La mostra

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La Mostra “Bugie bianche”, “White Lies” in Inglese,

nasce nel 2003 con il titolo “Bunte Götter: Die

Farbigkeit antiker Skulptur” o, in Inglese “Colourful

Gods: The Vibrant Colours of Ancient Sculpture”, ovvero

in Italiano “Dei colorati [o piuttosto ‘coloriti’…]: i colori

vibranti della scultura antica”.

 

Apre per la prima volta alla Glyptotek o Museo di

scultura di Monaco di Baviera per essere in seguito,

notevolmente arricchita, trasferita alla Collection of

Classical Antiquities nel Pergamonmuseum di Berlino.

 

 

La versione inaugurata il 9 ottobre scorso al

Medelhavsmuseet di Stoccolma è un deciso tentativo

pedagogico di far entrare nell'approccio mentale del

pubblico che le sculture dell'Antichità Classica davvero

devono essere state così ricche di colore quando furono

create, anche se la cosa è decisamente, ma non

inaspettatamente, molto più difficile di quanto si possa

pensare.

 

Lo sa bene la Stiftung Archäologie, l'ultima in ordine di

tempo a cimentarsi nel tentativo di far traballare il mito

del marmo bianco delle statue antiche...

 

 

Le quelle statue marmoree bianche riempiono da secoli

i musei e le loro foto da generazioni i libri scolastici e di

cultura, poi filmati e video, incantando ogni volta il

visitatote, il lettore o lo spettatore.

 

Nell'immaginario collettivo le “sculture bianche”

dell'Antichità Classica, con il loro marmo salino, così

scintillante nella luce del Mediterraneo, sembrano

miracolosamente salvate dalla distruzione del tempo -

maestose, distaccate, serene, eterne, quasi

appartenenti ad un altro mondo...

 

                                   

 

                                   

Questa l'immagine

che ha letteralmente formato

la nostra percezione del Mondo Antico

almeno fino ad ora

 

generazione dopo generazione

così affascinati

dalla purezza del materiale

chiarezza di espressione

perfezione delle forme!

 

 

Eccellente esempio

di come qualsivoglia fantasia

o menzogna

se asserita con autorevolezza

ripetuta e inculcata a sufficienza

e “legittimata”

da chi ne abbia interesse

possa diventare “verità”

   addirittura storica...

 

 

Alla fin fine

 

venire a sapere oggi

che le “classiche” città antiche

non siano state affatto “bianche”

 

che i loro templi

si dimostrino di fatto

luoghi dai colori tra i più vivaci (!)

 

questo diventa

solo motivo di grande confusione

e disorientamento

 

e policromie à la Bollywood

possono addirittura

venire percepite come “scioccanti”

 

 

Perchè

noi “sappiamo” che non possono

essere state così

 

non appartengono

non “possono” appartenere

alla nostra cultura occidentale

 

qui di statue verniciate

soltanto Cristi, Madonne e Santi

   arte povera devozionale...

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Autori antichi e reperti archeologici attestano però

univocamente come non solo le sculture, ma anche gli

edifici fossero all'epoca di regola quasi del tutto o

completamente decorati con dense vernici colorate

 

Resti di strati di pittura ne sono stati scientificamente

analizzati e, ad esempio, tracce di forte vernice blù sono

state trovate addirittura sui cosiddetti “Marmi di Elgin”.

 

 

In un rapporto americano - “Archaeology in Greece,

1953, The Journal of Hellenic Studies, o “Archeologia

in Grecia, 1953 (!), Il Bollettino di Studi Ellenici”,

Volume 74, pubblicato nel 1954 - gli autori John Manuel

Cook e John Boardman traggono le prime conclusioni

scientifiche di fatti già da un secolo comunemente noti

e cioè che le tecniche applicate sulle sculture per

rimuovere la patina nera formatavi dalla pioggia

 

                                   

 

                                   

“brought out

the high technical quality

of the carving”

 

                                   

“mettevano in rivelanza

l'alta qualità tecnica

della lavorazione scultorea”

 

                                   

 

                                   

purtroppo però, allo stesso tempo asportandovi e

distruggendovi irrimediabilmente anche

 

                                   

 

                                   

“a few surviving

particles of colour”

 

                                   

