Per un Umanesimo

 

                                   

“laico”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La moderna laicità per la sua diversa visione etica viene

ancora oggi dispregiativamente marchiata come

“neo-paganesimo” da una società “civile”, che di civile

quasi nulla ha più - tanto tecnologicamente “avanzata”,

quanto sempre più ignorante, rozza, insolente, volgare,

bigotta, violenta e disumana.

 

 

In quest'Europa dalle fanatiche e antistoriche “radici

giudaico-cristiane” da un lato si enfatizza il sacrosanto

“diritto” di capi religiosi e rispettivi fedeli di affermare i

propri “valori”, mentre dall'altro si continua ad ignorare

il diritto di pensiero, di espressione e di azione di quanti

“religiosi” non sono, ghettizzandoli quasi fossero “privi”

di etica e di valori.

 

Implicitamente si definiscono quindi come “colte” e

“complesse” le religiosità ebraica, cristiana ed islamica,

confondendo i “laici” con “non credenti” o addirittura

“atei”, mostri “senza Dio” nell’immaginario storico ed

oggi “blasfemi” nel solo voler distinguere la sfera

religiosa da quella temporale.

 

 

“Ateo”, se non ho un dio, “miscredente”, se ho certezze,

“agnostico” se non ho risposte, sono tutti termini

coniati “per differenza” dalla “regola” o “normalità” di

avere un Dio, una fede, una conoscenza “certa”,

tollerando il gran numero di religioni esistenti, ciascuna

ricca di varianti, ma rifiutando una sola condizione

contraria, l'intollerabile mancanza di una “religione”.

 

Anche grazie al progresso della scienza il moderno

“laicismo” merita una nuova dignità nel suo processo di

“liberazione” nato con i primi Illuministi!

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Morale ed etica

 

                                   

“laica”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Usiamo spesso “morale” ed “etica” come sinonimi e non

sempre a torto, ma una differenza c'è perché morale è

l'insieme di norme, regole pratiche e “valori”, principi

ideali, di fatto liberamente scelti da individuo e

collettività per determinare i propri comportamenti,

mentre l'etica ne contiene inoltre quella riflessione

speculativa necessaria a darne una spiegazione

razionale e logica sui “perché” di tale scelta.

 

L'etica è quindi l'insieme di norme e di valori che

regolano il “comportamento” umano, verso sé stessi e

verso gli altri, nonché di criteri di giudizio dei

comportamenti propri e altrui, rispetto a “bene” e

“male”.

 

 

Tali valori “morali” - dal Latino mos, moris, costume, a

ua volta dal Greco antico ήθος, ethos, carattere,

comportamento, costume, consuetudine - fanno

dell'etica una “filosofia morale”, che si occupa dei

comportamenti umani, distinguendoli in buoni/cattivi,

giusti/ingiusti, leciti/illeciti, convenienti/sconvenienti,

sempre secondo un modello comportamentale “ideale”

di una “morale” o “moralità” umana basata appunto

sulla distinzione tra bene/male, giusto/sbagliato,

virtù/vizio, giustizia/crimine.

 

Ordinare tali criteri dubitandone comporta anche

razionalizzare sentimenti spesso “colpevolizzanti”,

frutto di condizionamenti “culturali” subiti

dall’inconscio già dai primi anni di vita, prendere

coscienza dell'innegabile, istintivo ed intuitivo “rifiuto”

dell’episteme giudaico-cristiana, fatto di rinuncia,

peccato, sconfitta, morte, avvilimento della carne e

repressione delle emozioni, senza neppure

comprenderne i perché.

 

 

Una necessaria “decostruzione” del mito, attraverso

analisi critica della storia umana, studio dei

comportamenti umani nei rispettivi contesti storici,

economico-sociali e religiosi, per capire quanto

probabile sia che le cose siano andate davvero così

come ci sono state inculcate.

 

Perché il “libero pensiero” può essere etico ed

ateologico allo stesso tempo, perché il “libero pensiero”

non conduce automaticamente ad un materialismo

dell’“avere” che ignori l’“essere”, dell'immagine che

trascuri la sostanza.

 

 

Decostruire i tre monoteismi significa dimostrare come,

nonostante oggettive differenze storico-geografiche,

continui antagonismi reciproci, supposta comune

“bontà” del messaggio (comunque e sempre settario),

la loro storia sia una ininterrotta successione di odio e

violenza.

 

Odio e violenza da parte di alcuni umani, sedicenti

“depositari” e “interpreti” di una presunta “verità

assoluta”, su altri umani, colpevoli di troppo sangue

innocente, di guerre sacrilegamente fatte “sante”,

distruzioni, massacri, etnocidi, genocidi, oppressioni,

repressioni, umiliazioni, inquisizioni, torture, inutili

sofferenze...

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Odio verso l’intelligenza umana (imbrigliata o

disprezzata), la vita sulla Terra (svalorizzata da un al-

di-là), il corpo umano (negato e mortificato), la donna

(temuta e demonizzata), comandando “in nome di Dio”

“cosa” fare o non fare, “come” vivere e pensare per

essergli graditi, pretendendo e millantando una

competenza “unica” nell’interpretazione di quello che

vuole.

 

Una reiterata somma di orrori, più che di “errori”, delle

teocrazie che addirittura finisce per diventare corpus di

verità indiscutibili, pena lapidazioni, roghi e fatwa,

rivendicando un potere datogli da “qualcuno” che, non

a caso, sempre parla solo per bocca “loro”.

 

 

L'unico rimedio alla teocrazia rimane la “democrazia”,

potere sovrano del popolo, contro il preteso magistero

dei rappresentanti di un Dio.

 

Decostruire i monoteismi è quindi “demistificarli”,

smontarne le rispettive teocrazie ed il loro arrogato

potere, creare una vera morale umanistica in cui

l’intelligenza non sia una presunzione, la vita non una

dannazione, la Terra non una valle di lacrime, il corpo

non una punizione, il piacere non un peccato, la donna

non una maledizione”.
 

 

L’episteme giudaico-cristiana tende da sempre ad

invadere tutto lo “scibile”, anche quello “laico”.

 

Liberarsi dalle catene di duemila anni di

condizionamento e tornare ad una vita libera da sensi di

colpa, deve categoricamente fondarsi sulla concezione

che piaceri, emozioni e passioni siano eticamente

perseguibili, rispettando le esigenze della libertà altrui

ed i meccanismi della società civile.

 

 

Il concetto di pensiero come funzione materiale o

“atomica” del cervello è antichissimo, espresso da

Democrito due millenni e mezzo fa, e molto prima

dell’etica “cristiana” esiste una “morale” orientata al

bene, anche se il “bene” di Socrate come semplice

“agire secondo ragione” possa oggi sembrarci una

convinzione ingenua, dato che possiamo anche agire

sapendo di fare il male.

 

Già un mondo destinato a dissolversi nel nulla come

quello romano (leggi Seneca e Lucrezio tra altri) trova

possibile armonizzare “virtù” quali:

 

pietas, devozione

 

- dignitas,  autostima

 

- auctoritas, autorità spirituale

 

- aequitas, giudizio indulgente

 

ma anche

 

- comitas, cordialità

 

- clementia, misericordia

 

- firmitas tenacia

 

- frugalitas, semplicità

 

- gravitas, serietà

 

- honestas, rispettabilità

 

e ancora

 

- humanitas, umanità

 

- industria, duro lavoro

 

- prudentia saggezza

 

- salubritas, salute

 

- severitas, autocontrollo

 

- veritas, onestà...

 

 

Questo nonostante la tradizione “paolino-cristiana”

abbia voluto dispregiativamente bollare “pagano” quel

mondo,  rappresentandocelo come “decadente”, ma mai

come la nostra cosiddetta “civiltà dei consumi e dei

mass media, che al contrario rivaluta i piaceri materiali

tutto a scapito del pensiero e della spiritualità.

 

Un mondo l'odierno che comunque soltanto a livello di

superstizione sarebbe disposto a tornare indietro!

 

 

A questo punto non resta quindi che scegliere fra una

vita “materialista” pregna di superstizione primitivo-

religiosa, senza porsi domande nella contraddizione e

sperando  un’“aldilà” migliore, o confrontarsi con la

propria ragione e crearsi una nuova etica, anche senza

un dio che ci giudichi, premi o punisca.

 

Perché è profondamente falso che sia impossibile

un’etica senza una fede, mentre è piuttosto vero il

contrario, che la “fede” possa generare comportamenti

giustificati dalla “religione”, ma non dalla “coscienza”,

inumane aberrazioni di comportamento umano cui ci

stiamo quasi impercettibilmente abituando.

 

 

La nostra libertà di arbitrio può senz'altro condurci a t

olleranza, imparzialità, appartenenza non fanatica,

equilibrio di giudizi e scelte, non condizionamento da

pregiudizi, un relativismo da umani “giusti”.

 

La regola aurea per “variamente” credenti come per

“diversamente” credenti resta:

 

                                   

 

                                   

“Non fare agli altri

quello che non vorresti

fosse fatto a te”

 

nella sua migliorata versione

 

“Fà agli altri

ciò che vorresti

  ti venisse fatto”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Morale ed etica

 

                                   

universale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Un umanesimo “laico”, secolare, “sacro” di umano

piuttosto che di religioso, da e per “diversamente

credenti” - “laici, “atei”, “agnostici”, “scettici” e “liberi

pensatori” - in cui riconoscersi e ritrovarsi insieme.

 

Una filosofia di vita “laica”, razionale ed etica, un modo

di guardare il mondo, di esservi presenti - con rispetto,

passione, responsabilità, opinioni, comportamenti e

opere da non credenti.

 

 

“Credere” o “non credere” non è la vita ma qualifica di

“consapevolezza”, dalla singola individuale a quella

insieme collettiva, in una vera rivoluzione “culturale”

pacifica, perché un comportamento etico e caritatevole

“può” essere religiosamente ispirato, ma è “d'obbligo”

nel mondo profano, ad esempio il comportamento

etichettato “cristiano” identicamente comune ai molti

che Cristiani non sono, travalicando appartenenze

religiose istituzionali o meno, quali che siano.

 

 

“Natura” è tutto ciò che esiste e in essa noi siamo

chiamati ad essere non “signori” e “padroni”, ma

massimi “responsabili”, appartenenti ad una medesima

specie dalle peculiari abilità.

 

Capace di dare a ciascuno di noi “dignità” in quanto

umano, permettendo una personale realizzazione di sé

e allo stesso tempo una proficua convivenza insieme, al

massimo delle potenzialità ed entro i limiti  di questa

vita, di questa natura, armoniosa convivenza con i

nostri simili, gli altri animali, l’ambiente tutto, sulla

Terra, nell'Universo.

 

 

Idee e comportamenti sani fondati su osservazione ed

esperienza, senza bisogno di religioni né di ideologie -

“dèi”, “verità” rivelate, “dogmi”, libri “sacri”,

“intermediari” del soprannaturale e di altre astrattezze

quali chiavi di lettura del mondo.

 

Una semplice visione “laica”, fonte di ispirazione ed

aspirazioni, una schietta “concezione” di quanto “in noi”

e “intorno a noi” nella sua realtà naturale, che ci sproni

ad arricchire la vita e ci dia speranza di possibili suoi

continui miglioramenti, una pragmatica e rispettosa

“filosofia del vivere” che ci restituisca misura, valore e

dignità “in quanto umani”.

 

 

Riferimenti valoriali i massimi “condivisibili” e minimi

“indispensabili”, espressione consapevole di “chi”

siamo e “come” scegliamo di esserlo, solido, positivo

orientamento nelle scelte “pratiche” del quotidiano e

quelle “strategiche” di un futuro vicino e lontano:

 

- che la natura è tutto ciò che esiste e tutto ciò che

esiste esiste in natura, anche tutto di noi, corpo,

mente e spirito

 

- che intelligenza e ragione sono gli strumenti più

affidabili per avvicinarci alla vera “essenza” di quanto

esiste

 

- che i più alti valori etici sono quelli di convivenza

pacifica e comune progresso in libertà e rispetto

reciproco

 

- che la realizzazione di sé stessi è il piacere della vita e

godercene con “passione” la sua massima espressione

 

- che da esseri umani autocoscienti, intelligenti e

sensibili assumiamo “responsabilità” del mondo, non il

“dominio”

 

Un'etica laica dell'“umanesimo”, del “secolarismo” e del

“libero pensiero” basata esclusivamente sulle nostre

facoltà umane di logica, ragione e intuizione, senza

bisogno di riferire a mistificate e mistificanti

“rivelazioni soprannaturali”.

