzione

                                   

 

                                   

 

                                   

Il cosiddetto “Comunismo”

 

                                   

come lo conosciamo oggi

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dal “Socialismo” nasce

 

                                   

“Comunismo” moderno

 

                                   

e “Anarchismo”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il “Socialismo” è un insieme di ideologie, dottrine,

orientamenti e movimenti politici tutti mirati a

trasformare la società verso una totale uguaglianza

sociale, giuridica ed economica dei Cittadini attraverso

il superamento delle classi sociali e la riduzione o

soppressione della proprietà privata sui mezzi di

produzione e scambio commerciale.

 

“Socialismo” cessa di essere sinonimo di “Comunismo”

alla pubblicazione nel 1848 del cosiddetto “Manifesto

del Partito Comunista”, nel quale i filosofi tedeschi Karl

Marx e Friedrich Engels distinguono fra Socialismo

cosiddetto “utopistico” e Socialismo cosiddetto

“scientifico”.

 

 

A quest'ultimo, chiamato “Comunismo”,

nell'Associazione Internazionale dei Lavoratori o “Prima

Internazionale” si contrappone l’altra dottrina

socialista, quella dell’“Anarchismo”, in forte polemica

fino alla prima scissione del 1871-1872.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dal “Socialismo rivoluzionario”

nascono i Partiti Comunisti

 

Dal “Socialismo riformista”

nascono i Partiti Socialisti

 

                                   

 

                                   

I Partiti Marxisti della “Seconda Internazionale”

continueranno ad essere comunque denominati

“Socialisti” fino a dopo la Rivoluzione Bolscevica del

1917, quando Vladimir Ilyich Lenin costituirà, nel 1919,

la “Terza Internazionale”.

 

I Socialisti rivoluzionari si organizzeranno in Partiti

Comunisti e i Socialisti riformisti in Partiti Socialisti,

allontanandosi sempre più dal Marxismo - e

decisamente dal Leninismo - per inserirsi nei vari

sistemi democratico-borghesi nazionali, tornando

all'utopismo pre-marxista con i loro movimenti

Socialismo Democratico, Socialdemocrazia e Socialismo

Liberale.

 

 

Alla fine del secolo scorso il pesante crollo ideologico

del Comunismo, cui contribuiscono più che attivamente

Capitalismo e Conservatorismo occidentali a

salvaguardia dei propri interessi, riporterà gli stessi

Partiti Comunisti, in particolare quelli europei, al tante

volte rinnegato “riformismo”, integrando anch’essi nei

sistemi democratico-borghesi.

 

Nell’Era Post-Comunista la vasta scia socialista va

addirittura a comprendere da Cristianesimo Sociale e

Socialismo Cristiano, Socialismo Libertario e Liberalismo

Sociale a Eco-Socialismo, Conservatorismo Sociale,

Socialismo Nazionale e Destra Sociale... 

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

L'originario Socialismo “utopico”

 

La teoria del Socialismo “scientifico”

di Karl Marx

 

                                   

 

                                   

Il Socialismo cosiddetto “utopico” si sviluppa in Europa

come moderno pensiero socialista fra il XVIII e il XIX

sec, senza neppure chiamarsi tale (è Marx a

denominarlo così perché troppo “ideale”, distinguendolo

dal suo Socialismo “scientifico”, basato su analisi socio-

economiche).

 

L’originario Socialismo, sia francese che britannico,

vuole riorganizzare società e politica in uno spirito di

giustizia sociale attraverso la socializzazione delle

risorse economiche ed il suo valore viene apertamente

riconosciuto anche da Marx ed Engels nel Manifesto del

Partito Comunista del 1848.

 

 

La nuova teoria marxista, pur criticando quest’ipotetica

società per il riduttivo ruolo datovi alla classe

lavoratrice o “proletaria” (il “Proletariato” come classe

sociale storicamente autonoma non viene infatti

riconosciuta dal Socialismo utopico), ne adotta

comunque le proposte dell’abolizione di proprietà

privata, famiglia, contrapposizione fra città e campagna

nonché la collettiva amministrazione della produzione.

 

La teoria di Marx completa quella utopistica

immettendovi un proletariato “industriale”, promotore

di profonda trasformazione sociale, non più attraverso

riforme, ma una lotta rivoluzionaria, la sola in

quest'ottica capace di ribaltare i rapporti economici tra

operai e capitalisti.