“quei pochi

frammenti cromatici

sopravvissuti”

 

                                   

 

                                   

al lento ma inesorabile degrado causato nei secoli per

lavaggio e decomposizione chimico-fisica dai fattori

meteorologici.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

I “Marmi di Elgin”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Parte dei cosiddetti "Marmi di Elgin", oggi esposti al British

Museum di Londra

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Elgin Marbles” è popolarmente chiamata la collezione

di oggetti archeologici in pietra a suo tempo acquisita

da Lord Elgin quando era Ambasciatore Inglese alla

Corte del Sultano ottomano ad Istanbul, una fase critica

dello sciacallaggio di materiale del Partenone, compiuto

comunque anche prima e dopo Elgin.

 

Il resto delle sculture superstiti del Partenone, che non

siano conservate ad Atene, sono disperse nei musei di

tutta Europa...

 

 

Il termine si riferisce quindi a quelle sculture, iscrizioni

ed elementi architettonici, acquisiti dal Lord ad Atene

tra il 1801 ed il 1805, a loro volta acquistati dal

Parlamento Inglese nel 1816 per essere esposti al

British Museum.

 

La incredibile collezione comprende sculture del

Partenone, addirittura circa la metà (!) di tutto quello

che è stato ritrovato, più specificatamente:

 

- ben 247 metri di fregio degli originali 524 metri

 

- 15 metri di metope degli originali 92 metri

 

(La metopa è un elemento architettonico del fregio

dell'ordine dorico nell'architettura greco-romana, una

formella in pietra, scolpita ad alto o bassorilievo,

posizionata in alternanza con i cosiddetti “triglifi”.

 

Le metope sono spesso dei veri cicli compiuti e nel

caso del Partenone, rappresentano  scene mitologiche

a celebrazione della vittoria ateniese sui Persiani)

 

- 17 figure da frontoni

 

- vari altri pezzi di architettura del Partenone

 

- oggetti da altri edifici dell'Acropoli, comel'Eretteo, i

Propilei e il Tempio di Atena Nike.

 

                                   

 

                                   

Studi cromatici e analisi chimiche

sono stati eseguiti

su pezzi di questa collezione

unica al mondo

 

dopodiché i risultati applicati

a creare accurate ricostruzioni colorate

delle medesime sculture

usandovi pigmenti coloranti

identici o comunque vicinissimi

agli originali.

 

 

Oggi

in tutto il mondo museale del globo

vige impellente un imperativo:

 

ridonare alle sculture classiche

che da sempre ne portano segni evidenti

una superficie dipinta

 

una visione di di nuovo vivida

della scultura arcaica

in tutti i suoi dettagli creativi!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Due altre importanti ricostruzioni cromatiche:

 

- sopra, quella del "Sarcofago di Alessandro Magno", al

Museo Archeologico di Istambul

 

- sotto,  del gruppo "Enea, Memnone, Antigono e Achille",

appartenente al Tesoro dei Sifni, Santuario di Apollo di

Delphi, al Museo Archeologico di Delfi

   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

L'Ara Pacis

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

In Italia ottimo esempio di questa riscrittura della storia

dell'arte antica, arcaica e classica, è la ricostruzione

innovativamente virtuale dell'Ara Pacis a Roma attraverso

fasci di luce mirati

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Martedì 19 agosto 2014, in occasione delle celebrazioni

per il Bimillenario dalla morte del grande Imperatore

Augusto, fondatore dell'Impero Romano e Pater Patriae,

avvenuta esattamente duemila anni prima a Nola, il 19

agosto del 14 dC, a Roma l'Ara Pacis ritrova tutto lo

splendore dei suoi colori originali.

 

La serata de “I colori dell'Ara” - promossa da Roma

Capitale, Assessorato Cultura, Sovrintendenza C

apitolina, ed organizzata da Zètema Progetto Cultura -

rappresenta uno dei momenti commemorativi più

emozionanti, quando il grande monumento celebrativo

viene eccezionalmente aperto in notturna per poter

essere ammirato nel suo originale incanto policromo.

 

 

La colorazione avviene in digitale, attraverso proiezioni

di luce, le quali consentono di modificarne e modularne

sia profili che colori in tempo reale, ed il bianco marmo

torna a vivere.

