Giovane "scapestrato" e "anarca" questo "Peppino", "liberamente"

pensante, "intollerante" ad ogni regola imposta, "anticlericale",

"controcorrente", "ambizioso", "innamoratissimo" di letteratura, poesia

anche dialettale, "opera" lirica, macchine "innovative" e "progresso"...

 

Qui orgoglioso accanto alla sua moto, con cui "terrorizza" questo  Paese

assopito, ad inizi Novecento ancora attraversato esclusivamente da

cavalli, asini e "barrozze".

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Personalmente

 

                                   

preferisco la

 

                                   

“benedictio memoriae” 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Una censura

 

                                   

che non finisce mai

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Quando dall'ultima mail della Forum Clodii erano passati

tre anni e sul sito ancora non si vedeva nessun

“promesso” aggiornamento riguardante la “falsa” storia

delle Pale, onestamente ho pensato molto male, lo

ammetto - qualcosa come

 

                                   

 

                                   

“Braccianese nun se smente!”

 

                                   

 

                                   

... ma come, continuano a riprendere la medesima e

immutata, documentatamente “censurata” storia

riportata - sicuramente in buona fede - in Parlando di

“Bracciano” e non pubblicano la mia, “storicamente”

provata!?

 

Con le “esperienze” della mia famiglia e mie personali,

reazione più che “legittima”.

 

 

Perché in fondo è proprio vero che - “fascista” o

“comunista”, “monarchico” o “repubblicano”,

“liberale” o “papalino” - potrà cambiare il colore “di

moda” di locali partitelli e amministrazioncine (o come

al solito “far finta di”), ma quell'humus culturale di

provincia ha radici talmente “profonde”, che richiederà

tempi lunghissimi, “generazionali”, per cambiarlo - se

mai...

 

D'altronde non c'è più “nulla” che possa meravigliarmi,

dato che, come mio nonno già circa un secolo fa, anch'io

ho ben più di recente vissuto questo antico ma sempre

attuale “ostracismo”, sulla mia pelle d'imprenditore e,

posso dire, “tuttora” lo vivo in molti “subdoli” modi da

Braccianese D.O.C., solo che orgogliosamente “a-tipico”.

 

 

Da sempre fuori e lontano il più possibile da mafie e

“mafiette”, scambi di “favori” e “favoreggiamenti”,

alternanti arroccamenti “faziosi” “ad escludere”,

aggrumati di “quasi-intellettuali” e “pseudo”-politici, i

soliti “Welfen” e “Wibeling”, anche se, in questo caso,

di caratura “scarsissima” già in partenza, eppure

inverosimilmente capaci di renderla ancora più

“svilita”.

 

                                   

 

                                   

Quali ne siano le conseguenze

 

“Mastro Peppe” me lo ha insegnato

fin da “moccioso”

 

quindi me ne estraneo

con il suo medesimo orgoglio

 

di fatto prendendole quali unico

pubblico “riconoscimento” accettabile

 

in cotanto contesto

decisamente

 

la più apprezzabile

medaglia al merito!

 

                                   

 

                                   

A proposito, il “socialmente pericoloso” giovane

Giuseppe Bresciani nella foto sopra, di poco anteriore 

all'epoca del famoso secondo “ritrovamento” delle “Pale

del Ss. Salvatore”, posa con una delle prime

motociclette a Bracciano.

 

I componenti li ha ordinati attraverso un catalogo

“postale” (l'online shopping d'allora), con le proprie

mani pazientemente assemblati, pezzo per pezzo...

 

 

Ad un confronto con la figura centrale nella famosa

foto-“ricordo” dell'apertura della misteriosa cassa per

imballaggio di lastre di vetro, si può notare, in basso a

sinistra appoggiato su un paletto, il suo cappello nero

preferito.

 

Nell'altra foto lo indossa, mentre qui per l'occasione se

l'è tolto, soltanto per vanitosamente “far scena” con

tanto di berretto “di pelle” e “occhialoni” da spericolato

“centauro”.

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Una breve

 

                                   

“annotazione” storica

 

                                   

per i più giovani

 

                                   

 

                                   

 

                                   

A inizi Anni Venti del Novecento anche la nostra

Bracciano si dedica con devoto “fervore” al “Fascismo”.