 

 

Anche il Comunismo è quindi un insieme di idee

economiche, sociali e politiche tese a realizzare una

struttura sociale egualitaria, fondata su comunanza dei

mezzi di produzione e organizzazione collettiva del

lavoro, fine di fatto condiviso tanto da Marxisti quanto

Anarchici, Cristiani, Utopisti, Trotzkisti, Leninisti e

Libertari.

 

Ovunque però applicato e sperimentato il Comunismo

genererà per lo più forme sociali affatto comunistiche

(vedi ad esempio lo Stalinismo!) fino a degenerazioni

dell’economia di mercato post-comuniste con sempre

più evidenti squilibri sociali.

 

 

Proprio per evitare un tale processo, alla visione del

Marxismo l’Anarchismo aggiunge la necessità di un

dissolvimento dello Stato repressivo come ad oggi

conosciuto, sostituito da uno “popolare libero”.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 Il cosiddetto“Cristianesimo”

 

                                   

come lo subiamo ancora oggi

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quel che resta della

 

                                   

originaria utopia comunista 

 

                                   

cosiddetta “cristiana”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Che la religiosità o “senso del sacro” nasca dalla

timorosa curiosità degli umani di fronte all'incognito

non dovrebbe oggi sollevare troppe critiche, come più

che ovvia appare attraverso i secoli la voluta

confusione, sistematicamente alimentata dai diretti

interessati, tra i concetti di “credo”, “religione” e

“Chiesa”...

 

Religione e Chiesa, Testi Sacri e Storia restano ancora

oggi - e forse più che mai - purtroppo sinonimi nella

brodaglia di voluta ignoranza di massa ad opera di una

Chiesa Cristiano-Cattolica Romana, palesemente “non

più dei poveri e degli oppressi”, senza potere e

ricchezza, come anche riscoperta e ribadita dal Concilio

Vaticano II e da cui però poi ci si riallontana, quanto

piuttosto e “sempre più dei ricchi e dei potenti”.

 

 

Molti anche al suo interno non esitano ad accusarla

apertamente di aver rinnegato se stessa ed aver tradito

il proprio “Eu-angelo”, la “Buona Novella”, diventando

così una “Chiesa dei privilegi”, vergognosamente ricca,

salvo rare eccezioni di singoli o di piccoli gruppi, pronta

a parteggiare per il potere, qualunque putridume

rappresenti ovvero a non criticarlo, vigliaccamente

e opportunisticamente tacendo - recentissimi ed

eclatanti esempi anche nel nostro Paese lo confermano.

 

La protesta è tanto forte quanto con veemenza negata

e spesso con violenza repressa:

 

- contro la prostituzione di una “religione capitalista e

di mercato”

 

- contro la progressiva corrosione della legalità

 

- contro la crescente concentrazione del potere sui

media

 

- contro l’omertà della Gerarchia Ecclesiastica su

oppressioni e soprusi propri e altrui

 

- contro, al di là della retorica dei discorsi ufficiali,

l’indifferenza di fronte alle ingiustizie

 

- contro l’appiattimento ad una politica demagogica.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il Cristianesimo primitivo

e il “Cristianesimo” odierno

 

Se mai lo si possa

   chiamare ancora così...

 

                                   

 

                                   

Il Cristianesimo odierno, pletorico e deturpato da due

millenni di ininterrotte manipolazioni strumentali a

legittimare un arrogato “potere spirituale” poi

addirittura diventato “temporale” (!) da parte delle sue

innumerevoli Chiese, prima ed in assoluto peggior

esempio quella Cattolica (Pseudo-)Apostolica Romana,

va progressivamente perdendo molto del suo originario

ascendente sulle masse oppresse di tutto il mondo.

 

Anche nei Paesi tradizionalmente osservanti questa

religione non ha più la forza di regolare i comportamenti

dei singoli, ad eccezione di pochi adepti, né tanto meno

la capacità di governare l’etica e la morale dell'intera

società, diventando nella realtà quotidiana del tutto

irrilevante.

 

 

Il Cristianesimo primitivo è tutt’altra cosa e le sue

origini storiche hanno l'innegabile fascino di un

intreccio tra mito e storia, in cui il protagonista risulta

tanto uomo reale quanto leggenda religiosa, ma verrà

nel tempo di volta in volta interpretato e reinterpretato,

adattandolo strumentalmente a fini di potere e

censurandone addirittura qualsivoglia interpretazione

fuori del coro, bollata come “eretica”.

