Cisascuno nel suo mondo

 

                                   

 

                                   

tutti soli insieme

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Non posso esistere e vivere che nel mio mondo, piccolo o grande mi sembri, più o meno limitato che sia...

 

Acquisire coscienza dal mio contesto a me stesso altro non è che dinamica di movimenti empatici, immaginazioni ed immagini, scoperta e riconoscimento della diversità di me e di “altro”, prossimità, lontananza, visualizzazioni emotive prima che logiche, stati d'animo dello scoprire, entrare in contatto, creare legami, consolidarsi di individualità nella contraddizione di uno spazio personale solo concepibile in comunanza di correlazioni e relazioni.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Attraverso la vita

fra echi di me

 

                                   

 

                                   

Nella mia ecolocalizzazione umana - fisica e mentale - laddove non arrivi ancora la ragione prende sopravvento la fantasia, non dotato come sono di strutture adatte per ascoltare e riconoscere appieno la cosiddetta “realtà”, quell'ambiente fisico e sociale che mi circonda, avvolge me, sua parte integrante, creatore e prodotto.

 

Al pari di pipistrelli e delfini per percepire e identificare l'ambiente uso i miei “sibili, fischi e trilli”, segnali di me che riflettendomisi addosso deformati da “altro che me”, mi aiutano ad associarne e poi riconoscerne la fonte d'interferenza, arricchente di “extraneità”.

 

Questo processo biosonar di ecolocalizzazione ed ecoriconoscimento si basa sempre e comunque sulla mia “voce”, il mio sound personale, unico ad attraversare i miei sensi, a creare reazioni, pensieri, comportamenti miei, accendendo il buio innato dei miei colori.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

E divento il mio eco

 

                                   

 

                                   

Gli ininterrotti segnali ed “echi” di me non sono specie-specifici ma hanno caratteristiche incopiabili, raggio d'azione più o meno esteso, timbro, tempi ed intensità  unici, che mi fanno percepire sì, ma “a modo mio”, che sì stimano distanze e misurano tempo, ricostruiscono forma e sostanza, ma di un “universo egocentrico”, che rimarrà  l'immagine tutta soggettivamente mia della realtà, ben compattata entro gli orizzonti della mia bolla di sapone.

 

La razionalità stessa non può che dimostrarsi solo apparentemente simile a quella di altri che me, perchè sono i miei filtri emotivi a personalizzarla inevitabilmente, sondando materialità ed immaterialità con una sensibilità  che può rimanere molto al di sotto o andare di lunga al di là della capacità degli altri.

 

La produzione, propagazione e ricezione di “emissioni e ricezioni energetiche di me” seguiranno il ritmo del respiro del mio spirito, si accoppieranno - senza neppure che lo voglia o me ne accorga - alla linearità o complessità del mio volo, si sincronizzeranno alla frequenza del battito d'ali del mio pensiero, ed io alla mia verità rimarrò fedele, costruirò e fuggirò, sognerò e maledirò faticosi “noi”, sarò io a creare i miei miti, i miei dèi come i miei dèmoni.

 

                                   

 

                                   

Incallito suicida

attraverso la vita fra echi di me

d'io solo io

io dimensione e limite io alfa e omega

  eterno per un attimo...

 

                                   

 

                                   

“Turn your magic on!”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   
       

Sottofondo musicale

Coldplay

Adventure Of A Lifetime, L'avventura di una vita

Dall'album

"A Head Full of Dreams", Una testa piena di sogni