Il lungomare di Trogir, la "Riva", che a Sud da accesso alla Centro Storico

della cittadina dalla Porta Marittima, incastonata in quel poco che resta

delle antiche mura perimetrali

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Vivere bene

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Si tibi deficiant medici

 

                                   

medici tibi fiant haec tria:

 

                                   

 

                                   

mens laeta

 

                                   

requies

 

                                   

moderata diaeta.”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Se non hai medici

 

                                   

[a cui rivolgerti]

 

                                   

ti siano medici

 

                                   

queste tre regole [di vita]:

 

                                   

 

                                   

animo sereno

 

                                   

quiete ristoratrice

 

                                   

dieta moderata.”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dal "Regimen Sanitatis Salernitanum", "Le regole d'oro per una buona

salute raccomandate dalla Scuola Medica Salernitana"

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

                                   

"Cità De Trau De Dalmacia", tipica carta prospettica veneziana del 1573 a

riprodurre molto dettagliatamente, a destra/Est la Baia di Spalato, sopra

/Nord la Costa Dalmata con le sue catene montuose che la separano dalla

Bosna i Herzegovina, e, al centro, l'isolotto fortificato della Città di Traù

/Trogir , la greca "Isola delle Capre", con, in primo piano, l'Isola di Bua o

"delle Vacche", oggi in Croato chiamata Čiovo.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ricerche storiche

 

                                   

sull'antica farmacia di Traù

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I primi documenti storici in grado di confermare la

presenza di una per il tempo modernissima attività di

farmacia nella Città di Traù datano alla seconda metà

del 1271.

 

Questo per quanto riguarda la sua “presenza attiva”,

perché circa la sua “apertura” è dato ragionevolmente a

dedurre che risalga ad anni ancora precedenti.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

 

 

   

 

                                   

Sigillo della Città di Traù risalente al XIV secolo, con la rappresentazione

di Sveti Ivan Trogirski, ovvero San Giovanni da Traù. 

 

Già eremita del monastero benedettino camaldolese di Ossero/Osor,

sull'isola di Cherso/Cres, nell'Arcipelago del Quarnero/Kvarner vicino ad

Istria.

 

Vescovo e Patrono della Comunità per averla difesa con successo dal Re

d'Ungheria Colomanno nel 1105, tal Giovanni "Ursino"  sembrerebbe

appartenere al grande casato degli "Orsini".

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Gli atti di vendita

 

                                   

della farmacia 

 

                                   

datati A.D. 1271

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per comprendere appieno la dimensione di cosa

esattamente questa data implichi, si tenga conto del

contesto geo-sociale e storico-temporale in cui di fatto

la prima farmacia in Europa apre per certo nell'Italia

Meridionale e proprio a metà del XIII sec!

 

Non a caso sono gli anni in cui in Occidente si da inizio

alla definitiva separazione fra “assistenza” medica e

“farmacologia”, ad opera dell'illuminato normanno

l'Imperatore Federico II, Re di Sicilia, e ciò avviene in

contemporanea anche a Traù, già allora riguardevole

centro culturale.

 

 

Più esattamente il 1° settembre 1271 in un primo atto

notarile tuttora conservato si legge:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

         

3.

   

 

                                   

 

 

1./9.1271.

 

 

C.  Die dicto, ante stacionem

Muccii Specialis,

praesentibus  Damiano domini

comitis Marini et Gregorio domini

Luce Mathei procuratore [...] na

clerico, testibus et Nicola Jacobi

examinatore [...]

 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

"... davanti alla farmacia dello Speziale Muccio..."

 

Il primo riferimento in assoluto ad una farmacia in quel di Traù in un atto

notarile in Latino datato in calce al 1° settembre 1271, citando anche il

nome del farmacista o "speziale", tale "Muccio", come riportata nel suo

lavoro dallo storico croato don Miho Barada.

 

Miho Barada nasce nel 1889 a Seget, villaggio di pescatori alla periferia di

Trogir, discendente di un'antica famiglia locale, i Giljanović, e in quei

luoghi poi parroco.

 

Laurea alla Facoltà di Filosofia di Zagabria, dottorato a Roma nel 1930,

professore di Storia della Chiesa presso la Facoltà Teologica Cattolica

sempre a Zagabria, redattore della rivista "Croazia Sacra", esperto di

storia medievale croata ed appassionato studioso di storia locale dei suoi

tratti.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La pagina originale di un secondo atto notarile, questo datato 29 ottobre

1271, riguardante l'atto di compravendita della farmacia di Traù.