 

Non quello “ripulito” e “pomposo” da Cinecittà della

“Roma Imperiale”, quanto piuttosto il “piccolofanatico”

e “grandopportunista”, non poco “squallido” e

“patetico”, dei vari “ducetti” di periferia e di provincia.

 

 

Ma non solo “Casa del(lo s)Fascio”, “Podestà”, “divise”

e “stivali”, “discorsoni” e “paratucce”, sabati “ginnici”

neri neri da “Figli della Lupa”, con “tanto-di-petto-in-

fuori” “Balilla” e future “partorienti” “Piccole Italiane”,

“(pe)corali” inni al Duce e “cadenti” canti da “marcia”

- eja, eja, eja...

 

Tempi “bui” di “scagnozzi” che, “forti” del gruppo e

della protettiva “cecità” politica, da grandi vigliacchi

quali sono, preferibilmente di notte, elargiscono

“botte da orbi” e micidiali “purghe” a chiunque “osi”

intestardirsi a pensare con la propria testa...

 

 

Giuseppe detto “Peppe” ha un fratello maggiore che è

fascista “convinto”, Domenico detto “Meco”, non solo,

ma gran parte dei Bresciani, Panunzi e Guastini

rappresenteranno addirittura le colonne del Fascismo

braccianese.

 

Solo che il giovane “Mastro Peppe” si limita ed “ostina”

a considerarli, con “mai celato” disprezzo, una

chiassosa “massa de ‘guitti’”...

 

 

Lui è essenzialmente “anarchico” e dichiarato

“anticlericale”, dall'età di 12 anni, dopo che lo “Stato

della Chiesa” - vale a dire i “pretacci”, come li chiama -

gli hanno “ammazzato Tata”, l'amato padre, Gervasio

Bresciani, uno degli ultimissimi “Martiri Pontifici”

insieme a Locatelli:

 

                                   

 

                                   

“Ciani',

senti a nonno...

 

ne la vita ha' da tenette

a la larga da du' cose:

 

 

la politica ‘zozza’

e li ‘pretacci’!”

 

                                   

 

                                   

In effetti Gervasio - famiglia bresciano-mantovana di

ambiziosi “costruttori”, abili “artigiani” e rinomati

“artisti”, trasferitasi a Bracciano a fine Cinquecento

inizio Seicento, lui poi co-fondatore e Vice Presidente

della “Società Operaia di Mutuo Soccorso” di Bracciano

alla sua costituzione - muore di crepacuore sì a casa

sua, poco dopo essere stato “graziato” dal Papa-Re per

intercessione di Monsignor Tamburri, imparentato Cini.

 

Ma per il figlio Peppino, che da ragazzino assiste alla

sua morte indotta da lunga e “dura” prigionia in

condizioni estremamente “precarie”, con quei ricordi da

bambino delle rare visite in braccio alla madre Giuditta

a “Tata” che dietro le doppie sbarre “pare 'n'ucelletto 'n

gabbia”, è come se la testa gliel'abbiano comunque

tagliata.

 

 

Giuseppe Bresciani è e rimarrà anche coerentemente

“anarchico” e dichiarato “antifascista” durante l'intero

Ventennio, scampato a ripetuti tentativi delle “Camicie

Nere” locali di farlo fuori con la famosa cosiddetta

“purga del ‘sovversivo’”.

 

Uno strumento di “intimidazione”, “tortura” - fisica e

psicologica - e “morte”, a seconda dei “dosaggi”,

sempre regolarmente salvato in extremis dall'affilato

“cortellaccio da porco de la Sora Cammilla”, la moglie

“ciociara”, l'ultima volta in una notte nebbiosa portato

sullo spiazzo della Chiesa di Santa Lucia, proprio

davanti al Convento dei Cappuccini...

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

                                   

 

 

Giuseppe Bresciani e Camilla Ercoli (1915)

   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Perché l'olio di “ricino”,già di per sé forte purgante, per

di più misto ad altre schifezze tra cui capelli, peli e

cenere di sigaro e sigaretta, è a quei tempi una delle

“armi” preferite dagli “squadristi” fascisti, alias “Milizia

Volontaria per la Sicurezza Nazionale”, le famigerate

cosiddette “camicie nere”, per costringere “dissidenti”

e “oppositori” politici a “ripensarci”, starsene zitti

ovvero per farli fuori se recidivi o “irrimediabili”.

