L'uomo

 

                                   

e il suo pensiero critico

 

                                   

 

                                   

 

                                   

De André non possiede “verità”, ma semina tanti dubbi

che in menti aperte mettono radice e crescono...

 

                                   

 

                                   

Chiunque dichiari

di possedere “la verità”

 

afferma contestualmente

di non cercare più

 

di aver finito di cercare

o, al peggio

 

di non aver mai neppure

cominciato a farlo!

 

                                   

 

                                   

Cosa ancora vorrebbe, potrebbe o dovrebbe “cercare”

se non interminabili litanie di corollari, tutti a riprova

della propria “verità”, argomentazioni mai dilemmatiche

in un circuito chiuso di deduzioni-induzioni dalla e alla

verità “posseduta” - e da cos'altro se no?

 

L'Umano - due cervelli, dieci intelligenze, dodici sensi -

con un'innata “fame” di conoscere, senza saperne

neppure il “perché” cerca davvero, con onestà mentale,

lo fa perché non ha ancora trovato e neppure mai sicuro

di trovare, incurante di certezze e aperto a tutto!

 

 

De André è “intellettuale” perché usa la sua di ragione,

non una ragione politica e tanto meno una “di Stato”,

non segue il “pensiero comune”, né il buonsenso, né

né il “pre-giudizio”, il giudizio a priori.

 

Osserva senza pregiudizi, riflette prima di dire, dice

quello che pensa, è disposto a lottare per poterlo dire,

accusa duramente e senza riguardi, a volte con rabbia e

sacrosanto furore, ma evitando sempre “personalismi”,

attacchi a livello personale.

 

 

Un uomo coerente, coraggioso ed autorevole nelle sue

prese di posizione, sceglie quasi sempre direzioni

contrarie e se ne va, libero, per la sua strada.

 

Lo è perché forte soprattutto della propria “fragilità”,

perché, smarrito, segue la bussola impazzita del

disorientamento, perché con un grande atto di amore si

permette di “lasciarsi” vivere fino in fondo la propria

“inquietudine” esistenziale, ricreando nella densità

delle parole lo spessore del suo carattere e vivificandole

di sentimento libertario.

 

 

De André vive e soffre, mai indifferente, “sensibile” ed

“intelligente” - sensibile perché sa “percepire”,

intelligente perché sa “distinguere”.

 

Mai dogmatico, compassionevole ed indignato -

compassionevole perché sa “riconoscere” e, nonostante

tutte le miserie proprie e altrui, amare se stesso e come

se stesso l'altro, indignato perché sa onestamente

portare alla luce e “denunciare” i pubblici segreti delle

tante ipocrisie e delle quotidiane ingiustizie - ma mai

cinico, uomo autenticamente interessato all'Umano.

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Per natura

 

                                   

e per passione

 

                                   

coerentemente

 

                                   

dall'altra parte

 

                                   

 

                                   

Fuori dal coro

fuori dal branco

 

                                   

 

                                   

 

                                   

… Nottambulo, incazzato

mediamente colto

 

sensibile alle vistose

infamie di classe…

 

                                   

 

                                   

Così si descrive De André.

 

Irrequieto viandante con particolare predisposizione a

(poi anche predilezione per) la precarietà esistenziale,

insofferente e discontinuo negli studi accademici, senza

mai arrivare a laurearsi - tipico drop-out, decisamente

outsider.

 

 

Libero e libertario, nemico delle convenzioni ed amante,

amico e studioso del “diverso”, cultore di mondi e

culture “a lato”.

 

Dissacratore del “sacro istituzionale”, infaticabile

“operatore ecologico” del sociale - lui solo e solitario -

nell'appassionato recupero di perle umane dai rifiuti

di una società, tanto bulimica di tutto, quanto

anoressica di com-passione e d'amore.

 

 

Ripudia le iniquità della propria classe sociale eppure vi

rimane dentro da “borghese anti-borghese”, mai

“inquadrato”, mai “etichettato”, mai “impastoiato”.

 

Esternando senza filtri il proprio contraddittorio senso

di appartenenza e allo stesso tempo di distanza,

dichiarando con orgogliosa, riscattante dignità il suo

essere senza riserve dalla parte degli esclusi di questa

società, dalla parte delle vittime del “potere” di ogni

tempo e di ogni geografia e delle ingiustizie di ogni tipo,

perpetrate in nome di dominante buonsenso comune”.

 

 

Accetta, sceglie ed abbraccia piuttosto la crudezza e la

materialità dell'esistenza, preferendola a qualsiasi

tentazione filosofica, religiosa ed ideologica di

estraniarlo da quel quotidiano fatto di vite di gente in

carne ed ossa.

 

Amico di sbandati, puttane, magnaccia, suicidi, drogati

e perdenti, perché rappresentano la “realtà” in cui vive, 

meglio di tutti i potenti, benpensanti, cialtroni, farisei,

forcaioli e boia.

 

 

Coerentemente “dall'altra parte”, contro la prepotenza

vigliacca di chi si accanisce su un'umanità in ginocchio,

già sofferente di suo.

 

Coerentemente “dall'altra parte”, perché sarebbe

contro la sua natura umana farsi servile con i forti e

forte con i deboli.

 

 

Coerentemente “dall'altra parte”, a condividere

simpateticamente vite fatte di riservatezza e di dignità

anche nella sofferenza e nella disperazione.

 

Coerentemente “dall'altra parte”, per mettere a nudo,

attaccare e condannare i luoghi fisici e mentali del

degrado, del sopruso e della violenza.

 

Dalle “carceri” storiche a quelle del presente

“berlusconiano”, i suoi miti di efficienza, professionalità

e produttività ad libitum in palese e crescente contrasto

con un contesto sociale sempre meno civile, meno

solidale e meno morale, ovvero sempre più incivile,

sempre più menefreghista, sempre più immorale.

 

 

Coerentemente “dall'altra parte” di una lobby politica

ormai isolata dal “mondo reale”, di quelli che dovrebbe

rappresentare ed i cui interessi dovrebbe promuovere.

 

Coerentemente “dall'altra parte”, della “gente per

bene”, che, così abbandonata a sé stessa, non trova né

altro né miglior rifugio di barricarsi dentro il proprio

“privato.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   
   

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il poeta

 

                                   

della cultura libertaria

 

                                   

italiana

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Dedicando la sua creatività artistica a dar voce a

minoranze e diseredati rivendicandone i diritti, De

André lascia la sua impronta così “diversa”, sia in

ambito culturale che socio-politico.

 

Più che della vita diventa il poeta della realtà e,

soprattutto, del “vissuto”, a fianco degli esclusi, degli

emarginati, degli sbandati, degli oppressi, degli

indesiderati, degli umili, degli scherniti, dei diversi, dei

perseguitati, degli sconfitti, degli ultimi, dei rigettati,

degli ignorati, degli invisibili di questa società.

 

                                   

 

                                   

La sua poesia

restituisce dignità di esseri umani

 

a puttane e drogati

omo- e transessuali

 

ubriaconi e barboni

ladri ed assassini

 

ribelli e suicidi

disertori e dinamitardi

 

detenuti e migranti, zingari,

  sardi e indiani pellerossa...

 

 

in altre parole

 

a tutti i poveri cristi

che scontano la propria morte

vivendo!

 

 

Canta un mondo

ai margini e fuori di essi

 

pieno di miseria umana

in carne ed ossa

 

umile ma autentico

crudo ma reale

 

e, soprattutto

 mai squallido.

 

                                   

 

                                   

Perché squallido è il “potere”, chi lo gestisce e come lo

fa, squallida è la “politica”, squallida è la “Chiesa”.

 

Squallido è chi ha risposte a tutto, sempre pronte, non

chi fa fatica ad “onorare” la propria umanità - a questi

ultimi De André riserva tutta la comprensione del

mondo, semplicemente perché nel loro “mal di vita”

riconosce sé stesso fino a sentirsi uno di loro:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

“Oh dio del cielo

 se mi cercherai

 

in mezzo agli altri uomini

  mi troverai”.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

O, in altre parole, come chiarifica lo stesso De André:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Gli stronzi

sono senza speranza

 

e del resto

non ne hanno bisogno:

 

proprio perché sono stronzi

tutto gli sembra semplice.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Poeta dell’essere e non dell’apparire, che s'innamora

della “debolezza” dei vinti, piuttosto che lasciarsi

ammaliare dall’“arroganza dei vincitori, perché nel suo

mondo la persona umana in quanto tale “conta”

infinitamente più del “fascicolo” dei suoi errori.

 

De André usa il linguaggio “non allineato” del

sentimento per parlare da cuore a cuore di libertà,

solidarietà ed umanità, frantumando d'ironia ogni

balorda convenzione, pronto a farsi tanto

compassionevole “avvocato difensore” di singoli

individui, interi popoli e idee scomode, quanto furioso

vendicatore di umiliazioni, soprusi e storiche

ingiustizie subiti da chiunque, in ogni luogo e in ogni

tempo.

 

 

Le sue più che “canzoni” sono “poesie” in musica, come

del resto dovrebbero essere (la poesia rimane a lungo

recitata e cantata, prima che diventi scritta, per

definizione “parole in versi”, in cui significato semantico

e suono musicale dei fonemi “si fondono”), o, come

lui stesso specifica

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

la canzone

è un testo cantato.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Scrive “con” la musica non “per” la musica, scrive “arte

povera” e per questo percepita ancora più vera e vicina.

 

Una poesia fatta di “umanità disincantata e di cruda

realtà, pregna di senso di responsabilità civile e di

accorati appelli etici.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Non una moda

 

                                   

ma un modo d'essere

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Lontano quanto mai possibile dalle mode, Nicola Piovani

dice di De André:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

... Mai di moda.

 

La moda

effimera per definizione

 passa.

 

Le canzoni di Fabrizio

restano!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Non è uomo che dia spettacolo di sé e non è “uomo di

spettacolo”, anzi, ricusa le morbosità mediatiche sulla

sua persona come “belinate!” (genovese per

“cazzate!”).

 

Evita il più a lungo possibile di esibirsi su un

palcoscenico, una “paura che affronterà e supererà

solo col tempo, suonando e cantando in una specie di

penombra e rilassato dall'alcol.

 

 

Non entra mai in “schieramenti” e mantiene la sua

parola libera perché “diversa”, si estranea dalla propria

“borghesia perché maggioranza che lascia sempre

meno spazio alle minoranze.

 

Spoglia l'“accoglienza” dell'altro da tutte le accumulate

stratificazioni “divine”, reimpregnandone il concetto di

“fratellanza” con umana pietas, il più lontano possibile

da dottrine e da dogmi, da false “sacralità” e da

“verità” assolute, che considera ripugnanti strumenti di

potere e micidiali armi di distrazione di massa.

 

 

Rifiuta di partecipare al cinquecentesimo “Anniversario

della scoperta dell'America” e arriva a sostenere il

“Movimento Indipendentista Sardo”, in diretta protesta

rispettivamente contro i diritti lesi degli Indiani del

Nordamerica e dei Sardi, popoli entrambi dominati e

rinchiusi in riserve fisiche e culturali.

 

Si allontana addirittura dalla Lingua italiana quando non

la sente più come “migliore” espressione ed

emanazione della propria “cultura”, alla riscoperta della

ricchezza linguistica del suo dialetto - il Genovese -

ridandogli la perduta dignità di lingua, e si mette  alla

ricerca di sopravvissuta autenticità nella musica etnica,

traendo nuova ispirazione dalle tradizioni turca, greca e

berbera.

 

 

In Italiano o in dialetto le sue parole rimangono

“preziosamente rilevanti”, con ciascuna il suo

significato ben preciso, una apprezzabilissima qualità

soprattutto nel brusìo di parole vuote che ci confonde in

questa falsa “età dell'informazione e della

comunicazione”.

 

Come sempre e fortunatamente va per la sua strada!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   
                           

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

S