 

Il paragrafo evidenziato in rosso è quello specifico da cui riportato

quanto di seguito.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Poi il 29 ottobre successivo, nel medesimo Anno Domini

1271, si ritrova ancora la farmacia per la prima volta

citata ufficialmente, insieme ai nomi di due speziali, il

venditore “Muccio il farmacista”, di cui sopra al primo

atto di acquisto, e il nuovo acquirente, certo “Maestro

Rolandino Capponi farmacista” in un secondo atto

notarile, in cui si dice:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

         

82.

   

 

                                   

29./10.1271.

 

C. [...] Muccius Specialis, filius

condam Leonardi de Malamauca

de Veneciis, vere fuit confessus

et manifestus, quod de denariis

qui pervenerunt ad rebus [...]

rebus et mercatariis stacionis

Magistri Rolandini Capponi

Specialis, ab ipso Muccio venditis

[...]

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

"... Muccio figlio di Leonardo da Malamocco di Venezia, confermato

pubblicamente di aver ricevuto [parziale] pagamento per la farmacia di

Traù, da lui stesso già venduta al maestro Rolandino Capponi farmacista

completa di arredi e merci..."

 

Il passaggio saliente dall'atto, evidentemente redatto al fine di stabilire

legalmente le modalità di saldo dell'acquisto, anch'esso a suo tempo

pubblicato da don Miho Barada e che ora fa parte di una collezione privata

a Trogir.

 

La data di questo, il più antico documento storico riguardante una farmacia

in Croazia, verrà di conseguenza considerata l'origine della tradizione

farmaceutica della città e celebrata annualmente a livello nazionale come

"Giornata della farmacologia".  

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Statuto della Città di Traù del 1322, contenente tra l'altro i criteri e il

regolamento per l'elezione di un farmacista, manoscritto oggi conservato

presso il Museo Civico di Trogir

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lo  Statuto

 

                                   

della Città di Traù

 

                                   

datato A.D. 1322

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Altra solida testimonianza storica, a conferma del ruolo

sociale riconosciuto alla farmacia, sono le dettagliate

disposizioni contenute nello “Statuto della Città di

Traù”, sia per quanto riguarda la scelta dei “medici”

che dei “farmacisti”, tutti votati a scrutinio segreto.

 

lI farmacista percepirà un regolare salario a carico della

comunità, impegnandosi a sua volta a produrre per

questa farmaci di alta qualità.

 

 

Diversi oggetti, strumenti ed arredi di successive

gestioni della farmacia e di altre farmacie

successivamente aperte a Traù, nonché interessanti

erbari, frutto di studio e di ricerca di farmacisti locali,

sono anche questi gelosamente custoditi presso il citato

Museo Civico.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

Pagina di titolo della "Flora Dalmatica sive Enumeratio Stirpium

Vascularium in Dalmatia", edizione 1842, una descrizione sistematica

della flora della Dalmazia di Robert Visiani, contenente note di grande

utilità per l'uso medico di alcune piante, stampata a Lipsia.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il fiorente commercio

 

                                   

delle erbe officinali

 

                                   

a Traù

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'area circostante Trogir e tutta la regione montagnosa

costiera sono inoltre particolarmente note proprio per la

loro produzione “spontanea” e raccolta “tradizionale” di

erbe e fiori “officinali”, durante la prima metà del secolo

scorso con un apice di volumi a livello industriale,

dovuto alla loro esportazione di successo.

 

Rinomato il Tanacetum cinerariifolium o “Piretro della

Dalmazia”, un'erbacea perenne della famiglia delle

Asteracee, dai cui fiorellini a margherita si estrae per

tradizione locale la “razzia”, una polvere giallo-

verdognola, usata come potente “insetticida” naturale.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Enormi balle di erbe medicinali essiccate e pressate, tutte destinate

all'esportazione,  ammassate sulla banchina del lungomare di Čiovo,

proprio di fronte alla Riva del Centro Storico, oggi tra il ponte vecchio e i

due porti turistici, pronte per essere imbarcate, a dimostrazione del

fiorente commercio di erbe officinali, di cui la Dalmazia è ancora

ricchissima, almeno fino alla prima metà del Novecento.