 

Ad questi poveri cristi ne fanno “ingurgitare” a forza

grandi quantità a suon di “manganellate”, li disidratano

a morte per violenta “diarrea” indotta senza peraltro

lasciar traccia “esterna” di eccessiva violenza, o, a chi

sopravvive, si infligge una tale umiliazione - per il

cacarsi addosso per le strade del Paese con i pantaloni

legati a corda per non poterseli sfilare - da “intimidirlo”

ad un silenzio di “vergogna” e di “paura” (doveroso

citarlo, l'idea di utilizzare questa purga come

strumento “punitivo” attribuita al “grande vate(r)”

Gabriele D'Annunzio in persona!).

 

 

Cmunque sia, “Mastro Peppe” e la “Sora Cammilla”, lei

però monarchica “sfegatata”, continueranno a

nascondere dietro il portoncino d'ingresso del loro

frequentatissimo negozio di ferramenta, proprio al

centro del Paese e a nemmeno 50 metri dalla “Casa del

Fascio sopra” il “Grand'Italia”, un grande manifesto

“anarchico”.

 

Sullo sfondo rosso e nero un “angioletto” sta facendo

abbondante “pipì” su un piccolo “sole nascente” e la

scritta

 

                                   

 

                                   

“Me ne Frego

   di Morire...

 

Piscio al Sol

dell'Avvenire!”

 

                                   

 

                                   

uno dei più popolari slogan “anarchici” del tempo, per

sfottere sia i “Fascisti” “del Me ne frego!”a destra che i

“Socialisti” del “sole nascente” e “Comunisti” a sinistra.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Riproduzione grafica - "a memoria" dai ricordi dei racconti di nonno

"davanti al caminetto" - del sua manifesto "anarchico".

 

Il "Me Ne Frego!" è all'origine uno dei cosiddetti "motti dannunziani di

Fiume", in verità la prima volta usato sui manifestini lanciati dagli aviatori

del Carnaro su Trieste, poi ricamato in oro al centro del gagliardetto

azzurro dei Legionari Fiumani e solo più tardi copiato - al pari di

"Giovinezza" - e fatto proprio dalle "Squadre d'Azione Fasciste", formate

da reduci della Grande Guerra, già appartenenti ad unità d'élite come gli

"Arditi", ora disoccupati allo sbando, insieme a Futuristi e Fascio di Difesa

Nazionale, squadre organizzate per contrastare con ogni mezzo i Socialisti,

in forte ascesa, e che daranno vita al tristemente famoso fenomeno

appunto dello "squadrismo" dei primi anni del Fascismo, formazioni

paramilitari create per intimidire e reprimere gli avversari politici -

soprattutto i Movimenti Operai - attraverso il sistematico uso di violenza

armata...

 

Il "Sol dell'Avvenire" fa invece parte della prima simbologia socialista,

ripresa dai Comunisti addirittura nello stemma dell'Unione Sovietica, un

sole nascente che irradia un "futuro mondo di giustizia e libertà", fin dal

1892 già adottato in Italia dal primo partito politico in senso moderno,

altresì prima formazione organizzata della Sinistra, il Partito Socialista

Italiano o PSI, nato dall'iniziale Movimento Operaio socialista-anarchico

seconda metà e fine XIX secolo, ispirato a Michail Aleksandrovič Bakunin,

in Italia dal 1864 al 1867, delle Società di mutuo soccorso e delle

Cooperative di mazziniana tradizione, aperto all'inizio ad istanze

democratiche ed autonomiste, poi con una visione socialista marxista

tradizionale, in seguito revisionista ed infine sempre più vicina a quella

della Socialdemocrazia europea Anni Sessanta, finito miseramente nella

merda con il suo ultimo Segretario...