 

I bassorilievi vengono dunque investiti da luce colorata,

sia sul lato occidentale, quello dei pannelli di Enea e del

Lupercale, che su quello orientale con i pannelli della

Tellus e del maestoso fregio vegetale.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

I colori sono quelli ricostruiti attraverso anni di lavoro

ed ipotesi della colorazione originaria proposte dal

gruppo di studio formatosi in occasione 

dell'allestimento del nuovo Museo e testati su un

modello tridimensionale dell'altare.

 

Dagli incoraggianti risultati ottenuti sul modello nasce

l'idea di proiettare direttamente sulle superfici in

marmo dell'altare raggi di luce colorata, per ricreare,

senza rischio per la sua conservazione, l'effetto totale e

realistico della policromia originaria.

 

 

L'applicazione del colore avviene quindi

scientificamente e secondo criteri filologici e storico-

stilistici maturati dopo analisi di laboratorio, ricerche

sul documentato uso del colore nell'architettura romana

e confronti con la pittura romana, specialmente

pompeiana, nonché cromatiche su altre architetture

e sculture antiche.

 

Questo “restauro virtuale” sul reperto originale ridona in

effetti una fondatamente verosimile ricostruzione con

buona probabilità prossima all'originale.

 

 

Un evento davvero unico cui hanno voluto assistere

migliaia di entusiasti per ammirare un'Ara Pacis per la

prima volta tornata a risplendere come alla sua

realizzazione.

 

La fila dei visitatori si è snodata per centinaia e

centinaia di metri, riempendo Via di Ripetta, Piazza

Porto di Ripetta e Lungotevere in Augusta!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Video da TusciaRomana.Info

 

Editato da

La Repubblica online - Edizioni locali - Roma, 20 agosto 2014

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

La reale nave da guerra “Vasa”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

La nave da guerra ammiraglia della Reale Flotta Svedese

- il Vasa, così come ricostruita - riccamente policroma - in

un fedele modello in perfetta scala 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il galeone “Vasa” o “Wasa”, gioiello della Flotta Militare

della allora superpotenza europea il Regno di Svezia, si

capovolge ed affonda miseramente nell'agosto del 1628

al primo distacco da terra per il battesimo del mare,

appena fuori Stoccolma e i cantieri navali di Wasavarvet

sull'Isola di Djurgården, verso il suo viaggio inaugurale

per raggiungere ed attaccare l'acerrima nemica Polonia.

 

 

Riportata in superficie con un ambiziosissimo progetto

nel 1961 e letteralmente cucitogli addosso un intero

museo, è l'unica nave a vela da guerra del XXVII sec

conservata al mondo.

 

La storia del Vasa e della società che lo crea si nasconde

tra l'altro nelle sue numerose sculture e decorazioni

lignee: una diretta e ricchissima espressione del mondo

di idee e di credenze di quell'epoca. 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

       

 

                                   

 

 

Due particolari del Vasa come oggi esposto al pubblico:

 

- a sinistra lo scorcio della fiancata con i portelloni dei

cannoni di bordo aperti, ciascuno debitamente decorato

con una testa di leone, simbolo regale svedese

 

- a destra, la incredibilmente sontuosa decorazione di

poppa 

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il risultato di un lavoro determinato, certosino e

d'avanguardia durato decenni ed ancora in corso ci dà

oggi la possibilità di rivivere in pieno la maestosità della

nave, anche grazie alla fedele ricostruzione cromatica

delle sue decorazioni.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

 

Alcuni dei minerali usati per la decorazione policroma del

Vasa esposti nel museo, sopra i pigmenti minerali e sotto

quelli di natura organica

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

       

 

                                   

 

                                   

 

       

 

                                   

 

                                   

 

       

 

                                   

 

                                   

 

 

Sopra e sotto dettagli della collezione di sculture e

decorazioni pienamente restaurate e riportate all'aspetto

cromatico originale con i medesimi materiali, le medesime

tecniche e seguendo le medesime procedure

   

 

                                   

 

                                   

 

     

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per chi fosse interessato

ad approfondire la storia del Vasa,

si raccomanda il sito Vasamuseet

anche in Italiano

 

e naturalmente

di visitarne volentieri il museo

una volta a Stoccolma

in occasione di un viaggio in Svezia