 

La foto storica è di particolare importanza anche per la ricostruzione

urbanistico-architettonica della zona, Obala Kralja Zvonimira, il Lungomare

di Re Zvonimiro, con in fondo  l'edificio che ospita l'attuale café "Monaco"

e, ad avvicinarsi via via l'ex Palazzo Fanfogna-Garagnin, già delle sorelle

Contesse de Fanfogna, oggi Hotel "Vila Sikaa" e "Vila Liza", "Villa Tudor",

con metà costruzione attuale ancora inesistente, se non la rovina senza

tetto di un deposito a mezzo piano, e l'edificio nei cui locali lavora oggi

l'ufficio commerciale della "T-Com": di auto o, per quel che si possa vedere

fino ed oltre il ponte, di "traffico" neppure l'ombra - un paradiso...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Del 1971 sono un Congresso Scientifico ed una mostra a

cura del Museo Civico, organizzati a Traù in occasione

delle celebrazioni del 700° anniversario della farmacia.  

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Molti pretendono

 

                                   

di vantare

 

                                   

“la più antica farmacia

 

                                   

   d'Europa”...

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

L'Antica Farmacia

 

                                   

di Tallinn

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La piccola e fredda Estonia ad esempio, anch'essa come

la Croazia di recente entrata nell'Unione Europea, è un

Paese di cui si sa davvero poco o niente.

 

Ex territorio sovietico, dal 1991 Paese indipendente, fa

di tutto per riaffermare la propria identità storica e

culturale, con la volontà di crescere in fretta,

riguadagnando almeno parte del tempo perduto, e con

una gran voglia di mettersi in mostra.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

L'aria di cambiamento si respira soprattutto nella

capitale Tallinn, tra passato e futuro, centro di

avanguardia dell'informatica, patria di Skype, e allo

stesso tempo il cui pittoresco Centro Storico, tra i

meglio conservati d'Europa, fa parte del Patrimonio

Mondiale UNESCO dal 1997, proprio come quello di

Trogir.

 

La Città Vecchia, risalente al XIII-XVI sec, duramente

bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale e

fedelmente ricostruita, conserva intatto tutto il suo

antico fascino, mura costellate di torri, chiese maestose,

case variopinte dai tetti rossi estremamente spioventi,

caffè e ristoranti in stile medievale...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una delle grandi attrazioni nell'atmosfera magica del

dedalo di viuzze (esattamente come a Trogir!) è proprio

quella che dagli Estoni viene vantata come “la farmacia

più antica d'Europa”.

 

Beh, forse l'affermazione potrà valere per parti del ben

preservato “arredamento” dell'antica farmacia, non di

certo per la farmacia come tale, aperta “solo” - si fa per

dire - nel XV sec!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Antica Spezieria

 

                                   

di Firenze

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A Firenze c'è naturalmente la monumentale “Officina”

profumo-farmaceutica o “Farmacia”, nel complesso

conventuale di Santa Maria Novella, da molti oggi

ritenuta “la farmacia storica più antica d'Europa”, attiva

ininterrottamente da quasi quattro secoli.

 

Niente da fare quindi, perché le fonti documentali ce la

datano con certezza al 1381 come gestita dai

Domenicani, che vi vendono acqua di rose per uso

disinfettante durante le epidemie.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I frati coltivano anche piante medicamentose

nell'attiguo “orto”, chiamato appunto “Giardino dei

Semplici”, distillando poi erbe e fiori per preparare

essenze, elisir, pomate e balsami a rifornirne non solo

l'“Officina” di Santa Maria Novella, ma anche la loro

vicina e gemella “Farmacia di San Marco”.

 

In effetti l'attuale profumeria risale “soltanto” al 1612,

quando ancora si svolge l'attività di spezieria.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Senz'altro rinomata in tutta Europa ed i suoi prodotti

esportati fino alle Indie e in Cina nel XVIII sec, l'antica

spezieria però oggi non è più “farmacia”, ma pura

“profumeria” ed “erboristeria”.

 

Di proprietà comunale dal 1866, conserva tuttora

pregevoli collezioni di oggetti, quali termometri, mortai,

bilance e misurini, insieme a vasi da farmacia dal

Seicento al Novecento.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Antica Farmacia

 

                                   

di Trogir

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Anche grazie alla professionalità, l'interesse,

l'entusiasmo e la dedizione di nuove leve, come la

giovane Jelena Piteša, farmacista di ultima generazione

(nella foto sotto), il futuro sorride alla modernissima

antica “Spezieria di Traù”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Ancora oggi l'antica farmacia di Trogir, integrato alle

sue moderne attività, riserva uno spazio particolare alla

propria secolare produzione tradizionale di “droghe”, in

questo caso medicamenti cosmetici esclusivamente

basati su sostanze, per lo più vegetali, dai principi attivi

naturali.

 

Eccone un recente elenco: