Bruno Panunzi, co-fondatore, Vice Presidente e poi Presidente

dell'Associazione “Forum Clodii” di Archeologia e Storia nel Braccianese,

Membro Permanente del Comitato Scientifico di UnionTuscia, l'Unione

degli Imprenditori della Tuscia Romana, insieme a Luciano Russo ideatore

della "Triade Museale" di Bracciano - Museo "Civico", Museo "Sacro" e

Museo "del Lavoro".

 

Il "Museo Civico" già aperto lui in vita, quello "Sacro" inaugurato soltanto

dopo la sua morte, nel 2010, e destinato a prendere il suo nome come

"Museo dell'Opera del Duomo ‘Bruno Panunzi’”, quello del Lavoro o

“Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria” ancora in fase di realizzazione.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Frammenti di memoria

 

                                   

in corrispondenz@ sparsa

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

2009

 

                                   

 

                                   

Preparando con Bruno e

 

                                   

il Direttivo dell'Associazione

 

                                   

il sito web di Forum Clodii

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

 

A

 

Forum Clodii

Lidio Gasperini

Massimo Mondini

Aldo Pedaletti

Francesco Stefani

Bruno Panunzi

Claudia Bugliazzini

Gaetano Vari

   

 

                                   

 

 

Inviato

 

Lunedì 9 marzo 2009

   

 

                                   

 

 

Oggetto

 

READY TO GO!

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Ciao a tutti!

 

Ho il piacere di confermarvi che il

dominio [destinato ad ospitare il

nuovo sito - NdR]

dell'Associazione [che

vi ho proposto durante l'ultima

riunione del direttivo a casa di

Livio] è [stato registrato come

promesso, ed è] a vs

disposizione, a tutti gli effetti

operativo a partire da questo

momento.

 

Per ora [abbiamo realizzato ed ho

pubblicato soltanto] una home

page provvisoria con musica di

sottofondo e link alle pagine

dedicate all'Associazione nel

portale [sponsorizzato da

AlterEgo & Partners]

www.tusciaromana.info.

 

Per cortesia, visitate quindi

www.forumclodii.org * “as it is”

e fatemi sapere...

 

 

Buon lavoro e a presto,

Luciano

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da

 

Francesco Stefani

   

 

                                   

 

 

A

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

 

Inviato

 

Martedì 10 marzo 2009

   

 

                                   

 

 

Oggetto

 

R: READY TO GO!

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Ottimo lavoro

 

Francesco

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

                                   

 

                                   

Nota

 

La proprietà del dominio del nuovo sito verrà poi su richiesta ceduta a

titolo gratuito all'Associazione Forum Clodii da parte del Gruppo AlterEgo

& Partners di Stoccolma, Svezia, di cui all'epoca Luciano Russo è C.E.O.

 

                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna alla lettura della mail

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

2010

 

                                   

 

                                   

Tutto finalmente

 

                                   

pronto per l'apertura

 

                                   

   del Museo Sacro...

 

                                   

 

                                   

Ma Bruno non c'è più!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da

 

Aldo Pedaletti

   

 

                                   

 

 

A

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

 

Inviato

 

Mercoledì 8 settembre 2010

   

 

                                   

 

 

Oggetto

 

Forum Clodii

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Ciao Luciano,

 

resto in attesa delle foto che hai

fatto con Bruno per il Museo del

Duomo di Bracciano.

 

Stiamo ormai alla stretta finale

per riavere le tavole del Ss.

Salvatore.

 

 

A presto,

Aldo

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da

 

Giulio Lucarini

   

 

                                   

 

 

A

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

 

Inviato

 

Giovedì 24 dicembre 2010

   

 

                                   

 

 

Oggetto

 

News

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Caro Luciano!

 

Con grande piacere ti annuncio

che le Pale del Salvatore, dopo 40

anni, sono di nuovo al paesello!

 

Ieri sono state portate da Roma e

collocate nella sala

appositamente preparata negli

ambienti del Duomo.

 

Avrei anche bisogno di parlarti di

una faccenda riguardante proprio

le Pale.

 

Spero di sentirti presto.