 

 

La maggioranza di concetti morali “laici” nascono infatti

dall'accettazione di “contratti” sociali e riconoscimento

dell'“intrinseco” valore delle cose, frutto di “intuizione”

etica o “deduzione” logica, che creano “preferenze” di

comportamenti.

 

Un processo in cui l'abilità umana di empatizzare

determina fondamenti etici, mentre ragione e logica ne

traggono “principî” normativi di comportamento, tutto

qui.

 

 

La moralità “universale”, conoscenza del giusto e dello

sbagliato, si basa sulla migliore comprensione umana

dei propri interessi, sia individuali che collettivi e non

deriva né da lontano “trascendentale” né da vicino

“locale”, principî di condotta individuale “socialmente e

politicamente validi”, per la loro capacità di migliorare

l'essere umano e minimizzare la sua sofferenza

responsabilizzandolo.

 

Gli esseri umani hanno il diritto e la responsabilità di

dare senso e forma alla loro vita, costribuendo a

costruire una società davvero “umana”, fondata sui

valori “naturali” dettati dalla ragione e dalla libera

indagine, senza “visioni” soprannaturali della realtà,

nel rispetto degli altri.

 

 

La religione non è assolutamente necessaria per avere

un comportamento “morale”, perché questo si ispira a

valori umani indipendenti da qualsivoglia credo

“religioso”.

 

L'orientamento prevalentemente negativo della

tradizionale etica religiosa fa delle proibizioni il limite di

ciò che una società è disposta a tollerare del peggio

delle persone, senza guidarle a dare il loro meglio,

mentre l'etica razionale può stimolarle ad una vita etica

piena, senza dimenticare comunque come molti principi

siano comuni, come ad esempio la cosiddetta “Regola

d'oro”, il principio della reciprocità, l'equilibrio cioè in

un contesto sociale interattivo in cui ciascuna parte ha

diritti ma anche doveri, da cui la norma della

complementarità per cui i diritti di ciascuno sono i

doveri di tutti verso l'altro.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Per approfondireo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Per approfondimenti personali su “morale” e “etica”

laiche ecco alcuni filosofi chiave:

 

 

Immanuel Kant


Solo una
“buona volontà” è moralmente lodevole, cioè

l'azione fatta per il suo stesso bene, non

l'apparentemente “etico”, fatto per ragioni sbagliate e

neppure l'agire determinato dal risultato

 

 

John Stuart Mill
 

Fondamentale il “risultato finale”, le buone

conseguenze - felicità, piacere, soddisfazione,

benessere di umani e animali, contro ogni limitazione di

libertà di opinione, gusto e condotta anche sessuale

 

 

George Jacob Holyoake
 

È “bene fare il bene”, conia il termine “secolarismo”,

codice di doveri in questa vita, frutto di considerazioni

puramente umane, per migliorarla con mezzi materiali e

con l'aiuto della scienza

 

 

Friedrich Wilhelm Nietzsche
 

“Dio è morto”, quindi no a condizionamenti, regole e

obblighi derivanti da credenze religiose, slancio vitale,

libertà e spontaneità, amore per la vita, la creatività,

spontaneità del vivere naturale.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Inoltre una raccomandabile lettura, contro le tesi qui esposte sulle radici

giudaico-cristiane dell'Europa:

 

“Il (falso) problema delle radici cristiane”
 

Daniele Ercoli

Università degli Studi di Trieste, Polo universitario di Gorizia

A.a. 2003-2004

 

                                   

 

Consultabile e scaricabile qui