 

Non a caso la stragrande maggioranza delle lettere neo-

testamentarie conservate sono quelle di Shaul di Tarso

detto “Paolo” e della “sua” corrente ideologica.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La ruffiana

falsificata e falsificante cosiddetta

 

“Dottrina Paolina”

 

                                   

 

                                   

La cosiddetta “dottrina paolina” prevede in effetti la

totale accettazione dello status quo delle

disuguaglianze ed ingiustizie sociali:

 

- giustificandole attraverso una concezione pessimista

degli umani e della loro “naturale inclinazione al male”

 

- dimostrando, attraverso la riproposizione del “mito

del cosiddetto peccato originale, come in questa vita

qualsivoglia azione umana sia condannata a fallire

 

- lasciando quale unica speranza di liberazione e di

felicità un altro mondo a venire, “una nuova vita dopo

questa”.

 

 

Un'ideologia vergognosamente opportunista, abilmente

coniata ad hoc per rispecchiare il misero stato reale dei

fatti all'epoca, in cui potersi facilmente riconoscere,

dato che ogni tentativo di realizzare la propria

liberazione e felicità viene allora sistematicamente

contrastato e represso dallo strapotere di Roma.

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

Una Chiesa

miseramente prostituita

 

corruttibile, corrotta

e corruttrice

 

                                   

 

                                   

La “Chiesa” di oggi è:

 

- una “Chiesa di Cesare”, non certo “di Dio”

 

- di un Occidente cinico, ricco e potente

 

- promotrice di una religione civile che, prepotente essa

stessa, finge di opporsi alle prepotenze

 

- severa con i piccoli e rinunciataria davanti ai grandi di

turno, avallandone di fatto le scelte e discriminando

deboli e minoranze

 

- oscurantista di dogmi e principi

 

- chiusa nei suoi palazzi e orizzonti

 

- pronta a mortificare l'amore con prediche da alti

pulpiti per poi abissarsi nelle perversioni più odiose

 

- riverente, remissiva e ruffiana, con il suo silenzio

omertoso non osa per paura di perdere il favore dei

potenti

 

- dedita piuttosto ad una sporca diplomazia che baratta,

calcola e svende, basta che la contropartita ne valga

la pena

 

- fuori dubbio non super ma sub partes.

 

 

Da dimenticare ogni “fraintendimento”:

 

- da dimenticare una “Chiesa dei poveri” e dei folli

d'amore, come Francesco di Assisi e Giovanni XXIII!

 

- da dimenticare la “Lettera a una professoressa” di

Don Lorenzo Milani e dei ragazzi di Barbiana!

 

- da dimenticare la Teologia della Liberazione e i preti

guerriglieri, come Padre Camilo Torres!

 

- da dimenticare i preti partigiani e operai, come l’Abbé

Pierre e i suoi Compagnons d'Emmaüs...

 

 

Avanti tutta e più che mai invece con il “vero” Vangelo,

quello dei fatti e dei misfatti, quello dei fanatici e delle

persecuzioni, quello dei truffatori e deli affari sporchi,

ipocriti, il “vangelo di Mammona”, quello degli “avanti

tutta” di millenaria tradizione:

 

- avanti tutta con la “Madre Chiesa Universale” di

sempre, che cioè non discrimini i “poveri ricchi”

 

- avanti tutta con una Chiesa che sappia senza

esitazioni schierarsi, come a fianco del dittatore di

turno, sia un Adolf Hitler, Benito Mussolini, Francisco

Franco o Augusto Pinochet, omettendo qui - e non per

dimenticanza - altri “unti del signore casarecci” dei

nostri tempi.

 

- avanti tutta con una Chiesa che riesca coerentemente

a mantenersi “pura da eresie”, magari processando e

ridicolizzando un Galileo Galilei, torturando e

bruciando vive presunte streghe, ivi compreso un

Giordano Bruno, umiliando e ghettizzando Ebrei,

brutalmente perseguitando e sterminando Càtari et

alteri, ancora non sazia e arrogantemente “superiore”

contaminando, saccheggiando e distruggendo culture

e credi di altri nel mondo intero.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 Dimenticate

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La “Chiesa degli Ultimi

La “Chiesa dei Poveri

 

La “Chiesa dei Deboli

La “Chiesa degli Oppressi

 

 

La “Chiesa dei Nudi

La “Chiesa degli Affamati e Assetati

 

La “Chiesa dei Puri

La “Chiesa dei Buoni

 

 

La “Chiesa dei Giusti

La “Chiesa del Perdono

 

La “Chiesa del Buon Padre

La “Chiesa dell'Amore

 

 

La “Chiesa della Inclusione

La “Chiesa della Condivisione

 

   Insomma...

La “Chiesa ‘Comunista’

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La “Chiesa delle Beatitudini”

 

                                   

è tutto soltanto un equivoco!