 

                                   

 

                                   

Dopo l'8 settembre 1943 nulla cambierà, anche se i

Nazisti a “Mastro Peppe” occuperanno il primo piano

balconato e gli scantinati del palazzo di Via San

Francesco d'Assisi per farne il loro Comando e prigioni

SS - le odiate Schutzstaffeln o “Squadre di Protezione” -

sopra gli Uffici del Comando e sotto delle prigioni

“temporanee”, da cui trasferire i prigionieri fatti

durante i frequenti “rastrellamenti” a quelle della

famigerata “Via Tasso” a Roma.

 

Le truppe della Wehrmacht gli requisiranno ed

“invaderanno” inoltre, sotto la minaccia delle armi,

l'intero “Villino Bresciani” di Via Armando Sala (lui

restio ad arrendersi, asserragliatosi da solo in casa con

una vecchia Beretta!) per farne una caserma e

rubandogli il rubabile - provviste di cibo, vino, posate,

biancheria - prima di lasciarlo definitivamente quando

in fuga verso Nord pressati dall'avanzata degli Alleati...

 

 

La “Sora Cammilla” ai primi bombardamenti alleati si

rifugerà infatti nei sotterranei del Castello con la

nipotina Gaia, la figlia Gemma troverà riparo ne Le

grotte “a li lauri”, nascondendovi anche giovani

disertori tedeschi, suo marito Franco Russo membro

dell'Organizzazione Partigiana dell'Aeronutica Militare,

 

Mentre le sorelle Gioia e Gervasia, detta “Vasia”,

saranno già ormai a Bassano del Grappa, in Provincia di

Vicenza, con la Repubblica di Salò, essendo Vasia

fascista “convinta” e il marito di Gioia, Gabriele, anche

se un po' meno, unico motivo per cui il cugino Pietro poi

vada a nascere lì.

 

Alla fine della Guerra li salveranno il fatto di affittare la

stanza in cui alloggiano presso uno - a loro totale

insaputa e grandissima fortuna - “capo” partigiano

della zona, che li proteggerà da amico, facendoli poi

trafugare fino a Padova.

 

Da lì Franco, marito di Gemma e partigiano “militare”,

se li porterà uno alla volta in bicicletta (!) fino a

Bracciano, Gioia con il piccolo Pietro malaticcio in

braccio, facendoli entrare di notte, non visti, nel “Villino

Bresciani”...

 

 

“Mastro Peppe” no - nonostante “pregato” e

“scongiurato” dai familiari rimasti - durante l'intero

periodo bellico si rifiuterà “categoricamente” di

abbandonare la propria abitazione, pur condividendola

gioco forza con le truppe di occupazione nazi-tedesche

- così inverosimilmente “pazzo” da girarvi tutto il tempo

addirittura “armato” della sua vecchia Beretta,

nascosta dentro lo stivaletto: 

 

                                   

 

                                   

Nun se sa mai...

 

'N caso

armeno me ne portamo appresso

 quarcuno!

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

                                   

 

                                   

Da ultimo

 

                                   

 

                                   

 

                                   

La storia del secondo ritrovamento delle “Pale del

Santissimo”, come da me riportata, non è per “sentito

dire”.

 

Me l'ha raccontata “lui”, il mio Nonno “Peppe”, una fra

le tante...

 

 

Sapevano tenermi “inchiodato” davanti al caminetto

durante le “lunghe” sere d'inverno a godermi quel

nonno-padre, mentre ci preparavamo du' “signore”

patate sotto la cenere, o delle “calleroste” sul padellone

già bucherellato con un chiodo, o lasciavamo colare il

grasso profumato della “sarsiccetta” a lo spieto,

ciascuno sulla propria fetta di pagnotta casareccia

“abbruscata”.

 

 

Questo succedeva in un tempo che sembra ormai fin

“troppo” lontano, quando nelle case di Bracciano si

accendeva non la televisione o il computer o il

telefonino, ma il “ceppo”.

 

Un atto a suo modo solenne, quasi “sacro”, che spettava

volentieri al “capo famiglia”, quando il “focolare” era

ancora il “centro” della vita familiare e il camino quel

tramite “misterioso”, che introduceva noi “cuccioli

umani” nel mondo del “racconto” e della “fantasia”,

quell'“ignoto” che mai ci “spaventava”, quanto

piuttosto “irresistibilmente” attraeva e ingiottiva.