 

 

Un abbraccio,

Giulio

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le circostanze “storiche”

 

                                   

del secondo “ritrovamento”

 

                                   

delle Pale

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da

 

Giulio Lucarini

   

 

                                   

 

 

A

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

 

Inviato

 

Giovedì 9 dicembre 2010

   

 

                                   

 

 

Oggetto

 

Nuovo sito Forum Clodii

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Caro Luciano, 

 

Riguardo alle imprecisioni nel

nuovo sito sul ritrovamento delle

Pale del Ss. Salvatore.

 

Sono ben felice di venire a sapere

da un discendente di un diretto

interessato, quale tu sei, che le

cose non sono state riportate

correttamente e mi piacerebbe

saperne di più al riguardo.

 

 

Ti auguro buon lavoro,

Giulio

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

 

A

 

Giulio Lucarini

   

 

                                   

 

 

Inviato

 

Giovedì 9 dicembre 2010

   

 

                                   

 

 

Oggetto

 

R: Nuovo sito Forum Clodii

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Caro Giulio!

 

L'imprecisione riguardante le

Pale.

 

 

Mio nonno materno, Giuseppe

Bresciani detto “Peppe”, fratello

del nonno materno di mio cugino

Bruno Panunzi, Domenico

Bresciani detto “Meco”, era

industrioso: aveva un rinomata

fabbrica di mattonelle di graniglia

antica [cioè “alla veneziana”,

molto popolari allora e di nuovo

oggi - NdR], uno smorzo [per

calce “viva”], una manifattura di

oggetti di utilità in cemento, una

ditta di costruzioni e un negozio

di ferramenta.

 

Lo ritrovi “al centro” della foto da

voi pubblicata sul nuovo sito

semplicemente perché era lui “la

notizia” (e allora ci si teneva).

 

 

Al primo ferramenta in Via

Principe di Napoli (oggi Vicolo dei

Colonna) arrivavano quintali e

tonnellate di materiali e merci via

ferrovia, un mezzo di trasporto

molto efficace, sicuro ed

ecologico.

 

Dal Deposito della Stazione

Ferroviaria la merce più pesante

veniva portata al vicino

Magazzino della Ditta, a Via

Ettore Latini (oggi I.F.

Immobiliare) [aggiornando

Musto Staff al laterale civico 17 e

Studio Geom. Francesco Bacheca

al 19, ma all'epoca con ingresso

dal cortile con ingresso dal 21

- NdR].

 

 

Ricordo che a quel tempo i vagoni

merce potevano addirittura

essere messi su speciali carrelli

dalle ruote gommate e venir così

trasportati per brevi tratti su

strada tra l'ammirata curiosità di

noi “munelli”, per essere scaricati

del materiale più pesante

direttamente in loco.

 

La ferrovia era stata creata 30

anni prima proprio per trasporti

commerciali e industriali, prima

che passeggeri - vedi ad esempio

l'“imposto” del Principe con

ingressi da Piazza Dante e Viale

Odescalchi, punto di affluenza del

legname da tutti i boschi del

territorio, vedi pure la

specializzata Stazione di

Crocicchie, nodo strategico della

transumanza e del trasporto di

mano d'opera, e così via.

 

 

Una cassa di legno grezzo da

imballaggio, del tipo usualmente

utilizzato per spedire alla su

citata “Ditta G. Bresciani -

Bracciano” pesantissime quanto

fragili lastre di vetro, risultò in

quell'occasione “merce non

ordinata”.

 

“Peppe” Bresciani, che abilmente

il vetro lo tagliava, e sua moglie

Camilla Ercoli, che da bersagliera

gestiva commercio ed economia,

vollero comunque aprire la cassa

prima di rifiutarne la consegna

e...

 

 

Da persone oneste, come

possiamo ancora vantarci di

essere, le Pale non se le tennero,

né le svendettero sul

fiorentissimo mercato nero di

opere d'arte ed etruscherie a

qualche facoltoso collezionista o

museo estero, come

estremamente popolare all'epoca

e non solo allora, ma avvertirono

subito la massima Autorità della

Comunità Braccianese - il

Sindaco.

 

Naturalmente, dato anche lo

scalpore che il furto aveva

sollevato, il valore simbolico-

identitario dell'opera per la

popolazione e non

disdegnandone neppure il

gratuito plusvalore politico-

propagandistico, questi volle

immortalare l'evento del

ritrovamento, anzi “ricostruire”,

caricandolo teatralmente,

l'attimo stesso dell'apertura della

cassa, con una foto postuma, che

quindi fu ricreata ad hoc.

 

Mastro Peppe al centro, che dalla

cassa aperta tira sù una delle

Pale (tutto il merito al “maschio”,

la “femmina” Camilla dietro le

quinte, appagata di sentirsi

orgogliosa di suo marito), il pro-

Sindaco e l'allora magazziniere

del Comune di Bracciano.

 

 

Solo che “Mastro Peppe” era e

coerentemente rimase convinto

anarchico, anticlericale e

antifascista fino alla sua morte

nel 1963...

 

Alla pubblicazione della notizia

pressioni furono evidentemente

fatte affinché non dovesse

assolutamente essere nominato,

anzi al personaggio della foto si

finisce per dare la falsa identità

di un “Guastini”, insieme ai

“Panunzi” dell'epoca famiglie

socialmente e politicamente

dominanti a Bracciano, in quanto

contenitori di figure di spicco del

neo-Fascismo locale.

 

 

Un abbraccio e buon lavoro

anche a te,

Luciano

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da

 

Giulio Lucarini

   

 

                                   

 

 

A

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

 

Inviato

 

Sabato 11 dicembre 2010 

   

 

                                   

 

 

Oggetto

 

Pale del Ss. Salvatore

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Caro Luciano, 

 

Grazie per il chiarimento sulla

storia del rinvenimento delle

Pale: lunedì provvederò subito a

pubblicarla sul sito.

 

 

L'anno del furto dovrebbe essere

il 1922 ed è ormai chiarito che

non passarono affatto “due anni”

dall'arrivo della cassa a

Bracciano fino alla sua apertura.

 

Avevo inoltre notato anche io

come la foto fosse “in posa”: ho

avuto modo infatti di vederne

due versioni, soffermandomi

particolarmente

sull'atteggiamento del

magazziniere che, in entrambe,

allarga le braccia “stupito”.

 

 

Veramente un documento

incredibile!

 

 

Un caro saluto,

Giulio

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

2011

 

                                   

 

                                   

Le sorprese

 

                                   

   non finiscono...

 

                                   

 

                                   

Perché c'è anche

 

                                   

un “giallo”!

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Da

 

Giulio Lucarini

   

 

                                   

 

 

A

 

Luciano Russo

   

 

                                   

 

 

Inviato

 

Lunedì 10 gennaio 2011

   

 

                                   

 

 

Oggetto

 

Piccolo giallo

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Caro Luciano, 

 

Ti scrivo per confermarti del

“piccolo giallo” che hai

denunciato, riguardante il

ritrovamento delle Pale del Ss.

Salvatore.

 

 

In allegato trovi prima di tutto

un file che contiene la

trascrizione che ho fatto di un

vecchio articolo del febbraio

1926, pubblicato sul giornale “La

Tribuna” (la sezione iniziale

dell'articolo tratta della leggenda

del primo rinvenimento dell'opera

da parte del bifolco e non l'ho

trascritta).

 

L'articolo è a firma di Giovanni

Cini, allora pro Sindaco di

Bracciano (presente anche lui,

inseme a tuo nonno e a

Mascarucci nella foto del

ritrovamento delle pale che ho

pubblicato sul sito della Forum

Clodii).

 

 

La versione del ritrovamento

riportata dall'articolo è quella

“ufficiale”, ripresa anche da

Angela Bandinelli nel suo libro

“Parlando di Bracciano”.

 

 

Prima domanda

 

Perchè questa damnatio

memoriae nei confronti di

“Peppe” Bresciani, mentre è

tranquillamente citato il

magazziniere del Comune

Mascarucci?

 

 

Angela Bandinelli nella didascalia

di una foto simile a quella che è

sul sito della Forum Clodii, cita

l'uomo che tu mi hai detto essere

tuo nonno, come “il Capo

dell'Ufficio Tecnico del Comune

Antonio Guastini”.

 

Del Guastini però non si fa

menzione nell'articolo del 1926.

 

 

Seconda domanda

 

Perchè mettere in piedi una

storia del genere quando le cose

sono andate differentemente?

 

 

Se prima avessi potuto pensare

che Angela fosse venuta a

conoscenza della storia per voci

riportate e rimaneggiate chissà

quante volte, dall'articolo emerge

invece chiaramente come questa

versione fosse in giro sin

dall'inizio.

 

 

Terzo e più sfizioso quesito...

 

Tu stesso mi hai parlato di