 

 

Un tempo in cui ai nonni si dava ancora del “voi”, non

per “soggezione”, “distanza” o “timore”, ma per

“amoroso” rispetto.

 

È davanti a “quel” caminetto che ho imparato a subire il

fascino della “tradizione” nelle sue manifestazioni più

semplici e forse a prima vista “banali”, come saper

“rubare” tutta la fugace “bellezza” e il grande “mistero”

di quelle “scintille”, che dal tizzone di brace stuzzicato

co' le molle guizzavano vivaci per spegnersi altrettanto

veloci su per il buio fuliginoso della cappa - ma verso

“dove”? - in particolare mentre nonno declamava a

memoria la poesia “Le monachine” arricciandosi

“all'insù” i suoi baffoni 'ntinti ar vino

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Le monachine

 

                                   

 

 

di Enrico Panzacchi

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Siedono i bimbi intorno al focolare

e pigliano diletto,

coi visi rubicondi, a riguardare

le monachine quando vanno a letto.

 

 

- O monachine scintillanti e belle

che il camin nero inghiotte,

volate forse a riveder le stelle?

 

Buona notte, faville, buona notte!

 

Mandano i tizzi un vago scoppiettìo

mentre che voi partite;

forse è una voce di gentil desìo,

che vi prega a restar; ma voi salite,

ma voi salite, frettolose a schiere,

però che giunta è l'ora

e vi tarda le stelle rivedere,

e a sé vi chiama una miglior dimora.

 

Dove li avete i candidi lettini

a cui volate in frotte?

 

Forse tra i coppi, o accanto agli

uccellini?

 

Buona notte faville, buona notte!

 

 

Siedono i bimbi intorno al focolare,

assorti in tal pensiero:

 

le monachine seguono a volare

su per la cappa del camino nero.

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                 

 

                                   

 

                                   

Oppure quando, dopo aver assaggiato io, piccolissimo,

e lui gustato più di qualche bicchiere del nostro buon

“vinello” rubino fatto in casa, si lasciava per un attimo

andare alla commozione, poi si ricomponeva subito

“schiarendosi” la voce e sempre arricciandosi i suoi

lunghi baffi...

 

Poi, guardandomi con occhi lucidi, mi parlava, senza

che in verità io ne capissi troppo , di “quella”

passeggiata che lui e io facevamo spesso fin su al

piazzaletto davanti al cancello del Cimitero di Bracciano,

ad ammirare in silenzio “la più bella vista del lago”,

alludendo piuttosto alla sua prossima “ineludibile”

 

                                   

 

                                   

“passeggiatella

all'arberi pizzuti:

 

'r meijo posto

de tutta Bracciano”

 

                                   

 

                                   

attraverso la filastrocca “Il nonno e il nipotino”:

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Il nonno

e il nipotino

 

                                   

 

 

di Lina Schwarz

   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

 

Passan sul prato nonno e nipotino.

 

Il nonno è vecchio, il bimbo è

[piccolino.

 

Il bimbo è biondo, il nonno è tutto

[bianco.

 

Il bimbo è dritto, il nonno curvo e

[stanco.

 

Passan sul prato, dandosi la mano.

 

 

Il nonno dice: “Presto andrò

[lontano,
 

molto lontano e più non tornerò!”.

 

E il bimbo: Nonno mio, ti

[scriverò!” 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

È lì, davanti a quella 

“piccola finestra sul mondo”

 

scoppiettante

di fantastiche visioni

 

che ho imparato

a sognare ed emozionarmi

 

a sorridere

ed amare

 

e, cosa sopra ogni altra preziosa,

a pensare con la mia di testa.

 

 

Ti sto scrivendo:

“Infinitamente grazie, Nonno!”

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

Caldo quasi estivo, deliziosa frescura nel giardinetto ombroso di "Villino

Bresciani"...

 

Mamma Gemma con il pancione, "spenta" in attesa della sorellina Patrizia,

Nonno "Peppe", sorprendentemente sveglio-sorridente così di pomeriggio,

e un piccolo ma già "Lucifero" (1955).